Rifiuti, Italia, Paesi

Rifiuti, Italia

Greenpeace: l’Italia esporta 197 mila tonnellate di plastica (che non sa come smaltire)

L’Italia esporta 197 mila tonnellate di plastica (che non sa come smaltire)

23/04/2019 03.15.00

L’ Italia esporta 197 mila tonnellate di plastica (che non sa come smaltire)

Anche il nostro Paese è nella classifica dei maggiori esportatori di rifiuti plastici non riciclati. La «discarica» per eccellenza era la Cina, ma dal 2018 Pechino ha detto stop

shadowStampaEmailI Paesi industrializzati producono e consumano molta più plastica di quanta ne riescano a riciclare e a smaltire. E non sapendo come gestirla, hanno pensato di esportarla altrove. Fino alla fine del 2017 era stata la Cina, la destinazione principale degli scarti plastici di tutto il mondo. Una «discarica» ideale, lontana dagli occhi e quindi anche dal cuore. Poi dal 2018 il governo di Pechino ha chiuso le proprie frontiere a 24 diversi tipi di rifiuti, tra cui appunto la plastica, con il risultato che le nazioni con un surplus di scarto hanno dovuto trovare nuovi canali e nuove destinazioni. Le hanno trovate, in effetti, ma a che prezzo? E perché la raccolta differenziata non riesce a dare risultati?

L'Uomo di luglio: Romelu Lukaku in copertina La Divina Commedia torna a riveder le stelle Diletta Leotta vola in Turchia per conoscere la famiglia di Can Yaman: nozze in vista? - VanityFair.it

Plastica di casa nostraL’export dei rifiuti non è di quelli che fanno bene alla bilancia commerciale. Anzi. E’ un costo piuttosto pesante che tante nazioni, a partire dagli Stati Uniti e dal Giappone che sono i principali esportatori di materie plastiche di scarto (i primi sono responsabili del 16,5% del totale, i secondi del 15,3%) accettano di pagare pur di risolvere un problema che sta via via assumendo proporzioni ingovernabili. Nel 2016 a livello globale erano state delocalizzate 12 milioni e mezzo di tonnellate di rifiuti in plastica; circa 10 milioni nel 2017 e quasi 6 milioni tra il gennaio e il novembre del 2018. Anche l’Italia, come molti altri Paesi Ue, ricorre a questa pratica: in un anno manda a smaltire oltre confine circa 197 mila tonnellate di plastica (questo il dato del 2018, nei due precedenti era anche di più), che corrispondono al 2,25% della quantità esportata globalente. Una quota che la posiziona all’11esimo posto della classifica mondiale. Sono numeri che emergono dal report sulle nuove rotte dei rifiuti plastici che l’associazione ambientalista Greenpeace diffonde oggi. Uno studio, basato su dati Eurostat, che analizza le dinamiche della circolazione infinita della plastica a a livello globale, prendendo in considerazione i 21 principali Paesi esportatori ed importatori. Collegati tra loro da un numero esagerato di mercantili carichi di container che solcano gli oceani trasportando non beni e prodotti, bensì immondizia. Movimenti formalmente in regola, esportazioni riconducibili al cdice doganale 3915. Ma i numeri sono da brivido e sono ovviamente al netto del sommerso e delle attività delle organizzazioni criminali, sempre più inserite nelle redditizie filiere dello smaltimento.

Le nuove rotteFino al 2018, come detto, la maggior parte del materiale aveva come destinazione la Cina, con porto di ingresso Hong Kong. Ma dopo che Pechino ha decretato lo stop, le nazioni che non sapevano come gestire altrimenti i propri rifiuti hanno dovuto individuare nuove rotte. E, come racconta il report di Greenpeace, le hanno subito trovate. Prima si è trattato di altri Paesi del Sud Est asiatico, ovvero Vietnam, Malesia e Thailandia. Poi anche in questi Stati, oggi al top della classifica importatori, sono state applicate delle restrizioni ed è stato dunque necessario reperire altre mete per non interrompere i flussi attuali e futuri. Indonesia e Turchia, secondo il report, sono i principali importatori emergenti a livello globale, ma spuntano sempre nuovi canali e oggi anche alcuni Paesi europei hanno iniziato ad accettare i rifiuti plastici altrui. I nostri, per esempio, nel 2018 sono finiti anche in Austria, Germania, Spagna, Slovenia, Romania, Ungheria, Francia e perfino in Svizzera. headtopics.com

