Serie Tv, İnterviste

Serie Tv, İnterviste

Linda Caridi: «Non occorre assomigliare agli uomini per affermarsi»

Dopo aver conquistato il cinema grazie a film come «Ricordi?» e «Lacci», Linda Caridi si prepara a fare il suo ingresso nella terza stagione de «Il Cacciatore», al via su Rai2. Ecco cosa ci ha raccon...

20/10/2021 23.31.00

Dopo aver conquistato il cinema grazie a film come «Ricordi?» e «Lacci», Linda Caridi si prepara a fare il suo ingresso nella terza stagione de «Il Cacciatore», al via su Rai2. Ecco cosa ci ha raccon...

Dopo aver conquistato il cinema grazie a film come Ricordi? e Lacci, Linda Caridi si prepara a fare il suo ingresso nella terza stagione de Il Cacciatore, al via su Rai2 il 20 ottobre. Dalla volontà di trasformarsi ai sogni per il futuro, ecco cosa ci ha raccontato

per Caridi è arrivato il momento di una nuova sfida che, così come piace a lei, potrebbe portarla a esplorare dei lati più oscuri che i registi che si imbattono in lei sfruttano poco, rapiti dalla sua delicatezza e dalla sua grazia.Paola Romano è una donna forte, ma anche con una profonda fragilità: cercare l'approvazione degli altri.

Fisco, Di Maio: “Abbassare le tasse non è più rinviabile” Il flop del corteo anti Green Pass a Milano Carlo Calenda a 'L'Ospite' su Sky TG24: “Bene governo su nuove misure”

«Mentre cercherà il modo per farsi accettare da Barone e dal gruppo di lavoro dovrà maturare una sua personale evoluzione e affrancarsi dagli altri, maturando la fiducia di potersi legittimare da sola».Il Cacciatore, di primo acchito, sembra una serie molto maschile. Con il suo personaggio c'è la volontà di rompere gli schemi?

«Il taglio maschile rifletteva l'ambiente di quegli anni: non c'era tanta attenzione alle quote rosa all'interno delle istituzioni. Le cose sono iniziate a cambiare con Francesca Inaudi nella seconda stagione e, adesso, con questa sorta di Barone al femminile che è Paola, una donna con una grandissima dedizione al lavoro, ma anche con qualche colpo di testa. Nel suo percorso, Paola capisce che il modo migliore di avere successo nelle cose che fa è riuscire ad apprezzare sé stessa. È una cosa che si riflette anche nel suo modo di vestire, nel tailleur che indossa alla fine della serie e che sembra farle capire che non occorre assomigliare agli uomini per affermarsi». headtopics.com

Il cast de Il Cacciatore 3©Assunta ServelloLei ha mai avuto il desiderio di approvazione da parte degli altri?«Credevo, generazionalmente, di appartenere a un'epoca in cui fosse superato, ma mi sto accorgendo che lo abbiamo talmente assorbito che non sarà facile liberarsene. Affrancarsi da una legittimazione esterna è un processo molto liberatorio. A livello di evoluzione storica, penso che qualche frutto lo stia dando».

Il periodo in cui si ricerca la propria identità è soprattutto l'adolecenza. Lei che adolescente è stata?«Inquieta, alla ricerca dei dettagli, sia in me stessa che nelle altre persone. Nei viaggi in metropolitana spesso mi perdevo la fermata perché rimanevo assorbita dagli altri, mi perdevo nel loro modo di parlare, di muoversi, di leggere. Sono ancora molto attratta dall'essere umano».

Per il suo mestiere, la curosità è fondamentale.«È una sfida che rimane attiva, sia per la relazione che per l'ascolto. C'è un desiderio di comprendere che va oltre la semplice osservazione».Quando ha capito che questa osservazione poteva essere messa in pratica nel suo lavoro?

«Quando, prima di entrare in accademia, in compagnia giocavamo a creare i personaggi e ci dissero che non dovevano riconoscerci, che saremmo dovuti arrivare sul palco trasformati».Quando uno si maschera, deve sentirsi a suo agio o a disagio, secondo lei? headtopics.com

Covid, variante Omicron si chiamerebbe così per non offendere la Cina In Edicola sul Fatto Quotidiano del 28 Novembre: Omicron c’è da luglio, ma all’Africa zero dosi - Il Fatto Quotidiano Covid Milano, manifestazione No Green pass in piazza Duomo

«Penso che non ci sia una categoria giusta o sbagliata. È bello andare a indagare come ci si sente a essere nei panni di qualcun altro e scoprirti a tuo agio in una veste lontanissima da te».A lei è capitato?«Il costume in generale mi aiuta tantissimo a portare avanti il lavoro. A volte sono quasi più stretta nell'immagine per la quale sono associata».

Che immagine è?«Quella della dolcezza e della delicatezza: un binomio che nelCacciatoreviene usato per definire il personaggio che intepreto».Dolcezza e delicatezza sono un complimento?«Sono delle qualità pari ad altre. Guardo alle tipologie non in un'ottica di giudizio, ma di varianza. È un concetto che ci ha introdotto una psicologa parlando dell'identità di genere che prima non conoscevo».

Instagram contentView on InstagramMai avuto un piano b alternativo al cinema?«No, anche se il mestiere dell'attrice ha talmente tante possibilità che i piani b, c e d sono contenuti nel mestiere stesso. Da un po' di tempo tengo un laboratorio di teatro al Niguarda di Milano, al reparto di disturbi e comportamento alimentare: è una declinazione del mio lavoro che mi aiuta a mettere le conoscenze che ho maturato a servizio di un ambiente che può averne bisogno. È una declinazione del mio mestiere che potrebbe essere un piano b».

A ripercorrere la sua vita, mi sembra che molti suoi sogni si siano realizzati. Cosa è rimasto in sospeso?«Mi piacerebbe poter concepire una storia e realizzarla in vesti che non siano quelli dell'interprete ma, per ora, non mi sento ancora pronta. Preferisco mettermi al servizio della visione di qualcun altro». headtopics.com

Insistendo nel sogno: c'è qualcuno che le piacerebbe dirigere in futuro?«Mi piacerebbe molto lavorare con i bambini e con gli anziani, due momenti dell'evoluzione umana agli antipodi, molto interessanti per me». Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Covid, Science: identificata paziente zero al mercato di Wuhan

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, Science: identificata paziente zero al mercato di Wuhan

Champions, diretta Porto-Milan 0-0I rossoneri obbligati a vincere in Portogallo per restare ancora in corsa per la qualificazione agli ottavi

Acne in età adulta: come curarla secondo i dermatologi e i prodotti da usare - iO DonnaNon è solo un problema adolescenziale: i consigli dei dermatologi per l'acne da adulte

Green Pass per le badanti: se sprovviste, niente stipendio e allontanamento dagli assistiti - iO DonnaE il tampone per chi non convive chi lo paga?

Covid, una nuova variante Delta nel Regno Unito. Ma, per ora, «non è preoccupante»Gli scienziati tengono la situazione sotto stretta osservazione e, per ora, non sono previste nuove restrizioni

Non ridete di CuoreMarcello Fois si accosta a Cuore in modo illuminante: non per rivelarne gli aspetti ridicoli e le debolezze, ma per capirne la forza. La recensione di Giuliano Milani.

Angelina Jolie e la figlia Zahara: un abito (da Oscar) per due - iO DonnaAngelia Jolie torna sul red carpet con tutti i figli rigorosamente ton sur ton. E per Zahara l'abito che indossò agli Oscar