Revislate senza connessione Internet, il sindaco chiede aiuto alla prefettura di Novara

Connessione sconosciuta in alcune zone del territorio comunale di Gattico-Veruno, in modo particolare nella frazione di Revislate, e il sindaco Federico Casaccio chiede l’aiuto anche della prefettura per trovare qualche gestore telefonico che vogli.

30/06/2020 08.19.00

Connessione sconosciuta in alcune zone del territorio comunale di Gattico-Veruno, in modo particolare nella frazione di Revislate, e il sindaco Federico Casaccio chiede l’aiuto anche della prefettura per trovare qualche gestore telefonico che vogli.

Connessione sconosciuta in alcune zone del territorio comunale di Gattico-Veruno, in modo particolare nella frazione di Revislate, e il sindaco Federico Casaccio chiede l’aiuto anche della prefettura per trovare qualche gestore telefonico che voglia investire in loco. «Da diverso tempo - dice il sindaco - l’intera frazione di Revislate è priva di segnale telefonico e dotata di bassissimo o pressoché inesistente segnale dati. La connessione on line è quasi impossibile o avviene a velocità talmente basse da non consentire di svolgere in modo adeguato sia lo studio a distanza che il lavoro da remoto. Questi problemi mi sono stati segnalati da numerosi cittadini e si sono acuiti durante il periodo del lockdown». Il sindaco ha provveduto a segnalare questa situazione a tutte le compagnie telefoniche e alla prefettura di Novara lo scorso 8 maggio: «Da parte della Prefettura ho avuto subito massima disponibilità, ma purtroppo ad oggi il problema persiste perché nessuna compagnia telefonica si è fatta viva. I disagi sono ingenti e le proteste si moltiplicano». Casaccio vorrebbe risolvere il problema entro fine estate, «prima che riparta l’anno scolastico, perché quasi sicuramente le lezioni a distanza, anche se in modo parziale, proseguiranno, e i nostri studenti è giusto che possano seguire bene le lezioni». Tecnicamente la soluzione non dovrebbe essere difficile, dice il responsabile tecnico del Comune, Marco Chiera «perché nella frazione c’è un traliccio con le apparecchiature di tutte le compagnie telefoniche a servizio delle autostrade, in questo caso della A26. Il problema è degli investimenti: i gestori telefonici attivano le reti, come la fibra, nei territori in cui trovano una elevata densità di utenza, che così assicura la copertura della spesa, in caso contrario diventa difficile». Una situazione limite si verifica nella località Tre Vigne: «Qui - aggiunge il sindaco - il segnale è completamente assente, non c’è nessuna possibilità di utilizzare il cellulare nè d

Da destra, Cinzia Pasin, il sindaco Federico Cascaccio e Marco ChieraMARCELLO GIORDANIPubblicato il30 Giugno 2020Connessione sconosciuta in alcune zone del territorio comunale di Gattico-Veruno, in modo particolare nella frazione di Revislate, e il sindaco Federico Casaccio chiede l’aiuto anche della prefettura per trovare qualche gestore telefonico che voglia investire in loco. «Da diverso tempo - dice il sindaco - l’intera frazione di Revislate è priva di segnale telefonico e dotata di bassissimo o pressoché inesistente segnale dati. La connessione on line è quasi impossibile o avviene a velocità talmente basse da non consentire di svolgere in modo adeguato sia lo studio a distanza che il lavoro da remoto. Questi problemi mi sono stati segnalati da numerosi cittadini e si sono acuiti durante il periodo del lockdown».

Milan, arriva il lieto fine: riscattato Tomori per 28 milioni! Milano, rubano estintori e li svuotano in un bus: denunciati 8 minori Eriksen, video di auguri da tutte le nazionali

Il sindaco ha provveduto a segnalare questa situazione a tutte le compagnie telefoniche e alla prefettura di Novara lo scorso 8 maggio: «Da parte della Prefettura ho avuto subito massima disponibilità, ma purtroppo ad oggi il problema persiste perché nessuna compagnia telefonica si è fatta viva. I disagi sono ingenti e le proteste si moltiplicano».

Casaccio vorrebbe risolvere il problema entro fine estate, «prima che riparta l’anno scolastico, perché quasi sicuramente le lezioni a distanza, anche se in modo parziale, proseguiranno, e i nostri studenti è giusto che possano seguire bene le lezioni». headtopics.com

Tecnicamente la soluzione non dovrebbe essere difficile, dice il responsabile tecnico del Comune, Marco Chiera «perché nella frazione c’è un traliccio con le apparecchiature di tutte le compagnie telefoniche a servizio delle autostrade, in questo caso della A26. Il problema è degli investimenti: i gestori telefonici attivano le reti, come la fibra, nei territori in cui trovano una elevata densità di utenza, che così assicura la copertura della spesa, in caso contrario diventa difficile». Una situazione limite si verifica nella località Tre Vigne: «Qui - aggiunge il sindaco - il segnale è completamente assente, non c’è nessuna possibilità di utilizzare il cellulare nè di avere la connessione».

