La letalità del Covid è crollata dell'80% con i vaccini: ora uccide poco più dell’influenza

Con i vaccini letalità giù dell’80%: ora il virus uccide poco più dell’influenza I numeri e i dati

22/06/2021 09.01.00

Con i vaccini letalità giù dell’80%: ora il virus uccide poco più dell’influenza I numeri e i dati

Lo studio dell’Ispi sugli effetti sulla popolazione del piano di immunizzazione. Ma per chi non è protetto i rischi rimangono gli stessi

letalità del virusa livello di popolazione generale adesso, finalmente, è quasisovrapponibile a quella dell’influenza. Lo è grazie aivaccini che stanno procedendo a ritmo veloce, in parallelo alle precauzioni indispensabili per continuare a tenere controllata la circolazione del virus (importante anche per evitare le varianti). Non è più una previsione, ma un dato di fatto. L’obiettivo atteso da mesi è ormai a un passo. Vediamo, con l’aiuto del ricercatore Matteo Villa dell’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi), a che punto siamo e perché.

Judo, bronzo sul tamami: Odette Giuffrida vince la finale con Pupp A Rignano non c’è neanche Matteo. Finisce deserta la festa di Italia Viva - Il Fatto Quotidiano Disabile abusata su bus linea Taranto, indagati 8 autisti - Puglia

Come cambia la curvaRicordiamoci che per chi non è vaccinato il rischio di contagiarsi, essere ricoverato o morire se contrae l’infezione non cambia. Gli studi internazionali, che tengono conto di test sierologici su larga scala, vanno tutti nella stessa direzione: la letalità è del 13% per gli over 90, del 7% per gli 80-89enni, del 3% tra i 70 e i 79 anni, dell’1,5% tra i 60 e 69, e via a scendere ben sotto lo 0,1% per gli under 40. Così se dai singoli casi passiamo all’impatto sociale del Covid in termini di decessi sull’intera popolazione ormai abbiamo capito che, in assenza di misure di contenimento e/o di vaccini,

il virus uccide dieci volte di più dell’influenza stagionale: per renderlo paragonabile, dunque, a quest’ultima bisogna ridurre la sua letalità del 90%. Le cose stanno andando proprio in questa direzione.La prova tangibile sono i dati, mai così bassi dallo scorso autunno. I casi giornalieri e i nuovi ricoveri in terapia intensiva sono crollati di circa il 95% rispetto ai momenti più neri della terza ondata: 22.633 contagi in un giorno il 17 marzo (media mobile su 7 giorni) con 324 ingressi in rianimazione, contro poco più di mille infezioni in media degli ultimi giorni e tredici nuovi pazienti in rianimazione. E anche il bollettino dei decessi vede un -91% (la diminuzione è da 442 il 4 aprile a 38, percentualmente inferiore perché a quella data iniziava già un contenimento dei decessi grazie ai vaccini agli over-80). headtopics.com

Gli immunizzatiil 58% degli italiani vaccinabili ha ricevuto almeno una dose: il 93% tra gli 80enni, l’86% tra i 70enni, l’80% tra i 60enni, il 67% tra i 50enni, il 46% tra i 40enni, il 31% tra i 30enni, il 25% tra i 20enni, e il 18% sotto. Vuol dire avere vaccinato con una dose oltre 31 milioni di persone, di cui oltre più di un milione con il monodose Janssen. Ciclo completato, dunque, compresi i vaccinati con Janssen, per almeno 15 milioni (28% della popolazione vaccinabile). E i numeri, al netto di qualche inciampo, si aggiornano di ora in ora. Con che risultati? Un recente lavoro dell’Istituto superiore di Sanità, dal titolo «Impatto della vaccinazione Covid-19 sul rischio di infezione da Sars-CoV-2 e successivo ricovero e decesso in Italia», stima di quanto i rischi di infezione, ricovero, ammissione in terapia intensiva e decesso diminuiscano rapidamente dopo le prime due settimane. Dopo 35 giorni si osserva una

stabilizzazione di questa riduzioneche è di circa l’80% per il rischio di diagnosi, il 90% per il rischio di ricovero e di finire in rianimazione e il 95% per il rischio di decesso.Il modello matematicoQuesti dati, uniti altasso di letalitàper fascia di popolazione, sono stati utilizzati dall’Ispi per elaborare il modello matematico che permette di calcolare quanto stia cambiando la pericolosità sociale del virus. Insomma: quanto siamo vicini al -90% che lo rende come l’influenza? Nell’algoritmo vengono inseriti nell’ordine la popolazione, il tasso di letalità per fascia d’età, e la percentuale di vaccinati via via per ciascuna di queste, per arrivare a definire di quanto stia calando l’impatto del Covid in termini di morti dopo la prima dose e dopo la seconda. Esempio: se su 100 ottantenni ne sono stati vaccinati con due dosi 85, a parità di contagi, il numero di ottantenni a rischio di morire di Covid calerà di poco meno dell’85%. L’effetto pieno della vaccinazione viene fatto scattare a

