Stella e gli ex famosi Gerardo Bianco, ai giardinetti mai

Su @7Corriete Il ritratto di Gian Antonio Stella di Gerardo Bianco, docente universitario, deputato per 9 legislature, vicepresidente della Camera ai tempi di Nilde Iotti, ministro dell’Istruzione, segretario del Partito Popolare Italiano

27/05/2019 20.24.00

Su 7Corriete Il ritratto di Gian Antonio Stella di Gerardo Bianco, docente universitario, deputato per 9 legislature, vicepresidente della Camera ai tempi di Nilde Iotti, ministro dell’Istruzione, segretario del Partito Popolare Italiano

Ai giardinetti non ci va mai? «Eh... I giardinetti... Sì, sarebbero la mia aspirazione, in fondo. Prima o poi». Ma come prima o poi? A quasi 88 anni Gerardo Bianco, per gli amici Jerry White, già docente universitario, deputato per 9 legislature, vicepresidente della Camera ai tempi di Nilde Iotti, ministro dell’Istruzione, segretario del Partito Popolare Italiano, ridacchia: «Sono un reduce, mica un disoccupato».

Ammette che sì, gli è capitato di andarci, ai giardinetti:«Con le mie quattro nipotine. Bellissimo. Meraviglioso». Ma ha troppi impegni... Nessun hobby dopo avere smesso di fare il parlamentare, il segretario o il ministro? «Quello, grazie a Dio, l’ho fatto per poco. E per fortuna non ho fatto danni». Resta immortale il suo esordio dopo il giuramento al Quirinale. «Finalmente potrò comandare a mia moglie Tina, che fa la professoressa». Ride: «E poi manco è successo. Ha continuato a comandare lei. Per prima cosa tentai di far semplificare il linguaggio. Dissi al capo di gabinetto: “Come posso firmare una cosa che non capisco?” Mi trovai un professore che sapeva di legge. Mi dava una mano lui. Un giorno, non so per quale emergenza, mi scrissi una cosa da solo. Tina arrivò sventolandola: “Non si capisce niente!”» Mai stato uno che se la tirava, il vecchio Jerry. «Cercano un leader? Facciano», disse quando capì che non lo avrebbero implorato di restare segretario del partito: «Io non ho mai preteso d’essere iscritto al club degli statisti. Sono un uomo normale, da “pasta e fagioli”». Avellinese di Guardia Lombardi, restano memorabili alcuni duelli con il quasi conterraneo («quasi») Ciriaco De Mita. Una battuta su tutte: «De Mita voleva la mia pelle e io mi sono rotto le palle». Saputo che l’amico-nemico ormai novantunenne si ricandida anche quest’anno a sindaco di Nusco ha ammiccato: «La gioia del potere, sia pure circoscritto al castello dell’antico Signore, lo rende immortale». Niente, in confronto alle scazzottate con Rocco Buttiglione quando la Dc si spaccò. «Rocco è un fico infruttuoso, come quello del Vangelo di Luca», diceva lui. «Bianco è solo il singolare di Bianchi», ribatteva l’altro. «Rocco ha espulso tutti, porterà il cane Teo per far numero». E l’altro, che si sentiva il padrone di casa: «L’ospite è come il pesce: dopo tre giorni puzza». E fece tagliare al rivale i telefoni alla storica sede di piazza del Gesù. Replica: «È come Amin Dada, il dittatore dell’Uganda». Quasi un quarto di secolo dopo: mai fatto pace? «Quando ci incrociamo ci salutiamo». «Il principio numero uno in politica è la prudenza. È un’idea di San Tommaso alla quale mi attengo». Era questa la filosofia del nostro. Figuratevi cosa possa pensare dei due rissosi capataz del governo gialloverde: «Stanno stracciando l’anima del Paese. Questo era un Paese che sia nella sua componente cattolica sia in quella operaia credeva nella solidarietà. Dov’è oggi? Dove? Questi sono più statalisti dei peggiori statalisti...» È d’accordo con Silvio Berlusconi? «Lasci perdere Berlusconi! Lui è all’origine di tutto. L’ho sentito dire ancora l’altro ieri che lui nel ‘94 ha salvato l’Italia dal comunismo. Non si rende neanche conto delle puttanate che dice. Ma tornando ai gialloverdi sa cosa non sopporto? Stanno trattando il popolo come una plebe. Stanno alimentando il plebeismo». Sta dicendo che Salvini e Di Maio hanno un rapporto con la “plebe” simile al vecchio clientelismo meridionale? «Sostanzialmente sì. È il solito “lazzaronismo”. Quello di Masaniello. Difatti poi va a finire coi patti. Ma i patti si fanno anche tra le cosche».

