Roma, le donne scendono in piazza: nessuno tocchi l’aborto

Il caso Umbria sul ricovero obbligatorio rilancia le proteste. Ieri manifestazione davanti al ministero della Salute

03/07/2020 08.35.00

Il caso Umbria sul ricovero obbligatorio rilancia le proteste. Ieri manifestazione davanti al ministero della Salute.

Il caso Umbria sul ricovero obbligatorio rilancia le proteste. Ieri manifestazione davanti al ministero della Salute

Pubblicato il03 Luglio 2020ROMA. Tante donne, con 80mila firme raccolte dalla Rete italiana contraccezione e aborto Pro-choice, erano ieri mattina davanti al ministero della Salute a Roma per chiedere la somministrazione della pillola abortiva Ru486 in regime di day hospital, senza ricovero, fino a nove settimane di gestazione, e la contraccezione gratuita. Ancora una volta in piazza, quindi, per difendere il diritto di scegliere l’aborto dopo la decisione della Regione Umbria, guidata dalla Lega, di reintrodurre l’obbligo di tre giorni di degenza per le donne che decidono di abortire con la Ru486. Il presidio al Ministero è stato convocato «per sollecitare le istituzioni competenti a prendere immediati provvedimenti al fine di tutelare e garantire i diritti sessuali e riproduttivi delle donne». Si tratta - spiega la rete Pro-choice - di rispettare l’articolo 15 della Legge 194 e di garantire il diritto di accedere alle tecniche contraccettive e abortive più efficaci e aggiornate. «L’accesso all’aborto farmacologico in Italia è oggi ostacolato da restrizioni e indicazioni previste nelle linee nazionali non giustificabili da un punto di vista medico-scientifico, con la richiesta di ospedalizzazione di tre giorni e il limite per la somministrazione delle compresse fissato a sette settimane di gestazione».

Ema: il vaccino AstraZeneca è valido per tutti Coronavirus, ultime notizie in Italia. Gimbe: “Perplessità su mix vaccini, ok basato solo su 4 piccoli studi” Inghilterra, la variante indiana stoppa le riaperture. Boris Johnson: 'Siamo preoccupati, ancora un mese di pazienza'

Aborto, Pro-Choice in piazza: “Contraccezione gratuita”Alessandro Di MatteoCome risulta anche dall’ultima relazione sulla legge 194, il ricorso all’aborto farmacologico è in media del 20,8% ma in molte regioni non arriva neanche al 10%, con estrema variabilità da regione a regione. «In Francia l’Ivg (interruzione volontaria di gravidanza) farmacologica viene scelta dal 66% delle donne, in Svezia dal 95%», sottolinea la rete Pro-choice. Ma l’Italia non è un Paese per donne, come emerge anche dai dati della commissione d’inchiesta del Senato sul femminicidio e la violenza di genere. A marzo di quest’anno è raddoppiata l’incidenza dei delitti commessi contro le donne, rispetto al totale degli omicidi. La quarantena e il conseguente isolamento, insomma, hanno fermato gran parte dell’Italia ma non gli autori dei femminicidi. Anzi.

A marzo 2019 erano state uccise 38 persone, di cui 12 donne. Un anno dopo, a marzo 2020, degli 11 omicidi compiuti, 7 hanno visto le donne come vittime. Vuol dire che mentre nel marzo 2019 le donne uccise rappresentavano circa il 30% del totale, nel 2020 si è arrivati addirittura al 60%. Il doppio. Aumenta anche la percentuale dei delitti commessi in ambito familiare, che sale dal 45% del 2019 al 58% nel 2020. Ma soprattutto aumentano le donne che hanno perso la vita per crimini compiuti all’interno della famiglia, salite dal 57% al 75%. La presidente della commissione, la senatrice Pd Valeria Valente: «Abbiamo retto grazie ai centri antiviolenza, che sono baluardi indispensabili. Chiederemo di rivedere le procedure con cui arrivano le risorse semplificandole, e i tempi di assegnazione per dare loro maggiori certezze nella programmazione delle attività».  headtopics.com

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Un’informazione seria, libera, competente e autorevolecome quella de La Stampa merita un abbonamento.FrancescoI perché dei nostri lettori“Perché La Stampa è il quotidiano su cui ho imparato a leggere. La famiglia di mia mamma era di Torino. Una copia era sul tavolo, tutti i giorni.

Per me La Stampa è casa.PaolaI perché dei nostri lettori“informa senza distorcere i fatti, perché nella suasa prendere posizione autonoma anche a costo di andare contro corrente.FabrizioI perché dei nostri lettori“Da 50 anni sono un lettore de La Stampa. È il quotidiano che apprezzo perché è

equilibrato nei commenti, ha editoriali interessanti, giornalisti competenti Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Il lockdown, grande occasione per l’ecommerce: il boom eBay (e il caso Macai)Durante l’isolamento i consumatori online sono diventati 1,3 milioni in più di prima e hanno comprato soprattuto prodotti per l’igiene personale e per tenersi in forma morte per gli altri.... Grande occasione per chiusura piccoli commercianti, ristoranti etc

Marò, il Tribunale arbitrale internazionale dà ragione all'Italia: “A Roma giurisdizione sul caso”Marò, il Tribunale arbitrale internazionale dà ragione all'Italia. “A Roma giurisdizione sul caso” Una decisione rapida 👍 Mandate tutti a fare in culo, compresa l'India che ha i mari intestati dai pirati .. ancora a perdere tempo con queste cazzate... i marò stanno a casa loro e non si muovono, innocenti a vita...

Lega in soccorso di Esselunga: l’aiutino per aprire il megastore - Il Fatto QuotidianoUna variante “ad aziendam”. Una modifica urbanistica voluta dalla Lega per indebolire Conad e favorire Esselunga. L’ultima battaglia dei supermercati va in scena a Forlì, storica roccaforte della sinistra conquistata nel 2019 da una coalizione guidata dal salviniano Gian Luca Zattini. Il Fatto ha ottenuto l’audio di una riunione della Lega tenutasi il 22 maggio … Lo sappiamo tutti che le Coop hanno sempre operato sul mercato in condizioni di vantaggio rispetto alla concorrenza per motivi meramente politici: marcotravaglio Eh già...in Emilia e Romagna non si muove foglia che coop rossa non voglia! Al sud si chiama maffy... Almeno un po’ di sana concorrenza alla Coop e al Conad. Vi dispiace per caso?

Scaccabarozzi: “Ecco quando arriverà il vaccino anti-Covid” - Il Sole 24 OREParla l'amministratore delegato di Janssen, azienda italiana del gruppo farmaceutico Johnson & Johnson che produce ogni anno nei suoi stabilimenti di Latina dai 4 ai 5 miliardi di compresse l'anno, distribuite per il 90% all'estero

Adele, il manager svela quando uscirà il nuovo albumLeggi su Sky TG24 l'articolo Adele, il manager svela quando uscirà il nuovo album sslansia

Con il primo mascara di Huda Beauty, il trucco occhi non sarà più lo stessoDue mascara in uno, un unico segreto per le ciglia che hai sempre sognato, con l'iconico pigmento extra nero di Huda. Lo trovi in esclusiva da Sephora!