Italia, Stato Membro, Onu, Cessate İl Fuoco, Libia

Italia, Stato Membro

Guerra civile in Libia, l’inviato Onu: «Per uscirne la sola via è il dialogo»

Guerra in Libia, l’inviato Onu: «Il dialogo, unica via per uscirne»

24/04/2019 00.50.00

Guerra in Libia , l’inviato Onu : «Il dialogo, unica via per uscirne»

Intervista a Ghassan Salamé, inviato speciale Onu per la Libia , che incontra Enzo Moavero alla Farnesina: «L’ Italia chieda un cessate il fuoco »

Email«La politica permette sempre una via d’uscita alla guerra. Basta volerlo». Ghassan Salamé, inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia, è tra i grandi perdenti del conflitto fratricida, con il diretto coinvolgimento di forze straniere, in cui sta scivolando la Libia. Ma non si dà per vinto. Per un attimo si era ventilato che si dimettesse dal suo ruolo; ma in questa intervista al

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero'

Corriererilancia la via del dialogo, «l’unica possibile per evitare la catastrofe». Oggi, alla Farnesina, incontrerà il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi: l’Italia è uno dei Paesi che sostengono il governo di unità nazionale diretto da Fayez Sarraj e riconosciuto dall’Onu.

Il dialogo, certo, non è semplice. Tra il 3 e il 4 aprile il maresciallo Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, ha attaccato militarmente la capitale, difesa dalle milizie fedeli al governo di Sarraj. Una scelta che ha scombussolato le carte. A metà aprile era prevista nell’oasi di Ghadames la Conferenza nazionale tra elementi della società civile libica, poi rinviata headtopics.com

sine die. Lo stesso Salamé l’aveva ideata e annunciata al forum di Palermo lo scorso novembre in previsione delle elezioni e della costruzione di un futuro pacifico. Ne restano solo macerie: oggi tra i due fronti prevale il linguaggio della forza.

Lei ha chiaramente accusato Haftar di boicottare il dialogo e aver precipitato il Paese nella guerra. Il maresciallo è ancora un partner?«Le Nazioni Unite hanno sempre fatto del loro meglio per evitare proprio questo tipo di conflitto, incoraggiando i libici a lavorare per mettere in atto i nostri piani d’azione sin dal settembre 2017. L’Onu ora più che mai agisce nell’urgenza su vari fronti per scongiurare il deterioramento della situazione».

Come tornare al tavolo negoziale?«La politica offre sempre una via d’uscita, se le parti hanno il coraggio di imboccarla. Nel settore umanitario lavoriamo notte e giorno per evacuare i feriti oltre ai civili intrappolati e fornire aiuto agli oltre 30.000 sfollati dalle zone dei combattimenti. È fondamentale che siano rispettate le tregue umanitarie, che siano applicate in modo regolare e duraturo. Questo è il primo passo per arrivare al cessate il fuoco, ed è al momento la nostra priorità».

La Conferenza nazionale resta possibile?«Nel lungo periodo la Conferenza rimane essenziale. I suoi preparativi logistici sono ormai completati. Nessun individuo può sovvertire la volontà popolare dei libici. E il popolo libico si è espresso con chiarezza: esige la fine del periodo di transizione, vuole vivere in pace, chiede uno Stato civile retto sulle leggi. La Conferenza è la strada verso questi obiettivi». headtopics.com

Migranti, Draghi: 'Gestione dei flussi non può essere solo italiana. Va superato Regolamento di Dublino, appartiene a un'altra fase storica' - Il Fatto Quotidiano Sala risponde a Paragone: 'Io 'fighetto'? Ci vuole coraggio a dirlo di uno che da 40 anni lavora come un pazzo' Papa Francesco incontra l'Uomo Ragno

Crescono però le complicazioni, perché crescono le ingerenze di attori terzi regionali e internazionali. Per esempio: lei si è consultato con gli americani dopo la recente presa di posizione di Donald Trump a favore di Haftar nella lotta al terrorismo? Inoltre sia Haftar che Sarraj ricevono armi e aiuti dai rispettivi alleati. Non è una sconfitta per l’Onu?

«Stiamo lavorando con tutti gli attori internazionali coinvolti per incoraggiare la distensione e il ritorno al dialogo politico pacifico. Come è ben noto, resta attivo l’embargo contro l’invio di armi e di qualsiasi tipo di aiuti bellici in Libia. Ogni tentativo di violare questo embargo da parte di individui o Stati verrà giudicato e punito dalla comunità delle nazioni».

Sappiamo che Haftar riceve armi, tra i tanti, da Arabia Saudita, Emirati, Egitto; ci sono voci di consiglieri francesi con i suoi uomini. Per contro, Sarraj ha aiuti da Qatar e Turchia. Che fare?«Se non torniamo presto al processo politico il vero perdente sarà il popolo libico, che ha già sofferto otto anni di conflitti. La società locale ne è sconvolta, l’economia seriamente danneggiata. Se la Libia è trascinata a diventare scenario di una continua guerra civile la sua popolazione sarà vittima di una tragedia che non ha scelto. Comunque, l’Onu resterà sempre dalla parte dei civili. Non li abbandoneremo».

