Mondiali%2Ccalcio%20Femminile%2Csport%2Ccalcio

Mondiali%2Ccalcio%20Femminile%2Csport%2Ccalcio

Mondiale e audience tv: donne Usa alla doppia sfida - La Stampa

Mondiale e audience tv: donne Usa alla doppia sfida

07/07/2019 10.07.00

Mondiale e audience tv: donne Usa alla doppia sfida

Domenica 7 luglio la finale con l’Olanda: Rapinoe &C vogliono battere anche gli ascolti degli uomini in Gold Cup

Giulia Zonca06 Luglio 2019Negli Usa non si fanno pronostici sul risultato della finale dei Mondiali femminili, ma sull’audience e i rivali di queste previsioni ossessive non sono avversari, non nel senso tradizionale almeno. Le ragazze impegnate contro l’Olanda se la vedono con i ragazzi schierati contro il Messico nell’atto conclusivo della Gold Cup. Un altro duro colpo al patriottismo senza ombre che Trump pretende dallo sport.

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Cane con una zampa paralizzata sopravvive a una vita di stenti in mezzo all’indifferenza più totale G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano

Tre finali in un giorno, due con squadre statunitensi: nella mattinata americana le donne, all’ora dell’aperitivo la Coppa America Brasile-Perù e all’ora di cena tocca agli uomini. Ne va dell’onore e pure degli ascolti. Potrebbe essere un giorno a stelle e strisce, in cui gonfiare il petto e sentirsi orgogliosamente yankee, ma non ci sarebbe epica da far west se non ci fosse scontro. E oggi lo scontro è più o meno totale.

Soccer sundayLa sfida dei sessi, iniziata con la causa contro la federazione per stipendi adeguati ai successi, si allarga. Alla disputa sull’equità si aggiunge pure la sfida dei due mondi, perché da qui, dalla nostra latitudine, un’intera domenica dedicata al pallone è un invito al piacere invece lì troppo calcio da smaltire in 24 ore e recriminazioni incrociate che l'emergente Olanda non vivrà mai. L'Europa aggiunge il lamento di Megan Rapinoe, «ridicolo, provocatorio, perché sovrapporre gli eventi?», all'elenco di indizio sulla presunta arroganza delle padrone del Mondiale. Non vogliono dividere la scena, così come non vogliono risparmiare il prossimo, 13 gol contro la Thailandia tutti festeggiati come fossero il primo. E non vogliono rispettare chi gli gioca contro: sono andate a vedere l’hotel delle inglesi, destinato alla finalista di quel lato del tabellone, due giorni prima della partita, convinte che tanto lo avrebbero occupato loro. È successo, si sono bevute l'Inghilterra e la stella Alex Morgan ha anche alzato il mignolo su un'immaginaria tazza di tè piena di soddisfazioni: «È il nostro momento, che male c’è?». Per questo il «SoccerSunday», come è stato ribattezzato in patria, dà fastidio, toglie attenzione e soprattutto scatena paragoni indesiderati. headtopics.com

Le Oranjie cercano il colpoSaranno più viste le donne inarrestabili che corrono e crossano come se non ci fosse un domani o gli uomini in cerca di riscatto che fino a qui non sono stati troppo seguiti e devono farsi perdonare, come da noi, il Mondiale mancato. La nazionale dominante si muove senza tregua, con una tattica che in assenza dello strapotere attuale sarebbe probabilmente scellerata. Le olandesi vogliono intrufolarsi lì, nello spazio, per ora minimo, che c’è tra il livello di gioco espresso dalle americane, altissimo, e la capacità di gestione, attualmente non considerata. Non necessaria. Loro vanno sempre a mille e sempre all’attacco, certe di avere più benzina e più facilità a trasformare le occasioni in gol. Tutto vero, ma fino a quando? L’Europa migliora, ha messo sette squadre ai quarti e crede nel futuro che non è più fatto di sola Germania, di accenni di Norvegia, è un continente che vive di calcio (quasi) pronto a convertirsi all’altra metà del pallone. Mentre negli Usa è comunque «SoccerSunday», dove la questione di genere gira intorno a un mondo che ancora lotta per la popolarità. Per i maschi che cercano di emergere e per le donne che non hanno pari. Né parità. Così in questa maledetta domenica si lotta per ogni singolo spettatore da conteggiare nel giorno delle grandi sfide. In casa e fuori.

Leggi di più: La Stampa »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

Mondiali donne: finale terzo posto, la Svezia batte l'Inghilterra 2-1Mondiali donne: finale terzo posto, la Svezia batte l'Inghilterra 2-1 di RaiNews Nel 2019 dobbiamo ancora sentire un giornalista chiamare Giacobsón una persona che si chiama Jakobson?

tagli di capelli per donne che hanno superato i 40 anniSuperati i 40 anni, spesso la chioma necessita di qualche “aggiustatina”, perché il capello perde vitalità ed elasticità, assottigliandosi e perché alcuni tagli hanno una segreta funzione anti-età. Ecco come fare

Menopausa: il piacere ricomincia dopo i 50 anni - VanityFair.itMa non sempre e non per tutte. Il primo orgasmo, però, per alcune donne, avviene dopo i 50 anni. Un nuovo protocollo sperimentale misura la capacità orgasmica nelle donne in menopausa

Curino: ''Quando le partite di calcio femminile erano vietate ai minori...''- Video Gazzetta.itLuca Curino, della Gazzetta dello Sport, racconta il movimento del calcio femminile a metà degli anni Settanta. Quando a una partita fra donne all'Arena di Milano, fu vietato l'ingresso ai minori di 14 anni. Una situazione surreale, se rapportata al successo planetario dei mondiali femminili che si chiudono domani alle 17.00 in Francia con la finale fra Usa e Olanda

Lusiana-Conco, troppe donne in giunta. E l’opposizione chiede il rispetto delle «quote azzurre»Il sindaco del Comune nato dalla fusione di due municipi aveva nominato tre donne e un uomo. Ora dovrà riportare la situazione in parità

Una villa per invecchiare insieme: la scelta di sette amiche - VanityFair.itUn gruppo di donne affiatate ha ristrutturato una casa fatiscente nelle campagne cinesi, per trascorrere insieme il resto della vita