Richard Gere testimone contro Salvini al processo Open Arms - Politica Indagato Morisi, inventore della «Bestia» della Lega. Tre giovani l’accusano: «Ci ha dato droga» Morisi, l’ideatore della “Bestia” coinvolto in un’indagine per droga della Procura di Verona

«Salvini l’arronza popolo»Bollato Salvini non come un fascista («Lì c’erano anche delle componenti strutturate, delle idee») ma come «un arronza-popolo che si rifà al bullismo politico», dice che non saprebbe rispondere a chi gli chiede quali sono i migliori, dei nuovi: «Mah... Non mi dispiace Calenda. Forse. Anche Renzi, se si liberasse del renzismo. Ma dovrebbe fare un corso di esercizi spirituali». Rivela che al referendum del 2016 votò No: «Era un pastrocchio». Però «il Paese ha un bisogno estremo di riforme. Non possiamo andare avanti così. Sento parlare dell’ipotesi di un governo Pd-5 stelle. Per l’amor di Dio! Sarebbe peggiore di quello di adesso. La vera questione è: una classe politica seria dovrebbe dare vita, con tutti, a una Costituente». Campa cavallo... Nel frattempo, lui presiede l’Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia: «È la più antica istituzione culturale meridionalista del Paese. Se vedeste i nomi di chi mi ha preceduto, da Leopoldo Franchetti a Zanotti Bianco direste: ma come ha fatto a finire in mano a Gerardo Bianco? Abbiamo fatto quindici volumi sui Pinakes, le antiche tavolette votive...». E il latino? L’antica passione per il latino? «Ormai con gli anni, purtroppo, l’ho quasi dimenticato. Confido nei cinesi». Cioè? «La settimana scorsa ho partecipato a un convegno dell’Accademia Vivarium Novum a Frascati. Dove vengono ragazzi bravissimi da tutto il mondo, americani, vietnamiti, tedeschi, messicani e così via, che parlano tutti latino. Tre mesi fa hanno invitato una trentina di studenti cinesi che hanno pure cantato versi di Orazio, Catullo, Ovidio! Ci sono scuole in Cina dove insegnano il latino. Dico: in Cina!» Ah, la scuola italiana..

24 maggio 2019 (modifica il 24 maggio 2019 | 18:16) Leggi di più: Corriere della Sera »

Willy, la mamma dei fratelli Bianchi: “Manco fosse morta la regina”

Leggi su Sky TG24 l'articolo Omicidio Willy, la mamma dei fratelli Bianchi: “Manco fosse morta la regina”

Ciriaco De Mita rieletto sindaco di Nusco a 91 anni - News -

In Valle d’Aosta a luglio per la festa di musica, arte e cultura celtica più alta d’EuropaNel secolare Bosco del Peuterey in Val Veny, ai piedi del Monte Bianco, a 1.500 m di altitudine. Il programma? Bancarelle, workshop, concerti, sidro e birra

Corriere della Sera on Instagram: “Venerdì mattina gli archeologi della Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali impegnati nello scavo archeologico di via Alessandrina…”Venerdì mattina gli archeologi della Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali impegnati nello scavo archeologico di via Alessandrina hanno ritrovato una testa di statua in marmo bianco di età imperiale di dimensioni di poco maggiori del vero e in otti… Aprigliocchi Italia Roma Almeno adesso la smettiamo con la cavolata delle radici judaiche cristiane! Di sicuro e' più furba della Raggi.

Elezioni, le storie dai seggi: gli sposi che hanno votato prima delle nozze e l'appello social per trovare scrutarori - Il Fatto QuotidianoSposi al voto prima del “sì” Nonostante di lì a poco avrebbero dovuto sposarsi non hanno rinunciato ad andare a votare. Lei avrebbe voluto recarsi al voto in abito bianco prima di raggiungere il futuro marito all’altare ma poi, complice anche l’emozione per il grande giorno, ha cambiato idea e si è recata al seggio “in …

La Zanzara, avvocato condannato per saluto romano: 'Fierissimo di essere fascista'. Bagarre con Parenzo - Il Fatto QuotidianoScontro al calor bianco a “La Zanzara” (Radio24) tra uno dei conduttori, David Parenzo, e Gabriele Leccisi, l’avvocato milanese condannato dalla Cassazione a un mese e dieci giorni di reclusione con pena sospesa, per aver fatto il saluto romano in consiglio comunale a Milano nel 2013. Leccisi, figlio di Domenico, deputato missino e ‘fedelissimo’ del … Cose più serie di cui occuparsi no? Solo cabaret e circo? Comunque è curabile... questo signore e mister bonafede, chi un modo chi in un altro, sono il disonore della categoria.

