Natale Bruno, Mafia, Violenza Donne, Femminicidi

Natale Bruno, Mafia

Uccise la sorella perché aveva relazioni con uomini del clan avversario

Uccise la sorella perché aveva relazioni con uomini del clan avversario

04/06/2021 09.11.00

Uccise la sorella perché aveva relazioni con uomini del clan avversario

Dopo 26 anni si fa luce sul delitto di Nunzia Alleruzzo avvenuto a Paternò nel Catanese

2 minuti di letturaAssassinò la sorella per riscattare l'onore della famiglia mafiosa degli Alleruzzo, violato dalle relazioni extraconiugali che la donna intratteneva con criminali di un gruppo contrapposto dopo avere abbandonato il marito. Ci sono voluti 26 anni e le dichiarazioni di alcuni pentiti per inchiodare Alessandro Alleruzzo, figlio dello storico capomafia di Paternò Giuseppe 'Pippo', accusato di avere ucciso con due colpi di pistola calibro 765 alla testa sua sorella Nunzia, scomparsa il 25 maggio del 1995.

Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Kjaer, «capitano ed eroe»: per primo ha soccorso Eriksen e ha chiesto ai compagni di fargli scudo Europei, il momento in cui Eriksen si accascia a terra

La donna scomparve nel nulla dopo essere stata vista uscire di casa con il figlio di 5 anni e con il fratello 'assassino'. Sono stati i carabinieri della compagnia di Paternò ad arrestare Alessandro Alleruzzo, 47 anni, accusato di omicidio volontario pluriaggravato. Il padre Pippo Alleruzzo negli anni Settanta e Ottanta guidava il gruppo paternese di Cosa nostra, al centro di numerose faide sanguinose e particolarmente cruente, articolazione territoriale della famiglia mafiosa Santapaola. Pippo Alleruzzo, diventato poi un collaboratore di giustizia in seguito alla morte violenta della moglie e di un altro suo figlio, è cugino di Santo Alleruzzo di 67 anni, detto"

a vipera"considerato reggente del clan fino al suo ultimo arresto avvenuto nell'ambito della operazione"Sotto Scacco".Il 25 marzo del 1998, militari del nucleo operativo della compagnia di Paternò, a seguito di due telefonate anonime (in carcere, Santo Alleruzzo, aveva intimato ad Alessandro di far ritrovare il corpo della sorella per darle sepoltura), ritrovarono in un pozzo nelle campagne di Paternò nei pressi dell'abitazione di Pippo Alleruzzo, i resti ossei di una donna, in particolare il teschio, sul quale vi erano due fori causati da colpi di arma da fuoco. Le attività investigative, grazie anche alla comparazione del Dna, hanno permesso di identificare la vittima. headtopics.com

Le recenti dichiarazioni di tre diversi pentiti (Francesco Bonomo, Antonino Giuseppe Caliò e Orazio Farina), riscontrate dagli investigatori, hanno alzato il velo sul ritrovamento del cadavere di Nunzia Alleruzzo. In particolare, Bonomo ha riferito di aver saputo da Giovanni Messina e da Caliò che l'omicidio della donna fu commesso dal fratello Alessandro, per riscattare l'onore della famiglia violato dal fatto che la sorella aveva avuto numerose relazioni sentimentali con componenti del clan, abbandonando il marito. Anche Caliò ha confermato di aver appreso i particolari del delitto direttamente da Alessandro Alleruzzo, il quale gli aveva raccontato di aver ucciso la propria sorella sporcandosi di sangue per averla trascinare. Anche il collaboratore Orazio Farina confermava la ricostruzione, aggiungendo che tra gli"amanti" di Nunzia Alleruzzo vi era Giovanni Messina, componente del gruppo, che aveva ucciso la madre e che pensava di uccidere lo stesso Alessandro.

Ulteriori attività investigative, a seguito della riapertura delle indagini coordinate dalla Dda di Catania ed eseguite dai carabinieri di Paternò, hanno consentito di sentire a sommarie informazioni i familiari della giovane Nunzia, dalle quale emergevano un eccesso di ritrattazioni, addirittura superflue e sospette. Venivano così disposte intercettazioni all'interno della cella della casa circondariale di Asti nella quale erano detenuti Giovanni Messina e Salvatore Assinnata i quali, a seguito della pubblicazione di articoli di stampa del 9 febbraio scorso sulla riapertura delle indagini, commentavano confermando l'ipotesi investigativa dell'omicidio in ambito familiare ("

mi rissi...o iddi pavunu...e Alessandro è il mandante...ehh...ammazzau...ehh") Leggi di più: la Repubblica »

Funivia Mottarone, Tadini al gip: “Messo forchettone altre volte”

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone-Stresa, Tadini al gip: “Messo forchettone anche altre volte”

L'Italia fa il pieno al Roland Garros: dopo Fognini, altri 4 qualificati al terzo turnoROLANDGARROS Berrettini, Sinner, Musetti e Cecchinato: quanto azzurro sulla terra rossa di Parigi Manca Fogniniiiii

L'abito da sposa di Lady Diana torna in mostra dopo 25 anniCon la benedizione dei figli William e Harry, il celebre abito da sposa della principessa triste sarà esposto nella mostra londinese Royal Style In The Making

Dopo nemmeno un mese Trump chiude il suo blog: 'Non riaprirà più'Lanciato per creare un legame con i sostenitori dopo che l'ex presidente era stato bandito da Facebook e Twitter, è stato un fallimento Quando i social decidono davvero del destino del mondo, questo borioso personaggio è diventato l'uomo più potente del pianeta grazie ad essi ma una volta cancellati i suoi account in sei mesi è sparito

Cara Fede Pellegrini, dopo l'argento nei 200 stile libero meriti l'oro per la tua frangettina superLa frangia scalata di Fede Pellegrini è toppp mafaldina88 FedericaPellegrini

Fuggono a un controllo: arrestati dopo inseguimento nel NapoletanoLeggi su Sky TG24 l'articolo Fuggono a un controllo: arrestati dopo inseguimento nel Napoletano

Notai, no al limite di 50 anni per l’accesso al concorsoA rivolgersi agli eurogiudici è stato il Consiglio di Stato alle prese con una controversia tra il ministero della Giustizia e un’aspirante notaia esclusa perché aveva superato i 50 anni