Emergenza Climatica, Ambiente, Gabriele Crescente, Giornata, Mondiale, Ambiente, Alberi, İncendi, Europa, Siccità, Abeti, Germania, Science, Mcdowell, Biodiversità, Co2, Cambiamento, Caldo, Estate, Ambiente

Emergenza Climatica, Ambiente

Le foreste stanno già cambiando

Uno studio dimostra che i vecchi alberi sono sempre più a rischio. Questo può avere gravi conseguenze per gli ecosistemi e la lotta all’emergenza climatica. Leggi

05/06/2020 17.59.00

Uno studio dimostra che gli alberi sono sempre più a rischio, specialmente gli esemplari più grandi e antichi, Questo può avere gravi conseguenze per gli ecosistemi e la lotta all’ emergenza climatica . L’articolo di Gabriele Crescente .

Uno studio dimostra che i vecchi alberi sono sempre più a rischio. Questo può avere gravi conseguenze per gli ecosistemi e la lotta all’ emergenza climatica . Leggi

(Marji Lang, LightRocket via Getty Images)05 giugno 2020 16:36Il cambiamento climatico ha già cominciato a trasformare in profondità le foreste di tutto il mondo. Uno studiopubblicato su Scienceha rilevato che il tasso di mortalità degli alberi sta aumentando in modo preoccupante, specialmente quello degli esemplari più grandi e antichi, che svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione del clima e degli ecosistemi.

Roma, Letta: 'Molto negativo il giudizio su Raggi, il candidato giusto è Gualtieri. Affluenza bassa alle primarie di Torino? È il post-Covid' - Il Fatto Quotidiano Denise: l'appello della mamma e del legale: 'Cautela nel diffondere notizie' - Sicilia Toninelli si vaccina e polemizza con Figliuolo. Ma la rete lo contesta

La ricerca ha preso in esame i risultati di oltre 160 studi precedenti e li ha combinati con nuovi rilevamenti satellitari. Gli autori hanno visto che tra il 1900 e il 2015 il mondo ha perso più di un terzo delle foreste primigenie, cioè quelle quasi non contaminate dall’intervento umano. In Europa e in Nordamerica i dati mostrano che i tassi di mortalità sono raddoppiati negli ultimi quarant’anni, e che l’incremento è più forte tra gli alberi più vecchi.

Questo fenomeno sta cambiando la composizione e la struttura delle foreste, rendendole più giovani, cambiando gli equilibri tra le specie, riducendo la biodiversità e la loro capacità di assorbire e immagazzinare anidride carbonica. “Lo vediamo praticamente ovunque guardiamo”, headtopics.com

ha dichiarato al National GeographicNate McDowell, l’autore principale dello studio.Secondo i ricercatori le cause sono molte, a cominciare dalla deforestazione, ma negli ultimi anni il cambiamento climatico ha aggiunto nuove minacce e ha aggravato quelle esistenti. Le alte temperature e la mancanza di precipitazioni stanno rendendo più frequenti i grandi incendi, come quelli che nel 2019 hanno colpito l’Australia e la Siberia. Inoltre i periodi di siccità sempre più lunghi, intensi e frequenti spingono molte specie oltre il limite. “Vedremo meno foreste”, ha dichiarato al National Geographic Monica Turner dell’università del Wisconsin. “Ci saranno zone dove attualmente ci sono foreste e in futuro non ci saranno più”.

Quando la temperatura sale oltre un certo limite e l’aria si fa troppo asciutta si possono prosciugare i canali linfatici degli alberiUno studiorealizzato dai ricercatori dell’università di Basilea durante l’estate del 2018, che in Europa centrale è stata finora la più calda e secca di sempre, suggerisce che gli alberi potrebbero essere più vulnerabili di quanto si pensava. Durante la stagione secca gli alberi possono ridurre il loro fabbisogno di acqua chiudendo gli stomi delle foglie e riducendo la traspirazione. Ma quando la temperatura sale oltre un certo limite e l’aria si fa troppo asciutta, l’evaporazione residua dalla superficie delle foglie può essere sufficiente a prosciugare i canali linfatici degli alberi e a ucciderli. Secondo gli autori della ricerca, gli esemplari più alti potrebbero essere maggiormente a rischio perché sono più esposti alla luce solare.

Anche quando gli alberi sopravvivono alla siccità, i loro tessuti possono restare permanentemente danneggiati. Questo li lascia indifesi di fronte all’azione dei funghi e dei parassiti, che grazie agli inverni più brevi e miti hanno più tempo per riprodursi. È il caso del bostrico tipografo, un coleottero da sempre presente in Europa, ma che negli ultimi anni sta decimando le foreste di abeti rossi.

Contributo ridottoQuesti fenomeni hanno pesanti implicazioni non solo per il futuro del patrimonio forestale in sé e per le specie e gli ecosistemi che dipendono da esso, ma anche per la lotta al cambiamento climatico. Le foreste assorbono circa il 30 per cento delle emissioni di anidride carbonica, e il loro contributo ha un ruolo fondamentale in tutte le strategie di contrasto. Finora si ipotizzava che questo contributo avrebbe potuto rimanere stabile o addirittura aumentare, dato che l’incremento della concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera accelera la crescita delle piante e quindi anche l’assorbimento. Ma quando gli alberi chiudono gli stomi o perdono le foglie per difendersi dalla siccità, la fotosintesi si riduce fino a interrompersi. Anche la perdita degli esemplari più vecchi ha delle conseguenze negative, perché assorbono e trattengono più anidride carbonica rispetto a quelli più giovani, e quando si decompongono ne rilasciano una parte nell’atmosfera. headtopics.com

