La sostenibilità piace ma solo se i prezzi dei prodotti non aumentano

La sostenibilità piace ma solo se i prezzi dei prodotti non aumentano

20/09/2021 21.05.00

La sostenibilità piace ma solo se i prezzi dei prodotti non aumentano

Nomisma:consumatori convinti della svolta green, ma poco disposti a spendere di più. Nelle aziende vantaggi non sempre immediati: i casi Barilla, Granarolo e Coop

Silvia Zucconi–. Utilizziamo il 18,2% di energia da fonti rinnovabili (contro il 19% europeo) e abbiamo destinato al riciclo il 68% dei rifiuti prodotti contro una media Ue del 41%.In tante classifiche internazionali siamo ai vertici. Ma ancora poco sappiamo di quanto sia complesso e difficile raggiungere gli ambiziosi obiettivi fissati. Quanto sarà difficile, ad esempio, raggiungere la neutralità climatica entro il 2050? Senza contare che ci sono gli imprevisti.

22/28 ottobre 2021 • Numero 1432 In Edicola sul Fatto Quotidiano del 23 Ottobre: Reddito, il maxi-flop di Renzi: 5mila firme. Prometteva “una mobilitazione casa per casa” - Il Fatto Quotidiano Covid, Austria: lockdown per i non vaccinati se la situazione peggiora

L’attuale rialzo dei prezzi delle materie primerischia di frenare il percorso verso la transizione ecologica soprattutto per la parte legata all’innovazione tecnologica. Secondo i nostri dati le imprese sostenibili registrano un fatturato per addetto superiore del 10% alla media».

Gli esempi sull’impatto dei rialzi delle materie prime sulla transizione green e la necessità di un maggior coinvolgimento del mercato e dei consumatori chiariscono come i temi della sostenibilità non possano essere slegati da quelli economico produttivi. headtopics.com

«Un punto da chiarire – ha aggiuntoil presidente di Granarolo, Giampiero Calzolari– è che le industrie alimentari non possono avere come obiettivo quello di produrre meno. Noi nel rispetto dell’ambiente dobbiamo produrre di più e con sempre maggiore qualità perché è quello che ci chiedono i mercati. E poi va chiarito un punto: la plastica nel packaging non è un vezzo dell’industria, ma la soluzione che fin qui ci ha offerto le maggiori garanzie in termini di sicurezza alimentare. Il processo di sostituzione con la carta non può che essere graduale. L’intero percorso di transizione ecologica deve poi coinvolgere le aziende agricole non solo con i vincoli ma anche con delle premialità».

«Sul fronte della sostenibilità come su quello dell’approvvigionamento delle materie prime – ha aggiuntoil direttore acquisti imballi e responsabile sostenibilità delle filiere Barilla, Leonardo Mirone – è centrale lo strumento dei contratti di filiera. Una leva importante per distribuire meglio il valore all’interno del processo produttivo, ma con la quale è possibile raggiungere anche altri obiettivi come quelli di un più efficiente utilizzo delle risorse e realizzare una più efficace lotta agli sprechi».

«Sulla sostenibilità bisogna resistere ai luoghi comuni – ha aggiuntoil presidente di Coop Italia e dell’Associazione distribuzione moderna, Marco Pedroni–. Va bene lo sforzo di ridurre gli imballaggi e il packaging, ma attenzione perché portare l’ortofrutta sfusa sui banchi della grande distribuzione richiede sforzi in termini logistici e di refrigerazione con altrettanto pesanti impatti in termini di emissioni. L’importante è realizzare il maggior coinvolgimento possibile del mondo produttivo e della trasformazione perché solo in questo modo le innovazioni diventano standard in grado di produrre vantaggi per tutti».

Leggi di più: IlSole24ORE »

Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Leggi su Sky TG24 l'articolo Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

La scoperta del cazz0 Ma che davero? La scoperta dell’acqua calda (termale eh mica riscaldata) La sostenibilità piace solo se riesci a lavorare, pagare le bollette, il mutuo e avere una vita piena e dignitosa. Egoisti! Impossibile. Solo se aumentano i prodotti avremmo sostenibilità. :) Ma va? Ah. E GraziaArcazzo cosa ne pensa secondo voi?

Come direbbe mi nonno 'grazie ar cazzo', ma ci arriveranno a capirlo solo col tempo

La ministra Marta Cartabia e la giustizia verso la riforma: «Al centro resta la persona»La guardasigilli al «Festival dell’Umano»: «Quando una madre partorisce all’interno di un carcere c’è qualcosa che non è umano». Sulla questione di genere: «Dove non ci sono donne la giustizia è più povera». Andrea Pezzi: «Il dono italiano è la nostra naturale spontaneità verso l’umano» Ad una frase del genere ci si alza e si esce senza nemmeno salutare. Se al centro resta la persona come definisce la Cartabia il green pass dalla stessa approvato in CdM?

Sottomarini atomici, così gli Stati Uniti puntano a «vincere» la partita con la CinaL'obiettivo è la superiorità nella regione dell'Indo-Pacifico rafforzando gli alleati. La marina militare di Pechino è indietro nei sommergibili atomici: veloci, silenziosi e invisibili al nemico Speriamo che non ci sia una guerra anche fredda

Parigi, la passeggiata sopra la Senna del funambolo Nathan PaulinL'equilibrista ha attraversato il fiume dalla Tour Eiffel al teatro Chaillot

La Bonprix in Supercoppa sconfitta dall’Urania Milano, ma la squadra rossoblù c’èLa Bonprix è arrivata a una spanna dalla prima vittoria in Supercoppa sul campo dell’Urania Milano: il finale 82-79 è arrivato dopo uno sprint durato per tutto l’ultimo periodo, dopo una fiammata che nel terzo quarto aveva portato i rossoblù fino a +12. Sarebbe servita un po’ più di precisione ...

La chiusura dell’azienda non è un ostacolo: conta solo la convenienzaDel proprietario parassita, il dipendente può crepare tranquillamente.

Omicidio Colleferro, la madre dei fratelli Bianchi su Willy: 'Manco fosse morta la regina'Nelle intercettazioni, la donna parla del risalto mediatico ma non fa cenno al dolore per la tragedia del 21enne di Paliano ucciso di botte Se è vero merita l’inferno A s s u r d o ... La mela non casca mai lontano dall’albero. Metterei anche lei in galera. Sicuramente è la colpevole della bestialità ed inutilità dei figli.