Un pezzo della Lega vuole tornare Lega Nord - Il Post

03/10/2022 12:58:00

Un pezzo della Lega vuole tornare Lega Nord

Un pezzo della Lega vuole tornare Lega Nord

Dopo il cattivo risultato elettorale, il fondatore del partito Umberto Bossi ha avviato una corrente critica della strategia nazionale di Matteo Salvini

Il cattivo risultato della Legaalle elezioni politiche del 25 settembre sta iniziando ad avere i primi effetti concreti sulla leadership del segretario, Matteo Salvini, accusato di avere abbandonato le tradizionali istanze del partito a difesa delle ricche regioni del Nord per un allargamento al Centro e al Sud, e uscito molto ridimensionato dal voto.

Nel weekend lo storico fondatore del partito, Umberto Bossi,ha annunciatola creazione di «Comitato per il Nord», un’operazione politica dai contorni ancora poco chiari ma che oggi sembra la cosa più vicina a una corrente – cioè una fazione che esprime una linea politica autonoma da quella ufficiale del partito – che la Lega abbia avuto di recente. «È un passaggio vitale finalizzato esclusivamente a riconquistare gli elettori del Nord, visto il risultato elettorale del 25 settembre», ha detto Bossi ad

Leggi di più:
Il Post »

I parlamentari si fanno il regalo

5.500 euro per cellulari, pc e tablet Leggi di più >>

Scissione pappappero, scissione e via pezzi che se ne vanno e indeboliscono la maggioranza... 😡😡😡 per ri-prendere in giro quelli che prendeva in giro da 35 anni. E l’altra sarà Lega Est Hanno già preso per il culo i 'legaioli' della prima ora. Se la gente ci ricasca, si merita il peggio. Mah 🤔 No vabbè non è che sempre noi dobbiamo tenercela. La lega nord c’è già stata, adesso è il turno di “lega centro” o “lega sud”, eccheccazzo

Lo è sempre stata. Purtroppo al Sud in tanti hanno creduto che fosse una forza di dx nazionale. Ora che la Meloni è in auge la lega nn toccherà palla al Sud. Speriamo che si scindano fino a diventare irrilevanti. Ma poi il senso di chiamarsi lega per salvini premier quando il premier non lo fa il vero volto...

Violentata a Roma dopo la cena al ristorante con gli amiciEra in un ristorante con gli amici,è uscita per andare a prendere qualcosa dall’auto ed è stata aggredita risorsa? Ma l'effetto fasci al governo quando scatta? Ci avevano promesso che certe cose non sarebbero più successe

Johnny Depp e Amber Heard dopo il processo entrano in una nuova faseIl processo è raccontato nel film Hot take, uscito il 30 settembre

'Auguri Renato Zero', ma subito dopo la pioggia interrompe il suo concerto al Circo MassimoShow interrotto e poi annullato a causa del nubifragio che si è scatenato sulla Capitale, l’artista ironizza:”Non è pioggia ma champagne” C’ha lasciati un quarto d’ora nell’intervallo sotto la pioggia battente. Poi è uscito cantando una canzone e tutti a casa. Complimenti !!!

L'indipendentismo in Catalogna cinque anni dopo il referendum - Il PostGli indipendentisti sono ancora forti e governano la regione spagnola, ma il movimento è diviso e ha perso parte della sua spinta come dico sempre, un branco di furbetti che mira a poltrone più grandi a costo di sfasciare un paese. Volevano la secessione a costo zero, ottenuta con dei giri di parole. Le secessioni si fanno col sangue. I confini si cambiano col sangue. Non vuoi versare il tuo sangue? Allora stai buono e non rompere.

Como, in lista d'attesa per un intervento nel 2011: la chiamano 11 anni dopoIn lista d'attesa per undici anni: l'incredibile episodio è successo in Lombardia. Nel 2011, una paziente di Como era stata messa in lista d’attesa per un intervento di...

