Democrazia, Convento, Partito Di Centro, Proporzionale

Democrazia, Convento

Il ritorno (politico) dell’idea di centro

Il ritorno (politico) dell’idea di centro

18.1.2020

Il ritorno (politico) dell’idea di centro

L'editoriale di Angelo Panebianco sul Corriere del 18 gennaio

di Angelo Panebianco | 17 gennaio 2020 La decisone della Consulta prelude a una nuova legge con la proporzionale pura. Ora bisogna cavarsela con ciò che c’è, con ciò che passa il convento disegno di Solinas C hi ha voglia di non fermarsi alla superficie delle cose , di non accontentarsi dei ragionamenti sul cui prodest, su quelli che, qui e ora, hanno vinto e su quelli che hanno perduto, può rendersi conto del fatto che la sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato inammissibile il referendum leghista sulla legge elettorale chiude definitivamente un’epoca. D’ora in poi non sarà più possibile, per chissà quante generazioni, immaginare cambiamenti sostanziali della «costituzione materiale» della Repubblica nata alla fine della Seconda guerra mondiale. C’è un nesso strettissimo fra la sentenza e il risultato del referendum costituzionale del 2016. Allora, una maggioranza schiacciante decise che la democrazia acefala (con governi deboli, ricattabili e per lo più di brevissima durata), ossia il regime assembleare — che è una variante del parlamentarismo — scelto dai costituenti dopo la Liberazione, era esattamente ciò che gli italiani volevano conservare. La sentenza della Corte prelude al ritorno della proporzionale pura. In effetti, una democrazia assembleare, una democrazia acefala, «chiama» la proporzionale. Nel senso che la legge elettorale proporzionale è la più adatta per un simile assetto costituzionale. Ripeto ciò che sia io che altri abbiamo detto tante volte ma che, stando a quanto si continua a leggere, pare sia cosa assai complicata. I l movimento che volle la legge elettorale maggioritaria e che si formò fra la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta non pensava affatto che bastasse cambiare la legge elettorale (dal proporzionale al maggioritario) per avere una democrazia rappresentativa ben funzionante. Pensava (sperava) che il cambiamento della legge elettorale obbligasse la classe politica a riformare la Costituzione del 1948. Occorreva — pensavano i protagonisti di quel movimento — una «democrazia maggioritaria». Ma una tale democrazia non lo è solo in virtù della presenza di una legge elettorale maggioritaria. Necessita anche di un assetto costituzionale coerente, necessita soprattutto di governi istituzionalmente forti, il contrario della democrazia acefala. Le cose andarono diversamente . I tentativi di cambiare la Costituzione fallirono uno dopo l’altro. E il riflusso portò col tempo a una serie di riforme del sistema elettorale che ne indebolirono progressivamente la componente maggioritaria. Chi si limita a dire che qui da noi l’esperimento maggioritario «non ha funzionato» non coglie il punto. In primo luogo, sottovaluta il fatto che proprio grazie alla legge maggioritaria l’Italia ha conosciuto, per un breve periodo, l’alternanza al governo fra coalizioni contrapposte. Il contrario di quella logica trasformista che ha consentito il passaggio dal Conte1 al Conte2 e che, certamente, sarà l’unica vera «regola del gioco» nella formazione dei governi per i decenni a venire. Ciò che invece «non ha funzionato» è che l’esperimento maggioritario riguardò solo il metodo di votazione, non venne accompagnato da una coerente riforma della Costituzione. Continuo a pensare che le (compiute) democrazie maggioritarie, essendo democrazie governanti (con governi forti), abbiano più chance di stabilità e di buon governo rispetto alle democrazie assembleari e acefale. Certo, di tanto in tanto può benissimo vincere un Trump. Ma nel lungo periodo, la democrazia maggioritaria favorisce moderazione e convergenza al centro. Per inciso, se i democratici americani fossero capaci di scegliere un credibile candidato centrista potrebbero battere — forse senza troppe difficoltà — il presidente uscente. Ma poiché il tema della democrazia maggioritaria non riguarda più l’Italia, tanto vale smettere di occuparsene. Adesso bisogna cercare di cavarsela con ciò che c’è, con ciò che passa il convento. Ci piaccia o non ci piaccia. E allora bisogna dire che una democrazia acefala è una democrazia a rischio e solo la nascita di una formazione politica «centrista» , elettoralmente consistente, può stabilizzarla. Ma — si domanderà qualcuno— perché a rischio? Non è forse la stessa democrazia che dura dal 1948? Sì, ma le condizioni sono cambiate. Non ci sono più i grandi partiti di un tempo, con un fortissimo radicamento sociale, a compensare le debolezze del nostro regime costituzionale. Soprattutto, non ci sono più i potenti sostegni internazionali di cui la democrazia italiana ha per tanto tempo goduto. Siamo entrati in acque turbolentissime (si pensi, ad esempio, ai pericoli connessi alla situazione libica) e la democrazia acefala è una fragile barchetta, non un bastimento solido in grado di fronteggiare le tempeste. Per fortuna — checché ne dicano i professionisti dell’allarme democratico — non è ancora apparso nessuno all’orizzonte che, anziché limitarsi a fare battute più o meno autolesioniste sui «pieni poteri», riesca a prenderseli senza nemmeno fiatare. Il tutto per dire che se la democrazia acefala , con tanto di proporzionale pura, è ciò che passa il convento, allora le serve un partito di centro con forte seguito elettorale. Non è garantito che possa emergere e affermarsi. Inoltre, bisogna ricordare che si tratterebbe solo di fare di necessità virtù. Perché una formazione di centro ha, necessariamente, le sue magagne. Essa è, per definizione, il prezzemolo, indispensabile in qualunque combinazione di governo. Un partito centrista di un qualche peso cambierebbe alleanze di governo (magari anche più di una volta) nel corso di una stessa legislatura sulla base delle sue momentanee convenienze. Darebbe alla democrazia acefala il baricentro che le serve per durare ma al tempo stesso sarebbe il ricettacolo e il motore di ogni trasformismo parlamentare. Un partito di centro sarebbe «condannato» (sic) ad essere sempre al governo insieme a questo o a quello. La storia italiana del XX secolo ci ricorda che chi è inamovibile, chi è sempre al governo, finisce, nel lungo periodo, per mal governare. La sentenza della Corte è l’ultimo atto. Il menu prevede una sola minestra. 17 gennaio 2020, 20:06 - modifica il 17 gennaio 2020 | 20:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA Leggi di più: Corriere della Sera

