Beatrice Colli, scalando la felicità: «Dal muretto di casa al record italiano» - VanityFair.it

Non è ancora maggiorenne, ma è già una campionessa

23/07/2021 22.00.00

Non è ancora maggiorenne, ma è già una campionessa

La giovanissima climber del Team Vibram non è ancora maggiorenne, ma ha già un palmares da campionessa: «Da piccola salivo sugli alberi, così mi hanno portata in palestra ed è stato subito amore». Consigli, difficoltà e segreti dell’arrampicata sportiva, che da quest’anno è sport olimpico

Vibram Connection Laba Milano. «Poi ovviamente salire ha anche significati metaforici, ognunosente i propri».Una bambina, invece, cosa sente?«Io sono entrata per la prima volta in una palestra che avevo 11 anni, a Colico, in provincia di Lecco. I miei genitori mi portarono lì perché mi arrampicavo in continuazione sul muretto di sassi che circonda casa mia. E pure sugli alberi del boschetto vicino».

Indagato Morisi, inventore della «Bestia» della Lega. Tre giovani l’accusano: «Ci ha dato droga» Mello molestata durante il reality «La Fazenda»: squalificato Nego Do Borel Richard Gere testimonierà contro Salvini al processo Open Arms: «Gli chiederò l’autografo per mamma»

Forse avevano paura che cadesse. È mai successo?«Mai, in compenso però ho fatto cadere mia sorella che si è slogata un polso. Sono caduta tante volte in palestra, ovviamente, ma lì c’era il materasso: poter buttarcisi sopra è una sensazione bellissima».

Ecco appunto: oltre al materasso, che ricordi ha dei suoi primi allenamenti?«Ero piccola, ma nella mente ho ancora le prese colorate che catturarono subito la mia attenzione. Ti viene voglia di toccarle e senti che sono ruvide: infatti ricordo pure il dolore alle mani, ma ero comunque contenta. Non volevo mai tornare a casa». headtopics.com

A post shared by Vibram (@vibram)Le capita spesso di scalare outdoor?«Dopo la prima volta che sono salita sulla roccia, non volevo più tornarci. Lì non ci sono i colori, devi cercare le prese, e se cadi sei legato alle corde. Può capitare di andare nel panico tra due rinvii (coppia di moschettoni,

ndr), perché non riesci a proseguire».Le è mai successo?«Non ho mai vissuto situazioni davvero difficili perché non ho mai fatto percorsi lunghi. Però sì, mi è capitato di ritrovarmi bloccata in un punto, senza riuscire a scendere né a salire. In quei casi ti viene davvero da piangere, ma bisogna mantenere a calma».

Ha mai pensato di mollare?«Mai, neppure quando mi hanno diagnosticato il morbo di Haglund, che è una dolorosa infiammazione ai talloni. All’inizio pensavo fosse soltanto un livido, poi i medici credevano fosse una borsite ma le sessioni di onde d’urto non sortivano effetti».

Quindi come ha risolto?«Mi ha aiutato Vibram, ci siamo conosciuti quando sono venuti a fare una presentazione in palestra: ho raccontato il mio problema, abbiamo tagliato le scarpette e studiato insieme una calzatura con un elastico resistente che mi permettesse di scalare senza sentire dolore». headtopics.com

Richard Gere testimone contro Salvini al processo Open Arms - Politica Cgil fredda sul patto per l’Italia. Landini: «Prima fisco, pensioni e lavoro» Roma, la poliziotta sul palco dei no vax, la doppia anima di una funzionaria pluripremiata

Una buona notizia per il futuro, dato che da quest’anno l’arrampicata sportiva è entrata nel programma olimpico. Ci spiega le tre discipline?«C’è ilbouldering, che è un’arrampicata lungo percorsi prestabiliti, con sotto il materasso: bisogna arrivare al top di più blocchi. Poi c’è la specialità

lead, in cui sali con la corda una parete cercando di arrivare più in alto possibile in un determinato tempo. Infine la velocità, laspeed, dove hai la corda ma devi scalare una parete nel minor tempo possibile, è come uno sprint. Verrà assegnata un’unica medaglia, tipo combinata. Dal 2024, invece, lo speed avrà un podio a parte».

Olimpiadi a parte, che consigli darebbe ad una persona che si avvicina a questo sport?«Di non abbattersi se volte, in alcune situazioni, resti bloccato. Capisco sia frustrante, ma la bellezza del climbing sta proprio nel ventaglio di emozioni che provi: un po’ di paura, certo, ma anche tanta gioia. E poi con la varietà dei percorsi a disposizione, non ti annoi mai».

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Willy, la mamma dei fratelli Bianchi: “Manco fosse morta la regina”

Leggi su Sky TG24 l'articolo Omicidio Willy, la mamma dei fratelli Bianchi: “Manco fosse morta la regina”

Camilla di Cornovaglia, che rischia d'essere «molto danneggiata» dal libro-bomba di Harry - VanityFair.itUn insider ha assicurato al «MailOnline» che (anche) l'immagine della moglie di Carlo, nonché futura regina consorte, uscirà a pezzi dal memoriale di Harry. Perché i rapporti del principe con la matrigna (nonostante le dichiazioni ufficiali) «non sono mai stati buoni»

Michelle Pfeiffer (ri)vende la sua casa di Los Angeles - VanityFair.itAppena comprata per 22 milioni, l'attrice rimette sul mercato la sua villa di Pacific Palisades per 25 milioni. Ecco le foto

Baby George, la foto di compleanno è un omaggio al Principe Filippo - VanityFair.itNello scatto di Kate Middleton, il piccolo erede al trono siede sul cofano di una Land Rover Defender, l’automobile preferita dal compianto marito della regina: «I miei figli hanno ricordi speciali del bisnonno», ha scritto William RoyalFamily

Transgender, il primo studio italiano per valutare la loro salute fisica e psicologica - VanityFair.itIn Italia ci sono circa 500 mila transgender, e ogni anno il loro numero è in aumento del 6-7%. I risultati di un questionario compilato da 1000 persone ci racconta come vivono

La novità di Instagram per migliorare la sicurezza degli account - VanityFair.itDal controllo delle informazioni del profilo al monitoraggio delle attività di login, ecco la funzione dedicata per evitare che l'account ci venga violato

Sarah Ferguson parla dell'amica Diana: «Ci avevano etichettate come la santa e la peccatrice» - VanityFair.itLa duchessa di York in un intimo racconto a «People» ha ricordato che la sua amicizia con la principessa del Galles, negli anni Ottanta e Novanta, fu oggetto di critiche e sberleffi: «Per la stampa c'era la bellissima Diana e poi c'era la grassa e sgraziata Fergie»