Mafia, confiscati beni a un prestanome dei boss Provenzano e Lo Piccolo per 150 milioni di euro

Ad eseguire il provvedimento di primo grado gli agenti della divisione anticrimine della questura di Palermo

22/05/2020 13.35.00

Ad eseguire il provvedimento di primo grado gli agenti della divisione anticrimine della questura di Palermo.

Ad eseguire il provvedimento di primo grado gli agenti della divisione anticrimine della questura di Palermo

Il patrimonio confiscato comprende aziende edili e di estrazione di materiale da cava, complessi industriali, capannoni, terreni, beni mobili, conti correnti, depositi e titoli, e un complesso turistico-residenziale a San Vito Lo Capo, località del Trapanese, costituito da numerosi appartamenti e alcune villette. I provvedimenti di confisca sono stati disposti dai giudici del tribunale di Palermo.

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Droga a Torino, spacciatore arrestato per la quarta volta in un anno

Tutti i beni erano riconducibili, direttamente o indirettamente, ad Andrea Impastato, figlio di Giacomo detto "u sinnacheddu", esponente mafioso di spicco della famiglia di Cinisi e legato ai Badalamenti. Un fratello di Impastato, Luigi, 65 anni, venne assassinato a Palermo il 22 settembre 1981, agli inizi della guerra di mafia finita con il predominio dei corleonesi. Andrea Impastato era stato arrestato il 2 ottobre 2002 per associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta su Pino Lipari, finito in manette il 24 gennaio 2002 e condannato in quanto consulente finanziario di Provenzano.

Dall'esame del materiale informatico sequestrato a casa di Lipari è emerso che Impastato era stato indicato da Provenzano come amministratore delle ricchezze dei boss. Le successive indagini hanno portato a far emergere una serie di contatti, sia personali che economici, di Impastato con numerosi personaggi di spicco di Cosa nostra, come Bernardo Provenzano e Salvatore Lo Piccolo. headtopics.com

L'8 giugno 2005 Impastato è stato condannato dalla Corte d'Appello di Palermo a 4 di reclusione, all'interdizione dai pubblici uffici per anni 5 e libertà vigilata per un anno: era stato riconosciuto colpevole di associazione mafiosa. Il 5 gennaio del 2009 scattò il sequestro dei beni che oggi ha portato alla confisca.

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Perché ritengo il giornale valido con articoli interessanti, redatti da validi giornalisti ed opinionisti. Non ultimo, nonostante sia lontano, sono rimasto attaccato alla mia città, Torino. La possibilità di leggere il giornale online, puntualmente, è per me un vantaggio.

RobertoI perché dei nostri lettori“La Stampa è autorevole, lineare, ed essenziale. Senza fronzoli. E’ locale e globale. Copre spesso temi e aree geografiche lontane dalle luci della ribalta.Matteo, MantovaI perché dei nostri lettori“Sento il bisogno di avere

notizie affidabilie controllate sia a livello nazionale che locali. I commenti degli editorialisti sonopreziosi, aiutano a leggere tra le righe i fatti.Angelo, (TO)I perché dei nostri lettori“Nel 1956 avevo 5 anni e guardavo le foto (le figure) della Stampa che mio padre acquistava ogni giorno. Ho mantenuto l’abitudine paterna, ed in questo periodo, mi è arrivato, da mia figlia, headtopics.com

Cane con una zampa paralizzata sopravvive a una vita di stenti in mezzo all’indifferenza più totale Djokovic regala la racchetta al piccolo tifoso: «Mi incitava e mi dava consigli tattici» Speranza: “No AstraZeneca sotto i 60 anni. Sì al mix di vaccini. Seguiamo le nuove indicazioni degli scienziati”

un abbonamento digitale: la ringraziai dicendole che quel cibo per la mia mente, valeva molto di più di una torta di compleanno.Ezio, Pocapaglia (CN)I perché dei nostri lettori“Perchè è comodissimo: a disposizione ovunque si sia, disponibile già di notte e a minor costo; ora anche email d'aggiornamento lungo la giornata: cosa si può chiedere di più?

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Bonafede, Perilli (M5s) al centrodestra: 'Proprio voi ci fate la lezione sulla mafia?'. E alla Lega: 'Dateci spiegazione sui 49 milioni di euro' - Il Fatto QuotidianoL’idea di una “interferenza della mafia” nelle decisioni del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, “non si può accettare, questa è un’offesa all’intero Paese che il ministro rappresenta”. Lo ha detto in Aula il capogruppo del M5s al Senato, Gianluca Perilli, durante la discussione della mozione di sfiducia nei confronti del Guardasigilli. “Mi fa piacere si … Ma non Puo guardare la sentenza dei 49 milioni? Non è un problema di mafia o dei 49 milioni. E’ che in molti si sono resi contro che molti ministri di questo governo sono impreparati e poco capaci e quindi nasce sfiducia in Palazzo_Chigi e preoccupazione nel paese. Mov5Stelle pdnetwork ItaliaViva E tanto altro

Smantellata la «banda delle ville»: false vendite per 150 milioni di euro, 53 truffati in tutta ItaliaArrestati 4 imprenditori: chiedevano soldi a imprenditori promettendo una (falsa) vendita di immobili all’estero. Truffate decine di persone in tutta Italia inveca di andare sempre contro gli italiani attivatevi per sapere sequalcuno ha controllato la sanificazione dei negozi cinesi Chi deve controllare se i cinesi che già hanno riaperto hanno sanificato i loro negozi? Ok adesso occupatevi della banda delle poltroncine tricolori, stanno occupando abusivamente tutte le poltrone d'Italia

Ferrari lancia un bond a cinque anni da 500 milioni di euroFerrari va verso l’emissione di un bond non garantito a cinque anni da 500 milioni di euro. Il ricavato sarà impiegato per le «generali esigenze» del gruppo

La metro leggera di Cosenza, il destino di un’incompiuta da 220 milioni di euroDopo almeno 14 anni di lungaggini, inchieste, ricorsi, comitati No Metro ed errori, su richiesta della regione la Commissione europea definanzierà l’opera i cui costi sono lievitati di quasi il 40%. Restano i cantieri che tagliano in due la città. Una soluzione potrebbe essere quella del “bus rapid transit”

Campari, il 4% sceglie il recesso e blocca il trasferimento in OlandaL’esborso potenziale supera i 150 milioni di soglia previsti - Il cda conferma l’operazione: «sarà riproposta quando il prezzo delle azioni si sarà stabilizzato» Resta la domanda: perché conviene trasferirsi in Olanda? Basta vantaggi fiscali all'interno della UE e penalizzazioni per chi ha usato danaro pubblico italiano e restituzione con interessi buona notizia! Campari mostra esser azienda migliore di Fca e altre....che fanno concorrenza sleale pagando tasse in paradisi fiscali! Strategia, marketing o convenienza

Bonus 600 euro, Inps: già 1,4 milioni di pagamenti per il mese di aprileNe seguiranno altri 2 milioni lunedì 25 maggio. Si tratta della seconda rata delle indennità a favore dei lavoratori autonomi, dei collaboratori e degli stagionali del turismo e degli stabilimenti termali SIAMO AL 20 MAGGIO COMPLIMENTI BUROCRATI.!!!!!!!