Recovery plan, Regioni: indispensabile la riforma del Codice appalti

Recovery plan, Regioni: indispensabile la riforma del Codice appalti

02/03/2021 00.41.00

Recovery plan, Regioni: indispensabile la riforma del Codice appalti

Chieste semplificazioni per autorizzazioni e procedure di spesa per il sistema delle Regioni e degli enti locali, «ingessato dall'attuale normativa»

2' di lettura«È indispensabile una riforma del codice degli appalti che renda più veloce ed efficace l'esecuzione dei progetti. Servono delle semplificazioni in materia di autorizzazioni e delle procedure di spesa per il sistema delle Regioni e degli enti locali, “ingessato” dall'attuale normativa». Lo ha dichiarato Donatella Tesei, presidente della Regione Umbria e coordinatrice della Commissione Affari europei della Conferenza delle Regioni, nel corso di un'audizione alla 5° e 14° Commissione del Senato.

La Juve si tuffa su Donnarumma. Blitz di Raiola a Torino. Se parte gratis... Vitalizio a Formigoni, Gomez a La7: 'Fa orrore restituirlo a un condannato per corruzione' [VIDEO] Trussardi nel mirino di Diet Prada: accuse di razzismo allo sketch di Michelle Hunziker

«C'è inoltre l'esigenza di un “Piano di rafforzamento amministrativo” nazionale con l'immissione di nuove forze fresche e di un Fondo rotativo per la progettazione, perché solo una progettazione anticipata e seria permette la messa a terra con celerità degli interventi», ha aggiunto Tesei.

Loading...«Strategia integrata senza gravare su bilanci regionali»Serve «una strategia integrata. Le Regioni da luglio 2020 ricordano che Recovery Plan, REACT EU e Programmazione 2021 2027 sono tre parti di una stessa questione, e l'integrazione e la complementarità tra questi strumenti è una questione strategica. Serve una visione complessiva comune». Secondo Tesei «bisogna affrontare queste partite insieme e prevedere meccanismi in cui un maggiore sforzo finanziario sia preso in carico dal Governo e non gravare sui bilanci regionali». headtopics.com

Upi: coinvolgere territori in attuazione programma«I finanziamenti destinati agli investimenti degli enti locali arrivino direttamente a Province e Comuni, che dovranno essere considerati strategici nella gestione e attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza». Così il rappresentante dell'UPI, Luca Menesini Presidente della Provincia di Lucca, intervenendo in audizione in Senato sul Recovery Plan, sottolineando come «il tema delle semplificazioni è strategico: senza un taglio netto ai passaggi burocratici rischiamo di perdere l'occasione del Recovery».

Il Governo «entro i prossimi quindici giorni licenzierà il testo definitivo - ha detto Menesini - un documento nel quale ci aspettiamo di ritrovare confermato il pieno coinvolgimento delle rappresentanze di Comuni, Province e Regioni nella programmazione, gestione e attuazione del Piano, assicurando il protagonismo dei territori. Le associazioni di rappresentanza degli enti locali, l'Upi per quanto riguarda le Province, devono avere un ruolo chiaro e definito nei tavoli e nelle sedi che saranno definiti per affrontare i singoli temi, a partire da quelli strategici, come la Cabina di regia centrale per l'attuazione del Pnrr, il Comitato per la transizione digitale, il Comitato per la transizione ecologica. Ai senatori - ha concluso Menesini - chiediamo di mantenere sempre attivo questo confronto, che ad oggi ha prodotto risultati importanti rispetto al miglioramento del Piano italiano».

Leggi di più: IlSole24ORE »

L'ambasciatore Razov a Rainews24: 'Roma mantenga la linea del dialogo'

'Siamo consapevoli che l'Italia agirà come membro della Nato ma contiamo sul mantenimento della linea del dialogo'