L'ultima trovata degli ecologisti: incollati contro la crisi idrica

28/06/2022 23:50:00

Mani incollate contro le politiche ambientali 'inadeguate'. A Torino flash mob di alcuni attivisti sotto il palazzo della Regione. In cinque rischiano la denuncia per interruzione di pubblico servizio

Mani incollate contro le politiche ambientali 'inadeguate'. A Torino flash mob di alcuni attivisti sotto il palazzo della Regione. In cinque rischiano la denuncia per interruzione di pubblico servizio

Mani incollate contro le politiche ambientali 'inadeguate'. A Torino flash mob di alcuni attivisti sotto il palazzo della Regione. In cinque rischiano la denuncia per interruzione di pubblico servizio

ecologismomilitante sembra"attaccarsi" a tutto pur di fare rumore. Nella mattinata di oggi, 28 giugno, alcuni attivisti del movimento non violento internazionale"Extinction Rebellion" si sono letteralmente incollati all'ingresso del palazzo della Regione Piemonte per contestare le

politiche ambientalidella giunta. I manifestanti, impiastricciandosi le mani con della colla, si sono attaccati alle pareti d'ingresso dell'edificio, ostacolandone l'accesso. Ai loro piedi, una grande lisca di pesce in cartapesta.Durante la contestazione, alcuni attivisti hanno affisso alle vetrate del palazzo di piazza Castello alcuni manifesti con il seguente slogan:"

Leggi di più:
ilGiornale »

Lo stile di Francesca Michielin fuori da X Factor: tanto colore, giacche oversize e dettagli rock

Il guardaroba di Francesca Michielin raccontato nel video di Vogue Italia 7 Days in 7 Look Leggi di più >>

Gretini veri in questo caso gli idranti servirebbero! Una generazione di imbecilli allevata da Greta

Siccità, protesta a Torino: attivisti si incollano a palazzo RegioneLeggi su Sky TG24 l'articolo Siccità, protesta a Torino: attivisti si incollano a palazzo Regione Ma con tutti i disonesti che ci sono in Italia la digos non ha di meglio da fare? Chiedo.. FATE SCHIFO! Bravi… e … risolvono cosa? Bisogna che puliscano i cessi e la colla versata con la lingua.

Meteo a Torino: le previsioni del 27 giugnoLeggi su Sky TG24 l'articolo Meteo a Torino: le previsioni del 27 giugno

Al carcere di Torino è stata chiusa un'altra sezione criticata - Il PostAl carcere di Torino è stata chiusa un’altra sezione criticata: era quella in cui venivano controllati i detenuti sospettati di aver ingerito ovuli di sostanze stupefacenti, definita «inguardabile» dalla ministra Cartabia

Torino: ora c’è l’ufficialità, Pellegri granata fino al 30 giugno 2025Trasferimento a titolo definitivo: l’accordo con il Monaco raggiunto una decina di giorni fa

Ora è UFFICIALE: al Torino ha titolo definitivo - CalciomercatoE' arrivato il comunicato ufficiale del Torino che ha annunciato l'acquisto a titolo definitivo dell'attaccante Menomale dai posso cenare tranquillo

Torino all'attacco: ufficiale Pellegri!Il club granata lo ha preso a titolo definitivo dal Monaco Boia

contro la crisi climatica e l'emergenza idrica.Piemonte 28 giu 2022 - 11:44 Su tutte le vetrate sono stati attaccati manifesti con lo slogan 'Siccità è crisi climatica'.) La situazione nel resto del Piemonte Caldo in aumento, la giornata trascorrerà con un cielo più nuvoloso sui confini occidentali, sul resto della regione il sole sarà prevalente La situazione meteo nel Monferrato Ampio soleggiamento e caldo.La casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino (ANSA/TINO ROMANO) È stata chiusa la cosiddetta sezione “filtro” della casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino, destinata alle persone sospettate di aver ingerito ovuli contenenti stupefacenti e che da anni era sia criticata per le condizioni in cui dovevano vivere i detenuti, sia oggetto di proteste da parte degli agenti della polizia penitenziaria.

