La guerra fra Trump e Twitter: lo scudo contro il filtro

La guerra fra Trump e Twitter: lo scudo contro il filtro

31/05/2020 10.20.00

La guerra fra Trump e Twitter: lo scudo contro il filtro

Ennesimo abuso di potere da parte di un leader illiberale, finalizzato a colpire il nemico e silenziare i media? Troppo semplicistica, come lettura del conflitto apertosi fra Donald Trump e Twitter. Cinico e spregiudicato, scorretto e incoerente, Trump – ma potremmo dire Salvini, Renzi… - ha un naturale effetto polarizzante. Divide il mondo a metà: amici e nemici. E viene ricambiato allo stesso modo. Vale però la pena di resistere al riflesso condizionato che spinge a prendere automaticamente posizione: con o contro Big Donald (contro Big Tech). Ancora una volta, del resto, la sua azione ha un evidente contenuto paradossale: lui, tuittatore-in-capo, minaccia di “chiudere i social”, attaccando il sistema di microblogging trasformato in voce ufficiale del governo? Sotto il profilo legale, Trump suggerisce di togliere lo “scudo” ai social media: la Section 230 del Communications Decency Act, che li protegge dalla responsabilità dei contenuti postati dagli utenti. Semplificando al massimo: Trump accusa i social di volersi trasformare in media tradizionali; per questo li spinge provocatoriamente nella stessa direzione, minacciando di sottoporli alle stesse regole. Casus belli: la scelta di Twitter di sottoporre a fact checking un suo post sulla presunta irregolarità del voto a distanza, accostando alla parola del presidente ulteriori (e più attendibili) fonti. Una rivoluzione copernicana, per i social: proporsi come filtro, come mediatori tra verità e menzogna. Intollerabile, per uno come Trump, che basa la propria forza sull’essere un leader “senza filtro”. E ha già una guerra aperta con i media tradizionali: con le grandi testate liberal - va da sé - e persino con Fox News, accusata - via Twitter - di non sostenerlo a sufficienza. A distanza di poche ore, l’azienda di Jack Dorsey ha “segnalato” per la seconda volta un tweet trumpiano: «Esaltazione della violenza» in riferimento ai fatti di Minneapolis. Seguendo una policy di contrasto all’odio e alle fake news sollecit

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trumpfabio bordignonPubblicato il31 Maggio 2020Ennesimo abuso di potere da parte di un leader illiberale, finalizzato a colpire il nemico e silenziare i media? Troppo semplicistica, come lettura del conflitto apertosi fra Donald Trump e Twitter.

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid

Cinico e spregiudicato, scorretto e incoerente, Trump – ma potremmo dire Salvini, Renzi… - ha un naturale effetto polarizzante. Divide il mondo a metà: amici e nemici. E viene ricambiato allo stesso modo. Vale però la pena di resistere al riflesso condizionato che spinge a prendere automaticamente posizione: con o contro Big Donald (contro Big Tech). Ancora una volta, del resto, la sua azione ha un evidente contenuto paradossale: lui, tuittatore-in-capo, minaccia di “chiudere i social”, attaccando il sistema di microblogging trasformato in voce ufficiale del governo?

Sotto il profilo legale, Trump suggerisce di togliere lo “scudo” ai social media: la Section 230 del Communications Decency Act, che li protegge dalla responsabilità dei contenuti postati dagli utenti. Semplificando al massimo: Trump accusa i social di volersi trasformare in media tradizionali; per questo li spinge provocatoriamente nella stessa direzione, minacciando di sottoporli alle stesse regole. Casus belli: la scelta di Twitter di sottoporre a fact checking un suo post sulla presunta irregolarità del voto a distanza, accostando alla parola del presidente ulteriori (e più attendibili) fonti. Una rivoluzione copernicana, per i social: proporsi come filtro, come mediatori tra verità e menzogna. Intollerabile, per uno come Trump, che basa la propria forza sull’essere un leader “senza filtro”. E ha già una guerra aperta con i media tradizionali: con le grandi testate liberal - va da sé - e persino con Fox News, accusata - via Twitter - di non sostenerlo a sufficienza. headtopics.com

