Blog | Lisette Model e Horst P. Horst, due visioni a confronto - Alley Oop

Blog | Lisette Model e Horst P. Horst, due visioni a confronto - Alley Oop

23/06/2021 21.50.00

Blog | Lisette Model e Horst P. Horst, due visioni a confronto - Alley Oop

Un incrocio affascinante fra due star della fotografia del ‘900 in scena a Camera, il Centro Italiano per la fotografia di Torino, fino al 4 luglio

(ma si parla di una proroga).Lingua e cultura tedesca, soggiorno di formazione a Parigi e infine nuova vita americana accomunano Lisette e Horst, eppure resta difficile trovare due personalità artistiche più distanti, la cui eterogeneità di stili e visioni del mondo rappresenta in modo plastico

Luca Mercalli: abbiamo 10 anni o si cambia o saranno scenari di fuoco - Cronaca Salvini a Sky TG24: 'Green pass a scuola? Non roviniamoci l'estate' Semestre bianco, gli ultimi sei mesi del presidente - Politica

l’inesauribile ricchezza della fotografia, strumento di indagine e ri-creazione del mondo.Nata a Vienna nel 1901 da padre austriaco di origine ebraica e madre francese,Lisette Model (nata Élise Stern: Model è il cognome del marito, pittore russo conosciuto a Parigi) cresce in una famiglia agiata, coltivando come interesse principale la musica, che studia con Arnold Schönberg. A seguito della morte del padre la famiglia si trasferisce in Francia, Lisette studia arte e, a inizio anni ’30, decide di dedicarsi alla fotografia: la sua maestra a Parigi è la fotografa ungherese Rogi André, prima moglie del grande Kertész.

Durante un soggiorno a Nizza nel ‘34 presso la madre e la sorella, inizia la serie che segna il suoingresso da protagonista nella fotografia: le immagini diPromenade des Anglais, il celebre lungomare nizzardo, raccontano i dorati soggiorni dell’oziosa borghesia francese che sverna al sole della Costa Azzurra, guardando con annoiata alterigia questa giovane bizzarra armata di una Rolleiflex. Il servizio, pubblicato sulla rivista comunista “Regards” e qualche anno dopo sull’americana “PM’s Weekly”, rivela l’inconfondibile sguardo della Model: nervoso, soggettivo, idiosincratico, attento a cogliere le smorfie, gli ammicchi, i difetti fisici, le scompostezze di un’umanità non in posa. È il genere della headtopics.com

street photographycui si manterrà sempre fedele, perché “la fotocameraè un mezzo di rilevamento: non mostra solo ciò che già sappiamo, maconsente di esplorareun mondo in continua evoluzione.”Nubi di guerra si addensano sull’Europa: lasciata da tempo un’Austria irrespirabile, Lisette e il marito Evsa nel 1938 partono per New York, pellegrini di quella grande diaspora che ha dissanguato il vecchio continente, spostando il baricentro della cultura mondiale dall’Europa agli Stati Uniti. Le difficoltà d’integrazione e i problemi economici non offuscano l’inconfondibile sguardo della Model, che non si limita a osservare con piglio irriverente e caricaturale i cittadini della grande metropoli, ma magistralmente intuisce e mette in scena la modernità della metropoli statunitense.

Lisette Model, Reflections, New York, c.1939-1945, Courtesy mc2 Gallery © 2020 Estate of Lisette Model, National Gallery of Canada, OttawaDue splendide serie fotografiche costituiscono infatti veri ritratti di New York:le rivoluzionarie foto diReflections

hanno per protagonista il riflettersi caotico, multiforme e incessante di grattacieli, passanti, abiti, autobus, merci, scritte pubblicitarie nelle vetrine dei negozi e locali, che diventano specchi e fantasmagorie visive, abolendo il confine tra interno ed esterno, tra realtà e immagine, rivelando la natura mediatica e ridondante della metropoli moderna. Non credo di esagerare nel dire che queste immagini

anticipano lache si affermerà dagli anni ’50. La seconda serie,Runnings Legs, osserva la città dal livello, appunto, delle gambe: la vita newyorchese è corsa, il suo ritmo frenetico non permette di soffermarsi e osservare con attenzione, headtopics.com