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Otto i cinema aperti in Piemonte nell’ultimo weekend: tre sono a Novara, ma il pubblico non rispondeNovara ha conquistato il primato dei cinema in Piemonte nell’ultimo weekend. Ossia, su otto sale aperte - o riaperte, in tutta la regione, ben tre erano quelle del capoluogo. E sono il Vip di via Perazzi, l’Araldo di via Maestra e il Faraggiana di corso della Vittoria. Gli altri cinque: due a Torino, uno a Savigliano, Bardonecchia e Asti. Una ripartenza difficile, nel rispetto delle norme anti-Covid, tra sanificazione a ogni proiezione e il distanziamento dei posti in platea. Ma il fatto di essere stati i primi a ripartire dopo tre interminabili mesi di «lockdown» non ha pagato a livello di incassi. «Diciamo che per ora siamo molto sotto le aspettative - commenta Mario Tosi, gestore del Vip e Araldo - Purtroppo più che una ripartenza è stata una... falsa partenza. E’ vero, siamo stati i primi a riaprire in Piemonte a metà giugno e ci sono delle multisale che ancora lo devono fare. Ma la risposta di pubblico è stata molto tiepida, usando un eufemismo». Più o meno quanti spettatori a proiezione affluiscono nelle vostre sale? «In media siamo sulle 15-20 presenze a serata, davvero troppo poco per coprire i costi che comunque ci sono - commenta Tosi -. C’è poi il pubblico del Cineforum, e quindi già abbonato, con i vari recuperi delle proiezioni saltate nei mesi scorsi. Va detto che il mese di giugno è molto particolare, è sempre stato basso a livello di incassi, anche negli anni scorsi, che pure non c’era l’emergenza sanitaria. La gente forse preferisce uscire, stare all’aria aperta ed è comprensibile. Anche le case cinematografiche non ci aiutano, sembrano reticenti a distribuire film di grande richiamo in queste settimane. Questo è un altro problema su cui riflettere. “Tenet” in uscita il 3 agosto è stato spostato al 22. E quindi prima del 22 luglio, quando finalmente uscirà l’ultima creazione Disney, “Onward”, non avremo titoli così importanti da riportare il pubblico al cinema». Vanni Vallino, della Fondazione Faraggiana, la vede così: «Sì, anche al Faraggiana la me

Appalti senza gara, il primo azzardo del governo per far fronte alla crisi economica? - Il Fatto QuotidianoAppalti senza gara per lavori di importo fino a cinque milioni di euro. Eccolo qui il saldo attivo della pandemia, il costo civile di scelte, naturalmente approvate per far fronte alla gravissima crisi economica, che incidono in un settore, quello dei lavori pubblici e degli appalti, da sempre magma indistinto, opaco, dai lineamenti troppe volte … a va bhe..er caporale 😂manco leggo allur .. sarà un'illazione delle sue... L'hanno chiesto gli industriali e le opposizioni ? O forse anche Italia Viva ? Ma se sono senza gara, come fanno ad aggiudicarselo?

L’Egitto libera 530 detenuti, pressing per ZakiL’Italia chiede ad Al-Sisi di includere lo studente di Bologna nella lista degli scarcerati per il rischio Covid.

I risultati delle elezioni in Polonia (molto, molto importanti)Sono elezioni decisive: al ballottaggio si sfideranno il presidente uscente Duda e il sindaco di Varsavia Trzaskowski Incredibile come i polacchi, dopo tanta storia, votino per i fascisti Ma come fanno i polacchi a votare un uomo che sembra rimpiangere l'occupazione nazista? Amico di Salvini, ma non dell'Italia. Infatti si è opposto al piano europeo di ricollocamento dei rifugiati fregandosene altamente degli sbarchi nelle nostre coste!

La ricetta dei biscotti di mais: senza glutine e senza lattosioLa farina di mais è priva di glutine, quindi adatta anche a chi ha problemi di celiachia. È comunque un’ottima fonte di carboidrati e contiene diversi sali minerali e vitamine

Otto i cinema aperti in Piemonte nell’ultimo weekend: tre sono a Novara, ma il pubblico non rispondeNovara ha conquistato il primato dei cinema in Piemonte nell’ultimo weekend. Ossia, su otto sale aperte - o riaperte, in tutta la regione, ben tre erano quelle del capoluogo. E sono il Vip di via Perazzi, l’Araldo di via Maestra e il Faraggiana di corso della Vittoria. Gli altri cinque: due a Torino, uno a Savigliano, Bardonecchia e Asti. Una ripartenza difficile, nel rispetto delle norme anti-Covid, tra sanificazione a ogni proiezione e il distanziamento dei posti in platea. Ma il fatto di essere stati i primi a ripartire dopo tre interminabili mesi di «lockdown» non ha pagato a livello di incassi. «Diciamo che per ora siamo molto sotto le aspettative - commenta Mario Tosi, gestore del Vip e Araldo - Purtroppo più che una ripartenza è stata una... falsa partenza. E’ vero, siamo stati i primi a riaprire in Piemonte a metà giugno e ci sono delle multisale che ancora lo devono fare. Ma la risposta di pubblico è stata molto tiepida, usando un eufemismo». Più o meno quanti spettatori a proiezione affluiscono nelle vostre sale? «In media siamo sulle 15-20 presenze a serata, davvero troppo poco per coprire i costi che comunque ci sono - commenta Tosi -. C’è poi il pubblico del Cineforum, e quindi già abbonato, con i vari recuperi delle proiezioni saltate nei mesi scorsi. Va detto che il mese di giugno è molto particolare, è sempre stato basso a livello di incassi, anche negli anni scorsi, che pure non c’era l’emergenza sanitaria. La gente forse preferisce uscire, stare all’aria aperta ed è comprensibile. Anche le case cinematografiche non ci aiutano, sembrano reticenti a distribuire film di grande richiamo in queste settimane. Questo è un altro problema su cui riflettere. “Tenet” in uscita il 3 agosto è stato spostato al 22. E quindi prima del 22 luglio, quando finalmente uscirà l’ultima creazione Disney, “Onward”, non avremo titoli così importanti da riportare il pubblico al cinema». Vanni Vallino, della Fondazione Faraggiana, la vede così: «Sì, anche al Faraggiana la me