Campionesse nello sport, ma anche gelataie per un giorno

«I peccati di Fede» a base di yogurt naturale variegato con coulis di lamponi, croccante di pistacchio e scaglie di cioccolato fondente è uno dei nuovi gusti gourmet della gelateria Ivana di Pont-Saint-Martin e a crearlo non.

06/06/2020 08.21.00

«I peccati di Fede» a base di yogurt naturale variegato con coulis di lamponi, croccante di pistacchio e scaglie di cioccolato fondente è uno dei nuovi gusti gourmet della gelateria Ivana di Pont-Saint-Martin e a crearlo non.

AOSTA. «I peccati di Fede» a base di yogurt naturale variegato con coulis di lamponi, croccante di pistacchio e scaglie di cioccolato fondente è uno dei nuovi gusti gourmet della gelateria Ivana di Pont-Saint-Martin e a crearlo non è stato Christian Bordet, maestro gelataio, ma una delle atlete più amate in Valle d’Aosta, la sciatrice Federica Brignone. La creazione dell’originale gusto rientra nel progetto «Un giorno da gelatiere», ideato da Bordet. «Sono anche uno sportivo - spiega Bordet - e volevo diffondere il concetto che il gelato, se artigianale e fatto con ingredienti di qualità, è un alimento sano, abitualmente consumato dagli sportivi. Ho così contattato alcuni atleti amanti del gelato che hanno trascorso una giornata nel mio laboratorio, creando gusti nuovi che proporrò nel menù». Un’altra atleta amante del gelato che ha accettato con entusiasmo la sfida è la biatleta Nicole Gontier. Suo «A gusto mio», gelato alla ricotta vaccina variegato con marmellata di fichi, croccante alle nocciole e crumble al cacao. All’appello non poteva mancare la triatleta Charlotte Bonin con Tridelizia, cioccolato bianco variegato con coulis di lampone e crumble al cacao. Infine la fondista Elisa Brocard ha creato «Mango per sogno» cioccolato fondente, variegato con coulis di mango e pistacchi sabbiati. «Le atlete si sono divertite - aggiunge Bordet - erano curiose di apprendere come si produce il gelato, uno dei pochi dolci che un atleta può consumare senza problemi. Un gelato non si crea mescolando degli ingredienti, ma occorre un lavoro di bilanciatura per fare in modo che il gusto sia equilibrato». Il progetto continua perché altri atleti, consumatori di gelato, saranno contattati per provare l’esperienza di essere gelatai per un giorno e creare un nuovo gusto. E come per i primi quattro, gli atleti, muniti di grembiule da gelatiere, saranno invitati nel laboratorio della gelateria e qui parteciperanno a una lezione pratica, per poi creare, con l'aiuto di Bordet, il loro

Charlotte Bonin in gelateriaPubblicato il06 Giugno 2020AOSTA. «I peccati di Fede» a base di yogurt naturale variegato con coulis di lamponi, croccante di pistacchio e scaglie di cioccolato fondente è uno dei nuovi gusti gourmet della gelateria Ivana di Pont-Saint-Martin e a crearlo non è stato Christian Bordet, maestro gelataio, ma una delle atlete più amate in Valle d’Aosta,

Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Pd: Letta, a Bologna la festa nazionale dell'Unità - Politica Bari, è gravissimo il quadro clinico del 54enne in Rianimazione: ischemia dopo il vaccino J&J - Il Fatto Quotidiano

la sciatrice Federica Brignone.La creazione dell’originale gusto rientra nel progetto «Un giorno da gelatiere», ideato da Bordet.«Sono anche uno sportivo - spiega Bordet - e volevo diffondere il concetto che il gelato, se artigianale e fatto con ingredienti di qualità,

è un alimento sano, abitualmente consumato dagli sportivi. Ho così contattato alcuni atleti amanti del gelato che hanno trascorso una giornata nel mio laboratorio, creando gusti nuovi che proporrò nel menù». Un’altra atleta amante del gelato che ha accettato con entusiasmo la sfida è la headtopics.com

biatleta Nicole Gontier.Suo «A gusto mio», gelato alla ricotta vaccina variegato con marmellata di fichi, croccante alle nocciole e crumble al cacao. All’appello non poteva mancare la triatletaCharlotte Bonincon Tridelizia, cioccolato bianco variegato con coulis di lampone e crumble al cacao.

