Il rischio sul mare, quando a imbarcarsi è l’assicurazione - La Stampa

Il rischio sul mare, quando a imbarcarsi è l’assicurazione

07/02/2020 22.07.00

Il rischio sul mare, quando a imbarcarsi è l’assicurazione

Una mostra al Galata Museo del Mare di Genova con libri antichi, polizze (la prima del 1343), azioni e manifesti pubblicitari

Il rischio sul mare, quando a imbarcarsi è l’assicurazioneUna mostra al Galata Museo del Mare di Genova con libri antichi, polizze (la prima del 1343), azioni e manifesti pubblicitariFABIO POZZOPubblicato il07 Febbraio 2020Ci sono anche i manifesti pubblicitari, che sono arte ed equilibrio. I triestini Marcello Dudovich e Leopoldo Metlicovitz, Adolf Hohenstein e il romano Gino Boccasile hanno dovuto inscenare il rischio, la sfortuna, senza però dirlo apertamente. Piuttosto, dovevano rassicurare, così da incoraggiare a firmare una polizza a copertura dell’incertezza.

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare

La mostra è intitolata “Un mare di rischi”, sottotitolo “tra pirati, scommesse e mercanti”, ed è una finestra aperta sulle origini e la storia dell’assicurazione, con particolare attenzione al mare, essendo allestita dal Galata Museo del Mare di Genova (sino al 29 marzo, Saletta dell’Arte al primo piano).  E’ firmata dalla Fondazione Mansutti, con l’Associazione Promotori Musei del Mare e il Mu.MA Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni, e si dipana in sette vetrine con libri antichi, polizze e azioni di compagnie assicurative italiane e straniere. Accanto al percorso storico-documentario si affianca un filone di carattere storico-artistico costituito da un pannello di circa una trentina di targhe-incendio e da una galleria di 26 tra i più significativi manifesti pubblicitari proveniente dalla collezione della Fondazione Mansutti, che ne custodisce circa 400. 

La prima polizza genovese, datata 1343Il percorsoLa prima parte dell’esposizione è incentrata sulla figura del mercante medievale e sulle prime forme di assicurazione marittima. Il pezzo forte è la prima polizza di assicurazione giunta sino a noi, datata 1343 e custodita presso l'Archivio di Stato di Genova. headtopics.com

Si procede con un focus sulla spinosa questione dell'usura, sulla cui moralità hanno discusso teologi e canonisti del Tre e Quattrocento, tra cui San Bernardino da Siena e il tedesco Konrad Summenhart. Si riflette anche sui contratti assicurativi sulla vita degli schiavi, paragonabili non tanto a un'assicurazione sulla vita in senso moderno quanto piuttosto a un contratto su un tipo di merce.

C’è spazio anche per la legislazione e la storia del diritto delle assicurazioni. La rassegna propone, tra l’altro, i celebri trattati dei genovesi Casaregi e Della Torre e la splendida edizione veneziana del 1549 del Libro del Consolato de’ marinari. Un altro tema fondamentale dello sviluppo assicurativo, poi, è legato agli studi sul calcolo della probabilità e a quelli di matematica attuariale, come l’Ars conjectandi di Jakob Bernouilli, pubblicato postumo a Basilea nel 1713.

Le prime compagnie          Segue infine la sezione dedicata alla nascita delle prime compagnie: dai Lloyd's di Londra arrivando ai più antichi istituti assicurativi in Italia, a cominciare dal 1825 con la fondazione della Milano Assicurazioni, seguita nel 1828 dalla Reale Mutua di Torino e nel 1831 dalle Generali di Trieste. A chiudere l'esposizione documentaria la polizza r.c.a. intestata alla diva Marilyn Monroe.

Accanto alla sezione storico-documentaria si affianca un percorso costituito da un pannello di targhe-incendio ottocentesche e da una galleria di manifesti pubblicitari, stampati per conto di compagnie italiane e straniere a partire dall'ultimo ventennio dell’Ottocento fino agli anni Settanta del Novecento. headtopics.com

Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini' Tra giugno e agosto possibili 1,3 milioni di nuovi posti di lavoro. Cosa serve per crearli Morte di Adil, il camionista al gip: «Sono fuggito per paura di essere linciato». E ottiene i domiciliari

Da sapere “Un Mare di rischi” è corredata da catalogo, edito da De Ferrari e in vendita presso il bookshop del Museo. La mostra è inclusa nel biglietto d’ingresso e visitabile negli orari museali: fino a febbraio da martedì a venerdì dalle 10 alle 18; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19.30. Da marzo tutti i giorni dalle 10 alle 19.30.