Attacco hacker alla Regione Lazio, in pericolo i dati di Matterella e Draghi Tokyo: Ginnastica; Usa, Simone Biles in gara nella trave - Tokyo 2020 Vanessa Ferrari ha vinto la medaglia d’argento nel corpo libero femminile

la realtà si lascia cogliere a frammenti, con la coda dell’occhio, nel rapido sbattere delle palpebre.Lisette coltiva comunque la sua inconfondibile espressivitàantiglamour, con una fotografia profondamente teatrale nel fitto incrocio di sguardi con cui cattura dei suoi soggetti le pose caricate e scomposte, la fisicità ingombrante, il sottile fastidio di chi non si sente a proprio agio:

la vita è imperfezione, che la lente fotografica mette impietosamente a nudo.Non a caso Lisette non sopporta le stampe troppo perfette: le sue sono contrastate, con particolari sfocati, spesso da lei ritagliate e ingrandite in camera oscura per esasperare la focalizzazione sulle persone, quasi imprigionate dai bordi dell’inquadratura, come dovessero fuoriuscirne e caderci addosso, perché

chi osserva le foto di Lisette non deve sentirsi mai al sicuro, ma sempre parte in causa.Lisette Model, Woman with veil, San Francisco, 1949, Collezione Ettore Molinario / Courtesy mc2 Gallery © 2020 Estate of Lisette Model, National Gallery of Canada, Ottawa

Negli anni americani la Model si dedica in modo via via più intenso all’insegnamento, trascurando la sua ricerca fotografica (numerosi progetti avviati non sono portati a compimento), infatti mai confluita, lei viva, in una pubblicazione riassuntiva. Tra i suoi numerosi allievi basti ricordare un solo nome: Diane Arbus, da lei molto amata. headtopics.com

Nemmeno le numerosissime foto dedicate a uno dei suoi grandi amori, quintessenza dell’anima americana, il jazz sfoceranno nel libro che aveva in animo; ciò nonostante le istantanee riprese nei fumosi locali che Lisette frequentava con il marito, immersa tra un’umanità variopinta e ricca di contrasti, formano

il dissonante racconto di un anarchico spettacolo popolare, nel quale colto e plebeo, musica e vita si impastano con il sudore e il fumo delle sigarette e pare di sentire risuonare davvero la tromba di Louis Armstrong o i fraseggi armonici di Ella Fitzgerald.

Jacobs: «Sono solo nato in Texas, l’Italia è la mia Nazione». Tamberi: «Sono l’uomo più felice al mondo» Strage Bologna, Mattarella: 'Non tutte le ombre sono state dissipate' Atletica italiana nella storia - Sport

Lisette Model, Louis Armstrong, c.1948-1949, Courtesy Galerie Baudoin Lebon © 2020 Estate of Lisette Model, National Gallery of Canada, OttawaHorst P. Horstnasce in Sassonia nel 1906 in una benestante famiglia, frequenta ottime scuole, ma ben presto l’ambiente familiare si rivela soffocante: alla fine degli anni ’20 taglia i ponti con la famiglia e si trasferisce a Parigi, immergendosi nell’ambiente della

bohèmeartistica della capitale. Qui incontra il suo mentore, l’aristocratico russo George Hoyningen-Huene, capo fotografo di “Vogue” Francia: la storia tra i due apre al nostro le porte dei circoli più esclusivi e lo introduce ai segreti della fotografia di moda.

Horst P. Horst. Coco Chanel, Paris, 1937, Courtesy Paci contemporary gallery. © Horst Estate/ Condé NastIl giovane Horst rivela da subito il suo talento, imparando a governare dagrande registatutti gli elementi presenti sul complesso set della fotografia di moda: scenografia, arredi, posa ed espressione delle modelle e, ovviamente, lo strumento principe, la luce. Coco Chanel e Marlene Dietrich, Bette Davis ed Elsa Schiaparelli, Salvador Dalì e Jean Cocteau, aristocratici, politici, facoltose ereditiere come Gloria Vanderbilt e affascinanti modelle come Lisa Fonssagrives (il prototipo delle supermodelle) passano davanti al suo obiettivo. Quando nel 1935 Hoyningen-Heune rompe i rapporti con “Vogue”, Horst prende il suo posto,

affermandosi come una delle grandi star dellafashion photographygrazie a immagini in cui la genialità dell’invenzione si sposa a un innato senso della composizione, sul filo di un equilibrio sottile e ammaliante, dove suggestioni dell’arte classica e motivi orientali convivono con le atmosfere sospese e stranianti del Surrealismo, ma, dote che contraddistingue solo i grandi autori, ogni foto è inconfondibilmente Horst.

