Lucia Castellana, Frisi, Interrogazione, Lezione, Questura, Associazione Genitori, Studente

Lucia Castellana, Frisi

Monza, il dramma del liceo Frisi: due studenti suicidi. «Ora riflettere»

Monza, il dramma del liceo Frisi: due studenti suicidi. «Adesso bisogna riflettere»

14/02/2020 09.22.00

Monza, il dramma del liceo Frisi : due studenti suicidi. «Adesso bisogna riflettere»

La Questura esclude legami fra i due casi. La preside Lucia Castellana ha deciso di sospendere verifiche ed interrogazioni e ha chiesto aiuto a pedagogisti e psichiatri: «Dobbiamo comunicare di più con i ragazzi»

EmailAl «Frisi», il liceo scientifico per eccellenza del capoluogo della Brianza, sono i giorni del dolore, degli interrogativi: «Da genitori, da professori, sappiamo ancora comunicare con i nostri ragazzi?». Lucia Castellana dirige da quattro anni la scuola monzese da sempre in vetta alle classifiche dei migliori licei italiani, ma ora precipitata in un baratro di dolore «di tutta una comunità scolastica ferita», dopo il suicidio, nell’arco di pochi giorni, di due studenti iscritti all’ultimo anno. Tragedia che ha spinto l’istituto a cercare aiuto e risposte dal mondo universitario e ospedaliero.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero' Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

Per comprendere lo sgomento in cui è precipitato l’ambiente dei «frisini», bisogna fare un passo indietro al 24 gennaio. Quel giorno, il primo ragazzo decide di farla finita lanciandosi dalla finestra di casa. Aveva 19 anni. Domenica scorsa, un suo coetaneo e compagno di scuola si lancia sotto un treno regionale. La polizia di Monza, vista la coincidenza, ha voluto approfondire, ma dalla Questura fanno sapere che si tratta di una drammatica coincidenza, escludendo legami fra i due e altri possibili scenari.

Ora però, pensare di fare regolarmente lezione è impensabile:«Abbiamo fermato l’attività didattica, sono sospese verifiche ed interrogazioni», spiega la preside, che già oggi incontrerà il pedagogista Raffaele Mantegazza, docente e autore del volume «Finire un po’ prima. Considerazioni pedagogiche sul suicidio». A lui sarà affidato il compito di organizzare una serie di incontri con gli studenti delle prime classi e del triennio, ma anche con famiglie e docenti. headtopics.com

Anche l’ospedale San Gerardo di Monza,e la Clinica di Neuropsichiatria Infantile dell’università Bicocca guidata da Renata Nancinovich si sono subito messi a disposizione della scuola per quegli studenti che chiedessero aiuto. «Abbiamo quasi 300 ricoveri all’anno e seguiamo in ambulatorio circa duecento adolescenti — spiega il primario — la notizia si è diffusa rapidamente anche tra i ragazzi che già sono in cura da noi e ha creato grande turbamento. Non c’è dolore più grande del suicidio di un figlio, ma spesso è un gesto impulsivo, non prevedibile. Quello che un genitore può fare è cogliere i campanelli d’allarme, rivolgersi ad uno specialista davanti ad atteggiamenti di particolare chiusura o depressione. I nostri giovani sono sempre connessi, ma spesso non sono in comunicazione affettiva ed emotiva con gli altri».

«Dobbiamo rimettere in discussione la nostra capacitàdi comunicare con i giovani — ripete la preside — non è possibile che un ragazzo segua le lezioni, vada a casa, si chiuda in camera a studiare, senza parlare». Anche l’associazione genitori del liceo si sta attivando per organizzare incontri con un team di psicologi. Donatella Paciello è presidente dell’associazione genitori, e madre di un ragazzo dell’ultimo anno: «Forse noi stessi carichiamo di troppa ansia e troppe aspettative i nostri figli e dobbiamo imparare a porci verso di loro in modo diverso».

Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Il dramma delle scuole divenute contenitori senza contenuto Meglio tardi che mai..... Questi docenti che capiscono tutto! Adesso bisogna scusarsi e chiedersi perchè la ragione dormiva. Il corpo docente è impreparato, mal formato, soprattutto i nuovi professori sbattuti in trincea, non sanno cosa vuol dire insegnare, comunicare, ASCOLTARE E CAPIRE. sono ridotti a wikipedia animati. Fanno veramente dei danni irreparabili nelle anime fragili lattimofuggente

Adesso

Junior Cally, giù la maschera: ora gioca a calcio - VanityFair.itIl cantante, che ha infiammato Sanremo, ha firmato con la squadra della sua città, Fiumicino. E domenica scenderà in campo: «Non prenderò un euro, lo faccio col cuore: darò tutto in beneficenza» AchilleIDOL Perché avete taggato Achille Lauro?

L’amico di Patrick Zaky: “Anch’io rapito e torturato in Egitto, ora temo per lui” - La StampaL’attivista e in prima fila per liberazione che vive e lavora a Berlino da qualche anno: sono dovuto scappare dal Paese. Diciamo che sei stato fortunato e lo puoi raccontare.

Con la preghiera del figlio di Bachelet la mia generazione scoprì la vita pubblicaFu una scossa di commozione, energia e fiducia su bambini e adolescenti cresciuti negli anni di piombo

Corruzione, la Consulta boccia la retroattività della norma “Spazzacorrotti” - La StampaÈ illegittima l'applicazione retroattiva della legge Spazzacorrotti sul divieto di misure alternative e benefici penitenziari per chi e' condannato per alcuni reati contro la Pubblica amministrazione. Lo ha sancito la Corte costituzionale. La Corte ha esaminato oggi in camera di consiglio le censure sollevate da numerosi giudici sulla retroattivita' della legge Spazzacorrotti che aveva esteso ai reati contro la pubblica amministrazione le preclusioni previste dall'articolo 4 bis dell'ordinamento penitenziario rispetto alla concessione dei benefici e delle misure alternative alla detenzione. In particolare, era stata denunciata la mancanza di una disciplina transitoria che impedisca l'applicazione delle nuove norme ai condannati per un reato commesso prima dell'entrata in vigore della legge. In attesa del deposito della sentenza, previsto nelle prossime settimane, Palazzo della Consulta spiega che la Corte ha preso atto che, secondo la costante interpretazione giurisprudenziale, le modifiche peggiorative della disciplina sulle misure alternative alla detenzione vengono applicate retroattivamente, e che questo principio e' stato sinora seguito dalla giurisprudenza anche con riferimento alla Spazzacorrotti: secondo i giudici costituzionali, invece, questa interpretazione e' 'illegittima' con riferimento alle misure alternative alla detenzione, alla liberazione condizionale e al divieto di sospensione dell'ordine di carcerazione successivo alla sentenza di condanna. Secondo la Corte, infatti, 'l'applicazione retroattiva di una disciplina che comporta una radicale trasformazione della natura della pena e della sua incidenza sulla liberta' personale, rispetto a quella prevista al momento del reato, e' incompatibile con il principio di legalita' delle pene, sancito dall'articolo 25, secondo comma, della Costituzione'.

La corsa zoppa della legge “Spazzacorrotti”: anche l’Avvocatura di Stato boccia il ministro - La StampaUn nuovo colpo per Bonafede: sono già diciassette le ordinanze di rimessione dei giudici ordinari alla Corte costituzionale. Fate fare le leggi a Fofò DJ, questa è la conseguenza Vedo che non avete avuto tempo x dare la bella notizia. Spazzacorrotti, spezzacatene, spaccamuro è una favola anzi un incubo.

La gavetta al Cambio: il mestiere si impara dal gradino più alto - La StampaNasce l’Academy che unisce lo storico ristorante con Piazza dei Mestieri: gli apprendisti debuttano in sala e cucina, i professionisti diventano prof.