Twitter segnala un altro post di Trump per incitamento alla violenza

«Quando iniziano i saccheggi, si spara». Twitter segnala un altro post di Trump

29/05/2020 15.04.00

«Quando iniziano i saccheggi, si spara». Twitter segnala un altro post di Trump

Il social network ha oscurato un contenuto pubblicato sulla piattaforma dal presidente statunitense

.Il social network ha marcato un post del presidente degli Stati Uniti oscurandolo parzialmente perché ritenuto contrario alle regole di utilizzo del social network.Il tweet però non è stato oscurato del tutto «poiché potrebbe essere di pubblico interesse». Il tweet che rischia di accendere un nuovo fronte tra i social e la Casa Bianca è quello in cui Trump, riferendosi

Un chilometro contromano sulla A5, multato autista di un Tir - Attualità Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi

ai disordini di Minneapolis,ha scritto: «Quando iniziano i saccheggi, si inizia anche a sparare». E ancora: «Non posso star qui a guardare quel che succede in una grande città americana, Minneapolis. Una totale mancanza di leadership. O il debolissimo sindaco di estrema sinistra Jacob Frey si dà una mossa, o manderò la Guardia nazionale per fare il lavoro che serve».

Leggi ancheLe vendette di Trump spaventano anche i conservatoriSecondo Twitter il post di Trump ha violato le regole «sull’incitamento alla violenza». Ma la decisione di non oscurarlo è dovuta alle stesse regole del social. Nelle regole di utilizzo infatti si legge che Twitter, pur adottando il principio di rimuovere i contenuti che esaltano la violenza, riconosce che headtopics.com

«a volte può rientrare nell’interesse pubblico consentire alle persone di visualizzare i tweet che altrimenti verrebbero eliminati. Consideriamo il contenuto di interesse pubblico se contribuisce direttamente alla comprensione o alla discussione di una questione di interesse pubblico».

Al momento, il social limita le eccezioni ai «rappresentanti governativi o eletti dai cittadini, dato il notevole interesse pubblico a conoscere e discutere le loro azioni e dichiarazioni». Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Ha ragione! Tolleranza zero Si sarà studiato Amin che risolveva così in Africa!

Usa, il Ceo di Twitter risponde a Trump: continueremo a fare fact checkingJack Dorsey risponde direttamente alle polemiche: sono io il responsabile delle azioni dell'azienda, si prega di lasciare i dipendenti fuori dalla questione. Su Fox news, intanto, il Ceo di Facebook sentenzia: le aziende private non sono arbitri della verità arbitrE, altrimenti la boldrina mi si arrabbia Vafanculo Zuckerberg

Trump ha firmato ordine su social media: 'Twitter fa attivismo politico' - Nord AmericaRidicolo 🤣 ha ragione fanno propaganda E Twitter pestò il più classico dei merdoni

Twitter censura Trump: un suo tweet “esalta la violenza”Leggi su Sky TG24 l'articolo Twitter censura Trump: un suo tweet “esalta la violenza” La guerra di Trump alla libera informazione che si permette di criticarlo non è solo la sua fine politica, ma un gravissimo vulnus alla grande storia della Democrazia degli USA. Twitter È sceso il Padreterno. Twitter giudicherà tutti, Santi compresi :-( DonaldGoHome Unfit4POTUS

Violenze a Minneapolis, Twitter torna a segnalare un contributo di TrumpSecondo Twitter il post di Trump ha violato le regole 'sull'esaltazione alla violenza' Questo è il presidente! Il senso della traduzione, aggiungo questo per chiarezza

“Il farmaco che usa Trump è servito nell’emergenza, ora ripensiamo le terapie”L’Aifa da ieri 27 maggio ha bloccato la somministrazione di plaquenil. I medici di base della provincia di Alessandria: “È stato utile per evitare l’aggravarsi di 200 malati”

Trump contro Twitter, dalle minacce ai fatti: ora il presidente vuole una legge per regolare i postPer ora le aziende digitali non sono responsabili di quello che gli utenti pubblicano: Trump vuole che le autorità federali controllino i criteri di moderazione dei contenuti fratelliditalia nonelarena rtl1025 affaritaliani ilmessaggeroit Trump è un populista e come tale un mezzo dittatore. Ma una stretta sulla Libertà di espressione sarebbe non solo la sua fine politica, ma anche uno storico vulnus alla grande Democrazia degli USA. Twitter Il nazista da circo equestre vuole la licenza di dire cazzate ovunque.