Blog | Maternità, nelle storie di Emma e Violette il 'rumore' della rinascita

Blog | Maternità, nelle storie di Emma e Violette il 'rumore' della rinascita

26/09/2021 20.14.00

Blog | Maternità, nelle storie di Emma e Violette il 'rumore' della rinascita

Emma e Violette. Storie di donne e di madri che a Milano, o in un cimitero della Borgogna, rinascono da mucchi di cenere.

Rossella Canevari, giornalista e autrice televisiva, è alla sua quinta pubblicazione. L’opera, attraverso il circuito di BookaBook, è progetto che coinvolge sin dalle sue primissime fasi i lettori, i quali adottano una storia e, infine, la portano sugli scaffali delle librerie.

Palermo, Harrison Ford perde la carta di credito. Gliela restituisce il figlio del giudice Borsellino Energia nucleare, la presidente della Commissione Von der Leyen: 'Ne abbiamo bisogno'. Giorgetti: 'Iniziare a discuterne' - Il Fatto Quotidiano Palermo, Harrison Ford perde la carta di credito in spiaggia: e a restituirgliela è il figlio del giudice Borsellino

Si può senz’altro dire che questo sia un libro con molti padri. Il tema è, del resto, quello della maternità, declinata in un’accezione densa e moderna.“La bambina del freddo”si propone da subito come una finestra su uno spaccato di domande, destinate a non trovare risposte, né univoche né preconfezionate.

Al centro della storia c’è Emma, una donna di questi tempi che fa la caporedattrice in un giornale milanese, malgrado l’uso del maschile che la costringe a essere un caporedattore al quarto mese di gravidanza. Con un contratto da precaria che ha voluto e per cui ha abbandonato un lavoro stabile, un divorzio alle spalle e una relazione difficile con la madre. headtopics.com

Dallo sfondo irrompe, sin dall’incipit, il suo desiderio di avere un figlio. Quell’urgenza che ha già contribuito al fallimento del suo matrimonio con Fredi, man mano, si prende la scena e la vita stessa di Emma. Il passaggio è in chiaroscuro, all’inizio del romanzo: la protagonista smette di aspettare l’uomo giusto, smette di desiderare e comincia a volere. È così che la maternità arriva dalla scienza e da un viaggio a Praga, nella clinica della dottoressa Lambi.

Sul tema della fecondazione assistita gravano, pesantissime, tutte le ombre di un Paese fortemente cattolico: come per l’aborto, così l’eterologa è pratica malvista, intesa né più né meno come una manipolazione, contro natura.

Quello dei diritti delle donne, lo sappiamo bene, è terreno di scontri lontanissimi dall’essere sopiti. “È da circa sedici settimane che fluttuo nella tua pancia e inizio a sentirmi solida”:la bimba che Emma porta in grembo è il primo personaggio che il lettore si trova dinanzi.

“È una sensazione strana, devo capire se mi piace. In qualche modo la solidità mi impone di essere presente a me stessa. Ultimamente mi si sono formate delle piccole braccia e le gambe: prima galleggiavo nella placenta mossa dalla forza del pensiero, ora i movimenti sono lenti e dipendono dalla potenza di queste appendici che faccio fatica a controllare. Qui dentro però è tutto così rassicurante” headtopics.com

Squid game: bambini in pericolo? Gaffe del governo per i 100 anni del Milite Ignoto, poi le scuse 'Ci saranno provvedimenti' - Cronaca Il Lussemburgo legalizzerà il consumo, la produzione e il commercio della cannabis per tutti i maggiorenni. È il primo Paese in Europa

.Ci sono, sparsi e riconoscibilissimi in oltre 250 pagine, i molti ingredienti del giallo. C’è intanto quella lettera, inquietante e anomala, in cui la piccola Alice parla alla mamma da dentro al suo paese delle meraviglie; c’è un’atmosfera rarefatta che catapulta la donna in una dimensione incerta, tra il sogno e l’allucinazione.

Il ritmo è quello di unthriller psicologico, l’opera ne ha i toni ma si fa presto a capire che proverà ad andare oltre, finendo per indagare sentimenti e relazioni. Nessuna anticipazione in questa sede è ammessa, chi legge farà bene ad aspettarsi scenari imprevisti e finali sorprendenti.

È chiaro, però, che tutto il lavoro di Rossella Canevari affonda radici in una citazione impegnativa:“Lettera a un bambino mai nato”. Oriana Fallaci è qui, è tornata tra queste pagine nuove e ci interroga, uomini e donne. La narrazione prova a staccarsi e dopo un po’ ci riesce; taglia quel cordone ombelicale, per non lasciarsi affondare, per vivere nel presente. E ci porge una storia nuova, la storia di Emma e di tante donne come lei.

