Covid Italia, 'una donna su 6 partorisce positiva'

'Una donna su 6 partorisce positiva' al #covid: il report.

Covid

27/01/2022 14.30.00

'Una donna su 6 partorisce positiva' al covid: il report.

L’analisi Fiaso su 12 ospedali sentinella: quasi 50% partorienti non vaccinato

"Una donna in gravidanza su sei partorisce con il Covid". È la rilevazione della Fiaso, la Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere, fatta attraverso il network degli ospedali sentinella che monitorano l’andamento della curva pandemica. Ad analizzare i dati relativi alle donne incinte ricoverate nelle aree Covid dei reparti di Ginecologia e Ostetricia sono stati 12 ospedali aderenti alla rete sentinella."Su un totale di 404 parti eseguiti nelle 12 strutture sanitarie nella settimana dal 18 al 25 gennaio, 65 sono avvenuti in area Covid. Complessivamente, dunque, il 16% delle gravide ha contratto l’infezione da Sars-Cov-2 e ha partorito con il Covid", evidenzia il report.

Leggi di più: Adnkronos »

'In apnea fino al voto'. Draghi non sarà più disponibile: ecco cosa succederà

Il lungo braccio di ferro sui balneari nasconde molto di più di quello che è stato raccontato sui giornali. Ne abbiamo parlato con il direttore Augusto Minzolini che ha svelato le prossime mosse di draghi e dei partiti che oggi lo sostengono Leggi di più >>

Covid oggi Italia, meno contagi e intensive ma più ricoveri e morti: il puntoCrollo dei nuovi vaccinati negli ultimi 7 giorni: sono ancora 7,8 milioni le persone senza nemmeno una dose

Oggi in Italia 167.206 nuovi casi Covid e 426 mortiCalano ricoveri ordinari e terapie intensive. La regione con il maggior numero di nuovi casi è sempre la Lombardia In un paese dove sono stati vaccinati anche le intenzioni, di avere in figlio in un prossimo futuro, riscontrare avere 426 morti è un insulto alla scienza, e paesi con il 50% di vaccinati sono oramai nella fase endemica. I 'Nobel ignoranti della medicina' sono tutti in Italia

Covid oggi Italia, 186.740 contagi e 468 morti: bollettino 25 gennaioNumeri del covid in Italia, regione per regione, nel bollettino di Protezione Civile e ministero della Salute

Giovane mamma morta di Covid dopo il parto, la procura apre un'inchiestaIl racconto degli ultimi giorni di Adriana T.: 'Non era vaccinata perché la ginecologa glielo aveva sconsigliato per la gravidanza'

I Maneskin rimandano il tour 2022 per il Covid - iO DonnaRimandati l'intero Tour europeo e il Tour nei palazzetti in Italia. Confermati gli show all'aperto.

Il bambino di Torino morto per una necrosi massiva del tessuto muscolare causata dal CovidLa responsabile della terapia intensiva pediatrica del Regina Margherita: 'L'aggressione dei tessuti è stata molto violenta. Questo è un caso raro in cui il Covid non attacca i polmoni, ma è ugualmente fatale'.

Immagine di repertorio (Fotogramma) "Una donna in gravidanza su sei partorisce con il Covid". È la rilevazione della Fiaso, la Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere, fatta attraverso il network degli ospedali sentinella che monitorano l’andamento della curva pandemica. Ad analizzare i dati relativi alle donne incinte ricoverate nelle aree Covid dei reparti di Ginecologia e Ostetricia sono stati 12 ospedali aderenti alla rete sentinella."Su un totale di 404 parti eseguiti nelle 12 strutture sanitarie nella settimana dal 18 al 25 gennaio, 65 sono avvenuti in area Covid. Complessivamente, dunque, il 16% delle gravide ha contratto l’infezione da Sars-Cov-2 e ha partorito con il Covid", evidenzia il report. "La presenza di pazienti gravide positive pone un problema dal punto di vista gestionale: a differenza di tante altre condizioni di positività che possono essere gestite in reparti multidisciplinari, una partoriente positiva al Covid va ricoverata nei reparti di Ostetricia e questo impone la duplicazione dei percorsi per l’assistenza di pazienti negative e positive, che devono essere separate, con il conseguente raddoppio delle risorse necessario - osserva Giovanni Migliore, presidente Fiaso - È un impegno importante e ulteriore per le aziende sanitarie e ospedaliere che da due anni sono in prima linea nell’emergenza. Occorre rivolgere ancora una volta un appello alla vaccinazione a tutte le donne incinte che ancora non hanno aderito alla campagna”. Quasi 1 donna su 2 (47%) in attesa e in procinto di partorire"non aveva ancora fatto la profilassi vaccinale contro il virus Sars-Cov-2, nonostante sia raccomandato dal ministero della Salute e dalle società scientifiche dei ginecologi e dei pediatri", emerge ancora dal report."Tra le donne risultate positive al momento del parto, il 60% non era vaccinato e il 5% aveva sviluppato sintomi respiratori e polmonari tipici della malattia da Covid. Un solo neonato, figlio di una non vaccinata, ha contratto l’infezione", prosegue. "Una donna incinta su due non è vaccinata e il rischio, con l’ampia circolazione della variante Omicron, di contrarre l’infezione da Sars-Cov-2 durante i nove mesi, nei quali la donna è più suscettibile, è altissimo e può generare complicanze nella gravidanza, per la salute della donna e del bambino - commenta Migliore - È necessario insistere sulla necessità di vaccinarsi in gravidanza per prevenire l’infezione e minimizzare il rischio di complicanze; in questo il ruolo dei ginecologi è fondamentale per fugare le paure di una donna in attesa. Riproduzione riservata