Val di Fiemme, benessere e filosofia green

Val di Fiemme, benessere e filosofia green

28/10/2021 18.50.00

Val di Fiemme, benessere e filosofia green

Le foreste sono la caratteristica della vallata e l’economia si basa sulla risorsa-legname. L’importanza delle aziende e la collaborazione con l’Apt

Modificato il: 28 Ottobre 20213 minuti di letturaGAIAPANOZZO Se stanno bene i residenti, staranno bene anche i turisti. E’ la regola aurea della montagna. Dove “star bene” significa più che altrove: godere di servizi adeguati, avere possibilità di lavoro che evitino lo spopolamento, disporre di risorse e cultura all’altezza delle necessità di tutela del patrimonio naturale e di governo del territorio. Quando queste (e altre) condizioni si realizzano del tutto o in parte, i residenti godono di una qualità della vita adeguata e sono più disposti a condividerla con i turisti; di più, tale condivisione diviene a sua volta fonte di risorse economiche e il cerchio, virtuoso, si chiude.

Fisco, Di Maio: “Abbassare le tasse non è più rinviabile” Variante sudafricana: cosa sappiamo finora e perché fa così paura Il flop del corteo anti Green Pass a Milano

Situazioni idilliache da libro dei sogni del turismo? Niente affatto. E il caso della Val di Fiemme lo dimostra. Intendiamoci, la retorica dei “paradisi incontaminati” la lasciamo ad altri. Ma è un fatto che la vallata trentina sia un buon esempio di quella regola: fai vivere bene i residenti e anche i turisti si troveranno bene.

Si prenda la centrale Bioenergia Fiemme. Serve il teleriscaldamento dell’abitato di Cavalese e di alcune frazioni e in una tipica logica win-win permette di attuare un circuito virtuoso con la valorizzazione degli scarti delle numerose segherie e con la riduzione dell’inquinamento e delle emissioni. Non è certo di per sè un’attrazione turistica ma fornisce un apprezzato servizio agli abitanti e contribuisce a sostanziare l’immagine green della vallata. Risultato: è visitabile e inserita, con successo, nei pacchetti esperienziali per i turisti. headtopics.com

Michele Bertagnolli (C) 2008-2010 Oppure si prenda il recente e bellissimo biolago di Predazzo, con caratteristiche analoghe a quelle del lago di Gargazzone (https://www.lastampa.it/viaggi/italia/2021/08/19/news/vicino-a-merano-una-piscina-naturale-anti-allergie-al-posto-del-cloro-filtri-vegetali-e-plancton-1.40614012): gli amministratori comunali spiegano che serviva dare nuova destinazione a una grande area di proprietà pubblica dando vita a uno spazio di socialità e ricreazione a due passi dal centro. Ovvio che anche i villeggianti — che transitano sulla adiacente, frequentatissima ciclabile — apprezzino. A Predazzo, poi, c’è un piccolo e curatissimo Museo Geologico delle Dolomiti (https://www.muse.it/it/visita/Muse-sul-Territorio/Pagine/Museo-geologico-delle-Dolomiti-di-Predazzo.aspx), della stessa “famiglia” del MUSE di Trento. Il recente allestimento lo rende più che attraente per il tipico soggiornante in cerca di “cose da fare” durante una giornata piovosa ma è evidente che la sua prima vocazione è quella didattica per scolari e studenti della vallata e della Provincia.

coperto da copyright Tornando all’immagine green, qui non ha bisogno di artifici, data l’imponenza del manto forestale che letteralmente avvolge il viaggiatore che si affaccia sulla Val di Fiemme, da qualsiasi parte egli provenga. È, questa delle formidabili foreste, la caratteristica identitaria della vallata, sancita e normata dalle Regole quasi millenarie della Magnifica Comunità; e quando ti dicono che ogni nuovo nato qui apre gli occhi e può subito vedere i tremila alberi che si ritrova in dote capisci che dietro alla sacrosanta immagine turistica della “foresta dei violini”, delle escursioni a caccia di bramiti di cervi, dello yoga nelle radure e dei musei outdoor come RespirArt c’è una robusta tradizione di governo del territorio e del paesaggio.

