Il fidanzato che «fugge» prima delle nozze paga l’abito da sposa inutilizzato

Il fidanzato che «fugge» prima delle nozze paga l’abito da sposa inutilizzato

10/06/2020 12.30.00

Il fidanzato che «fugge» prima delle nozze paga l’abito da sposa inutilizzato

Fare marcia indietro prima del «sì» è un diritto indiscutibile ma, se il ripensamento non ha un giustificato motivo, chi cambia idea sostiene la spesa

2' di letturaIl promesso sposo che fa marcia indietro pochi giorni prima del sì paga l’abito nuziale non utilizzato e le spese sostenute dalla donna “rifiutata”.La Corte di cassazione (sentenza 17506), pur sottolineando che la scelta del matrimonio è libera e incoercibile, ricorda che la rottura della promessa, senza un giustificato motivo, comporta l’obbligo di rimborso. Nel caso esaminato, il “fuggitivo” aveva provato a giustificare il suo ripensamento, prima con l’opposizione di mamma e papà alle nozze, salvo poi spiegare il gran rifiuto con il dubbio che gli era sorto sui reali sentimenti della sua fidanzata, probabilmente interessata solo ai suoi soldi.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

La sentenzaVisualizzaI dubbi sul matrimonio di interesseDenaro che evidentemente l’uomo non spendeva volentieri, visto che trascina la sua ex fiamma in tribunale per non restituirle 3.000 mila euro: il costo del vestito da sposa e piccole altre spese. Pur con il cuore a “pezzi” per la rottura del rapporto, il ricorrente aveva fatto un rapido calcolo e deciso che gli esborsi sostenuti dall’ex erano stati minori.

La Cassazione spiega, però, che il giudizio di legittimità non è la sede più adatta per fare i “conti”. I giudici non credono neppure al fatto che la decisione di rinunciare al giorno più bello fosse stata presa di comune accordo, né che fosse arrivata, venti giorni prima dell’altare. Circostanza non da poco: in tal caso la domanda di risarcimento sarebbe stata intempestiva perché arrivata oltre l’anno previsto. headtopics.com

I giudici danno maggiore credibilità ai testimoni, secondo i quali il cambio di “programma” era stato comunicato solo sei giorni prima della fatidica data e la donna lo aveva subìto. Al ricorrente non resta che pagare: neppure tanto, se è vero che la libertà non ha prezzo.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

E il resto? Meglio pagare l abito che pagare poi l avvocato!! Non resta che pagare se è vero che la libertà non ha prezzo. 😂

Il bonus baby sitter vale anche per i centri estivi, come fare - VanityFair.itC’è il nuovo bonus baby sitter, vale anche per i centri estivi e può essere scaricato dal sito dell’Inps. Si arriva a 1200 euro, ma non si cumula con altri benefici

Giornata mondiale degli oceani: proteggiamo il 30% dei mari entro il 2030WorldOceansDay La Giornata Mondiale degli Oceani voluta dall'Onu è l''Innovazione per un oceano sostenibile'. 😀👍 A Jacques Cousteau in particolare piace questa notizia.

5 modi per abbinare il lilla, il colore di stagioneLa lavanda fiorisce e si fa spazio negli armadi: ecco come abbinare il lilla, il colore pastello dell'estate 2020, in 5 look.

Coronavirus, test sierologici - Il Tar boccia intesa tra Policlinico San Matteo e Diasorin - Il Fatto QuotidianoIl Tar della Lombardia ha annullato l’accordo tra il Policlinico San Matteo di Pavia e la Diasorin sui test sierologici. E’ stato, dunque, accolto il ricorso dell’azienda concorrente TechnoGenetics, rappresentata dallo studio legale Abiosi. Il Tar ha anche disposto la trasmissione degli atti alla Procura della Corte dei Conti poiché, si legge nella sentenza, “la … Altro che camorra

DiaSorin sbarca in Brasile con il test sierologico per il Covid-19La società italiana riceve l’ok dall’Authority brasiliana. Il test ideato e sviluppato a Gerenzano (Varese) ottiene risultati con una sensibilità del 97,4%

Il paradosso dell’oro: il prezzo sale sulle piazze mondiali ma crolla in quelle localiLa quotazione del prezioso metallo, più alta rispetto al periodo pre Covid-19, impoverisce la filiera di 41 milioni di minatori in piccola scala, che rappresentano il 20% della produzione mondiale annua