Teo Luzi: «Pandemia, vaccini e abusi: così combattiamo gli illeciti»

Teo Luzi: «Pandemia, vaccini e abusi: così combattiamo gli illeciti»

17/01/2021 02.10.00

Teo Luzi: «Pandemia, vaccini e abusi: così combattiamo gli illeciti»

«Va impedito ai gruppi criminali di approfittare della crisi. In questo momento è importante guardare al futuro con ottimismo, perciò ci rivolgiamo ai giovani»

Teo Luzi, s’insedia mentre il Paese sta ancora tentando di contrastare la pandemia che da quasi un anno, ormai, condiziona la salute, la sicurezza, l’economia e la vita quotidiana dell’Italia e degli italiani. Anche l’ultima sfida, la somministrazione dei vaccini, vede il diretto coinvolgimento dell’Arma. «Dal 26 settembre - spiega il generale Luzi - data di arrivo del

Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano 'Fedez dice fesserie, ecco i dati sugli immobili del Vaticano' | Stanze Vaticane Sara Napolitano, un’ingegnera contro le malattie rare

, abbiamo garantito oltre 100 servizi di tutela su tutto il territorio nazionale, con l’impiego di 250 carabinieri,scortando quasi mezzo milione di dosi, ovunque, verso tutti i siti di somministrazione. Le scorte ai vaccini proseguono, nell’ambito del piano registrato anche dal ministero della Difesa, senza registrare criticità, e sono l’ultimo tassello di un impegno intensissimo che vede, dal marzo 2020,

oltre 30.000 unità impiegate ogni giornonei servizi “anti-Covid”».Come procedono i controlli sul rispetto delle priorità nella somministrazione dei vaccini e su altri aspetti della campagna appena cominciata?«I Reparti territoriali e i Nas, i Nuclei antisofisticazione, sono impegnati con le strutture sanitarie nella verifica della corretta conservazione del vaccino, e degli standard di sicurezza per il loro stoccaggio. Finora non abbiamo registrato anomalie. Contemporaneamente stiamo collaborando con la magistratura su presunte illegittimità nella somministrazione del vaccino a soggetti non rientranti nelle categorie di priorità; stiamo approfondendo alcune situazioni emerse a Modena, Cosenza, Brindisi, Scicli in Sicilia e Carbonia in Sardegna, ma non appare un fenomeno diffuso». headtopics.com

Qualcuno ha lanciato allarmi su ipotetici attacchi ai centri di conservazione, o per un possibile “mercato nero” dei vaccini.«Riteniamo improbabile il furto di dosi vaccinali, poiché attualmente la catena del freddo necessaria al farmaco non è facilmente gestibile. Nell’ambito ospedaliero c’è l’attenzione dei Nas perché nessun residuo possa essere fraudolentemente recuperato e illecitamente distribuito. Inoltre abbiamo gli occhi puntati sulla rete, per evitare possibili commercializzazioni di dosi contraffatte. Al momento non sono emerse anomalie gravi, ma più in generale ci preoccupano le suggestioni del commercio on line in tema di Covid; ad oggi abbiamo oscurato oltre 250 siti per vendita illecita di farmaci contraffatti, e sequestrato oltre 6 milioni di dispositivi di protezione e di sanificazione del tutto inefficaci, se non pericolosi».

Che ruolo svolge una forza come l’Arma di fronte alle altre emergenze generate dal coronavirus, a cominciare dalla crisi economica e dal conseguente impoverimento di molte categorie?«In questa fase è anzitutto necessario impedire che i gruppi criminali intercettino il bisogno, reclutando manovalanza tra i soggetti più deboli. Lo facciamo in piena convergenza con la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza, ma il valore aggiunto dei carabinieri sta nella capillarità e nella capacità di leggere le dinamiche del territorio, per cercare di prevenire spirali di emarginazione e di delinquenza: le 4.900 Stazioni Carabinieri sono un luogo privilegiato di ascolto per tutti i cittadini, in modo da evitare derive senza uscita. Ci preoccupa l’usura, ma anche lo sfruttamento di situazioni di miseria per ingaggiare spacciatori e corrieri di droga».

