L’obbligo della crescita per competere con successo

L’obbligo della crescita per competere con successo

27/01/2021 18.07.00

L’obbligo della crescita per competere con successo

La globalizzazione dei mercati e della concorrenza richiede alle aziende una dimensione considerevole per poter rimanere sul mercato

Secondo una recente indagine sul confronto competitivo tra grandi e piccole aziende curata da Strategic Management Partners, la piccola impresa risulta vincente (rispetto alla grande) solo per la sua capacità di rispondere velocemente ai cambiamenti di mercato e di contesto. Su tutti gli altri fattori competitivi la grande impresa risulta favorita e vincente. La capacità finanziaria e la presenza sui mercati internazionali sono naturalmente a favore della grande impresa.

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Vaticano si scaglia contro il ddl Zan: «Fermate la legge, viola il Concordato» Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

Leggi ancheSalvaguardare la liquidità aziendale durante la pandemia diventando resilientiMa anche la capacità di interpretare e realizzare correttamente i paradigmi della rivoluzione digitale è un’area in cui la grande impresa rimane favorita per la capacità di investimento e di attrarre talenti multidisciplinari. Da ultimo perfino sui temi della sostenibilità la grande azienda rimane favorita per la difficoltà per la Pmi nell’interpretare in ottica di sviluppo del business i temi dell’ambiente e della parità di genere.

In altri termini, la piccola dimensione è oramai un vincolo non solo alla crescita e allo sviluppo, ma all’esistenza stessa delle aziende. Naturalmente, la crescita non può essere solo organica ma deve essere realizzata anche con iniziative extra perimetro aziendale, le cosiddette operazioni di Merger & Acquisition (M&A). Tuttavia, le aziende italiane hanno sempre poco utilizzato la leva delle acquisizioni e delle fusioni a causa di motivazioni sia finanziarie, sia industriali. headtopics.com

Dal punto di vista finanziario il timore degli imprenditori di perdere il controllo dell’azienda e/o di ritrovarsi con soci ingombranti, come i fondi di private equity, nel capitale della società, ha limitato le disponibilità finanziarie delle aziende e ha favorito un mercato banco-centrico che ha sempre privilegiato la ricerca di debito bancario rispetto al capitale di rischio. Mentre in un’ottica industriale le imprese hanno sempre avuto difficoltà a valutare le aziende target e a costruire processi di integrazione per mancanza di competenze e know specifico.

Questo ha spesso portato ad amplificare i rischi di una crescita per linee esterne limitando, di fatto, lo sviluppo delle aziende. Al contrario, le imprese che crescono per acquisizioni diventano spesso “acquisitori seriali” proprio per avere costruito un know-how specifico con strutture dedicate per identificare le aziende target, valutarle in maniera efficace, gestire la negoziazione e definire i percorsi ottimali di integrazione una volta chiuso l’accordo.

Ad esempio, negli ultimi venti anni, Campari, ERG, Gruppo Cremonini, Teamsystem (solo per citare alcune aziende) hanno realizzato più di un’acquisizione all’anno facendo diventare l’M&A un proprio strumento “tradizionale” di crescita. Aumentare le dimensioni o scomparire, è questo il problema per molte aziende. E per gli imprenditori questo vuol dire crescere drasticamente con acquisizioni o vendere per non correre il rischio di chiudere o peggio fallire. E questa decisione dovrà essere presa in tempi rapidi pena il rischio di un immobilismo fatale per l’impresa.

Naturalmente, la crescita deve comportare un effettivo salto dimensionale e quindi deve rappresentare anche un momento di discontinuità nella governance e nella gestione dell’impresa. È necessario lasciarsi alle spalle una fase artigianale, anche se di altissimo livello qualitativo, ed entrare a tutto tondo in una fase industriale adeguando processi, strutture ed organizzazione; con, ad esempio, una chiara distinzione tra proprietà e gestione, una struttura manageriale e di governance ben definita e la possibile apertura del capitale azionario ad azionisti terzi o avvio di un percorso verso la quotazione in Borsa. headtopics.com

Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano 'Io e tanti altri espatriati non torneremo se l'Italia non ci tutela' Carl Nassib fa coming out: è il primo nella storia della Nfl

Il percorso non è e non sarà facile, ma è la strada che hanno percorso le aziende virtuose che sono riuscite a diventare leader dei mercati internazionali. Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Perdete posti di lavoro anche voi.. Ce lo.choese l'Europa e la convenzione di regole errate del neoliberismo . Auguri per aver propagandato e difeso questa merda. Meritate l'estinzione per giusta causa L’Italia sarà dalla parte degli sconfitti con questo governo Ben lo sanno in Europa e a sto giro hanno deciso che perdere tocca a noi e ai lusitani.

State creando un mondo ed un futuro pieno di disuguaglianze sociali e povertà. quindi visto il vostor calo di vendite in questo siete falliti non ancora troppo rimedieremo non continuando a comprarvi Come vanno le vendite? State crescendo per competere con successo?

La Juve è diventata più cinica con un super CR7 e Pirlo ora la adatta agli avversariIl successo sulla Roma importante per la classifica, la consapevolezza e la crescita Géniale CR7 ...! Quindi era meglio tenersi il migliore a far sta cosa. O no? Sl super ronaldo aumentatece lo stipendio troppo poco

Sci, Plan de Corones: Bassino terza nel gigante della WorleyMarta centra il podio grazie ad un’ottima seconda manche. Successo della francese, la Goggia in crescita

A sorpresa il film di Carlo Verdone non va in sala, furia degli esercenti: “Che spreco”Il ministro Franceschini ripristina l’obbligo per il cinema a contributo statale

Per la crescita della Stp pesano i vincoli sui soci e sui diritti di voto

Il vaccino anti-Covid principale alleato di Netanyahu alle urneIl successo della campagna di immunizzazione dovrebbe bilanciare le proteste per la crisi economica e le ombre del processo per corruzione E m'hai detto cavolo! È ora che anche i nostri politici capiscano cosa bisogna fare per guadagnarsi il consenso... Biden gli ha prestato il programma Dominion per truccare le elezioni Oppure gli israeliani sono fortemente masochisti se fossimo nel 1941 voterebbero Hitler