Napoli, Spalletti dopo il Torino: "Gestione superlativa per 40 minuti"Il tecnico del Napoli: 'Pressing del Torino asfissiante, ma l'abbiamo sfruttato per fare due dei tre gol'

(Roberto Monaldo / LaPresse) Il cattivo risultato della Lega alle elezioni politiche del 25 settembre sta iniziando ad avere i primi effetti concreti sulla leadership del segretario, Matteo Salvini, accusato di avere abbandonato le tradizionali istanze del partito a difesa delle ricche regioni del Nord per un allargamento al Centro e al Sud, e uscito molto ridimensionato dal voto.Con il tuo abbonamento puoi accedere soltanto su un dispositivo/browser per volta.Cara Delevingne , infatti, in questi ultimi mesi non ha fatto altro che nascondersi dagli obiettivi dei paparazzi, davanti ai quali è comparsa solo nelle ultime ore durante un soggiorno a Palma di Maiorca, in Spagna, in compagnia della figlia Oonagh Paige (nata un anno fa tramite madre surrogata) e della fidanzata Bianca Butti.Renato Zero in un'immagine di repertorio Concerto interrotto causa pioggia e compleanno rovinato.

Nel weekend lo storico fondatore del partito, Umberto Bossi, ha annunciato la creazione di «Comitato per il Nord», un’operazione politica dai contorni ancora poco chiari ma che oggi sembra la cosa più vicina a una corrente – cioè una fazione che esprime una linea politica autonoma da quella ufficiale del partito – che la Lega abbia avuto di recente. «È un passaggio vitale finalizzato esclusivamente a riconquistare gli elettori del Nord, visto il risultato elettorale del 25 settembre», ha detto Bossi ad Adnkronos . L’annuncio di Bossi è arrivato dopo giorni di interviste, dichiarazioni e post sui social network molto critici nei confronti di Salvini da parte di eletti e dirigenti della “vecchia” Lega, innescati dal risultato a livello nazionale ma soprattutto nelle regioni del Nord. La Lega ha ottenuto meno della metà dei voti di Fratelli d’Italia in Lombardia e Veneto, poco più di un terzo in Piemonte e Liguria. Nei giorni successivi al voto Salvini ha minimizzato il risultato preferendo concentrarsi sulla prospettiva di entrare nel nuovo governo: ma l’annuncio di Bossi potrebbe dare inizio a un periodo di notevoli tensioni interne e di crisi per Salvini, la prima nei quasi nove anni del suo mandato. E lui mi ha ricordato ‘zero calorie, zero interessi’.

All’inizio della sua segreteria Salvini si spese molto per ampliare il bacino elettorale della Lega e farla diventare un partito nazionale. La promessa fatta all’elettorato storico del Nord era che solo un partito più forte e radicato in tutta Italia poteva promuovere con efficacia gli interessi delle regioni settentrionali e dei loro imprenditori e liberi professionisti: su tutti, una sempre maggiore autonomia dallo stato centrale. Salvini è stato eletto otto anni fa e le regioni del Nord non sono affatto più vicine all’ottenere una maggiore autonomia. Il tema è scomparso da tempo dal dibattito nazionale, nonostante i due appositi referendum organizzati e vinti in Lombardia e Veneto nel 2017. Ora che i risultati elettorali si sono molto ridimensionati rispetto alle elezioni politiche del 2018 e a quelle europee del 2019, la strategia di Salvini sembra essere entrata in crisi: il successo elettorale di Fratelli d’Italia e in parte del Movimento 5 Stelle hanno quasi azzerato i consensi della Lega al Centro-Sud, mentre nel Nord le grandi città votano soprattutto per il centrosinistra, mentre l’elettorato storico della Lega sembra essersi trasferito su Fratelli d’Italia, a giudicare dalle prime analisi sui flussi elettorali . Subito dopo la voce di un organizzatore al microfono annuncia la fine dello show: “Scusateci ma non abbiamo la possibilità di andare avanti, è pericoloso per tutti”.

Un pezzo della dirigenza della Lega vorrebbe che il partito tornasse a concentrarsi proprio sugli interessi e le priorità del proprio elettorato storico, a partire da una maggiore autonomia per le regioni del Nord (che Salvini negli ultimi giorni cita più spesso di prima, forse per cercare di placare le tensioni interne). Anche a costo di interrompere gli investimenti e le operazioni di costruzione del consenso che Salvini aveva avviato dall’Emilia-Romagna in giù. «Preferisco il 5% del Nord guadagnato perseguendo politiche precise piuttosto che l’8% su scala nazionale ma senza una linea chiara», .