Avete scoperto episodi concreti di infiltrazioni illegali nell’economia?«Le indagini stanno registrano segnali di interessamento dei gruppi criminali verso i flussi di denaro pubblico destinati soprattutto alle forniture medico-ospedaliere, operando attraverso società nuove o acquisite illecitamente. In prospettiva, mi preoccupa il bisogno di liquidità degli operatori economici nei settori che hanno risentito maggiormente della crisi: ristorazione, turismo, intrattenimento. Anche per la mia trascorsa esperienza in Lombardia, guardo con preoccupazione alla ‘ndrangheta che può sfruttare a proprio vantaggio questa debolezza avendo la disponibilità di enormi riserve di liquidità, derivate per lo più dal traffico internazionale di droga».

L’emergenza può diventare un affare per le organizzazioni criminali, insomma.«Sì, e la nostra attenzione è massima. Però mi lasci dire che pure in questa situazione di crisi è importante guardare al futuro con ottimismo. Per questo ci rivolgiamo ai giovani, chiamati ad affrontare sfide impensabili ma che potranno cogliere nuove opportunità; vogliamo essere gli influencer della loro fiducia verso le istituzioni». headtopics.com

Lapadula, gol e assist contro l'Ecuador. E il Perù impazzisce per lui Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero' Il c.t. Rossi: 'Orgoglioso della mia Ungheria'

Teme che il disagio sociale possa sfociare in proteste come quelle d’autunno, con relative infiltrazioni?«Le manifestazioni dello scorso autunno a Roma, Napoli, Torino, Milano e Firenze confermano le intenzioni di tutte le compagini antagoniste di appropriarsi delle rivendicazioni delle categorie economiche per creare disordine. A Palermo, altra realtà che conosco bene per avervi svolto servizio, esponenti mafiosi hanno dispensato generi alimentari nel quartiere Zen, accreditandosi presso famiglie disagiate con una iniziativa di falsa solidarietà. Siamo attenti a tutti i segnali che provengono dal territorio e dal web, condividendoli costantemente con gli altri apparati della sicurezza».

Però le situazioni di sofferenza per milioni di cittadini sono reali.«Certamente, e gli italiani sono affaticati dalle incertezze per il futuro. Viviamo una fase estremamente complessa, in cui chi ha la responsabilità della sicurezza deve confrontarsi con molti aspetti. Il nostro compito è salvaguardare le regole di democrazia, ma non possiamo essere indifferenti ai disagi vissuti dalla comunità. C’è bisogno di tanto dialogo e di comprensione. Di fronte a possibili derive non ci potranno essere cedimenti, ma il nostro compito è soprattutto anticipare e prevenire. Sono certo, tuttavia, che il senso di responsabilità prevarrà e nessuno consentirà il prevalere della violenza».

Lei arriva al vertice dell’Arma dopo aver contribuito a «guidare la macchina» come capo di Stato maggiore. Pensa che siano necessari interventi per migliorarne il funzionamento?«Tutte le mie future decisioni dovranno andare nella direzione dell’innovazione, perché il mondo cambia rapidamente e non possiamo perdere terreno. Lungo questa linea, abbiamo avviato progetti importanti che ci impegneranno nei prossimi mesi. Primo fra tutti l’urgente revisione del Regolamento generale dell’Arma, da cui deriva tutto il sistema delle disposizioni interne; si tratta di norme risalenti al 1911, i cui fondamenti valoriali rimangono efficaci ma devono essere espressi alla luce dei profondi mutamenti intervenuti nella società. Punto inoltre alla valorizzazione della catena di comando: l’Arma è composta da una rete molecolare di presidi, non possiamo permettere sfilacciamenti; stiamo applicando le risorse tecnologiche più avanzate affinché ogni carabiniere possa sempre contare sul supporto del proprio superiore e viceversa. Infine, guardo alla formazione del nostro personale: credo che, accanto alla cura delle fondamentali nozioni giuridiche, occorra dedicarsi maggiormente alle modalità con le quali approcciarsi al cittadino, fornendo nozioni pratiche di psicologia comportamentale».