L' ecologismo militante sembra"attaccarsi" a tutto pur di fare rumore. Nella mattinata di oggi, 28 giugno, alcuni attivisti del movimento non violento internazionale"Extinction Rebellion" si sono letteralmente incollati all'ingresso del palazzo della Regione Piemonte per contestare le politiche ambientali della giunta. Su tutte le vetrate sono stati attaccati manifesti con lo slogan 'Siccità è crisi climatica'. I manifestanti, impiastricciandosi le mani con della colla, si sono attaccati alle pareti d'ingresso dell'edificio, ostacolandone l'accesso. Temperature minime comprese tra 17 e 20 °C e massime comprese tra 28 e 34 °C. Ai loro piedi, una grande lisca di pesce in cartapesta. Le parole dei manifestanti "L'obiettivo dell'azione di oggi" dice Giovanni, uno degli attivisti incollati all'ingresso principale "è quello di denunciare l'inadeguatezza politica di questa giunta regionale nella gestione dello stato di emergenza idrica, sintomo del collasso climatico, che è qui e ora nella nostra quotidianità, e sta colpendo le nostre terre". Durante la contestazione, alcuni attivisti hanno affisso alle vetrate del palazzo di piazza Castello alcuni manifesti con il seguente slogan:" Siccità è crisi climatica ". Già da alcuni anni era stata chiesta la chiusura della sezione.

La loro protesta, a quanto si apprende, si è protratta per oltre due ore. "È inaccettabile che si aspetti di contare i danni per poi richiedere lo stato di 'calamità naturale', scaricando sui cittadini la responsabilità di razionare l'acqua per un problema sistemico che le istituzioni hanno volutamente scelto di ignorare". Raffiche fino a 12 km/h." L'obiettivo dell'azione di oggi è quello di denunciare l'inadeguatezza politica di questa giunta regionale nella gestione dello stato di emergenza idrica , sintomo del collasso climatico, che è qui e ora nella nostra quotidianità, e sta colpendo le nostre terre ", ha spiegato uno degli attivisti incollati all'ingresso principale, come riporta l'Ansa. E un'altra manifestante, allo stesso modo attaccata con dell'adesivo, ha aggiunto:" Siamo qui perché ci aspettiamo che la Regione Piemonte affronti questa crisi alla radice e che ascolti la comunità scientifica ". Torino , Protesta Extinction Rebellion. Il tema del crisi idrica è certo attuale e anche il governo se ne sta occupando, con per quelle aree particolarmente colpite dall'allarmante fenomeno. TAG:. Tuttavia, si fatica a comprendere l'effettiva utilità di certe proteste come quella insegnata stamani a Torino. Perché saranno le donne e gli uomini delle pulizie a dovere lavorare per rimuovere, con difficoltà, tutta la colla gettata contro le vetrate. A occuparsi della raccolta degli ovuli doveva essere esclusivamente personale sanitario con apposite protezioni, ma poi con il tempo la mansione era passata totalmente alla gestione degli agenti della polizia penitenziaria che per questo avevano più volte protestato.

Sul punto è intervenuto anche l'assessore regionale Fabrizio Ricca ." Protestare è lecito, lottare contro l'inquinamento è giusto, ma imbrattare con la colla la Regione anche no. Così l'assessore regionale piemontese Fabrizio Ricca sulla protesta degli attivisti Extinction Rebellion. Perché saranno le donne e gli uomini delle pulizie a dovere lavorare per rimuovere, con difficoltà, tutta la colla gettata contro le vetrate. Ci va rispetto per chi lavora ", ha commentato il politico leghista. Al termine della manifestazione, a quanto si apprende, quindici attivisti sono stati identificati e cinque di loro, quelli che materialmente hanno portato avanti l'azione, rischiano una denuncia per interruzione di pubblico servizio, mentre per gli altri potrebbe scattare quella per concorso.

Per tutti saranno valutate delle misure di prevenzione. Commenti .