I numeri lo dicono e spiegano anche le certificazioni “Forest stewardship council” (FSC) ottenute. La Magnifica amministra circa 20mila ettari di cui 11mila costituiti da foreste di abete rosso. Ogni anno da quelle foreste sono prelevati tra i 45mila e i 50mila alberi, meno di quanti nello stesso lasso di tempo ne crescono. Spiegano a Cavalese: «Con i guadagni derivati dalla commercializzazione del legname, la Magnifica Comunità finanzia progetti sociali, come l’ospedale di Fiemme, ma sviluppa anche attività collegate al bosco, come la segheria della Magnifica di Ziano di Fiemme che vanta un impianto tecnologico all’avanguardia».

Insomma, un’economia che insiste sulla principale risorsa locale senza condannarla all’esaurimento, questo il tentativo della Val di Fiemme anche nel XXI secolo. Ma le sole attività legate alla risorsa-legname e lo stesso turismo estivo e invernale (siamo nel Dolomiti Superski) non sarebbero sufficienti a generare il benessere richiesto da stili e tenori di vita dei tempi moderni ed è qui che i fiemmesi (o fiammazzi?) han dimostrato intelligenza dando fiato agli imprenditori locali che hanno scelto di rimanere. Almeno come insediamenti, dato che il pastificio Felicetti, il calzaturificio La Sportiva, l’azienda di spa, salute e bellezza Starpool e Fiemme Tremila, che produce pavimenti in legno biocompatibili, operano sui mercati mondiali. headtopics.com

Carlo Calenda a 'L'Ospite' su Sky TG24: “Bene governo su nuove misure” Covid, variante Omicron si chiamerebbe così per non offendere la Cina In Edicola sul Fatto Quotidiano del 28 Novembre: Omicron c’è da luglio, ma all’Africa zero dosi - Il Fatto Quotidiano Leggi di più: La Stampa »

Covid, Science: identificata paziente zero al mercato di Wuhan

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, Science: identificata paziente zero al mercato di Wuhan

No Green Pass, su Telegram i manifestanti minacciano il sindaco di Milano SalaIl sindaco di Milano Giuseppe Sala è bersaglio dei No Green Pass: minacce di decapitazione sui canali Telegram ma siete propro ridicoli.. attaccatevi a qualcs'altro.. ad esempio ai centri sociali che fanno solo danni e sono covo di delinquenti reali ed in pectore Non sono cretini sono pericolosi!!!

Fedez, ospedali pieni per un virus respiratorio dei bambini - Salute & BenessereFategli il vaccino, il ciclo completo Niente non ce la fate proprio a leggere l'articolo prima di commentare eh... Chi gestisce i social dovrebbe trovare un modo per renderlo obbligatorio: non leggi? Non commenti. Né Fedez né nessun altro nell'articolo parla di virus nuovo, ma solo di un virus a cui stare attenti. Si raccomanda 😂

Quando il calcio era meno denaro e più amore🔸 Quando il calcio era meno denaro e più amore Un volume traccia tutta la modernità di Piero Dardanello, storico direttore di «Tuttosport», gran esploratore di talenti e cacciatore di notizie.

No green pass, sospeso il giudice Giorgianni: parlò alla manifestazione a RomaLa decisione della sezione disciplinare del Csm, che ha accolto la richiesta del procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi. Dal palco aveva annunciato una «nuova Norimberga» per i governanti In Italia sta venendo meno la libertà di espressione. Ed hanno pure la faccia di tolla di negare che è stata instaurata una forma di regime... Italia peggio del Cile di Pinochet. stato illiberale che teme manifestazioni di opinione e pensiero!

Messina, parlò da palco No Green pass: sospeso giudice GiorgianniLeggi su Sky TG24 l'articolo Messina, parlò dal palco dei No Green pass a Roma: sospeso il giudice Angelo Giorgianni olè! Tipo Corea del nord, insomma. I dissidenti vanno epurati Propongo di introdurre il green pass per tutte le infezioni circolanti. Un kit di tamponi obbligatori per ogni virus . Voglio sapere se sulla poltrona del treno, di fronte a me, vi stia una persona contagiata o sana.