Economia%2Clibia%2Cpetrolio%2Coro%2Cil%20Caso

Greggio più caro per i rischi di guerra. E la paura scatena la corsa all’oro - La Stampa

Greggio più caro per i rischi di guerra. E la paura scatena la corsa all’oro

07/01/2020 09.05.00
Economia%2Clibia%2Cpetrolio%2Coro%2Cil%20Caso

Greggio più caro per i rischi di guerra. E la paura scatena la corsa all’oro

Acquisti record anche per gli altri metalli preziosi: bene platino e argento, il palladio tocca i massimi storici

LUIGI GRASSIAPubblicato il07 Gennaio 2020La paura di guerre in Libia e in Iran (o la speranza, dal punto di vista degli speculatori) fa crescere i prezzi del petrolio, delle materie prime e dell’oro. E secondo gli analisti dell’agenzia Moody’s «un conflitto duraturo rischio di provocare ampi choc economici e finanziari a livello globale», non solo mettendo in forse i rifornimenti energetici e facendone schizzare i costi all’insù, ma anche colpendo di riflesso altri settori, come ad esempio quelli del turismo e del trasporto aereo. Senza contare la finanza: «Un aumento dell’avversione al rischio - osserva Moody’s - sarebbe negativo per gli emittenti di titoli», perché diventerebbero più difficili i collocamenti azionari, e quelli di bond si farebbero più costosi; e se nel mondo le imprese hanno più difficoltà a finanziarsi, la crescita globale rallenta.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

In realtà, per quanto riguarda (in particolare) il rincaro del petrolio, è da verificare che l’attuale tendenza al rialzo si consolidi: è vero che ieri il Wti americano ha fatto +0,35% a 63,27 dollari al barile e il Brent europeo +0,50% a 68,93, ma per molti anni i prezzi dell’energia sono rimasti bassi e indifferenti ai massacri in Iraq e in Libia (oltre che alla guerra in Ucraina, terra di transito del gas russo). D’altra parte, stavolta c’è la percezione che i rischi siano maggiori: se si combatte nel Golfo Persico fra americani e iraniani non viene coinvolto solo il petrolio dell’Iran, ma possono essere bloccate anche l’estrazione e l’importazione di tutti gli altri produttori locali: Iraq, Kuwait, Qatar, Emirati e Arabia Saudita. Nel passato recente lo «shale oil», il petrolio di scisto americano, saturava il mercato globale, ma se le cose si mettono al peggio stavolta lo shale oil potrebbe non bastare.

Per le materie prime non energetiche il discorso è più complesso. Di regola, le guerre ostacolano i commerci internazionali, e questo potrebbe giustificare l’accaparramento preventivo di materie prime, per giustificata prudenza o per speculazione; però il Golfo Persico non produce materie prime importanti a parte petrolio e gas, né tali prodotti transitano per quelle acque; quindi non si vedono ragioni serie per far temere nel mondo una carenza di ferro, alluminio, rame eccetera; anzi, se le guerre in Medio Oriente provocassero un rallentamento dell’economia globale, la domanda di materie prime calerebbe. headtopics.com

Ci sono però eccezioni, cioè quei metalli che hanno la duplice funzione di materie prime industriali e di beni rifugio, cioè l’oro, l’argento, il platino e il palladio. E infatti qui le pressioni al rialzo si avvertono. A Londra (mercato che fa da riferimento in tutta Europa) il palladio ha toccato i 1977 dollari l’oncia, record storico assoluto. Il platino ha superato i 1000 dollari per oncia. L’argento è cresciuto a 18,48 dollari l’oncia. E l’oro ha rivisto nel finale i massimi da aprile 2013 a 1573 dollari l’oncia (ma con uno spunto a 1588,13). La spiegazione è facile. Nel mondo, parecchi indici azionari (anche se non quelli italiani) sono ai massimi storici, e adesso il rischio di una guerra nel Golf

o e di rallentamento o di crisi dell’economia globale rende più probabile un calo di quegli indici, anziché una loro crescita ulteriore (ieri le principali piazze finanziarie europee hanno chiuso in rosso). D’altra parte, se un investitore prova a rivolgersi alle obbligazioni, scopre che quelle di nuova emissione rendono poco o offrono addirittura rendimenti negativi. Perciò avrà la tentazione di parcheggiare una parte significativa dei suoi soldi nell’oro.

