Risorsa, Disabile

Il 'Dopo di noi'? Non decolla l'indipendenza dei disabili

Il «Dopo di noi»? L’indipendenza dei disabili non decolla

06/07/2019 16.04.00
Risorsa, Disabile, Lombardia

Il «Dopo di noi»? L’indipendenza dei disabili non decolla

La legge è ferma al palo. Anffas: 'Manca un sistema efficace di infrastrutturazione sociale'. Nel 60% delle regioni i progetti non sono mai partiti o sono stati avviati male

EmailQuando le persone con disabilità perdono i genitori, si ritrovano sole, spesso senza più nessuno che si prenda cura di loro. Per questo, in Italia come in molti altri Paesi europei, è nata l’esigenza di dotarci di una legge per aiutare i disabili ad affrontare la vita di fronte al progressivo invecchiamento dei propri cari, sostenendo le famiglie a progettare e realizzare il distacco dai figli quando i genitori sono ancora in vita, attraverso progetti di co-housing assistita con altri disabili e supporto alla domiciliarità per prevenire l’istituzionalizzazione in strutture residenziali. Nel 2016, il Governo Renzi ha realizzato la legge 112 sul «durante e Dopo di noi», concepita proprio per questi obiettivi. La legge favorisce e promuove i principi contenuti nell’articolo 19 della Convenzione Onu sui diritti dei disabili, che sancisce «il diritto di tutte le persone con disabilità a vivere nella società, con la stessa libertà di scelta delle altre persone».

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia» Compie un anno Richard, il bimbo più prematuro di sempre: «Gli davano zero possibilità»

Gli stanziamentiLe risorse stanziate ammontavano a 90 milioni di euro nel 2016, 38,3 milioni di euro nel 2017 e 56,1 milioni per il 2018. La legge di bilancio 2018 ha poi definanziato il Fondo di 5 milioni per ciascun anno del biennio 2018-2019, portandone nei due anni la dotazione a 51,1 milioni di euro. Ma dopo numerose polemiche, le risorse sono state riportate a 56,1 milioni grazie alla legge di bilancio 2019. Come vengono ripartite le risorse? La quota di finanziamento per ogni Regione è calcolata in base al numero della popolazione regionale con grave disabilita, nella fascia di età 18-64 anni. La Lombardia è la prima regione con oltre 8 milioni di euro, seguono Campania con 5 milioni circa e Sicilia con poco più di 4 milioni. Eppure, nonostante gli ingenti stanziamenti dallo Stato, in molte regioni il progetto è fermo al palo.

«Rischiamo un grande spreco di soldi - ha detto Roberto Speziale, presidente di Anffas - I soldi ci sono, ma molte regioni non riescono ad erogarli e il carico della disabilità continua ad essere scaricato sulle famiglie. La maggior parte delle iniziative sono spesso realizzate con il contributo delle stesse famiglie e da parte di alcune fondazioni bancarie particolarmente sensibili al tema. Non si riesce a dare attuazione alla legge perché manca un sistema efficace di infrastrutturazione sociale, non funzionano i distretti, non c’è capacità di avviare le misure previste dalla legge anche per la mancanza di prossimità in molti territori». E soprattutto, ha aggiunto Speziale, «per ottenere le risorse del 2019, le regioni devono dimostrare di aver già utilizzato al meglio le annualità del 2016, ma soltanto il 40 per cento delle regioni ha dato un’attuazione concreta dei progetti di vita indipendente necessari per dare attuazione a questa legge». headtopics.com

Tradotto, significa che nel 60 cento delle regioni i progettisul dopo di non sono mai partiti o sono partiti in malo modo. Sono poche le regioni in cui i previsti progetti risultano almeno abbozzati. Caso virtuoso è la Lombardia, dove sono 614 le persone con disabilità già prese in carico grazie ai contributi della Legge 112. E dove sono stati progettati ex novo o consolidati almeno 50 tra gruppi appartamento, co-abitazioni e percorsi di convivenza. Bene anche l’Emilia Romagna con 1.242 persone prese in carico e il Lazio dove, al momento, sembrerebbero essere 640 le persone che hanno richiesto di avviare un progetto. Bene anche la Toscana, dove sono state prese in carico 507 persone con disabilità, di cui oltre cento sono già andate a vivere da sole in co-housing insieme ad altri disabili e assistenti sociali.

