La mossa ambiziosa di Salvini per arginare Meloni (con troppe incognite)

La mossa ambiziosa di Salviniper arginare Meloni (con troppe incognite)

05/06/2021 09.04.00

La mossa ambiziosa di Salviniper arginare Meloni (con troppe incognite)

Restano da sciogliere molti nodi a livello territoriale e sulla appartenenza europea

Nell’idea del capo del Carrocciola federazione dei gruppi di centrodestra al governo nascerebbe con la prospettiva di costituire un cartello di forze che dovrebbe poi presentarsi sotto uno stesso simbolo alle urne. Ed è scontato interpretare questa mossa come un espediente per evitare il sorpasso di Fratelli d’Italia, che le proiezioni nei sondaggi mettono nel conto. Si vedrà se il Cavaliere passerà dalle parole ai fatti, se formalizzerà la fusione parlamentare di Forza Italia con la Lega e se davvero l’accordo tra i due alleati è legato all’imminente corsa al Colle, dove Berlusconi sogna di arrivare.

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi I lavoratori del magazzino Lidl: 'Non ci sono orari, siamo pagati quanto vogliono loro e ricattati per gli straordinari. Li prende solo chi non fa storie' - Il Fatto Quotidiano In Edicola sul Fatto Quotidiano del 19 Giugno: L’autogol di Draghi 'faccio l’eterologa” - Il Fatto Quotidiano

Ma il tema è un altro: l’ambiziosa operazione di Salvini si porta appresso l’incognita dell’approssimazione, appare infatti troppo veloce, poco preparata a livello nazionale e territoriale, con molti processi politici rimasti in sospeso e alcune contraddizioni da superare. È vero che il segretario leghista è costretto dagli eventi ad accelerare i tempi, perché se l’orizzonte del governo è la conclusione naturale della legislatura, se — come lui stesso ha detto — «noi sosterremo Draghi fino al 2023», allora deve attrezzarsi a una faticosa maratona.

E i partiti attuali, tutti i partiti, anche quelli di centrosinistra, non hanno oggi il fiato e il passo per reggere così un altro anno e mezzo. Dovranno rigenerarsi, in alcuni casi reinventarsi, senza sapere se ci riusciranno. Ma la rifondazione del sistema politico si presenta come un passaggio ineludibile e la tentazione della scorciatoia è pericolosa, perché in quel caso la strada imboccata potrebbe rivelarsi un vicolo cieco. Infatti a rischiare è Salvini più di Berlusconi: la crisi in cui versa da tempo Forza Italia — attraversata da una faglia interna che divide le sorti dei parlamentari ma anche degli esponenti di governo — può consentire al Cavaliere di fare chiarezza rispetto a certe ambiguità. headtopics.com

Il capo della Lega invece deve risponderea un partito che ha l’ambizione di guidare in futuro il Paese e che però si trova ingaggiata in una competizione con Fratelli d’Italia. Nei cento giorni di gabinetto Draghi, Salvini ha impersonato ruoli diversi: a volte ponendosi in contrasto con la linea del premier, altre mostrandosi coerente con l’impegno preso all’atto della fiducia. Mentre Meloni ha costruito la sua azione presentandosi come «partito di governo che sta all’opposizione», al punto da ottenere il ruolo di interlocutore di Palazzo Chigi. Così ha aumentato i consensi virtuali nei sondaggi. E ora che Salvini le lancia un’altra sfida, la leader di FdI risponde mirando al punto debole del progetto costruito dall’alleato-avversario: «Non credo alle fusioni a freddo».

Evocando il predellino, Meloninon ha solo ricordato il fallimento del Pdl, ha sollevato anche — senza citarlo — il problema che l’ex ministro dell’Interno dovrà presto risolvere: la collocazione europea delrassemblement. Forza Italia e Udc appartengono alla famiglia dei Popolari, mentre il Carroccio è ancora formalmente legato ai francesi del Front national e ai tedeschi di Afd. Ed è evidente lo sforzo del segretario leghista di uscire da quell’angolo e di «spostarsi verso il centro anche in Europa», come dice il diccì Cesa, che dà credito al disegno di Salvini e ricorda come «per molti anni a Strasburgo la denominazione del gruppo fu Ppe-De, perché federava anche i conservatori».

A Roma la federazione del centrodestradi governo non è ancora nata e già si enumerano i nodi da sciogliere. Perciò quello di Salvini più che un rilancio è un autenticoall-in.In Parlamento, per tenere uniti i gruppi, andrà trovato un compromesso che vada oltre la scelta dei loro presidenti alla Camera e al Senato. Sul territorio, per evitare emorragie, bisognerà coinvolgere pezzi di classe dirigente che fino ad oggi si contendevano i consensi. In Europa, per non risultare irrilevanti, sarà necessaria una scelta di campo che non contempli posizioni ambigue. In Italia, per avere un ruolo, andrà stabilito come indirizzare la forza numerica della federazione nel processo di riforme che il governo sta varando. Tanto basta, prima di dover pensare a un simbolo elettorale che non sarebbe più quello della Lega nè quello di Forza Italia. Ecco l’incrocio a cui attende Meloni. Ma Salvini non ha altre strade se in futuro vuole «rientrare a Palazzo Chigi dalla porta principale».

4 giugno 2021 (modifica il 4 giugno 2021 | 23:31) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

il problema e' solo nel sistema di voto....bisogna obbligare a indicare il nome sul simbolo...il voto deve essere ad persona e no il simbolo

La Nestlé ammette: «La maggior parte dei nostri prodotti è dannosa per la salute»Un'ammissione forse troppo tardiva...

Agnelli: “La Juventus non ha fallito, la Super Lega è un grido d’allarme”Il presidente bianconero congeda il ds Fabio Paratici dopo 11 anni, ringrazia Pirlo («E’ stata una stagione positiva») e accoglie Allegri: «Ha voglia di ributtarsi in un’avventura di lunga programmazione» Per evitare l’insolvenza non si spende più di quanto si guadagna, se aumenti gli incassi per aumentare le spese sei punto e a capo, la realtà è che non vuole rispettare le regole Infatti pur avendo già un portiere state per prendere donnarumma a più di 10 netti (più di 20 lordi) anno più la stecca a Raiola... Faccio fatica a non mandarti a quel paese Un disperato grido d’allarme di chi, indebitandosi fino al collo, ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità drogando le competizioni.

Vogliamo tutta la verità e soltanto la verità sugli effetti dei probiotici sulla nostra pellePossono cambiare l'aspetto della pelle, influire sul metabolismo e persino sull'intestino: i probiotici per la pelle sono veri alleati di benessere da scoprire

Elettra Lamborghini sei la nostra Pistolero del cuore, con quella tuta jeans incendi l'estate 2021La tuta jeans di Elettra incendia l'estate 2021 ElettraLambo ElettraLamborghini Isola Pistolero

Poker Italia alla Repubblica Ceca, la soddisfazione di ManciniMancini dopo Italia-Rep. Ceca: 'Test di buon auspicio, possiamo ancora migliorare' SkySport Nazionale Italia ItaliaRepubblicaCeca Mancini

Quando Bernabei e Dossetti andarono a trovare La PiraA chi scrivere il proprio punto di vista sulle cose? A chi affidare l’ indignazione e la speranza? Vi proponiamo di dirlo a Corriere