Blog | Addio alle città, ora l’industria si è spostata in provincia. (Il caso della Puglia) - Info Data

Addio alle città, ora l’industria si è spostata in provincia. (Il caso della Puglia)

24/06/2019 08.02.00

Addio alle città, ora l’industria si è spostata in provincia. (Il caso della Puglia)

La Puglia è la regione che più ha spostato la propria economia verso i servizi. Solo 13 i Comuni con più addetti nell’industria (rispetto ai servizi).

24 giugno 2019Più addetti ai servizi nei grandi centri, più impiegati nell’industria in provincia. A scattare la fotografia dell’Italia che si muove verso la società dei servizi è Istat con il suo rapporto sui Risultati economici delle imprese a livello territoriale. L’Istituto nazionale di statistica ha appena aggiornato i dati, pubblicando quelli relativi al 2016. Ed è su questi numeri che Infodata ha costruito questa mappa:

Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano Sparatoria Ardea, morto suicida il killer che si era barricato in casa - Tgcom24

La mappa è stata realizzata sommando gli addetti su base comunale dell’industria e dei servizi. Da questi ultimi, bene precisarlo, sono esclusi i servizi finanziari. In questo modo è stato possibile mettere in rapporto il numero di persone che lavorano nella manifattura con quelli impiegati nel terziario. Se sono di più questi ultimi, il territorio di un comune tende al rosso. Diversamente, il colore vira verso l’azzurro. I filtri permettono di concentrare l’attenzione su una singola regione, su una provincia o su un distretto produttivo

.Osservando la mappa generale, si nota innanzitutto come i Comuni in cui prevalgono gli addetti dell’industria si concentrino soprattutto nelle zone del Nord. Un dato che, a dirla tutta, non stupisce. Mentre i servizi, oltre che nelle grandi città, primeggiano innanzitutto lungo le coste. headtopics.com

Utilizzando lo zoom, si nota poi che la prevalenza di addetti nei servizi è un fenomeno che riguarda in misura maggiore i grandi centri urbani. Si prenda, ad esempio, il caso della Lombardia. Si distingue molto chiaramente la chiazza rossa che rappresenta Milano e i comuni dell’hinterland, dove ormai i colletti bianchi hanno superato quelli blu: i primi sono 682mila, i secondi appena 101mila.

Ma, osservando la mappa, si distinguono bene anche Bergamo e Brescia, così come Varese e Como. Mentre, più a sud, si vedono Mantova e Pavia. Tutte realtà nella quali prevalgono i servizi. Molto interessante osservare anche la riviera del Garda, in provincia di Brescia. Una decina di comuni nei quali il numero di persone che lavorano nei servizi supera quello degli addetti dell’industria. Facile immaginare che il merito sia del turismo.

Lo stesso discorso vale se ci si sposta sulla sponda veneta del Lago. E sempre in Veneto si distinguono come dedite più ai servizi che all’industria le città di Verona, Rovigo, Padova, Vicenza e Treviso. Oltre che, ovviamente, di Venezia. A Roma gli addetti dei servizi sono 827mila, contro i 125mila che lavorano nell’industria. In questo caso, oltre che al turismo, c’è sicuramente da tenere in considerazione anche il ruolo della pubblica amministrazione.

Anche seil primato di regione che ha spostato la propria economia verso i servizi spetta alla Puglia. Qui sono appena 13 i comuni nei quali il numero degli addetti all’industria supera quello di chi lavora nei servizi. Non è una gara, ovviamente, e non c’è alcun giudizio di merito. È solo una fotografia di come si muove l’economia italiana. headtopics.com

Rapina e violenta un'anziana: arrestato 26enne nel Comasco Droga a Torino, spacciatore arrestato per la quarta volta in un anno La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Blog | Violenza sui minori, il sistema non riesce a proteggerli - Alley OopPer garantire ai minori i loro diritti, servono adulti più responsabili, che sappiano salvaguardare e farsi carico dei bisogni di bambini e ragazzi AlleyOop24 Come può proteggere i minori se alcuni assistenti sociali non capiscono niente e fanno vedere un bambino da solo ad un adulto violento. O lo tolgono alla madre per affidarlo ad un padre violento e violentatore. Siamo all'assurdo. AlleyOop24 VISTO CHE IN ITALIA ECONOMIA FINANZA INDUSTRIA LOGISTICA E VARI SONO QUASI INESISTENTI,ANCHE GRAZIE A VOI,ECCO CHE ILSOLE24 DECIDE DI SEGUIRE IL SOCIALE,MOLTO MENO IMPEGNATIVO. ANDRETE IN FALLIMENTO ANCORA TRA DUE ANNI.

Blog | Le imprese italiane sono fra le meno indebitate - Info DataAlla fine del 2017 la ricchezza netta delle imprese non finanziarie è stata circa un decimo di quella delle famiglie con passività quattro volte maggiori I livelli di crescita del PIL però sono sempre troppo bassi. Se il PIL non cresce, non scende il debito! È perché non investono. Le imprese italiane LE MENO INDEBITATE! PER FORZA, NON CI SONO PIU'! E PER EVITARE DI FAR DEBITI SONO ANDATE TUTTE OLTRE I CONFINI! SE PERCORRETE LE AUTOSTRADE DAL TARVISIO A GRAZ, LE VEDETE TUTTE, QUELLE FRIULANE, VENETE, LOMBARDE, EMILIANE ETC.! SLOVENIA COMPRESA! TASSE AL 22%!

Blog | Lauree e inflazione: i casi fortunati di medicina e giurisprudenza - Info DataCasi fortunati sono stati quelli di medicina o giurisprudenza mentre il reddito dei laureati in economia è rimasto tutto sommato identico

Blog | Perché evadere le tasse rende le aziende più inefficienti - Info DataEvadere le tasse non solo non conviene al sistema paese ma neanche alle aziende stesse, con perdita di efficienza e in molti casi di redditività

Blog | Nba, la genesi della vittoria di Toronto - Info DataLa sfortuna, gli infortuni e il fattore Leonard dietro al primo trofeo Nba vinto da una squadra non statutinitense

Reggio Calabria, 25mila in piazza per chiedere maggiori investimenti per il Sud: 'Ripartiamo da qui per rilanciare l'Italia' - Il Fatto QuotidianoSono arrivati in 25mila, da tutta Italia, a Reggio Calabria per partecipare alla manifestazione “Ripartiamo dal Sud per unire il Paese” promossa da Cgil,Cisl e Uil. I manifestanti non sono arrivati, dicono gli organizzatori, solo da Sicilia, Campania, Puglia e Calabria, ma anche dal Veneto e da Torino per chiedere attenzione e spazio nell’agenda del governo … Maggiori investimenti al Sud Maggiore libertà dai ricatti della burocrazia statale e della mafia locale!!! Questo impedisce li sviluppo! Cosa c'entrano i soldi Continuate a votare Lega, e fidatevi che faremo ripartire l’Italia dal sud!