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

L'oramai penoso MENTANA dovrebbe saperlo: 'PRIMA DI APRIRE BOCCA, RICORDARSI DI ATTIVARE IL CERVELLO' Ecco come dicendo delle MINKIATE i giornalisti mettono a rischio la vita dei soldati italiani, istigando ODIO nelle menti bacate di pazzi

Inglese e dialetto, la lingua ibrida dei ragazzi torinesi - La StampaUno studio dell’Università svela i cambiamenti del linguaggio in città: abbondano i pronomi relativi, il termine “dove” ha un valore temporale. Non ce la fate a dire che la gente è ignorante e non sa più l’italia o? No, dobbiamo dire che è la “trasformazione” della lingua

Londra anticipa la Brexit: si smarca dall’Ue e appoggia Trump sull’Iran - La StampaIl segretario di Stato agli Esteri britannico, Dominic Raab: «Soleimani era una minaccia, gli americani hanno il diritto all’autodifesa». mandaci i tuoi soldati allora e non rompete il cazzo al resto d'Europa A elimare terroristi siamo tutti d'accordo.... A mettere a rischio a la pace mondiale con azioni irrazionali e non condivise con gli alleati ci giochiamo il futuro ai dadi La facciano in casa propria! E nessuno ha chiesto l'opinione degli inglesi!

Iran-Usa, Francesco: “La guerra porta morte e distruzione, mantenere l’autocontrollo” - La StampaAppello del Papa durante l’Angelus della prima domenica del 2020: «Tenere accesa la fiamma del dialogo e scongiurare l’ombra dell’inimicizia». Chiamala 'INAMICIZIA'! Scelta linguistica un po morbida! Morte e distruzione saziano certe anime!

Pazzini e Stepinski stendono la Spal, colpo del Verona a Ferrara - La StampaI padroni di casa in dieci dal 38’ per l’espulsione di Tomovic. Gli scaligeri salgono al nono posto in classifica

Calcio, la Biellese femminile si arrende al Como capolista - La StampaNulla da fare contro la capolista per la Biellese. Il Como passa 4-1 al «La Marmora», messo a disposizione dal Comune di Biella per il big match, e resta saldamente al comando della serie C di calcio femminile. La Biellese ha provato a resistere alle lariane che si sono dimostrate superiori sul piano fisico e su quello atletico rispetto alle viola. Como in vantaggio al 20’ del primo tempo con il gol di Giorgia Pellegrini e poi al 34’ il raddoppio con l’eurogol di Vivirito. Cinque minuti dopo la Biellese riapre il match con la rete di Lavarone lanciata da Gennari. Nella ripresa le padrone di casa ci provano ancora con Lavarone che però non trova il guizzo giusto per il pareggio. Poi è solo Como. Al 19’ Ferrario si libera benissimo in area ma il suo tiro si stampa sulla traversa. Al 27’ rigore per le lariane con Pellegrini che dal dischetto batte Pedrazzo e infine al 50’ sempre la numero 9 segna la sua terza rete, la quarta e ultima marcatura di giornata. Terreno di gioco in buone condizioni e pubblico oltre le 300 unità, che ha risposto benissimo all’appello della squadra di calcio in rosa della città.

Bear Wool Volley, argento per la formazione Under 16 del Bonprix - La StampaIn un crescendo di emozioni e davanti ad un pubblico in continuo aumento (fino alle quasi 4.000 mila persone delle ultime sfide) si sono disputate al PalaForum le finali dell’edizione numero 16 del Bear Wool Volley, il torneo internazionale giovanile a cui si sono iscritte 115 squadre (di cui otto della categoria Special Olympics). Il risultato migliore per le società biellesi lo conquista il Bonprix TeamVolley, sconfitto nella finale Under 16 dall’Alba Volley per 2-0. Coach Marco Busancano ha schierato Lorenzon in palleggio con Bognetti opposta; Zatta e Levis in banda, Gaia Fornasier e Caramori centrali, Ippolito libero. Tabellino Bonprix: Lorenzon 4, Bognetti 2, Zatta 8, Levis 3, Gaia Fornasier 2, Caramori 2, Ippolito L1, Moschin n.e, Pastorato n.e, Azzalin n.e, Durando 0, Fantini n.e. All. Busancano. Nell’Under 18, nel derby per il terzo posto, prevale Casa.it Virtus, a segno per 2-0 (parziali a 14 e 22) sull’Ysla.it TeamVolley. Coach Valentina D’Ettorre manda in campo Venco in palleggio con diagonale Cisilino, Walther e Ilaria Anello in banda; Letizia Anello e Santoro al centro, con libero Mainini. Dall’altra parte l’allenatore del TeamVolley Preziosa Biassoli ha schierato Biassoli in palleggio con Beatrice Biasin opposta; in banda Balzano e Loro Piana, centrali Perissinotto e Rachele Melotti, liberi alternati con Fantini e Angelillo. Tabellino Casa.it Virtus: Venco 3, Cisilino 2, Walther 10, Ilaria Anello 10, Letizia Anello 6, Santoro 1, Mainini L1, Graziola n.e, Raseni n.e., Oppezzo n.e., Vercellino n.e. Tabellino Ysla.it TeamVolley: Biassoli 0, Loro Piana 3, Melotti Rachele 2, Biasin Beatrice 2, Balzano 11, Perissinotto 2, Angelillo L1, Fornasier Lisa n.e, Fantini L2, Melotti Rebecca n.3, Corso n.e, Biasin Carlotta n.e, Salgarella n.e. All. Preziosa.