Il primo centro estetico italiano dedicato alla fluidità di genere non offre solo trattamenti di bellezza (e ha conquistato anche Ambra Angiolini)

28/06/2022 23:31:00

Un luogo, a Milano, in cui far sbocciare la bellezza a lungo sognata

Bellezza, Pride

Un luogo, a Milano, in cui far sbocciare la bellezza a lungo sognata

Rimuovere la barba, levigare la pelle del viso, eliminare i peli sul corpo e, seduta dopo seduta, far sbocciare la bellezza a lungo sognata. Di questo si occupa a Milano ID Beauty, centro estetico creato dalla beauty expert Claudia Dalla Pozza specializzato in trattamenti per le persone transgender. Con lei abbiamo parlato di progetti e sogni che prendono piede nel nome dell'inclusione

l'orgoglio delle comunità LGBTQIA+che da svariati anni hanno modificato vari ambiti, tra cui quello fino a non molto tempo fa esclusivissimo della bellezza.è una di queste: è lei che un anno e mezzo fa ha avuto l'idea di realizzare a Milano

con le quali, però, si trova a contatto da svariati decenni: «Dal 1997 opero nel settore estetico. Sono stata tra le prime a disporre del laser per l'epilazione definitiva. Da tutta Italia hanno iniziato a chiamarmi, molte erano transgender che chiedevano la rimozione della barba, un'operazione che al tempo non offriva nessun centro estetico tradizionale in maniera soddisfacente. Poi, tramite il passaparola, è iniziata la mia avventura con loro. Nel 2001 ho aperto il mio primo centro estetico, Caleidos: all'inizio non è stato facile perché ho dovuto far convivere le “sciure“ milanesi con le persone trans. C'era molta diffidenza per mancanza di informazione: le clienti mi chiedevano di continuo se fosse tutto igienizzato, avevano paura delle malattie. Ho cominciato allora a educarle nei confronti di quel mondo diverso dal loro ma non nella maniera in cui credevano. E oggi signore della Milano bene e donne transgender in sala d'attesa nei miei centri fanno salotto e si divertono come vecchie amiche».

Leggi di più:
Vanity Fair Italia »

Fabio Volo risponde a 18 domande in 128 secondi | Vanity Fair Italia

I fari di Vanity Fair sono puntati su Fabio Volo! Sarà riuscito a rispondere a 18 domande in 128 secondi? Quali sono le domande che avrebbe evitato volentier... Leggi di più >>

Gama: 'L’Europeo, il professionismo e il futuro: vi racconto il mio calcio'L'azzurra, alla quarta rassegna continentale, dal primo luglio diventerà professionista come tutte le calciatrici italiane: 'Un giorno storico' Imbarazzante

Dopo il flop amministrative, è la Sicilia il crocevia dei prossimi guai per il centrodestraL&39;incomunicabilità tra Salvini, Meloni e Berlusconi ha portato alla sconfitta nelle città, che potrebbe avere ripercussioni sulla tenuta della coalizione. E intanto per le prossime regionali l&39;accordo è ancora in alto mare LucaRoberto11 mentre tra i due milanesi ce n'è pure troppa di comunicabilità i due con la Romana ne vogliono ben poca perché non sopportano che sia la vincente nella coalizione ed addirittura preferiscono perdere che non sottostarle tanto da non capire che i destinati a sparire sono loro

Il miglior pane di Roma secondo il Gambero Rosso: chi merita il massimo dei votiE' uscita la guida Pane e Panettieri d'Italia 2023 del Gambero Rosso. Tutti i premiati

Ecco il nuovo concetto strategico Nato: cioè il conflitto permanente - Il Fatto QuotidianoIl vertice Nato di Madrid del 29 giugno metterà a punto “la più grande revisione della nostra deterrenza e difesa collettiva dalla Guerra fredda in poi”. La determinazione con cui il norvegese Jean Stoltenberg, Segretario generale dell’Alleanza atlantica, ha illustrato il nuovo “concetto strategico” che la Nato approverà in Spagna, fa capire che si apre … scannavo Ma questo la guerra c’è la nel cervello. Soternicol scannavo Immagino che il travagliato pensi alla strategia dello Zar Putin. scannavo

Milano per coltivare il sogno americanoPer due italiani su tre è la città che anticipa le tendenze influenzando tutto il Paese e per quasi il 40% anche altre città europee. I da… Con le periferie in mano a bande di immigrati? Un sogno fantastico 😇

Mind Milano, svelato il nuovo volto di West GatePresentato da LendLease lo sviluppo che sta per andare in cantiere nell’area che ospitò Expo 2015. Saranno consegnati nel 2024 i primi 150mila metri quadrati su un'area multifunzionale di complessivi 300mila mq. Wowwww, non vedo l’ora di non potermelo permettere… Valeginger1

A Milano è quasi tutto pronto per la grande parata arcobaleno del 2 luglio che concluderà il mese di eventi dedicati nel capoluogo lombardo al Pride.COMPLETA LA REGISTRAZIONE Per accedere al servizio seleziona le opzioni del TRATTAMENTO DATI e clicca su PROSEGUI.A Parma vince il"campo largo" di Guerra, ma senza il M5s Oramai nel centrodestra si stanno abituando, nel day after, a raccogliere i cocci.Condividi Ristoranti, gelaterie, street food, sushi, ma anche pane.

