Il Rally della Lana più forte delle incognite. E per il 2021 punta al Campionato italiano

Il Rally della Lana più forte delle incognite. E per il 2021 punta al Campionato italiano

14/07/2020 08.04.00

Il Rally della Lana più forte delle incognite. E per il 2021 punta al Campionato italiano

Di solito, a ricordare un’edizione del Rally della Lana ci sono foto e filmati con tantissimo pubblico ad assistere sulle curve chiave di una delle sue celeberrime prove speciali. La numero 33 invece è andata in scena senza tifosi e con le restrizioni legate alla pandemia da Coronavirus. La passione pura del popolo del rally ha lasciato il posto alla stringente logica del momento, consentendo che si arrivasse in fondo. Il risultato tecnico con la vittoria di Andrea Crugnola e di Pietro Ometto è di sicuro valore, così come lo sono tutti i primi arrivati, Corrado Pinzano, Elwis Chentre, Alessandro Gino e Giacomo Scattolon, giusto per citare i primi 5 della graduatoria. Pinzano poi è anche il promoter che tre anni fa riportò la corsa per vetture moderne ad avere cadenza annuale. «Sono contento di come tutta la famiglia di Peppe Zagami e la loro New turbomark abbiano saputo allestire questa corsa. Certo non è stato facile, ma ce l’abbiamo fatta». Una fatica doppia che si è fatta sentire, tanto che nelle chiacchiere post gara al sindaco di Biella, Claudio Corradino, Pinzano ha espresso la volontà «di non correre l’anno prossimo per il troppo carico tra organizzazione e gara». Pinzano era stato convinto dalla versione leggera della corsa ma, alla fine il peso si è fatto sentire. Nonostante tutto sia filato liscio anche per l’intelligenza con la quale il rally è stato disegnato, sfruttando i pochi chilometri consentiti in deroga dall’Aci sport Italia visto il momento storico. Due prove speciali concatenate e di difficile accesso stradale il sabato, e poi il solo ripetuto passaggio di Curino con tutti gli ingressi, sempre gli stessi per l’intera giornata, presidiati a dovere. E per i piloti è stato utilissimo rifare tre passaggi sulla stessa strada usata per sgrossare se stessi e le vetture ferme da troppo tempo. «Era dalla ronde di novembre - dice Elwis Chentre - che non salivamo in macchina ed essere di nuovo sulla Curino ci è servito». Elementare a posteriori, acuto all’

Pubblicato il14 Luglio 2020Di solito, a ricordare un’edizione del Rally della Lana ci sono foto e filmati con tantissimo pubblico ad assistere sulle curve chiave di una delle sue celeberrime prove speciali. La numero 33 invece è andata in scena senza tifosi e con le restrizioni legate alla pandemia da Coronavirus.

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi Vescovi Usa verso la scomunica a Biden sull'aborto - Mondo I lavoratori del magazzino Lidl: 'Non ci sono orari, siamo pagati quanto vogliono loro e ricattati per gli straordinari. Li prende solo chi non fa storie' - Il Fatto Quotidiano

La passione pura del popolo del rally ha lasciato il posto alla stringente logica del momento, consentendo che si arrivasse in fondo. Il risultato tecnico con la vittoria di Andrea Crugnola e di Pietro Ometto è di sicuro valore, così come lo sono tutti i primi arrivati, Corrado Pinzano, Elwis Chentre, Alessandro Gino e Giacomo Scattolon, giusto per citare i primi 5 della graduatoria.

Pinzano poi è anche il promoter che tre anni fa riportò la corsa per vetture moderne ad avere cadenza annuale. «Sono contento di come tutta la famiglia di Peppe Zagami e la loro New turbomark abbiano saputo allestire questa corsa. Certo non è stato facile, ma ce l’abbiamo fatta». Una fatica doppia che si è fatta sentire, tanto che nelle chiacchiere post gara al sindaco di Biella, Claudio Corradino, Pinzano ha espresso la volontà «di non correre l’anno prossimo per il troppo carico tra organizzazione e gara». headtopics.com

Pinzano era stato convinto dalla versione leggera della corsa ma, alla fine il peso si è fatto sentire. Nonostante tutto sia filato liscio anche per l’intelligenza con la quale il rally è stato disegnato, sfruttando i pochi chilometri consentiti in deroga dall’Aci sport Italia visto il momento storico.