Francesco, il Papa 'futbolero', che ha fatto impazzire cinquemila ragazziCome fosse un bimbo al parco con una palla al piede, il Pontefice dà un calcio e fa scattare una coloratissima ola in Sala. Cori e applausi: giovani in delirio per questa rockstar vestito di bianco Da giovane, giocava da Dio. serieA

Dagli scavi sotto il Campidoglio emerge la testa di una statua dell’età imperialeGli archeologi della Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali impegnati nello scavo archeologico di via Alessandrina hanno ritrovato una testa di statua in marmo bianco di età imperiale (I ac-V dc) di dimensioni di poco maggiori del vero e in ottime condizioni di conservazione ha la tipica espressione da fine campagna elettorale che dice 'rimettetemi sotto terra' esticazzi

Smoking e fascino: i fan impazziscono per Pitt e DiCaprioFan impazziti all’arrivo di Leonardo DiCaprio e Brad Pitt sulla Croisette: appena le persone si accorgono della presenza dei due divi inizia a urlare e sgomitare pur di ottenere un autografo o meglio un selfie. DiCaprio, sul tappeto rosso per la proiezione del film «C’era una volta a... Hollywood» si mostra senza la fidanzata Camila Morrone che è anche lei all’evento e indossa un abito bianco stile sposa: un messaggio per l’attore? Dopo DiCaprio tocca a Brad dedicarsi al rito degli autografi. I due hanno fascino da vendere. Nell’immagine l’arrivo di Leo (Getty) a cura di Paola Caruso Quasi quasi impazzisco come Jack Nicholson! E nuoviElementi su EgidioVerzini, medicair sotto inchiesta per istigazione al suicidio. ImaneFadil impazziscono allora serve 112 subito

Chiara Ferragni con reggiseno di cristalli (e una nuova pettinatura)C’è attesa per la proiezione di «Once Upon A Time In Hollywood» (C’era una volta a... Hollywood), il film di Quentin Tarantino, durante l’ottava giornata del Festival il 21 maggio, ma prima di vedere la pellicola è il red carpet che cattura tutta l’attenzione del pubblico. Tra le bellezze presenti ci sono Chiara Ferragni (nella foto), Winnie Harlow, Karolina Kurkova e Josephine Skriver. L’imprenditrice e influencer italiana, senza Fedez, sfoggia un look «due pezzi» formato da top corto e gonna lunga (con spacco) che è una delle ultime tendenze fashion (appunto lo spezzato) visto sulla Croisette. Ma quello che incuriosisce i fan è il taglio corto dei suoi capelli. Si tratta di una parrucca o ha veramente accorciato la chioma? In una sua Instagram Story si vedono ciocche dei suoi capelli tagliati su un pavimento e l’immagine è accompagnata dalla didascalia: «Che cosa è successo?». In realtà queste ciocche bionde a terra nelle sue storie social non sono della lunghezza che può portare a un bob e in più c’è qualcosa che fa pensare a una parrucca come la staticità dei capelli. Mistero. Oltre alle splendide signore i fotografi si soffermano su Brooklyn Beckham in smoking scuro accompagnato dalla fidanzata Hana Cross, mentre Camila Morrone, la fidanzata di Leonardo Di Caprio che è sulla Croisette da qualche giorno, si fa immortalare da sola in abito bianco che sembra da sposa: che sia un messaggio indiretto al suo amato Leo? DiCaprio arriva da solo e per lui e Brad Pitt i fan impazziscono, urlando per avere un autografo o un selfie (Getty) a cura di Paola Caruso

Zoo di Barcellona, vincono gli animalisti: mai più cuccioli se non per riportarli nel loro habitatCuccioli nati in gabbia? Solo se potranno essere liberi Ma dei cuccioli nati in cattività saranno a rischio nel loro habitat non sapranno abituati alla sopravvivenza.

Dai ghiacciai ai banchi di scuola, gli studenti raccontano il climaIeri la premiazione di «Ghiaccio Fragile», concorso cui hanno partecipato venti scuole del Piemonte.