A dettare tutte le domande che affollano la mente della protagonista sono le paure stesse. Pare di avere dinanzi una cortina che riflette, da cui riesce a trasparire il fondo:è d’amore che si ragiona.L’amore che si impone, ma che fa fatica, che deve vincere le ombre di un mondo che gli resiste, che prova a imbrigliarlo, che lo depotenzia e persino lo zittisce. Una vita non sempre basta, per liberarsi da certe catene. E per le donne, poi, questa perenne tensione è anche più vera che per il resto dell’umanità intera. headtopics.com

Emma dimostra di sapere bene quanto sforzo le sia richiesto. Si sente interrogata e, subito, giudicata. Non fa nemmeno in tempo a rispondere:“Ti sei sottoposta a un’inseminazione? Senza compagno? Eterologa? Ah no, cosa? Fecondazione in vitro con un donatore! Ah… quindi tecnicamente gli ovuli sono tuoi e gli spermatozoi di uno sconosciuto? Mmm…”

. Mugugni, perplessità dietro a sorrisi forzati, rigidità delle espressioni, occhi languidi che compatiscono: il lettore, ma ancor più la lettrice, assiste stavolta con occhi dolenti.C’è una folla che abita il romanzo, come quella che in fondo abita la storia di ognuno di noi. Sono

Cane ferito perde una zampa per l’incuria dei proprietari: non avevano i soldi per portarlo dal veterinario Dopo il lockdown gli esorcisti tornano alla caccia di Satana, boom di richieste Reggio Calabria, chiesto un anno e 10 mesi di carcere per il sindaco Falcomatà per la vicenda del Gran Hotel Miramare - Il Fatto Quotidiano

fantasmi che si affannano a riempire lo scranno, a emanare sentenze. Oggi contro Emma, ieri contro il suo opposto, quella zia Ade che porta già nel nome lo stigma del regno dei morti:“Fin da tempi non sospetti, aveva dichiarato la sua volontà di non volere figli, cosa che per una donna della sua provenienza veniva considerato un peccato peggiore dell’omicidio”

.Ecco allora che alla fine di questo romanzo, coraggioso, schietto, certamente rimane d’obbligo fermare un punto: ribadire che le donne sono complete anche senza il desiderio di dare la vita che è atto che affascina, forse proprio perché esercizio concessoci in esclusiva assoluta.

Come Emma, anche Violette ci interroga. E lo fa da un volume di quasi 500 pagine, scritto daValérie Perrinche sembra contenere il sentire di tutte le donne del mondo.“Cambiare l’acqua ai fiori”esce in Francia nel 2018 e vince il Prix Maison de la Presse, da noi arriva nell’anno della pandemia, tradotto dal francese da

Alberto Bracci TestaseccaIl libro si presenta con un epitaffio:“Un solo essere ci manca e tutto è spopolato”.Basta davvero pochissimo, qualche pagina appena per finire tra le trame fittissime dei dolori diun’umanità straziata.La storia della protagonista ha le tinte della tragedia, al centro di ogni cosa c’è l’ombra di un legame spezzato.

Anche questo libro incede sui binari del giallo, del mistero che percorre le pagine. Ma più che tenere con il fiato sospeso, la narrazione qui pare impegnata nel trattenere un presagio.Il racconto è denso e vivide sono le scene. I giorni e le notti della protagonista ci si attaccano addosso, pagina dopo pagina, e sembra di vederli scorrere davanti agli occhi con un ritmo piacevole.

C’è come un profumo che promana da ogni riga, ci vengono in mente le viole, il tono non è mai stucchevole né melenso. Si riconosce la casa che è quella degli inizi di molti matrimoni, poco più che un monolocale. L’amore e la spontaneità, la forza ma anche l’inadeguatezza che trafigge e proviene sempre dallo sguardo degli altri, poi un figlio. La stabilità e la routine, un lavoro e un posto nuovo in cui mettere radici e farsi famiglia. La vita adulta per Violette e Philippe ha i connotati di due guardiani di un passaggio a livello, dalle parti di Nancy. Un affaccio privilegiato sull’esistenza che sfreccia nei treni tiene la giovane dietro un vetro e sembra costringerla a quella finestra, a guardare. Mondi paralleli che a un certo punto però si toccano. È da una carrozza che arriva l’amicizia tra donne, il sentimento che all’occorrenza muta e diventa solidarietà, umana compassione, vicinanza, sorellanza.

Ma il vero cuore del libro è un nucleo doloroso.Una maternità squarciata. Il lutto e la desolazione, l’annichilimento che porta la fine di ogni respiro. E, poi, quando tutto sembra perduto, l’imporsi di una nuova vita e di una nuova casa, tra i morti.