Dati ufficiali su scala nazionale però non esistono, anche perché non è ancora stata presentata al parlamento, da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, la seconda relazione sullo stato di attuazione della legge. Tra le criticità emerse nell’attuazione, il fatto che molte persone, a differenza di quanto previsto originariamente, sono molto giovani e hanno ancora i genitori in buona salute. A sottolinearlo è Giovanni Merlo, direttore della Lega persone con disabilità in Lombardia. «È un’ottima legge ma si corre il rischio che vada verso altre parti, seppur altrettanto importanti, ad esempio verso persone che non hanno una disabilità grave e che non sono adulti bensì molto giovani e che quindi non hanno urgente bisogno».

Una nuova stradaComplessivamente tuttavia, anche se può apparire paradossale, l’utilizzo a rilento delle risorse non è soltanto un segnale di difficoltà. Come sottolinea con più ottimismo Marco Bollani, tecnico fiduciario Anffas e cooperatore sociale di Federsolidarietà Lombardia, «il bicchiere possiamo vederlo quasi mezzo pieno perché la legge di fatto ha aperto una strada nuova ed oggi il sistema era ed è ancora organizzato per orientare e prendere in carico le persone solo all’interno dei servizi. In percorsi di questo tipo la lentezza non è una iattura perché per lavorare bene nella costruzione di percorsi di vita non possiamo essere costretti a correre per riuscire a spendere i soldi in tempo utile».

6 luglio 2019 (modifica il 6 luglio 2019 | 10:33) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Per me 'dopo di noi? Noi' non dovrebbe esistere altro, perchè i noi sono tanti e disponibili, per me esiste una marea di gente che io amo e ringrazio, che vengono da me e mi aiutano un pò. Per il resto del tempo tanti libri e sempre il computer. Una serata in compagnia Mai avuto dubbi, se si volevano aiutare i disabili non mettevano isee nelle pensioni di invalidità, quando fanno una legge x prima cosa dovrebbero parlare con gli interessati x perpararla meglio, la struttura deve esser controllata da tutori dello stato, siamo in Italia......

Nella mia breve esperienza politica locale fu uno dei temi che presi a cuore ma mi scontrai non solo con l'inefficienza ma anche con le lobbie di chi vede il mattone come un centro di costo e non di profitto.

Djokovic ingaggia il croato Ivanisevic e in Serbia scoppia la polemica:Negli anni della guerra dei Balcani chi scrive lavorava in una casa editrice che editava diverse riviste sportive, dal tennis al basket ai motori. Un giorno un famoso cestista serbo - si dice il peccato, non il peccatore - attraversando la redazione di noi tennisti, chiese sibilando: «datemi un poster di Ivanisevic, così lo strappo…». Ivanisevic, come tutti sanno, è croato - e in una intervista apparsa ai tempi del conflitto era stato altrettanto crudo - ma prima del conflitto giocava spesso e volentieri in doppio con il serbo Slobodan Zivojinovic. Le smorfie della storia.Sono passati 25 anni, lo sport è stato fra le medicine più efficaci per curare le terribili cicatrici di un conflitto che la leggenda vuole nato proprio su un campo da calcio. Nel tennis gli atleti della ex Yugoslavia in questi decenni sono stati bravissimi a fare gruppo, a coltivare amicizie che sanno attraversare i confini e ignorare l’odio etnico, e il serbo Novak Djokovic, non fa eccezione; anzi, il numero 1 del mondo si è sempre speso per la causa della tolleranza e dell’amicizia. Anche perché in tantissimi casi i confini attraversano le storia famigliari: la madre di Djokovic ad esempio è croata, e Novak l’anno scorso durante i Mondiali di calcio dichiarò pubblicamente che avrebbe tifato per la Croazia dopo l’eliminazione della Serbia. Ma non tutti in patria lo apprezzano, specie ora che il numero 1 del mondo ha scelto come consigliere tecnico - per il momento per Wimbledon, poi si vedrà… - proprio il croato Ivanisevic. Dalle pagine del giornale filogovernativo Informer l’ex centro della NBA Darko Milicic, nato a Novi Sad (la città natala di Monica Seles, e capitale di una regione, la Voivodina, dove è forte la componente ungherese) ha dichiarato che la scelta di Djokovic «è un insulto per i suoi tifosi che durante la guerra hanno subito aggressioni, espulsioni e perso tanti cari». Milicic non è il solo a Belgrado e dintorni a ritenere che «le manifestazioni di amore per i croati» di Djokovic

