Almanacco Dell'innovazione, Riccardo Luna

La diabolica partenza di Giallozafferano e la ricetta della felicità di Sonia

06/06/2021 01.14.00
Almanacco Dell'innovazione, Riccardo Luna

La diabolica partenza di Giallozafferano e la ricetta della felicità di Sonia

06 Giugno 20211 minuti di letturaIl 6 giugno 2006 era una data strana per lanciare un nuovo progetto. Una data diabolica. Su un grande quotidiano c'era un titolo che diceva, tra virgolette, "è arrivata la fine del mondo". E invece era l'inizio. L'inizio di Giallozafferano. Oggi è uno dei siti più visitati d'italia, forse il più popolare in fatto di ricette di cucina. Allora era il sogno di Sonia Peronaci, milanese di origine altoatesina, cresciuta imparando a cucinare dalla nonna Ottilia, e poi al fianco del padre, che aveva un ristorante a Milano, l'Undici, al numero 11 di via Losanna. Amava il cibo ma sentiva che non avrebbe potuto fare anche lei gestire un ristorante perché era il ristorante che teneva il papà sempre lontano da casa.

Omicidio Desireé: tutti condannati, due all'ergastolo - Cronaca 'Certi amori non finiscono', Zeman torna a Foggia - Calcio Roma, autobus in fiamme sulla Portuense, nessun ferito

Fu il compagno di Sonia, Francesco Lopes, che ai tempi aveva lanciato un sito web sulla tasse, a darle l'idea di aprirne uno sulle ricette. L'idea era rifare in Italia, in piccolo, quello che negli Stati Uniti faceva Martha Stewart che ai tempi era già una star assoluta. Sonia scelse il nome, Giallozafferano, come omaggio alla città in cui abitava, Milano; e scrisse le prime venti ricette. "Partimmo dai grandi classici della cucina italiana, quelli che le persone ancora oggi cercano più spesso sui motori di ricerca: lasagne alla bolognese, spaghetti alla vongole, carbonara e tiramisù".

Di quell'esordio non restano memorabilia; la pagina web più antica che si può ancora rintracciare risale al 5 ottobre del 2006. Si scopre così che già ai tempi c'erano diverse rubriche e servizi, compreso il glossario, i consigli per gli acquisti, un blog ("a tavola con Enrico Bertolino" quel giorno) e diverse newsletter. E soprattutto c'era Sonia che era bravissima e che divenne subito una star del web, una influencer diremmo oggi. Il successo fu immediato e già nel 2008 Sonia Peronaci fu contattata da Paolo Ainio che fece entrare Giallozafferano nel gruppo Banzai e, sette anni dopo, in Mondadori dove veleggia a gonfie vele. headtopics.com

"Col senno di adesso non lo avrei mai venduto, ma ai tempi ci servivano professionalità che non avevamo" dice Sonia. Nessun rimpianto però: nel 2015 ha lanciato un nuovo sito webche porta il suo nome e che cura con passione giorno dopo giorno per farlo crescere. "Alla fine qualunque cosa tu faccia, se senti di dover fare qualcos'altro non aver paura di lasciare quello che hai e ripartire: il rischio porta sempre qualcosa di positivo". Per una che con le sue ricette ha insegnato a cucinare a milioni di persone in fondo la ricetta più importante è quella per  la felicità: "Bisogna cambiare se non si è felici". 

ArgomentiI perché dei nostri lettori“Mio padre e mia madre leggevano La Stampa, quando mi sono sposato io e mia moglie abbiamo sempre letto La Stampa, da quando son rimasto solo sono passato alla versione digitale. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io.

Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Agnelli: “La Juventus non ha fallito, la Super Lega è un grido d’allarme”Il presidente bianconero congeda il ds Fabio Paratici dopo 11 anni, ringrazia Pirlo («E’ stata una stagione positiva») e accoglie Allegri: «Ha voglia di ributtarsi in un’avventura di lunga programmazione» Per evitare l’insolvenza non si spende più di quanto si guadagna, se aumenti gli incassi per aumentare le spese sei punto e a capo, la realtà è che non vuole rispettare le regole Infatti pur avendo già un portiere state per prendere donnarumma a più di 10 netti (più di 20 lordi) anno più la stecca a Raiola... Faccio fatica a non mandarti a quel paese Un disperato grido d’allarme di chi, indebitandosi fino al collo, ha vissuto al di sopra delle proprie possibilità drogando le competizioni.

La rottura di Marx: “Pedofilia, la Chiesa è a un punto morto” - Il Fatto QuotidianoSiamo allo “scisma marxista”? Da più parti l’allarme circa le spinte “eccessivamente riformatrici” interne alla Chiesa tedesca era già stato lanciato. Ieri poi, la notizia delle dimissioni del cardinale Reinhard Marx da arcivescovo di Monaco e Frisinga, che ha messo la firma alle sue rimostranze in calce alla lettera inviata a papa Bergoglio. Il motivo: … marcotravaglio ConferenciaEpi2 ConferenciaEC Eccolo sciacallo! Parlaci delle primule, dei banchi a rotelle e di Immuni, pagliaccio!

Un tram tutto bianco della linea 1 dedicato a Carla Fracci, la foto sui socialLa notizia era stata annunciata qualche giorno fa sui social dal sindaco Beppe Sala bellissimo non vedo l'ora di vederlo dal vivo Bellissimo! 🤍 Iniziativa splendida ComuneMI 👏👏👏❤️

Vaccini, è l’ora dei giovani: “Fidiamoci della scienza e riprendiamoci la nostra libertà”Già molte le adesioni degli over 16: «Siamo meno titubanti degli adulti perché vogliamo tornare a vivere e a viaggiare in piena sicurezza» La scienza del Dio Denaro...state rovinando un intera generazione...vergognatevi ipocriti che non siete altro...sono cavie in via di sperimentazione...vergogna Fidiamoci della scienza CON LO SCUDO PENALE.

Mengiste è la vincitrice della XV edizione del premio Von RezzoriLeggi su Sky TG24 l'articolo Maaza Mengiste è la vincitrice della XV edizione del premio Von Rezzori. VIDEO

Il critico Riccardo Bocca a Barbara d'Urso: «La tua tv avvelena il pozzo della decenza»Forse, l'era della condurtrice Mediaset sta davvero finendo Dalle stelle alle stalle !!! Il passo è breve !!!! 🙏