14 giorni dalla somministrazionedella seconda dose, quando la protezione è accertata. Risultato: oggila pericolosità del Covid si è ridotta dell’80%, a un passo da quel 90% che lo rende paragonabile all’influenza e così come aveva previsto il

CorrierenelDataroomdel 22 marzo. Allora, la previsione per la ripartenza era stata simbolicamente indicata nella data del 25 giugno: e adesso ci siamo. Agli immuni da vaccino va intersecato il numero di italiani che, secondo l’Istituto Kessler, hanno gli anticorpi perché hanno contratto il virus: tra gli 11 e i 16 milioni (i numeri ufficiali sono intorno ai 4 milioni perché tengono conto solo dei tamponati). Non sappiamo quanti di questi guariti siano anche vaccinati, ma ciò spiega ulteriormente un ormai elevato livello di protezione della popolazione. headtopics.com

Grecia, rabbia ad Alonissos: uccisa con una fiocina la piccola foca monaca mascotte dell'isola Villasimius, tornano in spiaggia 250 chili di sabbia sequestrati ai turisti - TGCOM24 Il Milan vuole blindare Kessie: ecco la nuova offerta

Gli scenari futuriIl difficile compito del governo è di bilanciare nel modo più corretto possibile le riaperture con la percentuale di popolazione vaccinata o immune perché guarita: i riconquistati e tanto attesi spazi di libertà devono procedere tenendo il più possibile bassa la circolazione del virus, in attesa di percentuali sempre maggiori di vaccinati. Un errore su questo fronte, a maggior ragione con varianti più contagiose del virus, può provocare ricoveri e morti che sarebbero invece evitabili con un po’ di prudenza. Perché se è vero che l’impatto del Covid sulla popolazione ormai è quasi quello dell’influenza, è altresì innegabile che per chi non è vaccinato gli effetti restano quelli di sempre.

Leggi di più: Corriere della Sera »

Italia campione d'Europa, la giornata degli Azzurri. FOTO

Leggi su Sky TG24 l'articolo La giornata dei campioni d'Europa: dall'arrivo a Roma alla visita a Mattarella e Draghi

Aspettiamo conferme a settembre ? L’anno scorso, senza vaccini, era diminuita del 95% 😃 Mi conservo questo post, così lo mostrerò questo autunno quando direte che i contagi sono troppo alti e giustificherete altre limitazioni con chissà quali scuse. Ieri sera ho mangiato un sandwich formaggio e salume. Anche se in realtà era pan carrè con galbanino e mortadella.

Tranquilli, adesso apriranno le discoteche e avrete materiale per Ottobre. 'Con i vaccini': differenza dei positivi dovuta al numero di tamponi, morti giornaliere identiche all'anno scorso. Siete dei 🤡🤡🤡🤡 Infatti e' una influenza

Per vincere la sfida contro le varianti (e contro la pandemia di Covid) dovremo essere generosiPossiamo con buona ragione immaginare che il nostro sforzo per vaccinare il maggior numero di persone possibile nel più breve tempo possibile possa essere decisivo per risolvere questa emergenza sanitaria Stregoni, Virologi o Faccendieri ?

Mutilazioni genitali femminili, sotto il Covid torna la minaccia - VanityFair.itLa pratica è riemersa anche nei Paesi, come il Camerun, dove era stata quasi del tutto superata. Anche in Italia vivono 87 mila donne che hanno subito mutilazioni genitali femminili

Entro un anno la «pillola anti Covid» - VanityFair.itLa Casa Bianca ha stanziato 3,2 miliardi per la ricerca di una pillola antivirale da prendere ai primi sintomi. La speranza? Che sia pronta per fine anno

Caso Report, se la fonte è meno tutelata lo è anche la democraziaLa decisione del Tar di obbligare un giornalista del servizio pubblico a mostrare l’intera documentazione relativa a un suo servizio indebolisce il ruolo che la stampa dovrebbe avere E se la fonte è un diffamatore di professione che si protegge camuffandosi da fonte? Se l'informazione non è tutelata, anche a prescindere dalle fonti, non solo sarà sempre più piegata al potere, ma sarà imbavagliata e sotto ricatto.

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugnoIl dispositivo di protezione dovrà continuare a essere portato con sé per essere indossato in caso di assembramenti⁣: In pratica come è già adesso per le mascherine all'aperto Chi non si fida la può portare ugualmente. Anche per il personale che lavora all’aperto o solo i clienti? Specificare…… specificare!!!!!

Covid, Colombia: oltre 100 mila i morti da inizio pandemia - Ultima OraE quindi? Giusto per - in Colombia 100 K su 50 mln della popolazione, in Italia 127 K su 60 mln Proprio come l'Italia, solo che noi siamo la settima/ottava potenza mondiale!