The 7 Virtues: i profumi vegani, etici e cruelty-free - Glamour.it‘Fate il profumo, non la guerra’ è il motto del brand 7 Virtues creato nel 2010 da Barb Stegemann, giornalista che si è appassionata al mondo delle fragranze dopo che un caro amico è stato ferito in Afghanistan nel tentativo di aiutare le donne che godono di una libertà estremamente ...

Gli italiani per la linea della fermezza Crollata la fiducia per le non profitIl sondaggio realizzato da Ispos per il Corriere della Sera dopo la vicenda della Sea Watch Che scoperta! Un detto napoletano dice: ralle e dalle ,se spezz pure 'o metallo. Via le ong i migranti arriveranno da soli e saranno invisibili. Ma i nostri magistrati non sono italiani.

Raicom, dopo il braccio di ferro Lega-M5s, Foa lascia il doppio incaricoIl presidente fa un passo indietro, dopo la risoluzione dei Cinque Stelle che chiedevano le dimissioni. E si prospettano altri movimenti in azienda: via Di Bella da Rainews 24?

Francesco Jodice: la mostra 'Il Corsaro Nero e la vendetta del Gavi'Francesco Jodice ha studiato il territorio per un anno. Nelle sue opere fotografia e arte si fondono. L'esposizione prosegue fino al 7 settembre 2019

Biden e l'arte di rialzarsi - La StampaSecondo molti esperti l’ex vicepresidente è il favorito nella corsa alla nomination democratica che sceglierà lo sfidante di Donald Trump. Ma ho imparato molto tempo fa che raramente le campagne politiche si vincono e si perdono a giugno. La ragione per cui credo che Biden possa vincere non sono i sondaggi che lo danno per favorito, ma perché ho visto in prima persona la sua enorme capacità di scavare e scavare in profondità da perdente della politica, e la sua tenacia morale come essere umano e so che la sua capacità di lottare è stata messa alla prova in modi che nessuno di noi avrebbe mai gradito. Quarantotto anni fa, avevo 27 anni ed ero un consulente politico in erba quando l'azienda per cui lavoravo stipulò un contratto con uno sconosciuto consigliere della contea di New Castle impegnato in una sfida apparentemente impossibile per il Senato degli Stati Uniti. Il suo avversario era molto popolare, era in carica da 12 anni e aveva al suo attivo venticinque anni consecutivi come rappresentante del Delaware. Noi eravamo tutti giovani rivoluzionari in lotta contro l'establishment ma nessuno avrebbe scommesso su di lui, tranne la sorella Valéria, 24 anni, che si era registrata come responsabile della campagna. Si scoprì poi che sapevano qualcosa che il gruppo di esperti ignorava: il 7 novembre 1972, Joe Biden fu eletto al Senato con 3.162 voti, prima del suo trentesimo compleanno. Quarantadue giorni dopo, prima di assumere l'incarico, la moglie e la figlia rimasero uccise in un terribile incidente automobilistico, i figli gravemente feriti. Biden voleva ritirarsi dal Senato. La sua vita come l’aveva conosciuta era stata distrutta. Ma non cedette. Ha perseverato e 37 anni dopo era diventato il compagno di squadra, un compagno di viaggio straordinariamente efficace, del presidente Obama, sei anni dopo avrebbe di nuovo sofferto un’immensa perdita personale con la morte del figlio maggiore e omonimo, stroncato da un cancro al cervello. Ancora una volta, per pura forza d