Due prove speciali concatenate e di difficile accesso stradale il sabato, e poi il solo ripetuto passaggio di Curino con tutti gli ingressi, sempre gli stessi per l’intera giornata, presidiati a dovere. E per i piloti è stato utilissimo rifare tre passaggi sulla stessa strada usata per sgrossare se stessi e le vetture ferme da troppo tempo. «Era dalla ronde di novembre - dice Elwis Chentre - che non salivamo in macchina ed essere di nuovo sulla Curino ci è servito».

Elementare a posteriori, acuto all’origine della progettazione. Così è stato possibile andare oltre. Dice Peppe Zagami, l’organizzatore sul campo del Lana: «È stato un successo con i 124 iscritti che rappresentano il record per le tre edizioni fino adesso disputate della rinata corsa. Devo ringraziare i biellesi e i rallysti in generale, senza il loro aiuto non avremmo potuto fare questo evento». Anche se all’inizio non è stato tutto rosa e fiori: «In molti dicevano che non avremmo fatto la corsa, che le ps sarebbero state interrotte. Un sacco di critiche a volte tramite i social, dove tutti dicono la loro, anche insulti: ringrazio i biellesi che hanno avuto la maturità di restare a casa».

Zagami ha poi ancora un ringraziamento speciale per Prefettura e Questura, «per il sostegno ricevuto in ogni momento». Ma soprattutto arrivano due annunci. Il primo è per gli appassionati. «A novembre non ci sarà la Ronde del Gomitolo. Non si correrà perché la mia organizzazione sarà impegnata nella preparazione del Rally del Rubinetto e per un’altra gara nell’Ossola. È giusto che ogni zona abbia un adegu headtopics.com

Se il premier offre il corpo In Edicola sul Fatto Quotidiano del 19 Giugno: L’autogol di Draghi 'faccio l’eterologa” - Il Fatto Quotidiano Il gesto gentile di un tranviere: ferma il suo mezzo per salvare una tartaruga sulle rotaie

ato sostegno alle proprie iniziative». L’altro proclama è affascinante. «Il “Lana” tornerà nel 2021 e sono certo avrà validità per il Campionato italiano». Un impegno che potrà far tornare la corsa ai livelli di valore sportivo dei suoi anni ruggenti. Meme Gubernati, cui la corsa oggi dedica il memorial, ne sarebbe contento.

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Mio padre e mia madre leggevano La Stampa, quando mi sono sposato io e mia moglie abbiamo sempre letto La Stampa, da quando son rimasto solo sono passato alla versione digitale. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io.

MarioI perché dei nostri lettori“Perché mio papà la leggeva tutti i giorni. Perché a quattro anni mia mamma mi ha scoperto mentre leggevo a voce alta le parole sulla Stampa.Perché è un giornale internazionale.Perché ci trovo le notizie e i racconti della mia città.

Paola, (TO)I perché dei nostri lettori“Leggo La Stampa da quasi 50 anni, e ne sono abbonato da 20.Pago le notizie perché non siano pagate da altri per meche cerco di capire il mondo attraverso opinioni autorevoli e informazioni complete e il più possibile obiettive. La carta stampata è un patrimonio democratico che va difeso e preservato. headtopics.com

AnonimoI perché dei nostri lettori“Ho comprato per tutta la vita ogni giorno il giornale. Da due anni sono passato al digitale. Abito in un paesino nell'entroterra ligure: cosa di meglio, al mattino presto, di.... un caffè e La Stampa? La Stampa tutta, non solo i titoli....E,

visto che qualcuno lavora per fornirmi questo servizio, trovo giusto pagare un abbonamento. Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Bonjour Bon fêtes 14 juillet de France

