Juve, Napoli e Atalanta: voglia d’Europa

Juve, Napoli e Atalanta: voglia d’Europa

11/07/2020 09.04.00

Juve, Napoli e Atalanta: voglia d’Europa

A Nyon i sorteggi per l’inedita Final Eight di Champions a Lisbona, ma per bianconeri e azzurri prima ci sono i match di ritorno con Lione e Barcellona

TORINO. La Champions a casa Ronaldo. Dai quarti alla finale, sette partite in dodici giorni (12-23 agosto) a Lisbona: un format inedito per completare la Coppa interrotta dall’emergenza coronavirus, preceduto dal completamento degli ottavi nelle città previste dal calendario originale.

Etna, nuova eruzione: la sera illuminata dalle fontane di lava «Se si può andare al ristorante, si può tornare in ufficio»: perché le parole del Ceo di Morgan Stanley sono solo la punta dell'iceberg Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo

L’urna di Nyon non è stata benevola con le italiane: Juventus e Napoli, se dovessero superare il turno contro Olympique Lione e Barcellona, troverebbero una salita. Sulla strada dei bianconeri finirebbe infattila qualificata tra Real Madrid o Manchester City, su quella del Napoli una tra Bayern Monaco e Chelsea. Già sicura di volare a Lisbona è l’Atalanta, cui il sorteggio ha destinato il Psg ricco di fuoriclasse ma fermo da mesi per l’interruzione della Ligue 1, mentre nel quarto confronto l’Atletico Madrid sarà opposto al Lipsia. Le vincenti di queste ultime sfide si incroceranno poi in semifinale, ed è innegabile una maggiore morbidezza rispetto all’altra metà del tabellone

.«Per noi è un sogno esserci - commenta Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta -, qualcosa di storico per la città di Bergamo. La nostra avversaria è fortissima, giocheremo con umiltà e determinazione: sarà un'esperienza che farà bene alla crescita del club». «Gli accoppiamenti sono molto stimolanti, del resto dai quarti in poi è difficile scegliere un avversario perché tutte le squadre sono forti - dice Pavel Nedved, vicepresidente della Juventus -. Real e City possono ambire alla vittoria finale e sarebbe in ogni caso una sfida molto difficile. Ora il nostro obiettivo comunque è passare il turno e arrivare in Portogallo. Questo nuovo format, con tre gare secche è molto interessante per tutto il mondo del calcio, anche perché si giocherà in un periodo in cui normalmente il calcio è fermo». In caso di passaggio di turno e successiva vittoria ai quarti, bianconeri e azzurri di troverebbero di fronte in una affascinante semifinale tutta italiana, ma si deve procedere un passo per volta, specie per Gattuso che dovrà imbrigliare Messi. headtopics.com

«All'andata abbiamo visto che possiamo essere all’altezza del Barça - dice il suo centrocampista Diego Demme a Radio Kiss Kiss -: nel calcio è tutto possibile, se becchi la giornata giusta puoi anche avere la meglio su una squadra così forte». Infatti Quique Setien, allenatore blaugrana, non si fida: «Il Napoli può avere un vantaggio rispetto a noi perché il campionato italiano finirà più tardi rispetto al nostro. Ma non si sa, non sappiamo cosa è meglio». Nessuno può saperlo perché è un calcio diverso, perché la formula è inedita, le incognite troppe. Di sicuro c’è solo il fascino di una coppa che resiste al caldo, alla trasformazione in minitorneo, alla scelta delle gare secche. Emozioni e voglia d’Europa, intensissime anche sotto l’ombrellone.

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Un’informazione seria, libera, competente e autorevolecome quella de La Stampa merita un abbonamento.FrancescoI perché dei nostri lettori“Perché La Stampa è il quotidiano su cui ho imparato a leggere. La famiglia di mia mamma era di Torino. Una copia era sul tavolo, tutti i giorni.

Per me La Stampa è casa.PaolaI perché dei nostri lettori“informa senza distorcere i fatti, perché nella suasa prendere posizione autonoma anche a costo di andare contro corrente.FabrizioI perché dei nostri lettori“Da 50 anni sono un lettore de La Stampa. È il quotidiano che apprezzo perché è

equilibrato nei commenti, ha editoriali interessanti, giornalisti competenti Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Champions: se Juve ai quarti trova City o Real LA DIRETTA da Nyon - CalcioLa Juve potrebbe farcela 🤣ad incontrare o City o Real..

Sorteggi Champions: Atalanta-Psg, Real o City per la Juve - VanityFair.itNeymar sulla strada dei bergamaschi, Cristiano Ronaldo sfida le big (ma prima deve battere il Lione). Corsa a ostacoli per il Napoli: il ritorno col Barcellona, poi Bayern o Chelsea. In Europa League (in Germania) tabellone amico per Inter (che sfida il Getafe) e Roma (contro il Siviglia): possono incrociarsi solo in finale. Champions compressa, si gioca dal 7 al 23 agosto a Lisbona.

Zaccheroni e la lotta scudetto Atalanta-JuveIl tecnico nel 1998-99 vinse lo scudetto col Milan recuperando 7 punti alla Lazio. “La Dea è incredibile, può vincerle tutte da qui alla fine. Ma la Juve non può divorarsi questo vantaggio”

Strano ma vero: Juve-Atalanta, la sfida al vertice mai vistaDomani la capolista affronta la squadra più in forma in una partita che potrebbe riaprire il discorso scudetto

Dea baciata dalla fortuna, Juve non avere paura. Napoli, prima pensa al Barça- Video Gazzetta.itIl vice direttore vicario Gianni Valenti, in studio con Chiara Soldi, commenta i sorteggi dei quarti di Champions League: l’Atalanta affronterà il Paris Saint Germain, mentre Juve e Napoli, una volta superato lo scoglio ottavi di finale, potrebbero ritrovarsi rispettivamente con Real Madrid o Manchester City e con Chelsea o Bayern Monaco

Juve, Sarri pensa solo allo scudetto: “Con l'Atalanta è decisiva”Il tecnico bianconero dribbla il sorteggio di Champions («Non perdo energie») e prepara la sfida allo Stadium contro la squadra rivelazione del campionato: «Il blackout con il Milan è alle spalle, voglio vedere più continuità»