Vaccinare con una sola dose? Ecco quali sono i pro e i contro

Vaccinare con una sola dose? Ecco quali sono i pro e i contro

27/02/2021 12.41.00

Vaccinare con una sola dose? Ecco quali sono i pro e i contro

L’ipotesi di diluire nel tempo la somministrazione del siero viene sempre più pragmaticamente accolta come una possibilità utile nell’immediato. Ma per i critici, in Italia come altrove, sarebbe un’incognita non senza conseguenze in mancanza di dati

Rezza: finchè possibile meglio due. Galli: sì con scarso entusiasmoQualche spazio di possibilità viene aperto dal direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza. Naturalmente viene ribadita «la strategia ottimale» di utilizzare il vaccino secondo i dati che vengono dai trial clinici e cioè con la doppia dose. «Il razionale di vaccinare con una sola dose è poter coprire in breve una maggiore quantità di popolazione. Direi che finchè c’è la possibilità di avere una doppia dose è la cosa migliore. Ma tenere conto in modo pragmatico di diverse opzioni è del tutto legittimo». Sebbene con scarso entusiasmo dice di sì anche il primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli. «I dati che vengono dall’esperienza israeliana sdoganano quella che è stata l’esperienza inglese, che è partita in maniera aprioristica sulla cosa. Gli israeliani ci hanno portato dati su grandi popolazioni, che dicono che la risposta alla prima dose già garantisce abbastanza, relativamente alla risposta immunitaria necessaria per contrastare l’infezione». Ma servirebbero eventualmente dei paletti. «Sui più anziani e le persone immunodepresse, per gli altri ci si può transitoriamente accontentare della prima dose, sapendo con una certa chiarezza che toccherà poi controllare in linea di prospettiva».

Cairo: 'Agnelli un Giuda, Marotta si dimetta. Hanno tradito la Serie A' I club della Superlega subito fuori dalle coppe? Il Fatto di Domani del 19 Aprile 2021 - Il Fatto Quotidiano

Le evidenze dall’esperienza israelianaUna ricerca dello Sheba Hospital di Tel Aviv pubblicata su Lancet e condotta su 7mila operatori sanitari vaccinati evidenzia una riduzione dell’85% dei casi sintomatici di Covid tra i 15 e i 28 giorni dalla prima dose del vaccino. Se si considerano anche gli asintomatici, l’infezione si riduce del 75%. Tutto questo, ha osservato Arnon Afek, vice direttore del Centro medico dell’ospedale, «conferma la validità della decisione del governo inglese di cominciare a vaccinare i propri cittadini con un’unica dose».

Esperti divisi anche nel Regno UnitoNel Regno Unito il fatto di aver dilazionato la seconda dose del vaccino anti Covid di Pzifer ha spaccato in due la comunità scientifica, come segnalato in un recente articolo sul British Medical Journal. A fine dicembre è stata annunciata la decisione di estendere a 12 settimane l’intervallo tra le due dosi, nonostante nei test clinici fosse di 21 giorni, per proteggere il maggior numero di persone a rischio nel minor tempo possibile riducendo il carico sul servizio sanitario. Al consenso della Società britannica per l’immunologia (sarebbe improbabile un effetto negativo dallo spostamento del richiamo sulla risposta complessiva del sistema immunitario) si è opposto lo scetticismo dell’Associazione dei medici britannici che ha scritto al chief medical officer Chris Whitty per chiedere di riportare l’intervallo a 6 settimane (42 giorni), seguendo le indicazioni dell’Oms. Vista la drammaticità dei problemi dinanzi ai Paesi, la raccomandazione è stata di ritardare la seconda dose per un breve periodo di tempo, massimo di 42 giorni. Seguendo queste indicazioni Danimarca, Francia e Germania hanno stabilito di iniettare la seconda dose del vaccino tra le 3 e 6 settimane dopo la prima. headtopics.com

Leggi di più: IlSole24ORE »

M5s, Crimi: 'Frasi di Casaleggio misere e diffamatorie'

Leggi su Sky TG24 l'articolo M5s, Crimi: 'Frasi di Casaleggio misere e diffamatorie'

Okkio di non fare come colui che non mangia pur avendo la dispensa piena, xche pensa che un domani ci potrebbe essere penuria!! TAKIS 2022 UN VERO VACCINO 👍