Infine la fondista Elisa Brocardha creato «Mango per sogno» cioccolato fondente, variegato con coulis di mango e pistacchi sabbiati. «Le atlete si sono divertite - aggiunge Bordet - erano curiose di apprendere come si produce il gelato, uno dei pochi dolci che un atleta può consumare senza problemi. Un gelato non si crea mescolando degli ingredienti, ma occorre un lavoro di bilanciatura per fare in modo che il gusto sia equilibrato».

Il progetto continua perché altri atleti, consumatori di gelato, saranno contattati per provare l’esperienza di essere gelatai per un giorno e creare un nuovo gusto.E come per i primi quattro, gli atleti, muniti di grembiule da gelatiere, saranno invitati nel laboratorio della gelateria e qui parteciperanno a una lezione pratica, per poi creare, con l'aiuto di Bordet, il loro gusto. I tratti distintivi di questa storica gelateria, a conduzione familiare, nata nel 1979, sono la professionalità, la produzione giornaliera di gelato artigianale, con l'utilizzo di materie prime naturali, (senza aromi, semilavorati industriali, coloranti, conservanti) latte biologico a chilometro zero, panna fresca e vera frutta. «La mia è una passione - conclude Bordet - e in quanto tale prevede un miglioramento costante, attraverso corsi e consulenze di alto livello, cui abbino tanta fantasia per creare gusti, abbinamenti sfiziosi ed eventi per promuovere il tutto. In questo modo abbino la tradizione alle mode. Far conoscere il vero gelato artigianale di qualità è l'arduo obbiettivo per il futuro.

Fare crescere la capacità di giudicare la qualità del gelato, favorirebbe il livello qualitativo del settore: il vero gelato artigianale, naturale realizzato da materie prime di qualità, non teme confronti anzi, li ricerca.Noi offriamo una tradizione consolidata, prodotti di qualità, quando è possibile del territorio. Se di lontana provenienza, come i pistacchi o le nocciole, da zone certificate, della Sicilia e del Piemonte». headtopics.com

Alberto Sordi, nuovo omaggio a 'Il marchese del Grillo': il murale nel quartiere di Roma Garbatella M5s, voto e partecipazione online saranno gestiti da due piattaforme diverse Covid, zero casi a Codogno. Il sindaco: 'Passo verso normalità'

Nonostante l’età, 41 anni, la gelateria di Ivana Badery di Pont-Saint-Martin, superando i periodi di crisi, continua nella sua avventura.Unico cambiamento, il passaggio generazionale della gestione al figlio di Ivana, Christian, che ha portato alcune novità: la pubblicità sui social, l’apertura serale prolungata, l’allestimento del dehor, alcune feste dedicate e corsi di gelati per le scuole. —

Leggi di più: La Stampa »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Rientro a scuola, Azzolina: «Si pensa al plexiglass tra i banchi»al posto delle mascherine per mantenere la socialità e garantire gli studenti disabili, ma anche Ma porcoddio Qualcuno le tolga internet Ma è mai possibile che se pensano a qualcosa, pensano a una cazzata?!?! Azzolina non pensare, non fa per te

Sorpresa negli Usa: a maggio la disoccupazione scende al 13,3%, Trump esulta: la più grande rimonta di sempreIl presidente americano: «Oggi un grande giorno per George Floyd» Chissà perché adesso....? Il 13,3 % è il suo attuale gradimento in America visto i danni che sta facendo Sto leggendo forum e testate americane: pare che Trump abbia appositamente conteggiato tra i nuovi posti di lavoro, i lavoratori rientrati dopo il lockdown...

Jessica Alba preoccupata per i suoi tre bambini: «Sono di colore e messicani, temo per loro»Teme che l'ondata razzista possa un giorno coinvolgere anche i suoi tre figli Haven Garner, Honor Marie e Hayes Alba

Rughe uomo e donna: invecchiamento femminile e maschile a confrontoPer capire se le rughe uomo non solo siano più affascinanti, ma anche meno di quelle femminili abbiamo chiesto a alla fondatrice di Bakel Raffaella Gregoris

Bond, guadagnare fino al 5% con valute ed emissioni «infinite»Peso messicano, rupie, ma anche i perpetual di Vw e il subordinato di Intesa: diversificare rischiando un po’

L’inestimabile valore economico di un (nuovo) bosco - VanityFair.itUn bosco è una risorsa non solo ambientale, ma anche sociale ed economica. Nella Giornata dell'Ambiente vogliamo capire che cosa questo significhi davvero