Blanco: «Niente etichette, io sto bene così» - VanityFair.it

Dopo il grande successo di quest'estate con «Mi fai impazzire» con Sfera Ebbasta, Blanco è senza dubbio il musicista del momento. Lo abbiamo incontrato per l'uscita del suo primo disco, «Blu Celeste»

19/09/2021 12.00.00

Dopo il grande successo di quest'estate con «Mi fai impazzire» con Sfera Ebbasta, Blanco è senza dubbio il musicista del momento. Lo abbiamo incontrato per l'uscita del suo primo disco, «Blu Celeste»

Dopo il grande successo di quest'estate con «Mi fai impazzire» con Sfera Ebbasta, Blanco è senza dubbio il musicista del momento. Lo abbiamo incontrato per l'uscita del suo primo disco, «Blu Celeste»

)è uscita un’anno fa, quindi se ci penso la cosa mi pare assolutamente assurda»Le sue origini?«Sono nato a Brescia e cresciuto a Calvagese della Riviera».È affezionato al suo paese?«Moltissimo. Da piccolo subivo la noia di vivere in un piccolo paesino di provincia (3000 abitanti) per poi rendermi conto che è stata questa stessa noia a darmi la spinta a impiegare il tempo in qualcosa che mi piaceva, che mi faceva stare bene. Crescere e vivere in un paese un pò fuori dal mondo – oltre alla pace che per me ora è fondamentale – ti tiene con i piedi per terra, tutti ti conoscono per per quello che sei sempre stato ed è bellissimo».

Lanciata Lucy, la sonda della Nasa diretta agli asteroidi di Giove Roma, sindacati in piazza: alle 14 manifestazione “Mai più fascismi” Usa, il Texas vieta sport femminili agli atleti transgender

Quali sono le sue influenze? I suoi punti di riferimento musicali?«Spazio molto tra gli ascolti. Ma a ispirarmi di più sono stati i grandi cantautori del passato: Battato, Battisti, Celentano, Lucio Dalla, Gino Paoli per citarne alcuni. Artisti che hanno scritto canzoni immortali, che possono essere apprezzate da tutte le generazioni».

Come sta vivendo questo momento di successo?«Nella maniera più leggera, veramente super easy. Continuo a vivere nel mio paese e a frequentare i miei quattro amici. Sto benissimo e va bene così. Mi rendo conto di tutto quello che sta succedendo dai miei profili social, ma la sto vivendo in maniera molto tranquilla, sul serio». headtopics.com

Qual è il brano che ha composto a cui è più affezionato?«Blue Celesteche poi è diventato la title track dell’album».L’hanno etichettata, secondo me in modo piuttosto erroneo, come rapper o trapper. Per me, invece, è più un cantautore. Chi pensa di essere musicalmente Blanco?

«Non mi piace quando si cerca di darmi delle etichette. Quello che mi interessa veramente è fare musica. Che questa sia rock, pop, punk per me è sempre musica e conta solo questo. La gente tende a mettere nei cassetti e dare le etichette, invece la musica andrebbe solo ed esclusivamente ascoltata senza dare troppe definizioni. Poi sinceramente non mi hanno mai interessato le definizioni che la stampa mi ha dato. Trapper, rapper o altro per me fa lo stesso».

Anche la sua estetica è piuttosto lontana dall’immagine dura e aggressiva del trapper di periferia. Il suo personaggio sui social o nei video appare molto diverso. Le sue foto sembrano uscire dall’immaginario di fotografi come Nan Goldin o Larry Clark. Patinate ma artistiche.

«In realtà io e le persone che lavorano con me non abbiamo mai pensato di creare un’immagine patinata. Cerchiamo con le foto e i video di esprimere al meglio quello che è la mia personalità. Non sono mai uscito dal mio standard. Fare un video in giacca e la cravatta non sarebbe stata una cosa fattibile, non sono io. Un giorno magari lo farò, ma solo se lo vorrò fare io. Per adesso mi diverto molto a fare questo tipo di shooting. Ogni video è una sofferenza più fisica ( headtopics.com

Trieste, Clpt: al Porto lavorano persone senza Green pass Roma, al via la manifestazione dei sindacati: 'No ai fascismi' | Landini: 'Qui si difende la democrazia di tutti' Sindacati in piazza a Roma: 'Mai più fascismi'

ride) che mentale, ma è bellissimo».Perché la scelta di apparire spesso a dorso nudo e in mutande?«Per la ragione che le ho appena spiegato. Non è stata assolutamente una scelta strutturale. Io vado spesso in giro in mutande in casa perchè questo sono io».

È stato definito «il volto di qualcosa di nuovo, più punk, emotivo e diretto di chi l’ha preceduto».«Sulle definizioni preferisco sempre non esprimermi. Ho sempre paura di passare per arrogante. Mi piace quando mi dicono che sono una persona diretta, questa è una definizione che mi è sempre piaciuta e che rispecchia il mio carattere».