Nello stesso giorno anche a Napoli, Catania, Bari e Sassari si festeggerà l'orgoglio delle comunità LGBTQIA+ , sottolineando quanto per tutta la società sia importante fare propri concetti di inclusività, diversità, unicità che da svariati anni hanno modificato vari ambiti, tra cui quello fino a non molto tempo fa esclusivissimo della bellezza. Mentre su Pinterest crescono le ricerche su «estetica gender fluid» del 50%, i marchi del settore si mobilitano con campagne solidali e prodotti arcobaleno.p. Non solo aziende però: a volte un insospettabile supporto arriva da persone dalla mente aperta, spinte dalla voglia di cambiare la visione globale delle cose, magari mostrando le varie sfaccettature sociali anche a chi non riesce a coglierle. Salvini, Meloni e Berlusconi guardando all'esito elettorale delle amministrative questa notte non hanno preso sonno: non si aspettavano di certo di confermare in blocco le 13 città capoluogo al ballottaggio in cui erano amministrazione uscente. Claudia Dalla Pozza è una di queste: è lei che un anno e mezzo fa ha avuto l'idea di realizzare a Milano il primo centro estetico dedicato e specializzato in trattamenti per le persone transgender con le quali, però, si trova a contatto da svariati decenni: «Dal 1997 opero nel settore estetico. ACCETTO NON ACCETTO Vi autorizzo alla lettura dei miei dat idi navigazioneper effetuare attività di analisi e profilazione per migliorare l’offerta e i servizi del sito in linea con le mie preferenze e i miei interessi. Sono stata tra le prime a disporre del laser per l'epilazione definitiva. La Lombardia è al vertice con 8 panifici premiati seguono il Piemonte con 7, il Veneto, l’Emilia-Romagna e il Lazio con 6; la Sicilia e la Puglia con 4; la Campania con 3; la Toscana e le Marche con 2; Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo, Basilicata e Sardegna con 1.

Da tutta Italia hanno iniziato a chiamarmi, molte erano transgender che chiedevano la rimozione della barba, un'operazione che al tempo non offriva nessun centro estetico tradizionale in maniera soddisfacente. ACCETTO.  Lì se si sommano le preferenze raccolte al primo turno, il centrodestra staziona oltre il 60 per cento. Poi, tramite il passaparola, è iniziata la mia avventura con loro. Nel 2001 ho aperto il mio primo centro estetico, Caleidos: all'inizio non è stato facile perché ho dovuto far convivere le “sciure“ milanesi con le persone trans. C'era molta diffidenza per mancanza di informazione: le clienti mi chiedevano di continuo se fosse tutto igienizzato, avevano paura delle malattie. Insomma, meglio andare per la propria strada che verso la vittoria. Ho cominciato allora a educarle nei confronti di quel mondo diverso dal loro ma non nella maniera in cui credevano. © Riproduzione riservata.

E oggi signore della Milano bene e donne transgender in sala d'attesa nei miei centri fanno salotto e si divertono come vecchie amiche». Claudia Dalla Pozza, proprietaria del centro estetico ID Beauty, del centro estetico Caleidos e presidente dell'Associazione Il Mio Genere Partire da un centro estetico tradizionale come Caleidos e arrivare a uno specializzato come ID Beauty, dunque, è stato del tutto naturale? «Visti gli ottimi risultati ottenuti con Caleidos, ho maturato nel tempo l'idea di creare qualcosa che prima non era mai stato fatto: un centro specializzato per persone che affrontano cambiamenti di genere. Quella in cui il centrodestra in teoria aveva il pallino in mano e dove invece si è consumato a suon di candidature bruciacchiate una dopo l'altra. Naturalmente non uno spazio esclusivo, ma al 100% inclusivo e aperto a chiunque. Tantissime sono le donne cisgender, magari con problemi ormonali, che sapendo del successo ottenuto sulla peluria maschile, più resistente di quella femminile, mi contattano. Oppure solo perché sono curiose e aperte a ogni esperienza.   Era solo lo scorso marzo, al quasi matrimonio con Marta Fascina, che Silvio Berlusconi investì Salvini del ruolo di "unico vero leader che c'è in Italia" .

