Udine, in discoteca con la maglietta del «centro stupri». Indaga la Digos

Ragazzi in discoteca a Lignano con la maglietta del «centro stupri» (e foto sui social): indaga la Digos

24/06/2020 21.25.00

Ragazzi in discoteca a Lignano con la maglietta del «centro stupri» (e foto sui social): indaga la Digos

Un gruppo prenota un tavolo per festeggiare un compleanno in un locale di Lignano chiedendo di avere un cartellino choc .Scoppia una bufera sui social, poi le scuse

EmailUna telefonata in una nota discoteca di Lignano Sabbiadoro con la richiesta di un tavolo per sabato scorso per festeggiare un compleanno. Il giovane chiede che il cartellino da mettere sul tavolo prenotato abbia la scritta «Centro stupri». Detto e fatto. L’apologia dello stupro dei sette giovani friulani — tutti maggiorenni —, si compie sabato sera all’interno della discoteca quando i ragazzi decidono di riprendersi con il telefonino per esibire il cartello del tavolo e postare il video su Instagram. La vicenda è stata raccontata ieri da TPI.

Lapadula, gol e assist contro l'Ecuador. E il Perù impazzisce per lui Ronaldo, un altro super record nella storia Il c.t. Rossi: 'Orgoglioso della mia Ungheria'

Il cartello rimosso e gli insultiFinalmente qualcuno all’interno del locale si accorge di quel gesto orribile. Interviene il titolare e fa rimuovere il cartello. Ma ormai la Rete è scatenata. E online spuntano le foto, di qualche giorno prima, degli stessi ragazzi sulle cui t-shirt compare ancora la scritta «Centro stupri». Dopo l’indignazione e la rabbia di centinaia di ragazze, i sette amici indossano l’abito dei leoni da tastiera e si scatenano sui social rincarando la dose. I loro messaggi vogliono zittire e mortificare le ragazze che hanno protestato e lo fanno con messaggi da rabbrividire, messaggi sia a sfondo sessuale sia razziale. Invocano addirittura la riapertura dei lager nazisti: «La parte divertente è proprio lo stupro - scrivono - vuoi mettere quanto è divertente? Ah, e la parola Negro è molto raffinata e ricorda i bei periodi».

Le indagini e le scuseSul caso vuole vederci chiaro la questura di Udine che ha coinvolto non solo la Digos ma anche la Polizia postale per approfondire l’aspetto che ha coinvolto anche la Rete. Inoltre la questura pare stia valutando anche eventuali aspetti amministrativi. I ragazzi alla fine hanno chiesto scusa, facendosi trovare tutti assieme quando una giornalista del headtopics.com

Messaggero venetoha telefonato in casa di uno di loro. Ma le giustificazioni da loro avanzate non reggono. Non basta, infatti, che abbiano riferito che tutto quanto è stato detto «non è quello che pensiamo davvero», anche perché i nuovi messaggi sono stati postati il giorno successivo alla serata in discoteca. Loro, però, insistono nel dirsi pentiti: «Siamo mortificati, ci dissociamo totalmente da quello che abbiamo scritto e detto». I loro genitori promettono pene severe. Ma il vero dato, come spiega Pina Rifiorati, avvocato di diritto di famiglia e presidente del Comitato pari opportunità dell’Ordine degli avvocati di Udine, è che esiste il pericolo che azioni di questo genere possano essere «liquidate semplicemente come fossero ragazzate. Certo, non bisogna mai generalizzare ma qui stiamo tornando spaventosamente indietro».

24 giugno 2020 (modifica il 24 giugno 2020 | 20:55) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Una sanzione e qualche mese di lavori socialmente utili ,forse, potrebbero aiutare questi cretini a capire meglio la gravità del loro gesto. Accidenti, verranno sgridati dalla mamma. Propongo centosputi per ognuno dei centrostupri di lignano Pezzi di merda ! Fate vedere le facce di questi vergognosi bastardi di modo che gli si possa lanciare addosso letame e rifare i connotati a suon di ceffoni! La galera dove forse provereste sulla vostra pelle vigliacca quanto diverte uno stupro è il vs posto! MERDE!

Più che la Digos, servirebbero milioni di ciabattate materne

Barba ai tempi della mascherina: corta e curataLa barba piace sempre di più agli uomini, purché sia corta e curata, specie in abbinamento con la mascherina. Tutti i trend del momento

La parabola di Asma al-Assad, la moglie del presidente siriano amata e non in quote ugualiChi la chiama 'la rosa del deserto', chi 'la moglie del macellaio': la parabola di Asma al-Assad, la moglie del presidente siriano amata e criticata in quote uguali.

La prof e lo studente con la pistola all’esame: «L’ho disarmato parlandogli con calma»Il racconto della docente di educazione fisica, Elena Cecconi, dell’Istituto Tecnico Cesaris che ha convinto il 18enne a consegnarle il vecchio revolver del nonno con cui ha minacciato la commissione all’esame di maturità Una risposta eccezzionale ad un ragazzo bisognoso di attenzione La notizia dovrebbe essere: studente agli esami con la pistola condannato alla fine pena mai con isolamento diurno e lavori forzati notturni (con tanto di foto con tuta arancione e catena al collo). E dopo averlo disarmato due ceffoni no?

Emilio Fede: “A 89 anni mi mancava solo il reato di evasione. Come il peggiore dei delinquenti”Parla l'ex direttore del Tg 4 fermato sul lungomare di Napoli mentre stava cenando con la moglie in occasione del suo compleanno. delinquente lo sei , visto hai commesso un reato ! Rispettavi le regole non ti succedeva Se non sei mafioso finisci in carcere

Dl carceri, alla Camera il governo pone la fiducia. Giovedì il votoProteste da parte delle opposizioni dopo l'annuncio del ministro D'Incà. Anche al Senato l'approvazione del decreto era arrivata con la

Con la pistola del nonno all’esame di maturità, 18enne minaccia i professori: «Promuovetemi»«Voi oggi proprio dovete farmi passare l’esame di maturità». Parole che un giovane maturando di Casalpusterlengo ha proferito rivolgendosi alla... Promosso a pieni veti Severo ma severo Bocciato!