Nooooo

Puglia, chiesta l'archiviazione per il presidente Michele Emiliano per il caso InnovaPuglia - Il Fatto QuotidianoA sei mesi dalla proroga dell’indagine la Procura di Bari ha chiesto l’archiviazione dell’indagine per abuso d’ufficio a carico del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, relativa alla presunta violazione della legge Severino per l’incarico affidato nel luglio 2017 all’ex sindaco di Bisceglie Francesco Spina come consigliere della società pubblica InnovaPuglia. La notizia è riportata … poteva essere diverso?Sarà mica un caso che Emiliano non perde occasione per ribadire che lui è ancora un Magistrato pur se in aspettativa...Cane non morde Cane... Ovvio.... Dunque la Procura chiede archiviazione per ex magistrato e per di più del PD Tutto ok si archivia Una Procura chiede archiviazione per matteosalvinimi su Gregoretti e invece si va avanti fino alla morte Come x Berlusconi 1 2 4 5 ecc.

Il legno e i pellet inquinano, ma il pericolo vero è altrove - Il Fatto QuotidianoDel malsano accumulo di inquinanti nell’aria si parla ogni inverno, quando nei periodi senza pioggia, neve e vento, le emissioni nocive rimangono intrappolate soprattutto in Pianura Padana, chiusa tra Alpi e Appennini. Ossidi di azoto, monossido di carbonio, polveri fini come le PM10 (dal diametro di 10 micron, ovvero 10 millesimi di millimetro), le PM2.5, … Già

Elezioni suppletive Senato Napoli, il candidato del centrosinistra è il giornalista Sandro Ruotolo - Il Fatto QuotidianoOrmai manca solo l’ufficialità: il centrosinistra della Campania ha trovato la quadra sul nome da presentare alle prossime elezioni suppletive in programma a febbraio per il posto al Senato. Sarà il giornalista Sandro Ruotolo, per anni inviato di Michele Santoro, il candidato di un’ampia coalizione civica che ha come obiettivo il superamento di movimenti, partiti … E adesso so cacchi tui!.. TAAC! moschettopres

Genagricola, il nuovo ad Igor Boccardo: «Il vino è l’attività strategica su cui scommettere»Dopo gli investimenti fatti negli anni scorsi ora si punta alla redditività dei 900 ettari vitati e al mercato italiano