Elezioni Polonia, il presidente conservatore uscente Duda vince con il 51% dei voti - Il Fatto QuotidianoDopo un serrato testa a testa il presidente uscente polacco Andrzej Duda ha vinto le elezioni con il 51,21%. Mentre lo sfidante, il sindaco di Varsavia Rafal Trzaskowski, si ferma al 48,79%. Questi sono i risultati resi noto la commissione elettorale nazionale, con lo spoglio arrivato al 99,7%: per i risultati definitivi bisognerà aspettare fino … Sin Duda. LGBT sconfitti. Bene. Al Peggio non c'è limite e i Polacchi, nella Storia, non hanno sempre agito bene...La loro vocazione reazionaria ha portato alla realizzazione di certi Orrori in passato.

Il bravo psicanalista uccide il passato perché non gli rovini il presentePersino i più informati lettori di narrativa italiana contemporanea saranno propensi a inserire tra le riscoperte più sorprendenti questa di La vita involontaria di Brianna Carafa. Le recensioni 📖 di Tuttolibri .

Trattorie d’Italia, il buon cibo nasce in famiglia (e la gola fa la forza)Dal Piemonte alla Sicilia, locande della gastronomia locale si scambiano le ricette in difesa della tradizione. Gli aspetti anche sociali di una «alleanza» in un libro che attraversa generazioni di cuochi e storie familiari

Aishwarya Rai, star di Bollywood, colpita dal Covid (anche il marito e il suocero)Padre e figlio sono ricoverati in ospedale a Mumbai. Colpita anche la figlia della coppia E sticazzi no?

Ad Alpignano sinistra unita per il voto, otto liste sostengono il segretario del Pd PalmieriALPIGNANO (TORINO). Alpignano si prepara alle ennesime elezioni. E la sfida inizia a delinearsi appassionante. Già, perché la sinistra si è riunita: almeno per la gran parte. Così, a sostenere il candidato Steven Palmieri, 37 anni, ingegnere edile e segretario del Pd, sarà un gruppo di liste che appoggia il progetto «Facciamo squadra per Alpignano». Sono ben otto liste che lo appoggiano: Partito Democratico, Italia Viva, +Europa, Azione, il Partito Socialista Italiano, Centro Democratico e le liste civiche Alpignano SiCura e SiAmo Alpignano, proprio quelle che alle passate elezioni erano state le avversarie più temibili del centrosinistra. «Questa iniziativa non nasce con il mero scopo di battere un avversario a qualunque costo - dichiara Steven Palmieri -, ma insieme alle forze politiche che mi sostengono siamo al lavoro per costruire un programma serio e concreto, che risponda alle esigenze quotidiane dei cittadini di Alpignano e sappia allo stesso tempo indicare una direzione per il futuro della Città». E i temi su cui si stanno concentrando sono diversi. «Il lavoro da fare è tanto - ammette -, a partire da alcuni temi cruciali: penso ad esempio ad una sanità più vicina ed efficiente, ad una nuova viabilità scorrevole e sicura e a un impegno per migliorare i nostri preziosi impianti sportivi». E lui ne sa qualcosa essendo appassionato di basket da sempre, ed essendo stato giocatore, allenatore, dirigente e presidente della Pallacanestro Valledora Alpignano.

Levante, 'Sirene' è il nuovo singolo scritto dopo il lockdownLeggi su Sky TG24 l'articolo Levante, 'Sirene' è il nuovo singolo scritto dopo il lockdown Ma chi è Levante? È ritornato. Ulisse, è in casa, come io te lo dico: è lo straniero che tutti qui dentro copriano d’oltraggi. È tornato. per vendicar gli affronti di quei tracotanti Signori”. Gioisci Penelope... strinse la vecchia al seno, dagli occhi versando gran pianto. (Omero)