Napoli-Inter, l’altra semifinale: Conte riparte da Eriksen

Napoli-Inter, l’altra semifinale: Conte riparte da Eriksen

13/06/2020 10.13.00

Napoli-Inter, l’altra semifinale: Conte riparte da Eriksen

Nella semifinale di ritorno al San Paolo la squadra di Gattuso parte dall’1-0. I nerazzurri cambiano modulo: il danese dall’inizio dietro Lukaku e Lautaro

Dopo 96 giorni l’Inter torna in campo a Napoli, a sua volta senza partite da 104 giorni. Un’eternità. Stravolto da coronavirus e lockdown, il calcio non è più festa, piuttosto dovere, l’obbligo di chiudere una stagione maledetta. Così si gioca e si riparte dalla vittoria della squadra di Gattuso a San Siro, l’1-0 firmato da un gran gol di Fabian Ruiz, pesante e per l’Inter difficile da spostare come un elefante, in questa semifinale di ritorno della Coppa Italia. In un San Paolo sanificato, bonificato e senza pubblico, c’è da capire dov’eravamo rimasti. Tre mesi di clausura sono lunghi, stravolgono gerarchie, permettono recuperi, lasciano incognite, cambiano abitudini: una su tutte, i nerazzurri voleranno in giornata a Napoli, per ridurre i rischi.

Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Euro 2020, Danimarca-Finlandia finisce 0-1. Belgio-Russia 3-0

La missione rimonta dell’Inter non è impossibile, difficile sì. La trasferta di Napoli fu il picco più alto per la formazione di Conte. Il giorno della Befana i nerazzurri vinsero 3-1, giocando la miglior partita della stagione, impressionando per qualità e forma. Prima della chiusura, l’Inter però era una squadra in affanno, battuta tre volte da Lazio, Napoli e Juventus, con il solo intervallo felice del Ludogorets.

La Coppa Italia è un’arma a doppio taglio, può riaccendere l’entusiasmo o segnare un’altra eliminazione dopo la Champions League e la delusione di non essere più nel cuore della lotta scudetto. Conte al primo anno ha sempre vinto qualcosa, sulla Coppa Italia da tecnico non ha mai messo le mani, quando è arrivato a giocarsi la finale l’ha persa proprio con il Napoli. L’allenatore però è specializzato nelle partenze veloci, in campionato schizzò con un en plein di sei successi. headtopics.com

Al San Paolo potrà schierare la formazione migliore, conEriksen dietro Lukaku e Lautaro. Il danese, utilizzato appena 120’, ha avuto in regalo quel che più gli mancava, il tempo per adattarsi e per ritrovare la condizione fisica. Conte cambia un modello collaudato, l’inserimento del trequartista è un’importante variante sul modulo: da vedere come la digerirà la squadra. La cifra tecnica con Eriksen aumenta, da valutare se l’intensità su cui il tecnico ha insistito tanto ne risentirà.

L’Inter respira fiducia, il clima è lo stesso della partenza in campionato. In un calendario imbottito di impegni non ci sarà tempo per pensare,è un bene soprattutto per Lautaro.L’argentino, prima di fare le valigie perBarcellonadove finirà a meno di clamorosi dietrofront, deve provare a ritrovarsi. L’ultimo gol è datato 26 gennaio, il suo calo è coinciso con lo sgonfiarsi dell’Inter. La stella polare rimane Lukaku: il gigante belga, stuzzicato anche dalla sfida con il compagno di Nazionale,

Dries MertensIl centravanti del Napoliè stato vicino all’Inter, ha scelto poi di restare alla corte di Gattuso, un uomo e un allenatore simile a Conte. Dopo un avvio incerto, Ringhio, colpito dal lutto della sorella, aveva trovato la via giusta. Il Napoli è forte del vantaggio dell’andata e libero di testa. Non c’è Manolas, ma gran voglia di rivincita.

Politanoè un ex velenoso,Insigneè entrato solo marginalmente nei radar di Conte quando era c.t. dell’Italia. Gli strappi tra De Laurentiis e squadra sono quasi ricuciti. Tutti pronti per l’esame, ma ne passa soltanto uno.13 giugno 2020 (modifica il 13 giugno 2020 | 08:53) headtopics.com

Il doppio livello di Matteo Salvini: il sostegno al premier e le accuse in stile No vax Pescatore: 'Inghiottito da una balena. Ho pensato che sarei morto' 'La prof ha dato dello scimpanzé a mio figlio. Altri casi, ma la preside non ha mai fatto nulla' Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone, Tadini al gip: “Messo forchettone altre volte”

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone-Stresa, Tadini al gip: “Messo forchettone anche altre volte”

Partite Coppa Italia: orari e tv di Juventus-Milan e Napoli-Inter Aboliti i tempi supplementariNelle due semifinali di ritorno e nella finale di Roma in caso di parità si andrà direttamente ai rigori . Decisione per tutelare la salute dei giocatori fermi da 3 mesi

Trasporti a Napoli, Anm: 'Giovedì quattro ore di sciopero'Leggi su Sky TG24 l'articolo Trasporti a Napoli, Anm: 'Giovedì quattro ore di sciopero' Eh certo, non si può ricominciare a lavorare senza un po’ di sciopero! Lo sciopero dei trasporti pubblici è inaccettabile, i cittadini ne pagano le conseguenze con un disagio ingiusto, deleterio per L'ambiente, causando L'aumento del traffico automobilistico con un aggravamento dell'inquinamento!

Napoli, sorpreso con eroina e cocaina a Scampia: arrestato 34enneLeggi su Sky TG24 l'articolo Napoli, sorpreso con eroina e cocaina a Scampia: arrestato 34enne Normalità.

Le previsioni meteo del weekend a Napoli dal 13 al 14 giugnoLeggi su Sky TG24 l'articolo Meteo, le previsioni del weekend a Napoli 13 al 14 giugno

Ti ricordi... l'ultimo Napoli di Bianchi e il secondo portiere Di Fusco a fare l'attaccante - Il Fatto QuotidianoMaradona, Careca, Carnevale: un gran bell’attacco quello del Napoli del 1988-89. In grado di farne 5 alla Juve a Torino e 4 al Milan di Sacchi al San Paolo nella gara successiva e di portare la Coppa Uefa sotto l’ombra del Vesuvio. Cosa ci faceva con questi campioni Raffaele Di Fusco, storico secondo portiere azzurro … Ma te se ricordet i temp indre' quand andaum a spasa' i pule' e a ruba' i gain? E chi se lo scorda...

Partite Coppa Italia: orari e tv di Juventus-Milan e Napoli-Inter Aboliti i tempi supplementariNelle due semifinali di ritorno e nella finale di Roma in caso di parità si andrà direttamente ai rigori . Decisione per tutelare la salute dei giocatori fermi da 3 mesi