Roam, lo smart speaker di Sonos diventa tascabile

Roam, lo smart speaker di Sonos diventa tascabile

10/03/2021 00.41.00

Roam, lo smart speaker di Sonos diventa tascabile

È il più piccolo e il più economico degli altoparlanti prodotti dall’azienda americana, ma è anche quello che ha più funzioni intelligenti e la maggiore flessibilità d’uso

Bruno RuffilliPubblicato il09 Marzo 2021La famiglia Sonos si amplia ancora, con l’arrivo del nuovo Roam, appena presentato. È il più piccolo degli smart speaker dell’azienda americana, ma è perfettamente compatibile con gli altri apparecchi della serie: si comanda con l’app S2, si può integrare in un impianto multiroom, si può perfino usare per riprodurre musica su altri speaker dell’azienda americana collegandolo via bluetooth a una sorgente esterna. Già, perché il Roam è il secondo Sonos con Bluetooth: come il

Covid Uk, Johnson: 'Riapertura totale rinviata al 19 luglio' 'Altrimenti ci arrabbiamo', il remake: trama e poster del film Denise: l'appello della mamma e del legale: 'Cautela nel diffondere notizie' - Sicilia

Move, è pensato per un uso in movimento, ma qui i vincoli di peso e dimensioni sono assai minori. "Abbiamo creato Roam per offrire ai nostri clienti l’esperienza Sonos ovunque si trovino", racconta Patrick Spence, CEO di Sonos. "Non solo Roam è il nostro speaker più smart e versatile, ma è anche il più economico. Per milioni di consumatori, Roam rappresenta l’opportunità di scoprire il mondo Sonos”. 

Lungo quasi 20 cm e pesante meno di 500 grammi, Roam è facile da trasportare e si adatta agli spazi più ristretti. Posizionato in verticale occupa pochissimo spazio, mentre in orizzontale garantisce una maggiore stabilità su superfici irregolari all’aperto. È resistente a polvere e impermeabile fino a un metro d'acqua per un massimo di 30 minuti, mentre pulsanti ed estremità sono rivestiti in silicone per resistere a impatti e cadute. La batteria arriva a 10 ore di riproduzione con una sola carica e dura fino a 10 giorni quando lo speaker non è in uso; si ricarica con un caricabatterie wireless Qi oppure con il cavo USB-C in dotazione.  headtopics.com

In casa, Roam riproduce i contenuti tramite Wi-Fi; fuori casa passa al Bluetooth e si abbina di nuovo automaticamente ai dispositivi mobili: con la funzionalità di trasferimento dell’audio ​Sound Swap ​si può tenere premuto il pulsante Riproduci/Pausa dello speaker per trasferire la musica verso lo speaker più vicino del sistema Sonos, così si può proseguire l’ascolto da una stanza all’altra. Come gl ialtri speaker Sonos, Roam è compatibile con più di 70 servizi di streaming, tra cui

Sonos Radio, e può essere controllato facilmente dall’app, ma pure con la voce usando Amazon Alexa o Google Assistant. È poi compatibile con AirPlay 2 per tutti i più recenti dispositivi Apple. ll Roam può essere utilizzato in configurazione stereo, ma non come parte di un sistema home theater Sonos; d’altra parte con il Move è lo stesso. 

Dotato di un piccolo woofer e di un tweeter con amplificatori separati, Roam è capace di adattarsi automaticamente all’ambiente in cui viene usato, grazie all’ottimizzazione automatica Trueplay, ora disponibile anche per i contenuti riprodotti tramite Bluetooth. È forse questa, insieme con l’eccellente app, la differenza maggiore con concorrenti come UE Boom, JBL Charge o Bose Soundlink II.

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Gigafiber Smart Home, fibra e smart home con lo stesso modemLeggi su Sky TG24 l'articolo Gigafiber Smart Home, fibra e smart home con lo stesso modem

L’assegno unico per i figli è legge: dai beneficiari agli importi, come funzionaL'assegno unico e universale diventa legge con il via libera del Senato che ha approvato oggi in via definitiva il disegno di legge delega che lo istituisce....

Come ha fatto l’italiana BFF (senza aumenti di capitale) a diventare una multinazionale tascabile del creditoNata nel 1985 su iniziativa delle case farmaceutiche, oggi è una public company che in Borsa vale oltre 1,2 miliardi ed opera in nove Paesi europei. Unico business: il factoring dei crediti verso P.A. e Sanità. Ora diversifica con DepoBank, nata da una costola di Nexi Ha recuperatta molto Iva I no dovra pagare e ineditta la faturatta.

Per chi ha solo 30 minuti in mezzo a smart working, didattica a distanza e divanoQuali sono le serie tv brevi da vedere prima di riattaccare con il lavoro, in ufficio oppure in smart working? Ecco la nostra selezione.