Le giravolte di Luigi

24/06/2022 12.36.00

Le giravolte di #DiMaio. In questi anni 'ha cambiato idea non una, non due, non tre ma decine di volte'. Lo spiega @MichelDess nella nuova puntata del #podcast La Buvette, con gli ospiti @VittorioSgarbi e @IndiniAndrea ➡️

Dimaio, Podcast

Le giravolte di DiMaio. In questi anni 'ha cambiato idea non una, non due, non tre ma decine di volte'. Lo spiega MichelDess nella nuova puntata del podcast La Buvette, con gli ospiti VittorioSgarbi e IndiniAndrea ➡️

Protagonista di questa settimana Luigi Di Maio e le sue innumerevoli giravolte: in questi anni, ha infatti cambiato idea non una, non due, non tre ma decine e decine di volte. Ospiti speciali della puntata, Vittorio Sgarbi e Andrea Indini.

. Un podcast settimanale per raccontare tutti i retroscena della politica. Gli accordi, i tradimenti e le giravolte dei leader fino ai più piccoli dei parlamentari pronti a tutto pur di non perdere il privilegio, la poltrona. Il potere. Ognuno gioca la propria partita, ma non tutti riescono a vincerla. A salvarsi saranno davvero in pochi, soprattutto dopo il taglio delle poltrone. Il gioco preferito? Fare fuori"l'altro". Il parlamento è il nuovo Squid Game.

Settimana movimentata tra i palazzi romani. Tanti, troppi retroscena su chi va con chi e in cambio di cosa. Perché si sa, le elezioni si avvicinano e a pensare male si fa bene. C’è sempre un interesse personale dietro ad ogni “movimento”. Inutile nasconderlo. Potremmo parlare degli umori dei grillini rimasti con

Leggi di più: ilGiornale »

24 ore con Elisa Maino a Capri per il Summer Gala di LuisaViaRoma x Unicef

La star di TikTok è la protagonista del primo episodio di 24 Hours With: tra Leggi di più >>

MichelDess VittorioSgarbi IndiniAndrea Massacrato verrà MichelDess VittorioSgarbi IndiniAndrea Vero

Luigi Di Maio: le tante tappe di un cambiamento radicaleIl ministro degli Esteri lascia il Movimento 5 Stelle e porta con sé 62 parlamentari formando un nuovo gruppo, Insieme per il futuro. Non la prima delle scelte in contrasto con il suo passato di Luigi Di Maio

Sondaggio, ecco quanto valgono Luigi Di Maio e M5s dopo lo strappoUna storia che si ripete: Luigi Di Maio , dopo l'addio al Movimento 5 Stelle, rischia la stessa sorte di Matteo Renzi . L'attuale leader di ... I centrini desinistra portano sfiga. devono sparire,e spariranno.. Finché consentiamo ste percentuali ridicole non ne usciamo più 🤡🤡🤡

Luigi di Maio: 'Insieme per il futuro non sarà un partito personale'L'assemblea ha eletto l'ex ministro Vincenzo Spadafora coordinatore politico,Capogruppo al Senato Primo Di Nicola alla Camera Iolanda Di Stasio. luigidimaio vinspadafora M5S Insiemeperilfuturo luigidimaio vinspadafora Gli scappati di casa si son fatti la casetta 😁 luigidimaio vinspadafora Insieme per il Futuro? Insieme per la Poltrona: erano tutti in scadenza secondo mandato. Ma credono gli italiani scemi? luigidimaio vinspadafora È comoda la scatoletta del tonno vista da dentro ? E lo stipendio dei parlamentari rimane quello o, come hai sempre gridato, verrà dimezzato (e sarebbe troppo lo stesso !!)

Perché le piattaforme italiane di crowdfunding rischiano di non poter più lavorareIl nostro Paese deve applicare un nuovo regolamento europeo, e nominare un ente che autorizzi le piattaforme a operare

Il tuffo da eroina di Andrea Fuentes e le fatiche di Anita Alvarez: 'Pesa lo stress'Dopo il grande spavento per il malore in piscina dell'atleta Usa la Federazione internazionale ammette la scarsa reattività dei bagnini e cambia le … Lo stress. Lo stress 😂😂😂...e anche oggi finite nell'umido! Gente che commenta senza sapere dell esistenza della sincope... Eee ma i vaccini...

Le truppe ucraine ricevono l'ordine di ritirarsi da Severodonetsk, il fronte di difesa arretraSempre più lontano un negoziato. Podolyak: 'Ora non ha senso'. Lavrov: 'L'Occidente non consente a Kiev di trattare con noi' Bagno di realtà, finalmente? Ma non avevano già vinto? 🤡 Sono riusciti a liberarsi dalla trappola mortale? 😳

La Buvette .Pinterest Da «Uno vale uno» a «Uno non vale l'altro» ci sono i 360 gradi di un angolo giro, una giravolta appunto che racconta non solo un cambio di rotta, ma una inversione a U che non è venuta però di colpo.A rispondere alle domande ci pensa Carlo Buttaroni , numero uno di Tecnè: la scissione penalizzerà "tantissimo" il Movimento anche perché ora "definitivamente non sono più visti come quelli di Grillo, anche se lui resta garante.(Ansa) Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio " Insieme per il Futuro non sarà un partito personale ma una forza che avvierà percorsi per ascoltare le esigenze dei territori".