Ex Ilva, prescritto il perito accusato di taroccare i dati - Il Fatto QuotidianoVolete sapere cos’è e cosa comporta la prescrizione? Basta leggere questa storia. Martedì mattina, infatti, la Cassazione ha depositato la prima sentenza di prescrizione sull’inchiesta “Ambiente svenduto”, quella che ha scoperchiato il disastro ambientale e sanitario causato (anche) dall’Ilva a Taranto. La tagliola del tempo ha impedito ai giudici della Suprema Corte di valutare le … Che schifoooo

L’Europa per evitare il nucleare Iraniano - Il Fatto QuotidianoEd eccola qui la vera risposta dell’Iran all’attacco delinquenziale appena subito: l’inizio di una ritirata dall’accordo nucleare del 2015, logica conseguenza del ritiro trumpiano del 2018 e dell’inadempienza europea dei termini dell’accordo stesso. È cominciata così una grande partita, dove disinformazione e crassa ignoranza regneranno sovrane, e dove l’attore cruciale sarà, nell’immediato, l’Unione europea. Ma … meno male che non sono abbonato! arlacchi comunque è garanzia di inattendibilità. sicuramente in Iran la leggeranno con attenzione AHHAHAHAHAHAHAHAHAHA marcotravaglio regime degli ayatollah , regime di delinquenti , speriamo possa presto cadere sotto le bordate USA , visto che la UE antisemita e filo iraniana non muove un dito . dissidentiraniani vivaIsraele



Furti d’auto, ai ladri hi-tech bastano 30 secondi. I modelli più rubati

Governo, Renzi: 'Ho chiesto a Conte un incontro, spero che questo teatrino finisca' - Il Fatto Quotidiano

Cassazione: Rackete ha rispettato dovere di soccorso. Depositate le motivazioni

Coronavirus, 3 casi di contagio in Lombardia: grave un 38enne. DIRETTA | Sky TG24

Coronavirus in Italia, Roberto Burioni: quarantena per chi torna dalla Cina | Sky TG24

La nuova maglia della Nazionale per Euro 2020 | Sky Sport

Coronavirus: sei contagiati nel Lodigiano. Il ministro Speranza: quarantena obbligatoria

Scrivi un Commento

Thank you for your comment.
Please try again later.

Ultime Notizie

Notizia

18 gennaio 2020, sabato Notizia

Notizie precedenti

Perché Biden è il candidato favorito dei democratici

Prossime notizie

Bibì e Bibò - La Stampa
Coronavirus, primo morto in Italia. Nuovi contagi dalla Lombardia al Veneto - Salute & Benessere Coronavirus, nuovo caso di contagio in Veneto: è un 67enne di Dolo - Tgcom24 Coronavirus, 2 treni fermi in stazione per casi sospetti a Lecce e Milano - Tgcom24 Coronavirus, il Comune di Cremona chiude tutte le scuole - Tgcom24 Coronavirus: nuovo positivi, a Cremona - Ultima Ora Coronavirus, test positivi nell'ospedale veneto di Schiavonia - Tgcom24 Coronavirus, negativa donna ricoverata a Piacenza: è collega del 28enne contagiato - Tgcom24 Stuprò turista americana in vacanza a Firenze, carabiniere condannato a 5 anni e mezzo Juventus, perdite a 50,3 milioni nel semestre e ricavi in calo 'Fr... vattene': scritta omofoba sul citofono di Luca Tommassini a Roma Coronavirus, primi casi in Italia: 15 in Lombardia, due in Veneto | Fermati in stazione due treni sospetti - Tgcom24 Brescia-Napoli 1-2, gol e highlights: Insigne e Fabian Ruiz lanciano Gattuso al 6° posto | Sky Sport
Furti d’auto, ai ladri hi-tech bastano 30 secondi. I modelli più rubati Governo, Renzi: 'Ho chiesto a Conte un incontro, spero che questo teatrino finisca' - Il Fatto Quotidiano Cassazione: Rackete ha rispettato dovere di soccorso. Depositate le motivazioni Coronavirus, 3 casi di contagio in Lombardia: grave un 38enne. DIRETTA | Sky TG24 Coronavirus in Italia, Roberto Burioni: quarantena per chi torna dalla Cina | Sky TG24 La nuova maglia della Nazionale per Euro 2020 | Sky Sport Coronavirus: sei contagiati nel Lodigiano. Il ministro Speranza: quarantena obbligatoria La Cassazione: Carola Rackete rispettò il dovere di soccorso Coronavirus in Italia, due contagi in Veneto | Sky TG24 Coronavirus: 14 contagiati in Lombardia, due in Veneto. Speranza: quarantena obbligatoria «Putin sta aiutando Trump a essere rieletto a novembre» I tifosi della Spal avvisano: 'Il Mazza è casa nostra, niente sciarpe della Juve'