Cinque finali da brivido per il nostro universo

17/01/2022 05.45.00
Cinque finali da brivido per il nostro universo

Dalla collisione all'oscurità assoluta all'eterno rimbalzo: le ipotesi (scientifiche) sull'Apocalisse

Dalla collisione all'oscurità assoluta all'eterno rimbalzo: le ipotesi (scientifiche) sull'Apocalisse

Dalla collisione all'oscurità assoluta all'eterno rimbalzo: le ipotesi (scientifiche) sull'Apocalisse

Primo motivo per leggere il libro di Katie Mack, astrofisica teorica e cosmologa, La fine di tutto (Dal punto di vista astrofisico) (Neri Pozza): raccontandoci «I cinque modi in cui l'universo può finire», Mack affronta questioni in grado di distrarci, almeno un po', dai nostri problemini quotidiani, tipo dove trovare la farmacia per fare il tampone zero (e poi il cinque, e poi quello di fine quarantena...) al figlio, come evitare che le mascherine Ffp2 ci stacchino le orecchie, come interpretare lo «schema riassuntivo della gestione dei casi a scuola» (roba che neanche sulle lavagne dei colleghi di Mack a Cambridge) o capire se il nostro ciclo vaccinale sia «completo» (definizione articolata su più punti, alcuni cervellotici). Mack si interroga su cose come «il destino dell'intero universo», si spinge su quel terreno di ricerca che, benché la scienza voglia ben distinguersi dalla religione, si chiama escatologico e, quindi, lascia intravedere la domanda radicale: che senso ha tutto questo, e la mia vita in tutto questo? Dobbiamo continuare a portare fuori la spazzatura al giovedì se l'universo è destinato un giorno a morire? Devo rimuginare sul falso negativo se dopodomani mi crolla il mondo in testa?

Leggi di più: ilGiornale »

Elezioni, le regole per il deposito dei simboli al Viminale - Italia

Da venerdi' a domenica, scadenze in pieno agosto in funzione del voto del 25 settembre (ANSA) Leggi di più >>

giusta precisazione dicendo le ipotesi visto che di fatto nessuno sa veramente cosa sia l universo pianeti e stelle visto che dubito qualcuno abbia toccato con mano

Dalla madre all'avvocata, le donne dalla parte di Patrick Zaki - iO DonnaUn gruppo determinatissimo di donne si è battuto per la liberazione dello studente egiziano: la madre, la sorella, la fidanzata, l'avvocata... Le abbiamo incontrate

Juve, è Euro-rottura: dalla Champions all'addio di Dybala

Juve, è Euro-rottura: dalla Champions all'addio di DybalaI bianconeri agganciano il quarto posto dopo una lunga rincorsa, ma con l'argentino la frattura è insanabile L'addio di dybala ve lo state inventando...giornalai siete ridicoli Dove andrà il nuovo Messi?!

La nostra volontà di potenza messa alla prova dalla pandemiaAlcuni dei più scottanti problemi della cultura moderna sono in gran parte riconducibili a questa sorta di ipertrofia dell’io, un io disposto a riconoscere soltanto ciò che esso stesso costantemente “pone” e costantemente “oltrepassa"

Dino Zoff: «Uscivo all’alba dalla discoteca, tutti andavano al lavoro: che vergogna»

Dino Zoff: «Uscivo all’alba dalla discoteca, tutti andavano al lavoro: che vergogna»Il telegramma di Pertini («Si scusò per l’errore a scopone»), il bacio a Bearzot, le notti in discoteca. Il 28 febbraio compirà 80 anni: «Il regalo me lo devono fare gli Azzurri: andiamo al Mondiale, siamo l’Italia» io Zoff, a ballare, non ce lo vedo proprio. Un mito. È vero che vergogna, intanto mentre tutti andavano al lavoro tu te la spassavi altro che palle. 7Corriere carlitospass La fortuna non esiste vero?

Dalla Spagna: il Barcellona rinuncia a Morata, resta alla Juventus

Dalla Spagna: il Barcellona rinuncia a Morata, resta alla JuventusL'Atletico Madrid vuole monetizzare, i bianconeri non hanno il sostituto: Alvaro non si muoverà a gennaio Mica sono fessi a Barcellona Ma non era fatta? “Già in settimana”! 🤣 morata appena ha saputo che rimarrà alla Juventus

Eruzione potentissima del vulcano sottomarino, tsunami a Tonga: 'Allontanatevi dalla costa e dai porti'

Eruzione potentissima del vulcano sottomarino, tsunami a Tonga: 'Allontanatevi dalla costa e dai porti'Tsunami a Tonga (e allarme tsunami in un'ampia area del Pacifico) a seguito dell'eruzione del vulcano sottomarino: onde anomale alte circa 1,2 metri Saranno onde alte 12 metri no 1.2

1 Primo motivo per leggere il libro di Katie Mack, astrofisica teorica e cosmologa, La fine di tutto (Dal punto di vista astrofisico) (Neri Pozza): raccontandoci «I cinque modi in cui l'universo può finire», Mack affronta questioni in grado di distrarci, almeno un po', dai nostri problemini quotidiani, tipo dove trovare la farmacia per fare il tampone zero (e poi il cinque, e poi quello di fine quarantena.Patrick Zaki più vicino alla cittadinanza italiana: sì anche alla Camera Zaki libero, l’abbraccio della mamma «Di notte non riesco a dormire pensando a quello che deve aver passato..mondo e consigli per questo un atteggiamento, non dico più umile, ma almeno più conciliante nei suoi confronti.

