Madeline Stuart, la prima modella Down: un docufilm racconta la sua vita

Una storia che vale la pena ascoltare e condividere: Maddy, la modella Down pioniera delle passerelle

04/10/2020 10.30.00

Una storia che vale la pena ascoltare e condividere: Maddy, la modella Down pioniera delle passerelle

Il film della regista svedese Jane Magnusson racconta la storia di Maddy, che ha aperto la strada ad altre modelle Down contribuendo a gettare qualche germe di inclusività e speranza nel mondo della moda

l’hashtag #GetUpStandUp, come punto di riferimento per le nuove generazioni, sempre alla ricerca d’inclusività e giuste cause per cui combattere. Ne parla in anteprima al Festival di Zurigo la vulcanicaregista svedese Jane Magnusson.Com’è passata dal raccontare uomini del passato come Bergman a icone pop del presente come Maddy

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

?Il salto non potrebbe essere più lungo e azzardato, anche perché se proponi un progetto su un regista cult del passato ti riempiono di soldi per portare avanti il progetto, ma se presenti l’idea di una ragazza con la sindrome di Down e una carriera da modella storcono tutti il naso. Io ho scoperto la sua storia per caso facendo ricerche su un altro lavoro e ho subito mandato una mail alla madre di Maddy che ha accettato di vedermi.

E com’è andata?Prima ho girato una puntata tv di 30 minuti dopo averle seguite a New York dietro le quinte delle passerelle per dieci giorni ma mi sono accorta che c’era molto altro da dire. Sono venute a trovarmi poi a Stoccolma e da lì è nato il film. headtopics.com

Ha avuto dubbi su cosa poter fare o non fare con Maddy davanti alla telecamera?Mi vergogno di aver aspettato tanto prima di metterle un microfono addosso (per l’esattezza sei mesi dopo il primo ciak, a Dubai). Siccome ha problemi di linguaggio ho pensato fosse più semplice raccogliere testimonianze di persone attorno a lei e invece mi sono comportata come tutti quelli che incontra, che le parlano sopra senza ascoltarla. Lei, invece, non chiede altro.

Ha sottostimato le possibilità di Maddy?Sì, partivo dall’idea che lei non capisse tutto quello che le accadesse attorno, invece se le dai la possibilità di esprimersi, a parole o su una passerella, la vedi subito splendere: è sicura di sé, disinvolta, magnetica. E quando le ho messo addosso una telecamera portatile era al massimo dell’orgoglio e dell’eccitazione. Mi sono sentita una vera idiota a non averlo capito prima.

La moda è pronta per accogliere modelle con sindrome di Down e trattarle con la dignità che meritano, pari alle colleghe?Spero che il documentario aiuti ad allargare i canoni che attualmente noi attribuiamo alla bellezza. Non pretendo di cambiare il mondo della moda, ma di lanciare qualche input sì. Noi tutti dovremmo essere aperti e spontanei come Maddy.

Maddy al truccoCos’altro l’ha colpita di lei?Maddy è generosa e tutte le modelle le vogliono bene perché si dà sempre da fare ad aiutare tutti e durante le riprese insisteva spesso per portare la pesantissima attrezzatura. Si rimbocca le maniche e s’impegna sempre. Per lei è un grande dolore non poter sfilare sul green carpet di Zurigo, non poter essere qui a raccontare la sua storia, ma l’emergenza sanitaria l’ha reso impossibile. headtopics.com

Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Cina, la battaglia per fermare la strage di cani al solstizio di Yulin Morte di Adil, il camionista al gip: «Sono fuggito per paura di essere linciato». E ottiene i domiciliari

Cos’è cambiato dopo la New York Fashion Week del 2015?Ha sicuramente aperto le porte ad altre modelle con la sindrome di Down e ha di sicuro mostrato come il mondo sta cambiando e sta rivalutando i parametri della cosiddetta “normalità”. Che parola orribile, non trova?

Ha dovuto schermare cattiverie e bullismo?Per fortuna la madre di Maddy le fa da filtro e lei non si rende conto di questo genere di reazioni. Sa di avere la sindrome di Down e si accorge di essere trattata diversamente ma nota anche la nota di ammirazione che suscita perché, diciamocelo, è di una bellezza disarmante.

Cos’è mancato, invece, a Maddy? Leggi di più: Vogue Italia »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Gigi Hadid, cartoon per Scooby Doo - VanityFair.itLa modella GigiHadid ha fatto un'apparizione nella celebre serie cartoon prestando la sua voce - e le sue conoscenze di psicologia criminale - per risolvere un mistero di moda 😀

Papa Francesco ad Assisi firma l'enciclica 'Fratelli tutti'Bergoglio firma la sua terza enciclica, siglata per la prima volta nella storia al di fuori del territorio Vaticano Non sono fratello dei delinquenti, tantomeno di quelli extraregionali che vengono qui da me appositamente a fare del male. Caro Papa Francesco,oltre che alla Diocesi mi sono rivolto anche a un personaggio molto importante ad Assisi,incomincia per F.. e anche qui mi mettevano in attesa con bellissime melodie e poi clic... Un paese fatto a Caste.o sei in quella giusta.... HUMANRIGHTS FRATELLANZA

Tavola da surf, addominali e occhiali da sole: Lenny Kravitz a 56 anni è il rocker più sexyIl cantante, attivista, designer e testimonial appare sulla copertina di Men’s Health più in forma che mai e racconta la sua quarantena alle Bahamas. Pare più un materassino che una tavola da surf Anch’io farei una quarantena alle Bahamas... con la sua tartaruga magari. Un altro pianeta. Ne parlate per fomentare incazzatura? No perché lo siamo già abbastanza. Voi no?

ASOS lancia la prima collezione di moda circolareASOS lancia la sua prima collezione di moda circolare in collaborazione con il Centre for Sustainable Fashion del London College of Fashion

In Belgio la prima transgender alla guida di un ministeroSi tratta di Petra De Sutter, 57 anni, ginecologa ed esponente dei Verdi Questa ha le palle! 😂 Me cojoni (ops) Bellissima notizia, Evviva

Il film da vedere al cinema secondo Paolo MereghettiRoubaix, une lumière: la recensione di Paolo Mereghetti. Il regista racconta le giornate di un commissario che vede quotidianamente il Male