Truffa milionaria, maxi-condanna al trader di Portogruaro: 15 anni di carcere - Il Fatto Quotidiano

Truffa milionaria, maxi-condanna al trader di Portogruaro: 15 anni di carcere

03/07/2019 18.19.00

Truffa milionaria, maxi-condanna al trader di Portogruaro: 15 anni di carcere

Quindici anni e quattro mesi di reclusione per truffa, associazione a delinquere, autoriciclaggio e abusivismo finanziario. Un’autentica stangata rifilata dal tribunale di Pordenone a Fabio Gaiatto, 44 anni, il trader di Portogruaro (in provincia di Venezia), arrestato a settembre 2018 per un colossale raggiro sul mercato dello scambio di valute. È stato il gup Eugenio Pergola a leggere il …

danno patrimonialedi rilevante entità, si è procedutod’ufficio. A costituirsi parte civile sono stati 1.081, ma le querele che nel frattempo continuano ad essere presentate sono numerose. Infatti, secondouna stimadella Finanza, la raccolta abusiva ha raggiunto i

Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Bari, è gravissimo il quadro clinico del 54enne in Rianimazione: ischemia dopo il vaccino J&J - Il Fatto Quotidiano Pd: Letta, a Bologna la festa nazionale dell'Unità - Politica

67 milioni di euroe i clienti raggirati sarebbero circa2.700Secondo gli inquirenti di Pordenone,11 milioni di eurosono stati erogati sotto forma di prestito a tasso zero auna settantina di investitori. Altri 4 milioni di euro sono serviti ad acquistare

18 immobilipalazzi in Veneto e Friuli. Da qui nasce l’accusa a Gaiatto anche diautoriciclaggio. E’ stato il procuratore della Repubblica in persona,Raffaele Tito, a tenere la requisitoria. Gaiatto è intervenuto per affermare che 10 milioni di euro gli sarebbero stati sottratti dai collaboratori. Il difensore, l’avvocato headtopics.com

Guido Galletti, ha chiesto l’assoluzione per Gaiatto da quasi tutti i capi di accusa, tranne che per la raccolta abusiva dei risparmi fino al marzo 2016.Ma la tesi, secondo cui la truffa non esiste perché non furono messi in atto artifici e raggiri,

Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Se avesse ucciso qualcuno gliene davano 3 Il doppio dovevano darli, giusto per non avere il tempo di godere i soldi una volta uscito Oh finalmente qualcosa funziona FuoriCorrente , è così che la voglia la magistratura! Farà comunque in tempo a godersi una fetta di malloppo?

Accoglienza migranti e false onlus Truffa da 7 milioni, 11 arrestiLe accuse sono di associazione per delinquere, truffa allo Stato e autoriciclaggio. La gestione economica illecita avrebbe procurato profitti per milioni di euro Non basta arrestarli, ma sequestrare anche i loro beni Tanto per cambiare ha ragione Salvini Qualcuno cominci a risponderne! Dietro l'affair migranti voti di scambio a gogo.

Migranti, onlus sotto accusa a Milano. Undici arrestiLe ipotesi di reato sono associazione per delinquere, truffa allo Stato e autoriciclaggio. I Pm contestano presunti profitti illeciti per milioni di euro Ma cosa c'entrano le persone che dovevano essere aiutate per queste onlus con il reato? Se fossero onlus che reforestavano mica scrivevate: alberi, Nokia sotto accusa, 11 arresti ho stappato una bottiglia di quello buono.... Ecco i 'buonisti'

Truffa delle assicurazioni on line: 222 siti oscuratiCentinaia di cittadini caduti nella trappola, 74 persone indagate.

False polizze online: oscurati oltre 200 siti webGli utenti, convinti di sottoscrivere assicurazioni  vantaggiose per le proprie auto, le proprie case o le proprie  barche, si sono in realtà ritrovati senza alcuna copertura  assicurativa. E' quanto capitava  a centinaia di persone finite nella trappola digitale di  oltre 200 siti truffa, finiti nel mirino del Nucleo Speciale  Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza  che sta eseguendo, in queste ore, provvedimenti di  perquisizione locale, informatica e conseguente sequestro nei  confronti di persone fisiche responsabili di truffe online,  con le quali sono stati raggirati centinaia di cittadini ai  quali sono state vendute delle false polizze assicurative. L'indagine, diretta dal Procuratore della Repubblica di  Milano, Francesco Greco e coordinata dal Procuratore  Aggiunto, Eugenio Fusco e dal sostituto procuratore Christian  Barilli, ha consentito di individuare e di oscurare  complessivamente 222 siti che proponevano assicurazioni  online, contravvenendo alle prescrizioni imposte dal Codice  delle assicurazioni private. Il modus operandi, comune a gran parte dei portali  individuati ed utilizzato per trarre in inganno gli utenti  che si imbattevano nei siti Internet, prevedeva l'utilizzo  indebito dei loghi delle più note compagnie di assicurazione  operanti in Italia e l'indicazione di un numero RUI (Registro  Unico degli Intermediari assicurativi) contraffatto,  funzionale al raggiro. L'attività investigativa, realizzata con la collaborazione  attiva dell'Ivass (Istituto per la Vigilanza sulle  Assicurazioni), oltre all'oscuramento dei portali Web, ha  permesso di identificare 74 persone fisiche e di eseguire  perquisizioni nei confronti dei soggetti ritenuti  responsabili del reato di esercizio abusivo dell'attivita' di  intermediazione assicurativa e truffa aggravata.

Shopping online durante i saldi: 10 consigli di Google per fare acquisti sicuri - iO DonnaCome capire se il sito è sicuro, come effettuare pagamenti senza rischi, quali strumenti si trovano online per fare acquisti in Rete a prova di truffa. Con i consigli dell'esperto di Google

Bologna, bambina di 7 anni annega nel fiume Reno: era al centro estivo - Il Fatto QuotidianoUna bimba di 7 anni è morta annegata nel fiume Reno a Molino del Pallone, al confine fra Emilia e Toscana. La bambina – nata in Italia da una famiglia di origine nigeriana che vive in provincia di Pistoia – stava partecipando a un centro estivo con altri coetanei e accompagnatori. Le cause precise del decesso sono ancora …