Basti come esempiouna delle immagini più celebri della storia della fotografia, la modella con il corsetto Mainbocher: una foto perfetta, un contrappunto musicale tra la luce intensa sul bianco di stoffa, parapetto ed epidermide di Madame Bernon e le ombre avvolgenti che scolpiscono come un torso classico la schiena della protagonista e riempiono il fondo e la parte bassa della composizione, pervasa da

una malinconia insinuanteche promana dalla geniale invenzione del nastro abbandonato e dal volto nascosto.Horst P. Horst. Madame Bernon, corset by Detolle for Mainbocher, Paris, 1939, Courtesy Paci contemporary gallery © Horst Estate/ Condé Nast

Horst racconterà che il velo di tristezza della foto, datata 1939, è dovuto all’imminente abbandono dell’amata Parigi: anche Horst, come la Model, riparerà in America, dove prenderà la cittadinanza statunitense e assumerà il nome di Horst P. Horst, abbandonando il cognome familiare Bohrmann, quasi identico a quello del gerarca nazista Martin Bormann.

Negli Stati Uniti Horst e un altro transfuga europeo, Erwin Blumenfeld, attraverso i servizi e le copertine rispettivamente di “Vogue” e “Harper’s Bazaar” imporrano il proprio gusto,dominando nel corso degli anni ‘40 e ‘50 la fotografia di moda internazionale

. Horst inizia a lavorare con la fotografia a colori, portandola a un livello di qualità prima sconosciuto; sul piano personale, nel 1947 incomincia una relazione con il diplomatico inglese Valentine Lawford: i due convivranno per tutto il resto della vita nella famosa casa di Horst a Oyster Bay, realizzando assieme diversi reportage di viaggio.

Horst P. Horst. Andy Warhol in his “Factory”, NYC, 1983, Courtesy Horst Estate © Horst Estate/ Condé NastParticolarmente con l’avvento a “Vogue” della leggendariafashion editorDiana Vreeland (1963), Horst si dedicherà infatti sempre più spesso a servizi in giro per il mondo, raccontando

la vita e le dimoredei protagonistidel jet set internazionalee inizierà la collaborazione con un’altra celebre rivista dello stesso editore Condé Nast “House and Garden”. I nuovi soggetti determinano una profonda evoluzione nel linguaggio: Horst accetta, a più di 50 anni, di rimettersi in gioco, esce dallo studio di posa dove controllava ogni dettaglio, e impara a sfruttare magistralmente la luce naturale per raffigurare le persone nel loro ambiente, soffermandosi come i grandi pittori barocchi sugli interni delle case – stanze, dettagli d’arredo, decori, suppellettili, quadri, tappeti, fiori – i giardini e i parchi, raccontando vita e abitudini degli

happy few, celebrati dalle grandi riviste dell’epoca come prototipi di stile ed eleganza per il nuovo pubblico della società di massa.Horst P. Horst. Round the clock, 1987, Courtesy Paci contemporary gallery © Horst Estate/ Condé NastA conferma di un’inesausta creatività, la mostra di Camera si chiude con alcune foto, nuovamente in bianco e nero, del 1987, nel quale un ottantenne Horst sembra tornare sulle orme della propria giovinezza, con una qualità e modernità di sguardo da lasciare stupefatti.

***La newsletter di Alley Oop Leggi di più: IlSole24ORE »

Covid, Mattarella: 'Vaccinazione dovere civico e morale'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Mattarella: 'Vaccinazione dovere civico e morale. Prevalga senso di responsabilità'

Blog | Violenza contro le donne, aumentano i maltrattamenti in famiglia - Alley OopIl Codice rosso, introdotto 2 anni fa, è una legge fondamentale con molte criticità. Servono formazione e risorse. Ancora troppe differenze sul territorio

Blog | Come funziona il simulatore di immunità di gregge di Iconsulting - Info DataCome si vede nel simulatore nello scenario di una somministrazione media di 500mila dosi, l'immunità di gregge è prevista non prima di febbraio 2022

Blog | Violenza contro le donne, aumentano i maltrattamenti in famiglia - Alley OopIl Codice rosso, introdotto 2 anni fa, è una legge fondamentale con molte criticità. Servono formazione e risorse. Ancora troppe differenze sul territorio

Covid, dalle vaccinazioni ai ricoveri: le pagelle alle regioni. Basilicata maglia nera, Veneto in vettaConfronto Network MeS: prestazioni ambulatoriali, screening oncologici, tenuta dei sistemi sanitari regionali

Il Fatto Quotidiano @fattoquotidianoTre generazioni di scrittrici a confronto: Maria Grazia Calandrone, Melissa Magnani, Elena Mora.

Nuovo incidente sulla A1 nello stesso tratto dell’esplosione di ieri: un mortoLo scontro che ha coinvolto due mezzi pesanti è avvenuto nello stesso tratto di strada dove ieri c’è stato l’incidente tra un’autocisterna e un camion con due vittime