Cannabis%2Cantiproibizionismo%2Ccassazione

Cannabis%2Cantiproibizionismo%2Ccassazione

La Cassazione: coltivare Cannabis non è reato - La Stampa

I paletti della minima quantità e dell’uso personale. Per la Suprema Corte la salute pubblica non può risultare pregiudicata dal singolo che fa crescere in casa una piantina di marijuana

27/12/2019 09.33.00

I paletti della minima quantità e dell’uso personale. Per la Suprema Corte la salute pubblica non può risultare pregiudicata dal singolo che fa crescere in casa una piantina di marijuana.

I paletti della minima quantità e dell’uso personale. Per la Suprema Corte la salute pubblica non può risultare pregiudicata dal singolo che fa crescere in casa una piantina di marijuana

7:12Colpo di scena: la Cassazione nella sua composizione più solenne, a sezioni penali unite, ha deciso che non è reato coltivarsi in casa la cannabis, purché sia in minima quantità e per stretto uso personale. Chi la coltivasse in forma più estesa per cederla, anche gratuitamente, continuerà a commettere un reato.

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid

Questi i paletti della Cassazione: «Attività di coltivazione che per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante ed il modesto quantitativo di prodotto ricavabile appaiono destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore».

Decisione coraggiosa, non c’è dubbio. La Cassazione ha infatti riconosciuto che il bene giuridico della salute pubblica non è pregiudicato dal singolo che decide di coltivare per sé qualche piantina di marijuana. E così la giurisprudenza non fa altro che riconoscere lo spirito dei tempi: i kit per la coltivazione dei semi di cannabis sul balcone di casa ormai sono diffusissimi, si comprano perfino su internet, anche se ciò era del tutto illegale. headtopics.com

La Corte costituzionale, per dire, interpellata sul punto, ha sempre sposato una linea rigorosa: la coltivazione di cannabis è sempre stato considerato dai giudici costituzionali un reato a prescindere dal numero di piantine e anche se la coltivazione era per uso personale.

Con questa decisione, invece, la Cassazione, pur ribadendo che è reato la coltivazione, ha aperto la porta all’autoproduzione qualora «le attività di coltivazione di minime dimensioni, lo scarso numero di piante, il modestissimo quantitativo di prodotto ricavabile, la mancanza di ulteriori indici di un loro inserimento nell'ambito del mercato degli stupefacenti» siano chiari indici di un uso personale del coltivatore.

Si supera così un’anomalia italiana: non era reato acquistare e consumare la cannabis per uso personale, ma era severamente vietato autoprodursi la medesima sostanza e nelle medesime quantità.I primi ad accorgersi della sentenza sono stati quei politici che da sempre spingono per la liberalizzazione della cannabis. Il radicale Riccardo Magi, ad esempio: «La Cassazione ha fatto valere il buon senso e la logica con l'equiparazione della coltivazione per uso personale al consumo, ora tocca al Parlamento». Oppure Benedetto Della Vedova: «Si rompe un tabù. Ora andiamo avanti: con la cannabis legale avremmo più sicurezza e miliardi per lo Stato sottratti alla criminalità».

Il senatore grillino Matteo Mantero da tempo ha presentato un ddl per la liberalizzazione e ha passato brutti momenti ai tempi dell’alleanza con Salvini. Ora dice: «Ancora una volta la giurisprudenza fa le veci di un legislatore vigliacco.Si mette fine alla stortura tutta italiana di una legge che consegnava il mercato monopolista delle droghe leggere nelle mani della mafia». headtopics.com

Cane con una zampa paralizzata sopravvive a una vita di stenti in mezzo all’indifferenza più totale Droga a Torino, spacciatore arrestato per la quarta volta in un anno Speranza: “No AstraZeneca sotto i 60 anni. Sì al mix di vaccini. Seguiamo le nuove indicazioni degli scienziati”

Conclusioni lapidarie di Nicola Fratoianni, di Sinistra italiana-LeU: «La verità è che prima o poi in Italia bisognerà legalizzare l'uso della cannabis. Ce lo dice l'esperienza di quei Paesi che lo hanno fatto in questi anni, ce lo dice la cattiva esperienza di chi continua ad agitare argomenti inutili e pericolosi».

—©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

La promessa di Ronaldo: “Voglio vincere tanti trofei con la Juve” - La StampaCR7 intervisto da Diletta Leotta su Dazn non ha dubbi: «Sono il migliore, gioco perché mi diverto». La rovesciata a Buffon «il gol più bello della mia carriera» Te salutano Luis Luis Alberto Lulic e Cataldi

Rubati i risparmi della parrocchia durante la messa di Natale - La StampaE’ accaduto nel quartiere Vanchiglietta a Torino. I ladri hanno portato via 3600 euro, parte dei soldi destinati all’ospedale infantile di Betlemme.

Caldo Natale, di notte a Torino la temperatura più elevata degli ultimi 150 anni - La StampaA mezzanotte a Moncalieri la colonnina segnava 17,8°. 🤬 Non ditelo a Porro sennò si rende conto che il gretino è lui

La magia del presepe vivente di Betlemme, rito sacro del Santuario di Gesù Bambino - La StampaLa piccola frazione di Chivasso richiama l'umiltà della località che diede i natali a Gesù, in Palestina, con la quale è gemellata dal 1966.

La Finlandia offre corsi gratuiti sull'intelligenza artificiale a tutti i cittadini Ue - La StampaIl regalo di Natale del governo finlandese, che ha assunto la presidenza del Consiglio dell’Unione europea, per diffondere i concetti di base dell'intelligenza artificiale sempre più importante nel mercato del lavoro e nella competizione globale In Finlandia sono tutti fuori di testa!!!... è per questo che fanno corsi per l'intelligenza artificiale!!! Mamma mia che schifo!!!! Il lavoro dell'uomo dovrebbe essere importante...ma non se ne può più di queste oscenità

Buoni omaggio nei palloncini, a Sydney scoppia la rissa: 5 feriti - La StampaL’iniziativa di un centro commerciale in occasione del Natale rischia di finire in tragedia