G7, la Cina accusa: «Manipolazione politica e interferenza. Non politicizzate il virus» A Londra, Wembley Park ha già vinto i suoi Europei di calcio Nelle carceri italiane si continua a morire di covid-19

pubblicitàLe iniziative per la tutela del clima e degli ecosistemi dovrebbero tenere conto di questi studi. Recentemente la Commissione europea ha presentato la suastrategia sulla biodiversità per il 2030, che prevede di piantare tre miliardi di alberi nei prossimi dieci anni e di espandere le aree protette fino a coprire il 30 per cento del territorio europeo. Il piano dovrebbe essere concepito in modo da aumentare la resilienza degli ecosistemi ed evitare di sprecare risorse piantando specie vulnerabili in aree dove non esistono più le condizioni per la loro sopravvivenza,

com’è successo in Germania. Inoltre sarebbe meglio dare la precedenza alla conservazione delle grandi foreste primigenie rimaste, come quelle dell’Europa orientale, minacciate dal disboscamento.In Europa la primavera del 2020 è stata la più calda mai registrata e diverse regioni del continente sono già afflitte da una siccità senza precedenti. Secondo alcune previsioni, l’estate che sta arrivando potrebbe essere ancora peggiore di quella del 2018. Finora le preoccupazioni per gli effetti del cambiamento climatico si sono concentrate sull’agricoltura e sull’allevamento, che hanno già subìto danni per miliardi di euro. Ma questi settori funzionano su cicli a breve termine e possono essere adattati alle nuove condizioni con interventi mirati, come il passaggio ad altre colture. La scomparsa delle foreste secolari, invece, può avere conseguenze di una portata più ampia, e per evitarla serviranno interventi molto più vasti e complessi.

AmbienteSostieni Internazionale Leggi di più: Internazionale »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

Proponete soluzioni. Cosa possiamo fare noi cittadini? Organizzate qualcosa di serio e pratico, noi ci saremo.

George Floyd, Jane Fonda critica le politiche e le star lanciano l'hashtag #blackouttuesdayLo ha detto l'attrice intervistata dalla BBC. Le altre celebrities americane continuano intanto a protestare con lo slogan blackouttuesday

Scuola, rientro a settembre: le nuove regole, le possibili soluzioni della Ministra AzzolinaLezioni in presenza con mascherine e possibili divisori tra banchi. La ministra Azzolina vuole lanciare un segno positivo a tutte le famiglie che chiedono che a settembre sia assicurato il rientro in classe. E tenta la carta del plexiglass

Black Lives Matter Italia: tutte le manifestazioni del weekend e le misure sanitarie da seguireGli appuntamenti in tutta Italia del 6giugno e 7giugno per dire no al razzismo (e come seguirli in assoluta sicurezza per la salute). BlackLivesMatteritaly

“Riapriamo ambulatori e sale operatorie ma il Covid è stato uno tsunami mai visto”ASTI Adesso che il peggio (forse) è alle spalle, si può anche provare a tirare il fiato «ma senza abbassare la guardia». Giovanni Messori Ioli, 50 anni, commissario dell’Asl di Asti dal febbraio 2019, esperienze dirigenziali al Mauriziano, all’Asl di Alba e di Chieri, è alla sua prima vera esperienza al timone di un’azienda sanitaria. Neanche il tempo di finire il rodaggio, che è stato travolto da un «gigantesco tsunami» come più volte lo definisce. Messori Ioli, come va? «Adesso un po’ meglio. Abbiamo appena riaperto il blocco operatorio centrale, un altro tassello verso la normalità, ma è una strada ancora lunga». Riavvolgiamo il nastro, ripartiamo da quel 22 febbraio, primo caso Covid in Piemonte... «Era impossibile essere preparati ad uno tsunami del genere. Eppure il nostro sistema è tarato per dare risposte ai cittadini, siamo tra i migliori al mondo nonostante tutto, e assistiamo tutti. Guardiamo cosa è successo altrove, gli Stati Uniti ad esempio. Ce l’abbiamo fatta perché il sistema è flessibile, grazie ai grandi professionisti che compongono questo sistema». Ha funzionato la squadra? «Qui hanno lavorato tutti, abbiamo trovato soluzioni a problemi che non si erano mai presentati grazie anche alla collaborazione dei tecnici, degli informatici. Avevamo alle Malattie infettive 20 posti letto, siamo arrivati ad avere 210 letti Covid e questo vuol dire reinventarsi l’organizzazione non in una situazione di calma, ma mentre la marea dell’emergenza continua a crescere». Quale è stato il momento più difficile? «Tra fine marzo e inizio aprile, avevamo il Pronto soccorso pieno, cominciava a mancare il personale per far fronte alla situazione, stava arrivando la marea dalle Rsa, mascherine e tute non sono mai mancate, ma abbiamo fatto i salti mortali per trovarle e ringrazio le istituzioni astigiane che ci hanno dato una mano. Si lavorava giorno e notte, non si vedeva mai la fine. Non dimentichiamoci che in Piemonte il primo grosso caso è stato qui, con il cosiddetto

Terremoto in Volkswagen, Oliver Blume (Porsche) verso la nomina a numero uno del marchio VolkswagenUn vero ribaltone si starebbe materializzando ai vertici del Gruppo Volkswagen secondo il magazine Auto Motor und Sport. La decisione e altre ancora sembra siano stata già prese la scorsa settimana Chissà se riesco a prender sonno stanotte... E noi abbiamo quattro pelagalline alla FCA ,non dico uno dico quattro.

Vacanze post-Covid. Ecco le mete per le quali arrivano le prenotazioniLa fotografia scattata da Astoi Confindustria viaggi, Federturismo e Confturismo Confcommercio. Nell’attesa che quanto prima si possa andare anche nei paesi che allo stato attuale hanno chiuso le frontiere a chi arriva dall’Italia