Il nodo dei controlliIl trasporto terrestre in altri stati europei è legato forse alla presenza di impianti in grado di gestire quote maggiori di materiale e quindi di farsi carico anche delle eccedenze italiane. Ma il sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia, Roberto Pennisi, che per conto della Dda redige il capitolo del rapporto annuale dedicato alle ecomafie e ai crimini ambientali, teme che ci sia dell’altro e ipotizza che in alcuni casi, laddove i trasporti avvengono in Stati dell’Est entrati da poco nella Ue e dove i controlli sono meno accurati, il flusso di materiali possa essere gestito anteponendo «l’interesse economico al rispetto della legalità, dell’ambiente e della salute umana». Senza contare che non necessariamente il rifiuto viene poi trattato nei Paesi Ue di destinazione, che possono essere soltanto una tappa di transito prima di un uteriore passaggio extra-europea. La normativa comunitaria prevede che i rifiuti che escono dalla Ue possano essere esportati solo in Paesi che garantiscano il rispetto degli stessi standard di tutela delle persone e dell’ambiente, ma questo è difficile poi da verificare. Quando ci si affidava alla Cina, per esempio, non c’era sempre modo di verificare che tutti i processi di smaltimento e di riciclo fossero regolari con il rischio di una produzione di nuova plastica contaminata utilizzata per produrre nuovi manufatti a basso costo che, e qui scattava la beffa, tornavano poi ad invadere i mercati europei.

Si fa presto a dire riciclaggioMa perché ci ritroviamo letteralmente sommersi dalla plastica, che inevitabilmente finisce poi con l’inquinare i l’ambiente, i fiumi, i mari uccidendo la fauna marina e creando condizioni di bioaccumulo nei pesci pericolose anche per la salute umana? «Il problema è che in Italia si premia la quantità e non la qualità della raccolta differenziata - spiega nel report Claudia Salvestrini, direttrice di Polieco, il consorzio nazionale per il riciclaggio dei rifiuti e dei beni a base di polietilene -. Possiamo anche raggiungere il 90% di raccolta differenziata ma all’atto pratico si tratta spesso di plastica di bassa qualità, tanto che di quella raccolta può risultare più del 30 per cento di materiali eterogenei di plastica da scartare». Perché non tutta la plastica può essere riciclata e non tutta la plastica è uguale, né per composizione né per provenienza.

Cambio di mentalitàPrima dello stop di Pechino, negli anni 2016 e 2017, al mercato cinese è stato destinato il 42% degli scarti plastici spediti fuori dall’Europa. Lo stop dello scorso hanno ha dunque creato un’emergenza mondiale e messo gli Stati di fronte alla necessità di trovare alternative. Ma, come spesso accade, anziché affrontare il problema alla radice è stata scelta la scorciatoia, ovvero indidivuare chi potesse fare il «lavoro sporco» al posto della Cina. La soluzione, per Greenpeace, è invece una riduzione alla fonte della richiesta e produzione di plastica, combattendo per esempio l’usa-e-getta (che oggi rappresenta il 40% dei manufatti in plastica prodotti) e favorendo il riuso. «Con una produzione di plastica in vertiginosa crescita su scala globale, che raddoppierà le quantità del 2015 emtro il 2025 e per poi quadruplicarle entro il 2050, il nostro pianeta rischia di essere sommerso da rifiuti in plastica - commenta Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace Italia -. Si stima che ogni anno tra i 4,8 e i 12,7 ilioni di tonnellate di plastica finiscano nei mari al ritmo di un camion al minuto per ogni giorno dell’anno. Numeri che, complice l’inefficacia del riciclo, sono destinati a peggiorare».

23 aprile 2019 (modifica il 23 aprile 2019 | 02:03) Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Cominciamo con il ridurre le bottiglie di plastica, grandi e piccole, di acqua. Mezzo litro di acqua inquina per 100 anni e quanta di questa plastica finisce in mare? Però termovalorizzatori no, non facciamoli! Italia e solo apparire Il m5s sicuramente se ne sta occupando 😂😂😂 Moixus1970 Esportiamo? La paghiamo due volte, per comprarla e per buttarla. Bisogna produrne meno all'origine nei prodotti imballati. Magari, invece di utilizzare bottigliette, usare una borraccia, che mantiene anche l'acqua più fresca.

Leggendo il titolo mi verrebbe una battuta: è chi la importa che non sa come smaltirla! 😂 Col riciclo. Mica ci vuole molto a capirlo. Ma nessuno si impegna più di tanto. Eppure è una fonte enorme di energia e lavoro. Si ritorni al vetro,soprattutto per acqua e bibite,che sicuramente è anche più salutare.