L’Italia è uno dei pochi Paesi direttamente interessati rimasti fermi nel sostenere il governo Sarraj, unico governo locale riconosciuto dall’Onu. Un’Italia tanto isolata può aiutare?«Noi incoraggiamo l’Italia e tutti gli Stati membri dell’Onu a spingere per il cessate il fuoco e il ritorno al dialogo. Occorre l’impegno collettivo a porre fine a questo conflitto egoista ed inutile. Se invece la situazione dovesse deteriorarsi in modo significativo, a pagarne le conseguenze, oltre al popolo libico, sarebbero settori e interessi molto più ampi». headtopics.com

23 aprile 2019 (modifica il 23 aprile 2019 | 21:50) Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

L’inviato ONU del nulla è quello che si getta in mare.

L’esponente Cinque Stelle accusa: «Responsabilità originarie di Hillary Clinton, Obama, Sarkozy, Giorgia Meloni, Berlusconi, Napolitano». Di Battista (M5S): «Tanti soldi per Notre-Dame dove non è morto nessuno, nessuno per la Libia dove muoiono a centinaia»L’esponente Cinque Stelle accusa: «Responsabilità originarie di Hillary Clinton, Obama, Sarkozy, Giorgia Meloni, Berlusconi, Napolitano». L’esponente Cinque Stelle accusa: «Responsabilità originarie di Hillary Clinton, Obama, Sarkozy, Giorgia Meloni, Berlusconi, Napolitano» Facile fare il diballista dall’uscita del corso di falegnameria Ma perche la gente continua a dire queste cazzate? Per la Libia sono stati spenti miliardi ( stati, organizzazioni humanitaire, gestione dei migranti arrivati in Europa, ma i resultati non si vedono. E perché niente per le donne picchiate, per i cani etc... c’è sempre altro. Imbecille

Libia: falliti i negoziati al Consiglio di Sicurezza dell'Onu - MondoLibia: falliti i negoziati al Consiglio di Sicurezza dell' Onu su una tregua immediata libia ANSA Macron non ha certo tempo da perdere.... ci sono le elezioni presto Quindi? Gli 800.000 Libici in viaggio verso l'Italia? bloccoNavaleVeloce

Libia, Lavrov: serve processo politico interlibico sotto egida OnuLavrov ha incontrato i suoi omologhi di Tunisia e Giordania

Libia nel caos, Conte: rischio che conflitto degeneri in guerra civile | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Libia nel caos, Conte: rischio che conflitto degeneri in guerra civile | Sky TG24 Mi sembra che sia già una guerra civile! Meno male che ce lo ha detto..non lo avevamo capito C'è il 'rischio' di una guerra civile.. Sempre ben collegato alla realtà mi raccomando.

Onu, Trump verso il veto alla risoluzione contro lo stupro come arma di guerraPer il Guardian l’amministrazione Usa sarebbe intenzionata a votare contro il provvedimento delle Nazioni Unite a causa di un riferimento indiretto all’aborto I can’t believe it GIOMSSIRLI in which grade are u

Onu approva mozione contro stupro come arma di guerra - Nord America Onu approva mozione contro stupro come arma di guerra. Glissato su aborto per evitare veto Usa. Appello Amal Clooney ANSA

Alessandro Di Battista contro le donazioni a Notre Dame: “Per la Libia niente” | Sky TG24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Alessandro Di Battista contro le donazioni a Notre Dame: “Per la Libia niente” | Sky TG24 | Sky TG24 Occasione persa per tacere, l'ennesima. Ancora parla stò cazzone pieno dè piscio? Incendio Notredame : Raccolti fondi per quasi 1 miliardo di euro! Io non ho nulla contro il patrimonio culturale ma quando c'è da ricostruire cittadine distrutte dai terremoti dove stanno questi 'magnanti' così 'generosi'? Dedicata all'Aquila.

Libia, da Trump parole di fiducia all'Italia - AfricaHaftar bombarda Tripoli. Sarraj accusa, criminale di guerra. La condanna dell' Onu (ANSA)

Interno contro Difesa, sulla Libia è rissa totale - Il Fatto QuotidianoUno scontro durissimo tra Lega e M5S, un presidente della Repubblica preoccupato per “l’isolamento” italiano, un primo ministro, Giuseppe Conte, che cerca di far quadrare curve complesse, un governo, quello libico, che gioca alla minaccia del terrorismo. Dietro la tragedia libica prevale il gioco politico e la propaganda. Lo scontro furibondo che si è avuto … scannavo Si facciano passare l'irritazione e se ne facciano una ragione. scannavo Poverini, sono irritati. scannavo I MILITARI quelli d'apice con i gemelli alla camicia

Libia, Haftar bombarda Tripoli. Serraj: “Conquisteremo ogni città” | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Libia , Haftar bombarda Tripoli. Serraj: “Conquisteremo ogni città” | Sky TG24 Tutti sanno e riconoscono i Paesi fornitori delle Armi e munizioni ma guardano solo il buco per terra delle bombe in Libia🚩 Haftar? Macron sta bombardando Tripoli...

Libia, pioggia di missili su Tripoli: almeno 10 mortiIl bombardamento accompagna l’ offensiva lanciata lo scorso 4 aprile dal generale Khalifa Haftar per riprendersi la capitale Come pioggia mi pare rada per aver fatto solo 10 morti in una città popolosa cime Tripoli.