Il pugile 16enne (figlio del campione) e il video su Telegram dove picchia un coetaneo

Il padre: «Non posso che condannare, come padre, come atleta e come cittadino, il gesto di mio figlio»

18/01/2021 09.40.00

Il padre: «Non posso che condannare, come padre, come atleta e come cittadino, il gesto di mio figlio»

Il sedicenne segnalato al Tribunale per i minorenni. Il padre: «Non posso che condannare, come padre, come atleta e come cittadino, il gesto di mio figlio»

shadowEmailUn ragazzo a terra che si protegge con le braccia, un altro a cavalcioni che lo prende ripetutamente a pugni su volto e corpo, gli sferra una testata, lo minaccia e gli sputa addosso, prima di alzarsi e infierire ancora a calci. Davanti ad altri giovani, che non solo non intervengono per separare i due, ma incitano a picchiare ancora di più: uno addirittura esorta l’aggressore a utilizzare una mattonella, un altro partecipa assestando un calcio a tradimento prima di sparire dallo schermo. È

Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Lapadula, gol e assist contro l'Ecuador. E il Perù impazzisce per lui Ronaldo, un altro super record nella storia

l’agghiacciante video comparso due giorni fa sulla piattaforma Telegramche vede protagonistidue minori di una provincia calabrese.Il pestaggio dura più di un minuto (almeno nella parte filmata) e, secondo quanto ricostruito, risale a dicembre in un mobilificio abbandonato, fra calcinacci, cassette di plastica e insegne dismesse.

La vittima, colpita da venti pugni almeno, rimane a terraintontita e dolorante, il volto insanguinato e due costole rotte. Ma poteva finire peggio, perché il picchiatore non è un ragazzo qualsiasi ma èun pugile sedicenne, figlio d’arte: headtopics.com

, T.G.L., èuno dei boxeur italiani più fortiin attività, salito sul ring a novembre e titolare di una palestra molto conosciuta. La vicenda era rimasta sottotraccia fino a quando non ha cominciato a circolare il video nelle chat di Telegram, con il logo ormai famoso di «

Risse italiane»: immagini che hanno permesso alla polizia di identificare le persone coinvolte, segnalate alla Procura dei minorenni.La condanna del padre«Non posso che condannare, come padre, come atleta e come cittadino, il gesto di mio figlio

», ha scritto su Facebook il pugile calabrese, che appena la settimana scorsa aveva ricevuto un riconoscimento dal Comune. «Preso coscienza dei fatti — ha detto il boxeur — ho incontrato i genitori del ragazzo alla presenza anche di mio figlio, e ho chiesto scusa. Durante il colloquio i ragazzi, oltre a chiarirsi e stringersi la mano in segno di pace, non riferivano quello che si vede nel video. L’ho appreso, con forte rammarico, solo in queste ore. Quindi ho organizzato un ulteriore colloquio, sempre con i genitori del minore, alla presenza delle forze dell’ordine da me portate. E anche in quella occasione ho chiesto umilmente scusa, e ho invitato il ragazzo a venire in palestra gratis, a vita. Ora chi ha imparato a conoscermi, come uomo e come atleta — ha aggiunto — sa quanto sia contrario alla violenza, in qualsiasi forma essa si presenti.

Chi mi conosce sa bene che insegno ai miei allievi la non violenza, altrimenti vengono espulsi. Li cresco come figli, cercando di non far loro compiere gli stessi errori che ho commesso in gioventù. Aspettiamo che la magistratura faccia il suo corso. Come disse Gesù, chi è senza peccato scagli la prima pietra». Durissimo invece il commento di Francesco Verri, avvocato della famiglia del ragazzo picchiato, per il quale il pestaggio non è stato «un errore ma un delitto». E adesso il legale auspica che la Procura persegua «l’aggressore e i giovani che lo incitavano a colpire anche con strumenti potenzialmente letali». headtopics.com

Il c.t. Rossi: 'Orgoglioso della mia Ungheria' La nuova classifica marcatori 'all time' degli Europei Spezia, una nuova idea in caso di addio con Italiano

18 gennaio 2021 (modifica il 18 gennaio 2021 | 07:35) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Marisamoles condivido. Che senso ha dare una notizia dove non si capisce di chi stiamo parlando? Posso capire di non dare le generalità del minorenne. Ma il padre che parla è maggiorenne. Ci vuole coraggio, tanto coraggio a condannare proprio i nostri figli! Che tristezza Questa gioventù ha una violenza senza limiti, se poi c’è qualche imbecille che sobilla e incita a picchiare più forte.......ancora peggio!!

Matti Perché del padre solo le iniziali? Bene, perfetto, ma tuo figlio va a processo. Giustissimo