Lo studio: lo zucchero nelle bibite aumenta il rischio di cancro  - La Stampa

Lo dice la ricerca condotta in Francia dall’”Institute National de la santé et de la recherche médicale” su più di 100mila abitanti

11/07/2019 16.34.00

Lo dice la ricerca condotta in Francia dall’”Institute National de la santé et de la recherche médicale” su più di 100mila abitanti .

Lo dice la ricerca condotta in Francia dall’”Institute National de la santé et de la recherche médicale” su più di 100mila abitanti

11 Luglio 2019Bere due bicchieri al giorno di succhi di frutta prodotti industrialmente aumenta del 50% il rischio di contrarre un cancro. Una ricerca, condotta in Francia su più di 100 mila adulti dall’Institute National de la santé et de la recherche médicale, attribuisce alla presenza di grandi quantità di zucchero nelle bibite preconfezionate la responsabilità di una maggiore predisposizione ai tumori, in particolare quello del seno. I succhi di frutta, pur contenendo benefiche fibre e vitamine, hanno più o meno la stessa quantità di zucchero delle altre bibite finite in passato sotto accusa per essere causa di obesità e malattie.

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare

La convinzione che bere un succo di frutta fosse sempre e comunque meglio che bere un bicchiere di Coca è stata smantellata dalla lunga ricerca, condotta per anni su un campione molto vasto e composto per il 79% da donne. Ogni volontario è stato monitorato sulla base delle sue abitudini alimentari e l’insorgenza di malattie è stata correlata alle variazioni nell’alimentazione. Secondo i ricercatori francesi, un aumento di 85 grammi nel consumo di zucchero è responsabile di un incremento del 18% nei tumori in generale e del 22% nei tumori al seno.

 L’eccesso di zucchero aumenta la quantità di grasso intorno a organi vitali come il fegato e il pancreas, fa crescere la glicemia nel sangue e danneggia i marcatori di infiammazione, attivando patologie tutte legate all’insorgere di tumori. “La raccomandazione – ha detto la dottoressa Mathilde Touvier, responsabile della ricerca, - è di consumare meno di una bibita al giorno. Se si assume di tanto in tanto una bibita zuccherata non è un problema, ma se si arriva a una al giorno si aumenta non solo il rischio di contrarre tumori, ma anche di soffrire di disturbi cardiometabolici”. headtopics.com

Pubblicata dal British Medical Journal, la ricerca ha avuto un’ampia eco in Gran Bretagna, dove da pochi mesi è stata approvata dal Parlamento una tassa mirata a scoraggiare l’assunzione di bevande zuccherate, dirette responsabili di malattie e della pandemia di obesità tra i bambini. Dalla tassa erano però stati esclusi i succhi di frutta, la cui assunzione veniva anzi incoraggiata. La ricerca francese costringerà le autorità sanitarie a rivedere l’elenco delle bibite da tassare, anche se Boris Johnson, il più probabile candidato al ruolo di primo ministro, ha già annunciato che intende rivedere tutte le “sin taxes”, le “tasse sul peccato” che colpiscono, oltre alle bibite zuccherate, anche le sigarette, l’alcol e il gioco d’azzardo. Per Johnson piuttosto che tassare la povera gente è meglio abituarla a comportamenti più salutari e attivi.

Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Le solite cazzate . Quando scopriranno veramente la vera causa del cancro , scopriranno anche la cura . In Africa muoiono di cancro , anche giraffe nella savana e senza fumare o bere birra !

Caso Ragusa, la Cassazione conferma la condanna a 20 anni a Logli - La StampaROMA. Si aprono le porte del carcere per Antonio Logli. I giudici della I sezione penale della Corte di Cassazione presieduti da Adriano Iasillo, dopo oltre cinque ore di camera di consiglio, hanno respinto il ricorso presentato dai legali di Antonio Logli, Roberto Cavani e Saverio Sergiampietri è «confermato» la condanna a 20 anni di reclusione stabilita dalla Corte d'Appello di Firenze il 14 maggio 2018 per l'accusa di omicidio volontario della moglie Roberta Ragusa e distruzione di cadavere. Roberta Ragusa è scomparsa dalla sua abitazione di Gello di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, nella notte tra il 13 e il 14 gennaio del 2012 e non è stata più ritrovata. Indagare anche sulla tizia che si è portato in casa pochi giorni dopo...

MacBook 12 pollici addio, Apple non lo produce più - La StampaArrivano i nuovi MacBook Air e MacBook Pro da 13 pollici, con processori più potenti e schermo migliorato, con offerte speciali per gli studenti. Non per le maestre ?😁

Il Toro debutta e trova lo stadio per l'Europa - La StampaOggi pomeriggio i granata giocano la prima amichevole nel ritiro di Bormio. Sarà Alessandria ad ospitare la sfida del 25 luglio

Italia-Israele, l'ultima frontiera della cooperazione è lo spazio - La StampaVoli spaziali umani e tecnologie per l'osservazione della terra al centro del workshop comune all'Agenzia spaziale italiana

Istantanee - La California trema: devastazioni dentro i negozi - La StampaPer chi vive in California, una delle zone a maggior rischio sismico del mondo, sentire la terra che trema non è un evento particolarmente eccezionale. Così quel che davvero fa spavento non sono i terremoti Ma il terremoto. Da tempo si parla di The Big One, che tradotto suona più o meno «quello grosso»: un sisma tra i più potenti e distruttivi della storia, con una magnitudo Richter oltre al decimo grado. Intanto venerdì 5 luglio ce n’è stato uno di magnitudo 6.4, il giorno dopo un altro da 7.1. Sono i più forti degli ultimi vent’anni, ma i danni sono stati assai contenuti: l’epicentro infatti è stato nel deserto del Mojave. Un’area poco abitata, eccezion fatta per la città di Ridgecrest. Sono 28mila abitanti ed edifici molto bassi come il market della famiglia Abdullatif. Che avrà un gran bel daffare per rimettere tutto in ordine. Un gran caos, ma nulla di davvero grave. Almeno per questa volta. Istantanee è su Instagram, la_stampa Considerata la zona io un po’ meglio li avrei messi

La prima studentessa a denunciare Bellomo: “Mi perseguitò, è stato un incubo” - La StampaParla Rosa Calvi: era un bravo manipolatore. Maiale psicopatico