È appena diventato maggiorenne, e a prescindere della giovane età ha già prodotto tanta musica. Si sente forse il capostipite di una nuova generazione musicale italiana?«Guardi non vorrei essere l’esempio di nessuno. Quello che mi interessa è fare musica. Mi fa enormemente piacere avere tanta gente che apprezza il mio lavoro, ma non punto certo a essere un capostipite di qualcosa. Io seguo il mio istinto musicale e se un giorno nascerà l’era Blanco ne sarò molto felice. Per adesso siamo ancora nell’era Vasco che per me è ancora il re indiscusso della musica italiana».

Dove vuole arrivare Blanco?«Ho obiettivi, ma non aspettative che per me è importantissimo. Voglio continuare a fare tanta musica senza avere grandi aspettative di successo. Spero di continuare a fare questo mestiere mettendo davanti principalmente la passione che ho da quando ho iniziato. Spero di non perderla mai». headtopics.com

Come ha vissuto il periodo del lockdown?«È stato sicuramente un periodo molto brutto e pesante. Ritrovarsi chiusi in casa per sei mesi è stato un sbalzo da andare fuori di testa che ha colpito soprattutto noi giovani. Per me è stato importante fare musica. Sono riuscito a incanalare la mia positività in questo».

Appena si potrà andrà in tour?«Certo, e spero che questo avvenga il più presto possibile. Ma sto aspettando un momento in cui non sarà obbligatorio stare seduti. Per il mio concerto mi piacerebbe che il pubblico possa ballare, sudare, pogare».

Galan non paga per il Mose: deve 5,2 milioni, ha dato 1.800 - Il Fatto Quotidiano No Green Pass, a Roma il Viminale schiera 5mila uomini per evitare tensioni nel giorno della manifestazione Cgil. A Milano salta la trattativa con la polizia: corteo non autorizzato - Il Fatto Quotidiano Alitalia addio, storia di una compagnia costata 220 euro per ogni italiano Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Cinema, Daniel Craig riceve la stella sulla Hollywood Walk Of Fame - Spettacolo

E' la 2704/a celebrita' a essere onorata sulla via delle star (ANSA)

Ultra trail Lago Maggiore: Breda e Macellaro primi insieme dopo 81 chilometriAnche tra le donne arrivo in contemporanea di Boggio e Locatelli

Napoli, bimbo morto dopo caduta dal balcone: un fermo per omicidioLeggi su Sky TG24 l'articolo Napoli, bambino morto dopo caduta dal balcone: un fermo per omicidio

Barbara Palombelli dopo le polemiche: «Non sono quella persona lì» - VanityFair.itDopo le discusse frasi sul femminicidio nelle quali si chiedeva se gli uomini che hanno ucciso le donne avessero trovato dall'altra parte «un comportamento esasperante e aggressivo», Barbara Palombelli torna per la prima volta sull'argomento

Esecuzione di ordine di demolizione della casa abusiva solo dopo giudizio di merito sulla proporzionalitàLa cattiva salute del responsabile del reato è circostanza che va valutata a sé nella composizione dei diversi interessi in gioco

Green pass, la linea di Salvini spacca la Lega: dopo il pressing dei “governisti” ora a rimanere delusi sono i colonnelli come Siri - Il Fatto QuotidianoIn Consiglio dei ministri hanno votato tutti a favore. Fuori, invece, continuano ad esserci sacche di dissenso. Colpa dell’ambigua linea tenuta da Matteo Salvini sull’estensione dell’obbligo di Green pass che ha praticamente spaccato la Lega. Dopo settimane trascorse a spiegare che, secondo le informazioni in suo possesso, Mario Draghi non avrebbe esteso il passaporto verde … Mollate Giorgetti GIORGETTI E FEDRIGA FUORI DALLE SCATOLE Sì ma,esiste una foto del felpato nella quale non sta mangiando? E' il vero 'mago Oronzo' del paese,con la camicia tutta unta d'olio di pizza. Fa schifo.

Brexit, la Gran Bretagna ritorna a libbre e once: addio al sistema metrico decimale dopo 27 anniIl governo abolirà l’obbligo di indicare i prezzi in base al sistema metrico decimale. Ma l’uso delle misure imperiali non era mai scomparso. Export con la Ue a -17% Di quello che fanno a casa loro, sono affari loro. L'importante è usare il Smd, ovvero il Sistema internazionale, per i rapporti col resto del mondo. Once… upon a time Pensa, dopo che sono morti di fame in sei mesi per la brexit adesso sbaglieranno anche tutti i calcoli. Come? Ah non sono morti di fame? Ma come? Lo dicevano tutti!