Come Ambra Angiolini che quando ha conosciuto la realtà di ID Beauty - dove ID sta per “identità“, quella che ciascuno si sente cucita addosso, al di là di qualsiasi etichetta - ne è rimasta entusiasta e adesso mi aiuta nel nuovo progetto a cui sto lavorando, una serie di video informativi sulla comunità LGBT per spiegare come vivono, chi sono davvero. Andranno poi in onda sul canale YouTube della associazione di cui sono presidente, Il Mio Genere che fornisce supporto, tramite una rete di professionisti che ho creato, dagli avvocati ai logopedisti, dagli psicologi agli endocrinologi, alle persone transgender. L'intento dei filmati è spazzare via i luoghi comuni su di loro mostrandoli nella loro quotidianità molto più simile alla nostra di quanto si creda. Con la leader di Fratelli d'Italia che covava da tempo il sospetto che, forse, il più grande ostacolo per andare a Palazzo Chigi ce l'aveva all'interno dell'alleanza. Tutto ciò che non conosciamo solitamente ci fa paura, ma quando comprendiamo queste realtà, il timore svanisce». Ritornando a ID Beauty, invece, quali sono i trattamenti estetici più richiesti al momento? « L’epilazione definitiva è la specialità di ID Beauty e rimane un punto fermo negli anni, sempre richiestissimo: abbiamo diversi apparecchi tra laser diodo e luce pulsata, specifici per ogni tipo e colore di pelo.

Oltre la rimozione della barba e dei peli del corpo, a essere molto gettonati sono i trattamenti per la pelle, dal peeling alla radiofrequenza per migliorare la grana della pelle, e poi l'Hifu, una tecnologia per estetica e medicina estetica che sfrutta gli ultrasuoni focalizzati ad alta intensità per ottenere un lifting non chirurgico e non invasivo del viso.  Fatto sta che adesso, questa stagione di sconfitte che idealmente si è aperta con la candidatura di Enrico Michetti a Roma, porta direttamente alle regionali venture. Ancora, la cavitazione per rimuovere il grasso addominale e le punturine di biorivitalizzazione. Immancabili il filler e la tossina botulinica: su questo punto io consiglio sempre loro di non esagerare con i ritocchi e che togliere è sempre meglio di aggiungere». Chi varca la soglia di ID Beauty non trova solo un centro estetico, ma un luogo friendly e sicuro in cui l'empatia è ai massimi livelli. Anche nell'isola le prospettive di arrivare presto a un accordo non sono rosee. «Per me questa cosa è sempre stata fondamentale.

Ho voluto un posto che facesse sentire i clienti che indubbiamente attraversano fasi delicate della loro vita come a casa, senza alcun imbarazzo nemmeno se si sottopongono a un trattamento in zone intime particolarmente delicate. Al di là dell'aspetto iniziale noi chiamiamo loro subito con il nome che ci indicano e con il pronome giusto. Non sembra ci si stia lavorando a dovere, se è vero che il plenipotenziario di Forza Italia in Sicilia Gianfranco Micciché non più tardi di qualche giorno fa al Foglio spiegava che il passo indietro di Musumeci fosse una buona notizia, "perché in questi anni ha annientato il valore dei partiti". I miei collaboratori sono preparati in merito e sanno come dedicarsi al meglio nei confronti di chiunque. Ecco perché nel tempo si sono creati dei rapporti meravigliosi». Claudia Dalla Pozza e alla sua sinistra Bia, consulente di ID Beauty Com'è cambiata la clientela nel tempo? «All'inizio, più di vent'anni fa, si rivolgevano a me ragazz* scappate di casa, con una storia familiare travagliata alle spalle. Ora Meloni, Salvini e Berlusconi devono solo decidere se farle valere a mo' di monito.

Oggi le adolescenti trans vengono al centro accompagnate dalle mamme che spesso ne approfittano e si concedono anche loro dei trattamenti e questo rappresenta anche un bel momento di condivisione. L'età media comunque rimane sui 30 anni, ci sono le diciottenni e le ventenni, ma anche persone over 45 che, forse, dopo una vita passata a nascondersi hanno deciso di far uscire finalmente allo scoperto la bellezza nella quale si riconoscono davvero». Tra ID Beauty e Associazione, prossimamente i video, lei si da davvero da fare per la comunità fluida. Cos'altro ha in cantiere? «Mi auguro, anche grazie alla diffusione dei video, di raccogliere fondi per aiutare le persone trans a integrarsi nel mondo del lavoro. Alcuni hanno competenze incredibili ma non vengono assunti sempre per un discorso di profonda ignoranza sull'argomento.

Vorrei offrire loro un sostegno, un aiuto e alternative professionali attraverso una Rete concreta anche perché purtroppo, non le italiane, ma alcune straniere vivono ancora di prostituzione. Integrarle anche a questo livello è il mio sogno. Non lo dico per dire, ma nel tempo essere a contatto con le persone transgender ha arricchito tantissimo la mia vita». Bia e Claudia Dalla Pozza Nella gallery, per rimanere in tema inclusiva, tutte le proposte e le iniziative di bellezza per il Pride Month. Altre storie di Vanity Fair che potrebbero interessarti .