.. Da Facebook Patrick con sua mamma «Patrick e io siamo molto legati l’uno all’altro.) al figlio, come evitare che le mascherine Ffp2 ci stacchino le orecchie, come interpretare lo «schema riassuntivo della gestione dei casi a scuola» (roba che neanche sulle lavagne dei colleghi di Mack a Cambridge) o capire se il nostro ciclo vaccinale sia «completo» (definizione articolata su più punti, alcuni cervellotici). Dybala dall'altra, l'uomo della provvidenza - suo il gol decisivo all'Udinese -, ma anche il campione che divide e, oggi sembra certo, da cui dividersi. Mack si interroga su cose come «il destino dell'intero universo», si spinge su quel terreno di ricerca che, benché la scienza voglia ben distinguersi dalla religione, si chiama escatologico e, quindi, lascia intravedere la domanda radicale: che senso ha tutto questo, e la mia vita in tutto questo? Dobbiamo continuare a portare fuori la spazzatura al giovedì se l'universo è destinato un giorno a morire? Devo rimuginare sul falso negativo se dopodomani mi crolla il mondo in testa? Secondo motivo: La fine di tutto è molto divertente. Con lui ho imparato a essere madre » ci ha raccontato. Gli scenari, catastrofici, sono da film di fantascienza, e Mack ricorre spesso all'umorismo, oltre a mostrarci il lato affascinante dell'Apocalisse.

Perché questo è: la fine di tutto ci sarà. Leggi anche › La sorella e le amiche, chi c’è sempre stato Al suo fianco in tutti questi mesi, Marise, sorella minore di Patrick. La Juve, per quel che può, tira invece dritta. Si tratta solo di vedere come, e Mack ci guida nei cinque percorsi ritenuti più probabili e/o interessanti al momento, perché anche le teorie sull'Apocalisse mutano, e seguono le mode. Ci racconta anche quali siano gli strumenti più all'avanguardia che abbiamo, o stiamo sviluppando, per queste ricerche. « Ora voglio prendermi una pausa » ha detto pochi minuti prima di riabbracciare il fratello. Comunque si può stare sereni: secondo i calcoli di Mack e sodali, gli esiti sono lontani almeno qualche miliardo di anni (imprevisti a parte, altrimenti torneremmo subito a concentrarci sui tamponi). Non si tratta solo di una questione economica, che pure è importante, perché la richiesta della Joya è alta, forse troppo nel calcio di questi tempi. BIG CRUNCH L'universo si espande, dai tempi del Big Bang, come se avesse messo in atto un distanziamento galattico preventivo: «Qualsiasi punto dell'universo è il centro di quello che sembra essere una repulsione poderosa e uniforme. Ed è stata tra le prime ad annunciare la buona notizia.

.. E ora, ogni tanto, riesce anche a bersi un caffè in santa pace con suo fratello da Starbucks al Cairo, come facevano prima dell’arresto. A volte da campionissimo, altre da eterno incompiuto. Dalla nostra prospettiva, tutte le galassie più distanti delle nostre vicine più strette stanno fuggendo da noi il più velocemente possibile». Non perché non si fidino, o siamo antipatici: «È la cosmologia». Per la seconda volta Tra le amiche più strette di Patrick, c’è Yousra, una seconda sorella, una delle amiche più care. La domanda è: «Questa espansione continuerà indefinitamente o a un certo punto finirà, si invertirà e farà scontrare tutto?». E allora non è difficile capire né la decisione della Juve di rimandare i discorsi a più tardi e non complesso comprendere il motivo per cui Dybala ora segni senza Joya, gettando occhiatacce verso la tribuna dei dirigenti e pensando che, sì, forse è il momento di cambiare aria.