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Da Appendino arriva Sami, il disabile che vuol fare il giro del mondo - La StampaTORINO. La sindaca Chiara Appendino ha incontrato Sami Ben Hanza, l’uomo di 35 anni che, insieme agli amici Andrea Lavella e Annalisa Lombardo, sta organizzando un viaggio intorno al mondo. Leggi anche: Sami, il ragazzo sulla sedia a rotelle che voleva arrivare a Tokyo Ma Sami ha una grave disabilità, ... Ecco, perché non parte anche lei?

L’addetta ferita sul Frecciarossa: “Il botto, il buio e due minuti di terrore” - La StampaIl racconto di Micaela in servizio sul treno deragliato. Per lei solo contusioni, è già stata dimessa: «Sara difficile dimenticare i momenti di paura»

Di Maio resta in bilico fra la piazza ed il governo - La StampaQuel fascino indiscreto e irresistibile, anche per Luigi Di Maio, della jacquerie. Un’attrazione che sta scritta a lettere cubitali nel codice genetico del Movimento 5 Stelle, e costituisce il richiamo della foresta – e il riflesso pavloviano – a cui aggrapparsi nei (sempre più frequenti) momenti di difficoltà. Il movimento anticasta fattosi «partito di bisgoverno» (prima gialloverde, ora giallorosso) reagisce alla crisi di voti e all’offensiva del Pd per riscrivere l’agenda di governo con una delle proprie bandiere identitarie per eccellenza, e si prepara a scendere in piazza il 15 febbraio contro i vitalizi. Un esemplare perfetto di «usato sicuro» per chiamare a raccolta lo zoccolo duro delle 5 stelle (cadenti), misurandone umore e consistenza numerica. Come pure un’azione comunicativa per dimostrare che le sardine non hanno l’esclusiva della piazza antileghista e non di destra. Sulla chiamata alle armi dei «cittadini con l’elmetto», come si può vedere sul Blog delle Stelle, ci stanno mettendo la faccia a colpi di videomessaggi molti capicorrente. Ma fare tutti quanti da testimonial al rinnovato movimentismo grillino va oltre l’inesorabile vittoria della personalizzazione politica che ha contagiato anche gli ex portavoce senza volto dell’«uno vale uno». E corrisponde soprattutto a un segnale dei posizionamenti interni alla vigilia di quegli «stati generali» (da notare l’immancabile ricorso al lessico della Rivoluzione francese) che sono già stati rinviati, mentre si rincorrono le voci di potenziali scissioni. E, di certo, vista la guerra hobbesiana di tutti contro tutti, se e quando verrà celebrato questo «congresso» pentastellato rischia di essere persino più movimentato di quelli delle forze che componevano il pentapartito (o, se si preferisce, di un incontro di wrestling). E qui arrivano, appunto, le dichiarazioni di Di Maio, che ha dismesso i panni istituzionali del titolare della Farnesina a cui aveva promesso di attenersi il giorno delle dimissioni. E, per r Lo stadio: altro che piazza o governo. Al SanPaolo dovrebbe tornare quanto prima a vendere aranciate. DiMaio

Con gli occhi chiusi: è la protesta per il clima a Torino - La StampaTORINO. Una croce gigante tracciata per terra, e trenta giovani, con una benda sulla fronte, che meditano seduti. È la protesta inscenata oggi, giovedì 6 marzo, da «Extinction Rebellion», per il clima. «Stiamo vivendo una crisi ambientale che minaccia il futuro dell'umanità e di moltissime altre specie viventi» spiegano gli ... 😅🙄🙄

Una Bertram da battaglia porta Trapani all’overtime poi ma poi esaurisce la benzina - La StampaUna Bertram da battaglia porta Trapani all’overtime poi ma poi esaurisce la benzina

NotCo, la start-up cilena che ricrea il cibo con l’intelligenza artificiale - La StampaL'incredibile storia della Not Company risponde a una delle domande principali relative alle alternative vegane ai cibi di derivazione animale: «Come fanno a ricreare il sapore?». Con un supercomputer, ovviamente Che schifo