Con quale obiettivo?«Quello di creare un rapporto con i cittadini meno burocratico e più empatico. I comandi di stazione devono capire come relazionarsi con la società civile, e l’aggiornamento del personale deve basarsi anche su rudimenti di sociologia e psicologia. Le persone che s’imbattono o si rivolgono ai carabinieri devono trovare comprensione delle esigenze individuali e del sentire sociale». headtopics.com

Sta dicendo che deve migliorare il rapporto tra l’Arma e il cittadino, che nell’immaginario collettivo è sempre stato di grande vicinanza?«I carabinieri sono la ‘sicurezza tranquilla’ di questo Paese, perché da sempre esprimiamo vicinanza e accoglienza. Pensi che da oltre un anno i Carabinieri di Luino e Varese raggiungono a piedi, lungo una mulattiera, una frazione rimasta isolata dopo la rottura della funivia. Vi abitano alcune famiglie di anziani a cui recapitano generi alimentari e medicinali. Ogni giorno due ore di cammino con gli zaini. Non glielo ha ordinato nessuno. Lo fanno e basta., perché sono Carabinieri. Nell’emergenza sanitaria abbiamo sentito fortissima la responsabilità di agire per non lasciare solo nessuno. Siamo intervenuti anche per garantire la didattica a distanza, consegnando alle famiglie i tablet acquistati dagli istituti affinché i ragazzi potessero seguire le lezioni. Per tutto questo, non abbiamo dovuto elaborare nuovi modelli d’intervento. Ogni ‘risposta operativa’ era, per così dire, già scritta nel nostro Dna. L’evoluzione che immagino vede il cittadino ancora più centrale. Non solo come destinatario di servizi, ma anche come risorsa strategica da coinvolgere per valutare la rispondenza dei servizi erogati».

Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Non ho capito. I vaccini sono un illecito da combattere? ...non dimentichiamo di monitorare le caserme... Ricordatevi che state al servizio del popolo e non dei partiti politici Teocrazia

Coronavirus oggi. Timmermans riconosce errori in ordini vaccini: «A fine pandemia faremo bilancio»● Le notizie sulla pandemia di ieri 13 marzo ● Speranza, «AstraZeneca e gli altri vaccini sono sicuri» 'alla fine' è proprio il caso

Dalle mascherine ai guanti, così i rifiuti della pandemia uccidono gli animaliCamminando per strada se ne vedono ovunque, usate e talvolta anche chiaramente nuove ma cadute a terra e non raccolte. Sono le mascherine, chirurgiche o meno, il simbolo dei rifiuti derivanti dalla pandemia che hanno invaso il mondo. Queste, insieme ai guanti, sono diventate trappole mortali che stanno minacciando la ... È la svolta 'green'

Principi contabili a prova di Covid: così gli organismi internazionali si adeguano all’effetto pandemiaLa situazione di emergenza ha richiesto uno sforzo per supportare le imprese nella redazione dei bilanci

Per uscire dalla pandemia l’Italia dovrebbe regalare i suoi vaccini ai Paesi poveriPer uscire davvero dalla pandemia l’Italia dovrebbe regalare le proprie dosi di vaccino anti Covid ai Paesi poveri. Sembra un paradosso, eppure è l’unico modo per salvarci. Ci sono tre motivi per cui questo dovrebbe avvenire. Innanzitutto perché è un imperativo morale. La pandemia ha già ucciso 2 milioni e ... Voi siete distaccati dalla realtà. Esempio, solo in Nigeria sono 400 milioni di persone. Ora, se regalassimo i nostri vaccini (pochi) non risolveremmo né la nostra né la loro, situazione. Torniamo coi piedi per terra. Come dicono in aereo della mascherina per l'ossigeno? Salviamo noi stessi per avere la capacità produttiva per salvare gli altri. Se distruggiamo le economie più solide chi avrà i mezzi per produrre miliardi di dosi di vaccino? Non capisco 🤔