«Noi precarie, ma innamorate delle scienza» - VanityFair.it

Perché le donne nella scienza possono essere fortissime!

11/02/2020 10.31.00

Perché le donne nella scienza possono essere fortissime!

L'11 febbraio è la giornata internazionale indetta dall’Onu a favore delle donne nella scienza. Le storie delle ricercatrici italiane intrecciano passione e precariato

Chiara PizzimentiAlla domanda se cambierebbero la loro scelta di studi e carriera la risposta è sempre no ed è uguale per tutte anche se c’è chi si occupa di linguistica, chi di biotecnologie e chi di geofisica. Il comune amore per lascienza

Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo Roma, autobus in fiamme sulla Portuense, nessun ferito La guardia del corpo di Diana è il nuovo responsabile della sicurezza di Astrazeneca

e gli studi è il sentimento che fa passare sopra ad anni di incertezza e precariato.Vale per gli uomini e per le donne, ma per queste ultime un po’ di più. Raccontano le statistiche, pubblicate anchenella giornata dell’11 febbraio che l’Onu dedica alle donne e la scienza

, che si parte spesso con un numero non dissimile di studenti universitari per genere, ma che alla fine ai ruoli di vertice arrivano sempre gli uomini.A questo si aggiunge la scarsa propensione italiana a spendere in istruzione. Secondo i dati Eurostat del 2017, l’Italia ha investito nell’istruzione pubblica il 7,9% della sua spesa pubblica totale, ultima fra i paesi dell’Unione. È la cornice delle storie di precariato e amore per la scienza che hanno portato tre donne nel team italiano che ha isolato il headtopics.com

e decine di altre a lavorare fra dottorati e assegni di ricerca.LETIZIA E I TERREMOTISei anni di precariato che diventano 10 se si aggiungono quelli della tesi e del dottorato. Il suo campo è lageofisica, i terremoti in particolare. «Le materie scientifiche mi sono sempre piaciute tutte eppure l’attrazione che avevo verso questa materia non era comparabile». Sposata da 4 anni e senza figlia, con la casa comprata solo quando il marito ha avuto il contratto a tempo indeterminato.

Programmare a lungo termine per lei è difficile. «Ho vissuto tante fasi diverse della ricerca, dalla crisi economica al blocco dei concorsi fino alle ultimestabilizzazioni. Il continuo cambiamento di regole nel reclutamento all’interno del mondo della ricerca non ti permette di credere nella meritocrazia purtroppo, non si può dire “se mi impegno abbastanza e faccio il possibile alla fine sarò premiata”. Per cui ho sempre navigato un po’ a vista cercando di cogliere le opportunità che mi sono capitate».

Il pensiero di lasciare è venuto tante volte. «C’era un periodo, quando ero assegnista di ricerca, che controllavo LinkedIn tutti i giorni…eppure alla fine non ho mai fatto “il salto” perché quello che sto facendo è quello che ho sempre desiderato». Nonostante la

precarietà. «Essere ricercatori precari significa che spesso si è vincolati a progetti specifici di durata limitata sui quali si viene pagati. Questo significa che ufficialmente il mio lavoro si dovrebbe focalizzare solo sul quel progetto, mentre posso avere eventuali collaborazioni e attività diverse da quelle per cui sono pagata ma senza alcun sostegno finanziario, necessario però per pagare pubblicazioni o partecipazioni a convegni». headtopics.com

Padova, violentò cinque ragazze straniere in vacanza nel suo bed & breakfast: 9 anni e 8 mesi di carcere a un carabiniere - Il Fatto Quotidiano Focolaio di Covid nel carcere (sovraffollato) di Taranto: almeno 36 contagi Covid, la variante Delta pesa sull’Europa: Russia e Uk le più colpite

Invece nel formarsi unacarrieraservirebbe lavorare a più progetti. «Nella fase di precarietà bisognerebbe avere più collaborazioni possibili per costruirsi una carriera e se non si trovano queste cose nel progetto in cui si è inseriti, si rischia di rimanere isolati e di

dover dipendere al 100% dai propri superiori…si rischia di cadere nel meccanismo del cosiddetto “baronato” che non fa bene alle persone precarie, ma ancora meno alla ricerca. Come mi aspetto il giorno dell’assunzione? Vorrei solo sentire di essermelo meritato».

LUCIANA E LE LINGUEIl suo campo di studio è la linguistica applicata. Le Nuove tecnologie applicate allo studio delle lingue. Laurea alla Sapienza di Roma, dottorato aPerugia. «Attualmente ho un assegno di ricerca che scade a luglio e non è rinnovabile. All’Università per stranieri di Perugia mi trovo magnificamente dal punto di vista scientifico, sono in uno dei posti migliori per la mia ricerca, ma non mi può essere garantita la continuità».