Un podcast settimanale per raccontare tutti i retroscena della politica. Gli accordi, i tradimenti e le giravolte dei leader fino ai più piccoli dei parlamentari pronti a tutto pur di non perdere il privilegio, la poltrona. Chiamatelo, se volete, trasformismo , certamente la si può chiamare opportunità politica e non è la prima volta per Di Maio. Il potere. Il direttore di Noto sondaggi teme che l'addio di Di Maio possa portare i pentastellati a scendere sotto la doppia cifra. Ognuno gioca la propria partita, ma non tutti riescono a vincerla. Il cambio di casacca però è da sempre una delle abitudini della politica odiate e stigmatizzate dei cinquestelle. A salvarsi saranno davvero in pochi, soprattutto dopo il taglio delle poltrone. Parlando con i giornalisti il Ministro degli Esteri Di Maio ha detto: “Ho visto in queste ore che continua l'odio contro di noi, noi rispondiamo con il sorriso, ce ne facciamo una ragione.

Il gioco preferito? Fare fuori"l'altro". Nel 2017 il ministro degli Esteri si scagliava contro chi usciva dal partito nel quale era stato eletto e ne chiedeva le dimissioni. Il parlamento è il nuovo Squid Game. Settimana movimentata tra i palazzi romani. Se lo fa lui non è mercato delle vacche, ma una forma di responsabilità e rispetto. Tanti, troppi retroscena su chi va con chi e in cambio di cosa. Perché si sa, le elezioni si avvicinano e a pensare male si fa bene. «Per il M5s, se uno vuole andare in un partito diverso da quello votato dai suoi elettori si dimette e lascia il posto a un altro». Un passaggio molto importante nei giorni in cui il presidente del Consiglio, Mario Draghi, sta discutendo al Consiglio Europeo delle politiche che servono ai cittadini che stanno incontrando gravi problemi legati all'aumento del prezzo dell'energia".

C’è sempre un interesse personale dietro ad ogni “movimento”. Inutile nasconderlo. Vincolo di mandato Gli attacchi a chi pensava solo alla poltrona sono passati. Potremmo parlare degli umori dei grillini rimasti con Giuseppe Conte , tra chi vorrebbe uscire dal governo e tra chi, invece, vorrebbe restare; delle aspettative per una prossima candidatura dei dimaiani che, finalmente, dopo mesi di guerra interna al movimento, hanno deciso di gettare la maschera; delle preoccupazioni del PD: “e ora, con chi ci alleiamo, con Giuseppe o con Di Maio?”; o delle manovre per la costruzione del grande centro con l’aiuto di Tabacci. E invece no, parliamo di Luigi Di Maio , delle sue innumerevoli giravolte. Il vincolo di mandato, l'impossibilità di cambiare partito durante la legislatura è morto al solstizio d'estate. Di come, in questi anni, ha cambiato idea non una, non due, non tre ma decine e decine di volte..

“Di Maio ha offerto il suo contributo al suicidio assistito del Movimento. Vale la vecchia frase andreottiana del potere logora chi non ce l'ha. Ha pensato di portare verso una buona morte i grillini e Grillo. Dall’albergo di lusso a cinque stelle all’Rsa “casa di riposo per grillini stanchi insieme per il futuro”, ci dice Vittorio Sgarbi. Doppio mandato Non è solo il vincolo a non cambiare partito c'è anche quello a non fare della politica la propria esistenza, lontana dal mondo reale. È proprio vero, nulla è per sempre, soprattutto in politica dove è facile dimenticare. Ma fino a che punto? Di Maio sicuramente ha già dimenticato, a partire dal motto che, per anni, lo ha accompagnato alla guida del movimento: “uno vale uno!” a “uno non vale l’altro”. Non più per Di Maio in una nuova formazione.

Ha proprio ragione Andrea Indini , che mi onoro di ospitare a La Buvette: “Se ci mettessimo a rileggere tutte le dichiarazioni rilasciate sei, sette anni fa, a stento riconosceremo il Di Maio di oggi. Ora non schifa più i voltagabbana, ora non crede più che “uno vale uno”. Che senso ha cambiare la regola del secondo mandato? Io invito a votare gli iscritti secondo i principi fondamentali del Movimento». Ora è europeista dopo essere stato anti UE e anti euro. È anche diventato atlantista dopo aver sognato il superamento della Nato”. Il premier doveva essere eletto dal popolo, mai un tecnico , praticamente ne ha avuti due della seconda specie: Conte e Draghi. E noi, quei momenti della (breve) vita politica di Gigi da Pomigliano li ripercorriamo nel podcast attraverso la sua stessa voce.

Quella ancora non è cambiata. Salvini è stato nemico, amico e di nuovo nemico. È lì, sul web che, sicuramente, è l’unico a non dimenticare. Impietoso, anche con Luigi. «I suoi insulti li metto nel curriculum». Oggi impeccabile nel suo vestito sartoriale il ministro degli Esteri si dice pronto a tutto pur di salvare il governo di Mario Draghi . “La parte più divertente del trasformismo di Luigi Di Maio è l’abiura all’odio e al populismo. Sergio Mattarella Del presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha chiesto le dimissioni, quasi lo ha messo in stato di accusa per non aver accolto il nome di Paolo Savona come ministro, e poi invece, prima e dopo questo episodio, lo ha definito uomo di grande «sensibilità istituzionale», «pienamente rispettoso della Costituzione».

- sottolinea Andrea - Ci arriva dopo anni di gogne sui social, di liste di proscrizione contro i giornalisti nemici, i vaffa day, di campagne mediatiche giustizialiste… se ne accorge solo ora? Meglio tardi che mai, però ora staremo a vedere se ha cambiato davvero o è solo una mossa politica”. Ma Vittorio è severo: “Difficile che Di Maio cambi idea, non ne ha mai avute”. Carlo Cottarelli era quello che «aveva detto ai governi dove andare a prendere i soldi ma alla fine è stato eliminato dai partiti». Commenti Attendi Commenta .