Questo è il Big Crunch: la fine dell'espansione, l'innesto di una potente retromarcia - la «contrazione» degli addominali spaziali - e, infine, il collasso dell'universo su sé stesso. Anche lei classe 1990, pochi istanti prima della liberazione dell’amico “Patricoo”, ora ride e scherza davanti a un caffè e una fetta di torta. Rovina totale: scontri fra stelle e buchi neri, sistemi stellari scagliati nello spazio, getti giganteschi di particelle e radiazioni e, poi, la distruzione delle stelle stesse «e di ogni forma di vita planetaria eventualmente sopravvissuta» (per qualcuno, l'universo potrebbe rimbalzare dal Crunch a un nuovo Big Bang, ma che sopravviva qualcosa è tutto da stabilire). Gli scienziati però hanno trovato le prove che l'espansione non si sta affatto fermando, anzi: prosegue imperterrita. « Patrick è sempre stato una persona molto empatica » spiega. Nella notte in cui la Juve rialza la testa grazie all'uomo cui ha voluto farla abbassare e al suo campione a intermittenza. Ecco perché si passa al finale numero due. MORTE TERMICA Si chiama «termica», ma le fiamme dell'inferno non c'entrano. Non è per niente fashion.

Anzi. Nella sua espansione infinita, l'universo perirà in una lenta agonia di freddo, buio e solitudine. Patrick libero con la sorella (in basso), la fidanzata (a sinistra) e l’amica Yousra. «Termico» si riferisce «al moto disordinato di particelle o di energia»: la conseguenza dell'espansione indefinita dell'universo e della seconda legge della termodinamica è che, alla fine, sarà «il disordine a ucciderci». La famosa entropia. Alcune galassie andranno perse, la nostra stessa galassia sarà sempre più isolata e, infine, «ogni nuova supergalassia morente sarà completamente sola».

Nel corso di migliaia di miliardi di anni, le stelle svaniranno nell'oscurità, i buchi neri evaporeranno, le particelle decadranno. Anche il tempo cesserà: quando si giungerà alla massima entropia, non potrà più «succedere niente». Tranne, forse, la nascita di un altro universo...

BIG RIP L'immagine evoca, come Jack the Ripper, o come Cioran (dipende se siete più truculenti o più esistenziali), uno «squartamento» dell'universo, una lacerazione nell'espansione senza freni. Colpa dell'energia oscura, che causerebbe un'apocalisse «improvvisa e violenta», che «potrebbe strappare il tessuto stesso della realtà, lasciando senza scampo tutte le creature pensanti nel cosmo». Vi sembra eccessivo? È una delle ipotesi favorite dagli scienziati, benché l'energia oscura sia ancora, come suggerisce il nome, assai misteriosa (molto più della materia omonima). Le componenti planetarie inizieranno a disfarsi, le stelle a mutare le loro orbite fino a scomparire, le galassie a evaporare, finché tutto esploderà perché non riuscirà più a stare unito: perfino le molecole e ogni essere saranno strappati «atomo per atomo dall'interno». Il tessuto stesso dello spazio sarà strappato definitivamente.

Il Big Rip non dovrebbe essere impellente ma, dato che qualche misurazione fondamentale ci sfugge, potrebbe in realtà accadere subito. DECADIMENTO NEL VUOTO Ci sarebbe un piccolo «difetto di fabbricazione nel tessuto stesso del cosmo» che potrebbe mandare tutto all'aria «in qualsiasi momento». Qual è il problema? L'«instabilità intrinseca» del sistema e, in particolare, del campo di Higgs (quello del bosone): è grazie a lui - e al valore detto «vuoto di Higgs» - se il mondo delle particelle si trova in perfetto equilibrio e abbiamo un corpo ma, purtroppo, quel vuoto è «falso»; cioè, ce ne sarebbe uno migliore e, se l'universo lo scoprisse, correrebbe subito verso il «vuoto vero». Una bolla quantistica di vuoto vero inizierebbe ad espandersi e a travolgere ogni cosa, come un masso che causi una frana inarrestabile: «Rapido, pulito, indolore e capace di distruggere assolutamente ogni cosa». L'effimero portato all'ennesima potenza.

RIMBALZO È la teoria più stramba e divertente e, soprattutto, ha le sue probabilità (uno scienziato come Roger Penrose ne sostiene una versione). Si parla di «scenario ecpirotico», parola di origine greca che evoca una «conflagrazione», ovvero «una spettacolare collisione tra due brane tridimensionali adiacenti, una delle quali contiene quello che più tardi diventerà il nostro intero cosmo». Dopo l'incontro/scontro, le due brane vanno ognuna per conto proprio, dando vita a universi differenti, fino a che si riavvicinano, come un improvviso battito di mani cosmico e, a quel punto, si ricomincia, in un eterno rimbalzo di avvicinamenti, allontanamenti, nascite di universi, riavvicinamenti e distruzione. Vi ricorda Nietzsche? Già. In più, con «l'allettante possibilità che l'informazione possa trasmettersi da un ciclo all'altro».

Se ne potrebbe addirittura trovare la prova, nelle «onde gravitazionali primordiali». In questa «giostra cosmica», il Big Bang capita, e ricapita. Insomma è finita ma, forse, non proprio del tutto. Tag .