Luciana fa parte dell’Associazione dottorandi e dottori di ricerca in Italiaper cui si occupa di cultura e parità di genere (che manca). «Al momento del dottorato c’è ancora parità, ma, man mano che si procede verso le posizioni apicali, si arriva fino alla prima fascia, quella dei professori ordinari, al 22-23% di donne». Come mai avviene questo? «Tante iniquità a partire dal headtopics.com

congedo di maternitàche ha lo stipendio all’80% per le donne, mentre quello parentale arriva appena al 30%. Sono sempre le donne a fermarsi quando hanno figli, i padri non potrebbero neanche farlo». C’è ancora anche la “segregazione” orizzontale, quella che vede alcuni settori prevalentemente occupati da uomini.

Il pensiero delcambiamentoc’è stato anche per lei. «Per un anno ho insegnato, cosa che amo, ma mi mancava la ricerca. Se non dovessi trovare opportunità in Italia, per continuare nel mio studio, andrei all’estero. Sarebbe il male minore rispetto a cambiare completamente mestiere».

Covid, in Alto Adige via l'obbligo di mascherina all'aperto da lunedì 'Certi amori non finiscono', Zeman torna a Foggia - Calcio Incendio bus a Roma, nessun ferito

Questo però comporta il passaggio obbligato nella precarietà. «Nella ricerca universitaria non esistono posizioni a tempo indeterminato, la prima posizione accademica stabile è quella di professore associato. Servirebbe una riforma della

contrattualizzazionedei ricercatori: ci sono contratti precari che non danno alcuna certezza di carriera dopo la riforma Gelmini, quelli più precari e meno protetti sono per la maggioranza occupati da donne. Giusto che ci siano contratti a tempo determinato con tutele e possibilità di carriera».

ELISA E LE BIOTECNOLOGIELaurea a Padova in biotecnologie e dottorato in scienze molecolari e due assegni di ricerca, il secondo ancora in corso a Milano. Anche Elisa, non ancora trentenne, fa parte dell’Adi. «Ho sempre saputo che avrei studiato materie scientifiche. Erano le materie che mi piacevano di più già al liceo. Il mio lavoro mi piace molto, ma senza

passionesarebbe impossibile farlo sapendo che sono contratti brevi, di anno in anno, senza lavoro di lungo termine».Il primo problema secondo lei sono i finanziamenti «assolutamente inadeguati» e subito dopo viene la foresta dei contratti in quella fase che si chiama pre-ruolo, prima di avere

una cattedra all’università(in media ora questo percorso dura 12 anni). «Ce ne sono di ogni forma e durata, la maggior parte senza tutele come tredicesima e quattordicesima, non ci sono ferie. La carriera accademica non aiuta nella pianificazione del resto della vita». Nonostante questo, il suo piano A è quello della carriera accademica, senza escludere la possibilità di un lavoro esterno e di un’esperienza all’estero.

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Vanity Fair Oscar Party 2020, i look - VanityFair.itSplendide splendenti, le star alla celebrazione - per eccellenza - dei vincitori agli Academy Awards. Dall'oro all'argento, passando per alcune eleganti, e colorate, note fuori dal coro: ecco tutte le mise delle celebrity

Santori: “Altre sei regioni aspettano le Sardine, e noi siamo pronti ad allargarci” - La StampaAlla presentazione dell'associazione e rivista web «Cantiere Bologna» in prima Pierferdinando Casini e Flavia Prodi Andate a fare in culo Servi delle multinazionali La frittura si mangia in tutte le regioni.

Notte degli Oscar 2020: seguila con noi. DIRETTAOscars Segui tutti gli aggiornamenti, le curiosità, i meme e i tweet più divertenti nel nostro liveblog ⬇️

Blog | Contratti, dipendenti pubblici e università. Perché qui da noi è tutto diverso - Info DataSeconda puntata dell'inchiesta sui numeri dei dipendenti pubblici in Italia.

I look delle star agli Independent Spirit Awards 2020 - VanityFair.itAlla cerimonia a Santa Monica, che ogni anno premia i protagonisti del cinema indipendente americano, ha partecipato una lunga lista di star internazionali, attese poi alla notte degli Oscar. Qui le foto del blue carpet

Oscar 2020, il valzer delle coppie (sul red carpet) - VanityFair.itEcco come battono i cuori sul tappeto rosso della cerimonia più attesa di Hollywood. Ci sono due promesse spose, due «veterani» e due rivali sullo schermo...