A distanza di poche ore, l’azienda di Jack Dorsey ha “segnalato” per la seconda volta un tweet trumpiano: «Esaltazione della violenza» in riferimento ai fatti di Minneapolis. Seguendo una policy di contrasto all’odio e alle fake news sollecitata da molti ambienti culturali e politici: promossa, al di qua dell’Oceano, dalla stessa Ue; e inaugurata anche da altri social, che così facendo, tuttavia, cambiano di fatto la propria natura.

Ecco allora il problema. Trump sa chi è, cosa vuole: ogni sua azione lo conferma ai fan e ai detrattori. Ma chi sono, cosa vogliono (diventare) i cosiddetti social network? Quale ruolo intendono giocare nelle trasformazioni dell’informazione e della democrazia? Non è solo un problema di identità, per i colossi del Web. Riguarda tutti noi. Siamo disposti ad accettare che le nostre idee – non (solo) quelle del politico amato o odiato - vengano vagliate, filtrate, censurate? Oppure, per ogni social (mainstream) trasformatosi in editore, andremo a cercare un altro porto franco nel mare magnum del digitale

Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Ah l'abuso di potere l'ha fatto Trump? a me pare il contrario..guardate giornaletti che la gente si sta svegliando e se ci troviamo cosi la colpa è tutta vostra perche non date notizie VERE ma distorte alla Travaglio quando la gente verrà a cercarvi per linciarvi avranno ragione. state sereni vince Trump

Silenziare i social? Sono i social che silenziano le opinioni delle persone sulla base delle loro politiche interne e privatissime. Ma finitela... Abbiamo lo schifo in Italia e ve la prendete con un uomo che odiate solo per compiacere i vostri finanziatori democratici... era il suo social preferito, co gli gira sotto il ciuffo biondo?

Buggiardi! Buggiardi! Buggiardi!

Come funziona il fact checking di Twitter che ha fatto infuriare Donald TrumpLa piattaforma social ha cominciato a marzo a introdurre etichette di verifica per contenuti «contestati o fuorvianti». Quelle applicate al presidente americano sono le prime in materia di elezioni

Donald Trump e gli altri: tutti i cameo di Sex and the CityLeggi su Sky TG24 l'articolo Donald Trump e gli altri: tutti i cameo degli attori nella serie tv Sex and the City

Twitter censura Trump: un suo tweet “esalta la violenza”Leggi su Sky TG24 l'articolo Twitter censura Trump: un suo tweet “esalta la violenza” La guerra di Trump alla libera informazione che si permette di criticarlo non è solo la sua fine politica, ma un gravissimo vulnus alla grande storia della Democrazia degli USA. Twitter È sceso il Padreterno. Twitter giudicherà tutti, Santi compresi :-( DonaldGoHome Unfit4POTUS

Violenze a Minneapolis, Twitter torna a segnalare un contributo di TrumpSecondo Twitter il post di Trump ha violato le regole 'sull'esaltazione alla violenza' Questo è il presidente! Il senso della traduzione, aggiungo questo per chiarezza

Twitter segnala un altro post di Trump per incitamento alla violenzaIl social network ha oscurato un contenuto pubblicato sulla piattaforma dal presidente statunitense Si sarà studiato Amin che risolveva così in Africa! Ha ragione! Tolleranza zero

Cina-Usa, attesa per la conferenza stampa di Trump. Che su twitter scrive sibillino: 'CHINA!'Annunciata giovedì, non si conosce l'argomento che il presidente americano vorrebbe affrontare. Lui intanto scrive 'Cina' a caratteri cubitali su Twitter. Wall Street col fiato sospeso Wall Street: 'Cribbio, il Presidente sa scrivere!'