L'uomo si abitua a qualsiasi porcheria, tra qualche decennio ci faranno una spiaggia per turisti e piazzeranno gli ombrelloni e le sdraio sopra le bottigliette triturate! Perché non esportiamo, pure, i 5stelle che non sappiamo come smaltire.

In semifinale di Champions quattro tecnici che non l'hanno mai vintaTen Hag, Pochettino, Valverde e Klopp: sarà la prima volta per uno di loro. L'ultima volta che capitò una situazione simile fu nel 2004 e vinse con il Porto

Onu, è tsunami rifiuti elettronici, prodotti 50 milioni di tonnellate l'anno - Ambiente & EnergiaL'allarme dell'Onu: è uno tsunami di rifiuti elettronici, 50 milioni di tonnellate l'anno ANSA Hanno scoperto l’acqua calda. Che ce frega a noi, tanto vanno tutti in Ghana... O no? E quando ci saranno anche più batterie di auto

Aereo svuota 80 tonnellate di cherosene nel mar LigureDecollato da Malpensa, per un guasto ha fatto ritorno all'aeroporto milanese, Toti via Facebook: 'Nessuna criticità' Complimentoni....avoglia a Grete che ci vogliono... PaulLamanski ma si tanto poi va tutto sulle coste italiane, siamo abituati a questo

Napoli-Arsenal, 36 mila al San Paolo e mille inglesi che preoccupanoSaranno almeno 800 gli uomini delle forze dell’ordine impegnati giovedì per seguire i mille tifosi inglesi al seguito

“L’esperienza di Olympic è chiusa ma tengo il marchio: non si sa mai”Di Masi rintraccia e ringrazia tutti i 115 collaboratori che hanno lavorato nel negozio di famiglia: “Non avevo più la passione per andare avanti in questo momento difficile per l’abbigliamento” Speriamo!!

L’addio al nubilato di Marie che sposerà il figlio di Stéphanie di MonacoLa promessa sposa di Louis Ducruet festeggia a Las Vegas. Il matrimonio potrebbe anticipare quello di Charlotte A parte gli interessati in prima persona, importa a qualcuno? Mi aspetto più sobrietà dal Corriere della Sera.

Firenze, il candidato del centrodestra: '25 aprile ideologico, non vado'. L'Anpi: 'Non sa che è medaglia d'oro per la Resistenza' - Il Fatto QuotidianoQuel vestito color azzurro risalta tra i tanti oggetti conservati nel museo della pace di Sant’Anna di Stazzema e appartenuti ai 560 civili uccisi dai nazisti il 12 agosto del 1944. La giovane Lina, figlia di poveri contadini, se l’era comprato con tanti sacrifici: avrebbe voluto indossarlo da sposa. Ma al matrimonio non ci è … ma come adesso non vanno più d'accordo salviniani e partigiani dell'anpi? fino ad un paio d'anni fa andavano assieme alle manifestazioni contro il PD Ben presto i dementi meridionali che votano Lega si accorgeranno di quale sia il vero obiettivo di questo soggetto... Siete senza vergogna! Viva la Resistenza!!!

Scuola, maxi-concorso: il ministero a caccia di oltre 65 mila nuovi insegnantiAddio al triennio formativo, ai precari storici 10% dei posti assicurati. Il bando dovrebbe arrivare a luglio, le prove a settembre gli caccia via!!! całkiem zgrabna Całka ....🙂

L’Asia traina l’export di orologi svizzeri, l’Italia frena ed esce dalla top tenDai dati di marzo, e del primo trimestre 2019, in Europa solo il Regno Unito fa un altro balzo in avanti mentre Germania, Francia e Italia registrano segno negativo

Storie di uiguri che spariscono nei centri di rieducazioneGulbahar e Rishat sono riusciti a espatriare in Italia . Ma molti cinesi appartenenti alla minoranza musulmana continuano a essere perseguitati e sfruttati dalle autorità di Pechino. Leggi

Nuoto sincronizzato: 3 podi per l’Italia alle World Series di KazanDominio assoluto della Russia padrona di casa, che conquista nove dei dieci titoli in palio. L’unico che gli sfugge gliel’ha tolto la Cerruti nel programma libero del solo. Doppio secondo posto per Linda in coppia con Costanza Ferro nel duet free e duo tecnico