“Bisogna che il buio aumenti perché appaia la prima stella”. È proprio nel buio che Violette prova a ricostruire un ponte e poi da quello un altro pezzo di strada. La aiuteranno amici nuovi, nuovi compagni di viaggio che sapranno traghettarla a una dimensione inedita. Sasha è una delle figure più belle del libro, quasi medicamentoso.

Niente più treni, l’esistenza in Violette per più di un momento si ripiega su se stessa ma infine si riapre, come un fiore, inaspettatamente. Accade quando accetta quel lavoro da custode di un cimitero, in un paesino della Borgogna, Brancion-en-Chalon, nella regione della Saône-et-Loire.

Imparerà Violette, e il lettore con lei, che il destino è davvero imprevedibile e che non lo è solo nella sofferenza.Capirà a sue spese che può esserci più vita nei luoghi che accolgono la morte che in una stazione. Sceglierà, per la prima volta, di ridare alla luce se stessa, mentre il marito uscirà di scena definitivamente, confermando che

l’incomunicabilità è il male assoluto.Nessun rimpianto, alla fine. Entrambi hanno mancato e le colpe di uno sono in fondo lo specchio delle colpe dell’altro. Non ci sono eroi negativi in queste pagine, nell’accezione più classica del termine, non ne troverà il lettore né la lettrice. Troverà piuttosto un’umanità addolorata, disillusa, ferita.

Cambiare l’acqua ai fiori è un gesto semplice, è la ripartenza, segna l’inizio, la rinascita, è azione che non pretende, ma che contiene in sé la ricetta segreta della vita.Accade in un estremo atto di libertà che Violette si ritrovi, solo dopo aver scoperto l’egoismo come antidoto allo strazio: “

Una volta chiuso il cancello il tempo è mio, ne sono l’unica proprietaria. È un lusso essere proprietari del proprio tempo”.È un personaggio leggero, di una bellezza lieve, malgrado il fardello che si porta addosso. Ha un candore fisso che però non abbacina. È

una donna che veste l’estate, sotto l’inverno. I colori che sa di avere dentro li copre, con il nero di un cappotto, per difenderli, per difendersi. È una donna che custodisce in segreto l’amore di milioni di altri uomini e di altre donne, Violette, innaffia i loro fiori, annota le loro parole di commiato.

Saranno un giorno questi altri, tra tutti, Irène e Gabriel, a farsi presagio per lei, seme di nuovi sentimenti. Così arriva Julien Seul, un commissario di polizia che bussa alla porta della protagonista perché deve risolvere un mistero. Va per trovare la tomba dello sconosciuto, accanto al quale la madre ha chiesto di essere sepolta. E riporta, nella casa della custode del cimitero, il vociare di un bambino e, almeno per un momento, il rumore della vita.

***Titolo: La bambina del freddo Leggi di più: IlSole24ORE »

A Favignana canti della mattanza nella ex Tonnara Florio - Sicilia

L'insostenibile pesantezza del...

Michela Coppa è diventata mamma: è nata Fara AlmaNelle Stories gli aggiornamenti alle fan dalla rottura delle acque alla nascita della bimba Bel nome Ahhhhhhhhh Che stronzi però all'anagrafe, la lingua di pezza non va bullizzata, auguri alla piccola Sara.

Italian Master Startup Award 2021, vince Relief, spin off dell'Università Sant'Anna di PisaIl dispositivo migliorerà tantissimo la qualità della vita di chi soffre di questa patologia

Test salivari a scuola, cosa dicono gli espertiConfermata dal ministero della Salute l’utilità alternativa della metodica molecolare per l’attività di screening. Il tampone resta il gold standard Che se fanno usare il casco ⬇️, è meglio. Cosi' Speranza la finisce di giocare. Ma gli studi e gli esperti cosa dicono dell’estensione del test molecolare da 48 a 72h? E dell’estensione del GP per i vaccinati a 12 mesi (alla luce dell’esperienza israeliana)?

Germania, la gaffe di Laschet: piega male la scheda e il voto si vedeIl candidato della Cdu-Csu alla cancelleria non è nuovo a gaffe: durante l'ultima alluvione fu fotografato mentre rideva nelle zone colpite. La stam…

Dolore e rinascita in 'Drive My Car', il nuovo film di Ryusuke Hamaguchi, tratto da MurakamiArriva nelle sale italiane 'Drive my car', premio per la miglior sceneggiatura a Cannes, e tratto da un racconto di Murakami. Francesco Gatti ha intervistato il regista Ryusuke Hamaguchi (la voce italiana è di Emiliano Conti).

The Fab 5: la cover digitale di Vogue Italia per la Milano Fashion WeekUna copertina speciale - e solo digitale - per celebrare il talento delle 5 designers Bipoc che hanno inaugurato l'edizione di settembre della Settimana della Moda milanese